Home » Rubriche »Very Important Planet » Mark Cooper: “l’alfiere del paesaggio” che fotografa l’essenza della natura:

Mark Cooper: “l’alfiere del paesaggio” che fotografa l’essenza della natura

giugno 13, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Inglese naturalizzato in Monferrato, Mark Cooper è un fotografo dalla sensibilità pittorica. Nelle sue fotografie, che scatta sospeso a un elicottero, campi, vigneti e risaie diventano dipinti “a pennello” dal lavoro dell’uomo. Dopo aver vissuto a Londra per diversi anni e realizzato numerosi reportage fotografici, soprattutto in Medio Oriente e Africa settentrionale, Cooper si è stabilito in Piemonte, nella provincia di Alessandria, dove vive ormai dal 1993 e da 15 anni dedica la propria ricerca fotografica al progetto “Earthscapes – L’arte del Paesaggio”. Fino al 22 giugno, la mostra “Winescapes” presenta una selezione dei suoi lavori presso il Palazzo Paolo V di Benevento.

D) Mark, come è nata l’idea di Earthscapes, il suo progetto più esteso?

R) Sono nato nel Lake District, un vero paradiso naturale. Quel paesaggio ormai fa parte del mio DNA. Il mio sogno di bambino era volare. Tanti anni dopo per puro caso ho avuto modo di fare un viaggio in elicottero e ho capito che il volo e l’aria sono la mia dimensione. La fascinazione per il paesaggio che mi porto dentro da sempre è diventata la mia professione e il mio progetto.

D) Cosa si prova a fotografare la natura dall’alto? Cosa vuole raccontare con le sue foto?

R) Io sono un autodidatta, non ho mai fatto corsi di fotografia né di arte. A 7 anni mia nonna mi ha regalato la mia prima macchina fotografica. Ho passato gli ultimi 40 anni nascosto dietro l’obiettivo, le mie fotografie sono la mia voce, fanno parte del mio equilibrio interiore. Fotografare volando è una combinazione di stupore e meraviglia per il paesaggio sottostante misto all’adrenalina dell’azione per realizzare lo scatto migliore dall’elicottero. La mia è una ricerca dell’essenza della natura, delle cose più semplici. Che però mi richiede un grande lavoro su me stesso, devo abbattere molti limiti personali per arrivare a quelle foto. Per esempio, da piccolo soffrivo di vertigini, ma ora sono un fotografo aereo.

D) Come si è sviluppato il suo rapporto con l’ambiente?

R) In Inghilterra il rispetto per la natura viene insegnato fin dall’asilo. Così penetra nel DNA di un popolo intero. In Italia purtroppo non è così, anche se con gli anni vedo piccoli miglioramenti, fortunatamente. Il mio rapporto con l’ambiente è molto personale, è quasi un dialogo con madre natura. Recentemente sono stato nominato “alfiere del paesaggio”, un grande motivo di orgoglio per me, considerato che il Monferrato non è nemmeno la mia terra di origine. Attraverso le mie fotografie posso insegnare ad apprezzare di più l’ambiente e il paesaggio. È importante insegnare l’amore per la natura, ognuno deve farlo a modo proprio.

D) Quali sono le azioni “ecosostenibili” della sua quotidianità?

R) Prima di tutto faccio molta attenzione al risparmio idrico: l’acqua è un bene fondamentale, siamo troppo abituati a considerarla sempre a nostra disposizione, ma dobbiamo cambiare le nostre abitudini. Poi seguo scrupolosamente la raccolta differenziata. Fino a pochi anni fa era difficile praticarla, oggi è finalmente possibile vivere più in armonia con l’ambiente.

D) Come ha visto la natura e il paesaggio cambiare dall’inizio del suo lavoro?

R) In 15 anni che volo su questo territorio il paesaggio non è cambiato tanto, ma ci sono più frane perché c’è più deforestazione. Anche il cemento è aumentato notevolmente. Parallelamente si sono diffusi tantissimo i pannelli solari, che apprezzo e sostengo. Sul paesaggio però sono un’arma a doppio taglio. Sarebbe bello trovare un modo per mimetizzarli meglio.

D) Se avesse la bacchetta magica, quale problema ambientale vorrebbe risolvere subito e perché?

R) Senza dubbio l’inquinamento di aria e acqua, perché a lungo andare sarà questo a piegare il pianeta. Il buco nell’ozono, i mari inquinati. Stiamo lasciando ai nostri figli una Terra sempre più ostile.

D) Come definirebbe la sua idea di paesaggio?

R) È una domanda difficile, ci sono migliaia di risposte valide, ma secondo me è un patrimonio comune, un bene a disposizione di tutti: con il suo cibo, il vino, i prodotti per la nostra sopravvivenza. In più, visto dall’alto, il paesaggio non ha confini, non ha colori politici. Mentre a terra tutto questo cambia: un paese non può parlare con l’altro, non si possono attraversare i campi a piedi perché sono considerati pezzi di terra privati, da proteggere.

D) Winescapes è in mostra fino al 22 giugno: pensa che il vino abbia un ruolo sociale e di sensibilizzazione ambientale?

R) Sì e no. Sì perché il Monferrato ha vini di eccellenza mondiale che si fanno portavoci di un messaggio di qualità legata al territorio. Sicuramente in questo senso il vino aiuta a sensibilizzare l’opinione pubblica verso un concetto di qualità. No perché i vigneti si stanno diffondendo in modo selvaggio. Non ci sono più boschi e non so quanto questo aiuti la terra. Secondo me ci dovrebbero essere dei controlli più accurati per difendere l’ambiente dall’impoverimento dovuto a una coltura eccessiva, non ponderata.

D) Qual è la foto che vorrebbe scattare e che ancora non ha realizzato?

R) La risposta è banale: è sempre la prossima foto. Io sogno ogni giorno del prossimo volo, della prossima avventura. Sto lavorando su un nuovo libro per la Banca di Asti, sto facendo foto del biellese e del vercellese. Le risaie allagate che riflettono la luce, le montagne: non avevo ancora conosciuto questo paesaggio e adesso sono innamorato anche di quel territorio. Un altro progetto che sto cercando di organizzare è un’esperienza simile alla mostra “Monferrato Earthscapes“, che avevo allestito in una cava di gesso. La prossima che vorrei organizzare è in una cava di marmo a Carrara: scattare le foto di quelle montagne, esponendole insieme ai suoni di quel territorio e a videoriprese fatte con un drone in volo. Voglio permettere alle persone di vedere il mondo con il mio stesso stupore.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende