Home » Rubriche »Very Important Planet » Mark Cooper: “l’alfiere del paesaggio” che fotografa l’essenza della natura:

Mark Cooper: “l’alfiere del paesaggio” che fotografa l’essenza della natura

giugno 13, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Inglese naturalizzato in Monferrato, Mark Cooper è un fotografo dalla sensibilità pittorica. Nelle sue fotografie, che scatta sospeso a un elicottero, campi, vigneti e risaie diventano dipinti “a pennello” dal lavoro dell’uomo. Dopo aver vissuto a Londra per diversi anni e realizzato numerosi reportage fotografici, soprattutto in Medio Oriente e Africa settentrionale, Cooper si è stabilito in Piemonte, nella provincia di Alessandria, dove vive ormai dal 1993 e da 15 anni dedica la propria ricerca fotografica al progetto “Earthscapes – L’arte del Paesaggio”. Fino al 22 giugno, la mostra “Winescapes” presenta una selezione dei suoi lavori presso il Palazzo Paolo V di Benevento.

D) Mark, come è nata l’idea di Earthscapes, il suo progetto più esteso?

R) Sono nato nel Lake District, un vero paradiso naturale. Quel paesaggio ormai fa parte del mio DNA. Il mio sogno di bambino era volare. Tanti anni dopo per puro caso ho avuto modo di fare un viaggio in elicottero e ho capito che il volo e l’aria sono la mia dimensione. La fascinazione per il paesaggio che mi porto dentro da sempre è diventata la mia professione e il mio progetto.

D) Cosa si prova a fotografare la natura dall’alto? Cosa vuole raccontare con le sue foto?

R) Io sono un autodidatta, non ho mai fatto corsi di fotografia né di arte. A 7 anni mia nonna mi ha regalato la mia prima macchina fotografica. Ho passato gli ultimi 40 anni nascosto dietro l’obiettivo, le mie fotografie sono la mia voce, fanno parte del mio equilibrio interiore. Fotografare volando è una combinazione di stupore e meraviglia per il paesaggio sottostante misto all’adrenalina dell’azione per realizzare lo scatto migliore dall’elicottero. La mia è una ricerca dell’essenza della natura, delle cose più semplici. Che però mi richiede un grande lavoro su me stesso, devo abbattere molti limiti personali per arrivare a quelle foto. Per esempio, da piccolo soffrivo di vertigini, ma ora sono un fotografo aereo.

D) Come si è sviluppato il suo rapporto con l’ambiente?

R) In Inghilterra il rispetto per la natura viene insegnato fin dall’asilo. Così penetra nel DNA di un popolo intero. In Italia purtroppo non è così, anche se con gli anni vedo piccoli miglioramenti, fortunatamente. Il mio rapporto con l’ambiente è molto personale, è quasi un dialogo con madre natura. Recentemente sono stato nominato “alfiere del paesaggio”, un grande motivo di orgoglio per me, considerato che il Monferrato non è nemmeno la mia terra di origine. Attraverso le mie fotografie posso insegnare ad apprezzare di più l’ambiente e il paesaggio. È importante insegnare l’amore per la natura, ognuno deve farlo a modo proprio.

D) Quali sono le azioni “ecosostenibili” della sua quotidianità?

R) Prima di tutto faccio molta attenzione al risparmio idrico: l’acqua è un bene fondamentale, siamo troppo abituati a considerarla sempre a nostra disposizione, ma dobbiamo cambiare le nostre abitudini. Poi seguo scrupolosamente la raccolta differenziata. Fino a pochi anni fa era difficile praticarla, oggi è finalmente possibile vivere più in armonia con l’ambiente.

D) Come ha visto la natura e il paesaggio cambiare dall’inizio del suo lavoro?

R) In 15 anni che volo su questo territorio il paesaggio non è cambiato tanto, ma ci sono più frane perché c’è più deforestazione. Anche il cemento è aumentato notevolmente. Parallelamente si sono diffusi tantissimo i pannelli solari, che apprezzo e sostengo. Sul paesaggio però sono un’arma a doppio taglio. Sarebbe bello trovare un modo per mimetizzarli meglio.

D) Se avesse la bacchetta magica, quale problema ambientale vorrebbe risolvere subito e perché?

R) Senza dubbio l’inquinamento di aria e acqua, perché a lungo andare sarà questo a piegare il pianeta. Il buco nell’ozono, i mari inquinati. Stiamo lasciando ai nostri figli una Terra sempre più ostile.

D) Come definirebbe la sua idea di paesaggio?

R) È una domanda difficile, ci sono migliaia di risposte valide, ma secondo me è un patrimonio comune, un bene a disposizione di tutti: con il suo cibo, il vino, i prodotti per la nostra sopravvivenza. In più, visto dall’alto, il paesaggio non ha confini, non ha colori politici. Mentre a terra tutto questo cambia: un paese non può parlare con l’altro, non si possono attraversare i campi a piedi perché sono considerati pezzi di terra privati, da proteggere.

D) Winescapes è in mostra fino al 22 giugno: pensa che il vino abbia un ruolo sociale e di sensibilizzazione ambientale?

R) Sì e no. Sì perché il Monferrato ha vini di eccellenza mondiale che si fanno portavoci di un messaggio di qualità legata al territorio. Sicuramente in questo senso il vino aiuta a sensibilizzare l’opinione pubblica verso un concetto di qualità. No perché i vigneti si stanno diffondendo in modo selvaggio. Non ci sono più boschi e non so quanto questo aiuti la terra. Secondo me ci dovrebbero essere dei controlli più accurati per difendere l’ambiente dall’impoverimento dovuto a una coltura eccessiva, non ponderata.

D) Qual è la foto che vorrebbe scattare e che ancora non ha realizzato?

R) La risposta è banale: è sempre la prossima foto. Io sogno ogni giorno del prossimo volo, della prossima avventura. Sto lavorando su un nuovo libro per la Banca di Asti, sto facendo foto del biellese e del vercellese. Le risaie allagate che riflettono la luce, le montagne: non avevo ancora conosciuto questo paesaggio e adesso sono innamorato anche di quel territorio. Un altro progetto che sto cercando di organizzare è un’esperienza simile alla mostra “Monferrato Earthscapes“, che avevo allestito in una cava di gesso. La prossima che vorrei organizzare è in una cava di marmo a Carrara: scattare le foto di quelle montagne, esponendole insieme ai suoni di quel territorio e a videoriprese fatte con un drone in volo. Voglio permettere alle persone di vedere il mondo con il mio stesso stupore.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende