Home » Rubriche »Very Important Planet » Maria Cristina Finucci, l’artista a capo del Garbage Patch State:

Maria Cristina Finucci, l’artista a capo del Garbage Patch State

giugno 15, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Maria Cristina Finucci è artista, architetto e designer. Nata a Lucca, laureata all’Università degli Studi di Firenze, ha vissuto e lavorato a Mosca, New York, Parigi, Bruxelles e Madrid ed attualmente  risiede a Roma. Da architetto ha progettato e realizzato opere in diversi paesi poi pubblicate su riviste e libri. Sul fronte del  design ha lasciato la sua firma su mobili che sono stati esposti al Salone del Mobile di Milano. La sua ricerca artistica è passata attraverso la pittura, la scultura, l’architettura, il design, la video arte fino ad una forma d’arte transmediale presente nella serie “Wasteland” che comprende tutte le” azioni “del Garbage Patch State nel mondo - lo Stato da lei fondato nel 2013 e identificabile con le isole di plastica presenti nell’Oceano – ovvero installazioni in vari paesi del mondo e durante tappe storiche importanti per l’ambiente. Iniziamo l’intervista con la sua ultima opera, dedicata alla tutela ambientale e realizzata con la promozione del Parco Archeologico del Colosseo e il supporto della Fondazione Bracco, in uno dei luoghi più simbolici e sacri dell’antica Roma e tra i più visitati al mondo…

D) Fino al 29 luglio sarà possibile ammirare la sua installazione luminosa “HELP the Ocean”, inaugurata durante la Giornata Mondiale dedicata agli Oceani, sui resti della Basilica Giulia nel Foro Romano. In primo piano l’invasione della plastica nella nostra vita, in particolare negli oceani. Un’opera di chiara sensibilità  ambientale…

R) E’ il tema che ho iniziato a sviluppare dal 2012. Sono arrivata a dieci opere che sintetizzo in un video pubblicato nel mio sito. Il punto di partenza è come comunicare l’invisibile: di queste isole di plastica nell’oceano, infatti, si vede poco… Nel 2013, con la fondazione di un nuovo Stato Federale, il Garbage Patch State, il secondo Stato più vasto al mondo con i suoi 16 milioni di kmq, riconosciuto dall’Unesco, questo stato si è manifestato in molti luoghi nel mondo. Prima con persone comuni e poi con governanti: il passaggio, per esempio, a Parigi, alla COP21. Poi ho iniziato la serie archeologica con l’installazione di Mozia (l’isola siciliana con importanti testimonianze di epoca fenicia, NdR) e ora con “HELP the Ocean”. Quando tra qualche secolo o tra mille anni  scaveranno troveranno solo plastica, visto che la pietra non la usiamo più!

D) Il materiale che lei utilizza nelle opere non è naturale, ma è “vivo”, visto che si tratta di materia prima d’uso quotidiano…

R) I tappi che compongono l’opera non sono spazzatura, li raccolgono le persone. Dietro ogni tappo c’è una persona che lo ha riciclato e messo in positivo. La plastica non è spazzatura, ma una risorsa, un valore. I gabbioni foderati di plastica sono qualcosa di positivo.

D) L‘opera è formata da un insieme di gabbioni Maccaferri in rete metallica, rivestiti da un ricamo di sei milioni di tappini di plastica colorati. Che fatica, viene da pensare!

R) Si certo, tanta. Un lavoro fatto con l’ Università Roma 3. C’è impegno, c’è lavoro. Tutti insieme, milioni di tappi con milioni di persone è un simbolo del concetto: l’unione fa la forza e insieme dovremmo combattere. L’installazione si trova in un luogo storico delicato. Mi sono accostata in punta di piedi e con massimo rispetto; non volevo creare shock, ho cercato di rispettare colori e forme già presenti.

D) Un’opera fisica, ma Help è  un messaggio…

R) Ma non è  solo il messaggio su un problema ambientale…Tutti questi problemi che ci affliggono sono collegati: dalla nutrizione, all’acqua, dallo stato degli oceani alla fame, dalla guerra alla diseguaglianza. Un grido d’allarme esteso.

D) Il suo impegno artistico è legato ad azioni ambientali di tipo politico. Sbaglio?

R) Su Agenda 2030 ho firmato come Capo di Stato la risoluzione nel giorno Help Days, in una manifestazione a Villa Borghese, ed è controfirmata dall’ex ministro Gian Luca Galletti, da Enrico Giovannini e da me. Il mio Stato è il secondo al mondo, poi faccio riferimento nelle mie azioni all’enciclica “Laudato Si” di Papa Francesco.

D) L’ambiente è sempre stato al centro del suo lavoro artistico?

R) Sinceramente no. Mi è venuto fuori come una vocazione quando mi sono resa conto dell’impatto della plastica sul mare; prima ero attirata da concetti astratti, l’ universo della fisica quantistica dal punto di vista filosofico. Poi ho pensato che un’artista si deve impegnare anche per risolvere problemi, l’ arte è un veicolo universale. E mi posso permettere di comunicare senza dare cifre, numeri. Non mi interessa se uno mi dice che il Garbage Patch State non sono 16 milioni di kmq precisi. Diverso il discorso se uno fa il ricercatore scientifico e deve dare risposte certe. Io faccio come fanno gli artisti: far vedere qualcosa che non si vede…

D) Come ha scoperto il tema della plastica?

R) Leggendo ho scoperto questa forma di inquinamento, la plastica che divorava gli oceani. Io frequento il mare e il fenomeno mi ha turbato, mi sono sentita coinvolta in prima persona.

D) La consueta domanda  della rubrica dedicata al “pericolo maggiore per il pianeta”,  mi suggerisce una risposta scontata: il dominio della plastica? Giusto?

R) Il problema è la plastica, ma non ha meno importanza  il surriscaldamento del pianeta, che ha cause più diversificate…

D) I suoi ultimi anni di attività artistica sono chiaramente dalla parte dell’ambiente, ma lei come lo protegge nella sua vita quotidiana?

R) Cerco di non usare oggetti di plastica stupidi e  che hanno poca utilità, sicuramente non compro quelli usa e getta e cerco di riusare per quanto possibile. Un comportamento normale. La plastica è necessaria, serve, pensiamo agli usi  che se ne fanno in medicina,  ma si deve cercare di usare solo quella necessaria, quella che serve veramente…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende