Home » Rubriche »Very Important Planet » Maria Cristina Finucci, l’artista a capo del Garbage Patch State:

Maria Cristina Finucci, l’artista a capo del Garbage Patch State

giugno 15, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Maria Cristina Finucci è artista, architetto e designer. Nata a Lucca, laureata all’Università degli Studi di Firenze, ha vissuto e lavorato a Mosca, New York, Parigi, Bruxelles e Madrid ed attualmente  risiede a Roma. Da architetto ha progettato e realizzato opere in diversi paesi poi pubblicate su riviste e libri. Sul fronte del  design ha lasciato la sua firma su mobili che sono stati esposti al Salone del Mobile di Milano. La sua ricerca artistica è passata attraverso la pittura, la scultura, l’architettura, il design, la video arte fino ad una forma d’arte transmediale presente nella serie “Wasteland” che comprende tutte le” azioni “del Garbage Patch State nel mondo - lo Stato da lei fondato nel 2013 e identificabile con le isole di plastica presenti nell’Oceano – ovvero installazioni in vari paesi del mondo e durante tappe storiche importanti per l’ambiente. Iniziamo l’intervista con la sua ultima opera, dedicata alla tutela ambientale e realizzata con la promozione del Parco Archeologico del Colosseo e il supporto della Fondazione Bracco, in uno dei luoghi più simbolici e sacri dell’antica Roma e tra i più visitati al mondo…

D) Fino al 29 luglio sarà possibile ammirare la sua installazione luminosa “HELP the Ocean”, inaugurata durante la Giornata Mondiale dedicata agli Oceani, sui resti della Basilica Giulia nel Foro Romano. In primo piano l’invasione della plastica nella nostra vita, in particolare negli oceani. Un’opera di chiara sensibilità  ambientale…

R) E’ il tema che ho iniziato a sviluppare dal 2012. Sono arrivata a dieci opere che sintetizzo in un video pubblicato nel mio sito. Il punto di partenza è come comunicare l’invisibile: di queste isole di plastica nell’oceano, infatti, si vede poco… Nel 2013, con la fondazione di un nuovo Stato Federale, il Garbage Patch State, il secondo Stato più vasto al mondo con i suoi 16 milioni di kmq, riconosciuto dall’Unesco, questo stato si è manifestato in molti luoghi nel mondo. Prima con persone comuni e poi con governanti: il passaggio, per esempio, a Parigi, alla COP21. Poi ho iniziato la serie archeologica con l’installazione di Mozia (l’isola siciliana con importanti testimonianze di epoca fenicia, NdR) e ora con “HELP the Ocean”. Quando tra qualche secolo o tra mille anni  scaveranno troveranno solo plastica, visto che la pietra non la usiamo più!

D) Il materiale che lei utilizza nelle opere non è naturale, ma è “vivo”, visto che si tratta di materia prima d’uso quotidiano…

R) I tappi che compongono l’opera non sono spazzatura, li raccolgono le persone. Dietro ogni tappo c’è una persona che lo ha riciclato e messo in positivo. La plastica non è spazzatura, ma una risorsa, un valore. I gabbioni foderati di plastica sono qualcosa di positivo.

D) L‘opera è formata da un insieme di gabbioni Maccaferri in rete metallica, rivestiti da un ricamo di sei milioni di tappini di plastica colorati. Che fatica, viene da pensare!

R) Si certo, tanta. Un lavoro fatto con l’ Università Roma 3. C’è impegno, c’è lavoro. Tutti insieme, milioni di tappi con milioni di persone è un simbolo del concetto: l’unione fa la forza e insieme dovremmo combattere. L’installazione si trova in un luogo storico delicato. Mi sono accostata in punta di piedi e con massimo rispetto; non volevo creare shock, ho cercato di rispettare colori e forme già presenti.

D) Un’opera fisica, ma Help è  un messaggio…

R) Ma non è  solo il messaggio su un problema ambientale…Tutti questi problemi che ci affliggono sono collegati: dalla nutrizione, all’acqua, dallo stato degli oceani alla fame, dalla guerra alla diseguaglianza. Un grido d’allarme esteso.

D) Il suo impegno artistico è legato ad azioni ambientali di tipo politico. Sbaglio?

R) Su Agenda 2030 ho firmato come Capo di Stato la risoluzione nel giorno Help Days, in una manifestazione a Villa Borghese, ed è controfirmata dall’ex ministro Gian Luca Galletti, da Enrico Giovannini e da me. Il mio Stato è il secondo al mondo, poi faccio riferimento nelle mie azioni all’enciclica “Laudato Si” di Papa Francesco.

D) L’ambiente è sempre stato al centro del suo lavoro artistico?

R) Sinceramente no. Mi è venuto fuori come una vocazione quando mi sono resa conto dell’impatto della plastica sul mare; prima ero attirata da concetti astratti, l’ universo della fisica quantistica dal punto di vista filosofico. Poi ho pensato che un’artista si deve impegnare anche per risolvere problemi, l’ arte è un veicolo universale. E mi posso permettere di comunicare senza dare cifre, numeri. Non mi interessa se uno mi dice che il Garbage Patch State non sono 16 milioni di kmq precisi. Diverso il discorso se uno fa il ricercatore scientifico e deve dare risposte certe. Io faccio come fanno gli artisti: far vedere qualcosa che non si vede…

D) Come ha scoperto il tema della plastica?

R) Leggendo ho scoperto questa forma di inquinamento, la plastica che divorava gli oceani. Io frequento il mare e il fenomeno mi ha turbato, mi sono sentita coinvolta in prima persona.

D) La consueta domanda  della rubrica dedicata al “pericolo maggiore per il pianeta”,  mi suggerisce una risposta scontata: il dominio della plastica? Giusto?

R) Il problema è la plastica, ma non ha meno importanza  il surriscaldamento del pianeta, che ha cause più diversificate…

D) I suoi ultimi anni di attività artistica sono chiaramente dalla parte dell’ambiente, ma lei come lo protegge nella sua vita quotidiana?

R) Cerco di non usare oggetti di plastica stupidi e  che hanno poca utilità, sicuramente non compro quelli usa e getta e cerco di riusare per quanto possibile. Un comportamento normale. La plastica è necessaria, serve, pensiamo agli usi  che se ne fanno in medicina,  ma si deve cercare di usare solo quella necessaria, quella che serve veramente…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende