Home » Rubriche »Very Important Planet » Marta Pagnini, campionessa olimpica e di raccolta differenziata:

Marta Pagnini, campionessa olimpica e di raccolta differenziata

ottobre 5, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Ha soli 27 anni, ma alle spalle una carriera sportiva ai massimi livelli. Marta Pagnini, classe 1991, natali a Firenze, palestra a Prato è stata capitano della nazionale di ginnastica ritmica e nominata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Titoli concessi dopo che nel 2011 vince l’oro nel concorso a squadre ai Mondiali di Montpellier e due argenti, sempre a squadre. Alle Olimpiadi di Londra 2012 ha vinto la medaglia di bronzo sempre in squadra. Altre medaglie d’argento ai Mondiali del 2013 a Kiev poi quelli di Smirne nel 2014. In finale alle Olimpiadi di Rio, a settembre 2016 abbandona la pedana. Ma non lascia la ginnastica ritmica e continua a girare il mondo come giudice internazionale. Si dedica inoltre alla letteratura con il libro scritto a quattro mani con la giornalista Ilaria Brugnotti. S’intitola “Fai tutto bene. Come la fatica mi ha insegnato a vincere“, un libro dedicato ai traguardi da tagliare nello sport e nella vita. Lo ha  presentato sabato scorso a Dorgali (in Sardegna) alla rassegna “Leggere Sportivamente”.

D) Marta, nel tuo libro scrivi: “La fatica è quello stadio da superare per essere poi a posto con sé stessi e con il lavoro svolto”, anche a prescindere dal risultato. L’impegno, i sacrifici, la fatica ritieni, dunque, siano la ricetta non solo per il successo, ma anche per la soddisfazione personale?

R) Ne sono convinta e penso che sia la ricetta giusta per tutto ciò che si fa e si vuole dalla propria vita. Non credo che un risultato possa arrivare senza un grosso impegno e senza una grande fatica dietro. Può anche capitare di tagliare un traguardo importante senza aver faticato troppo, ma un risultato “sudato” si apprezza molto di più

D) Oltre alla preparazione fisica e mentale, curi l’alimentazione con prodotti sani (es. biologici, freschi ecc.)?

R) Soprattutto negli ultimi anni della mia carriera ho dedicato una forte attenzione alla mia alimentazione. Ho curato la scelta dei  cibi e degli integratori. Per questo metodo e approccio devo ringraziare Elisabetta Orsi, la mia nutrizionista. Lei  mi ha dato dei consigli perfetti che mi hanno permesso di rimanere in forma e conservare  le energie giuste. Il problema di noi ginnaste è restare magre ma resistenti, capaci di reggere l’allenamento. Ho comunque sempre cercato di mangiare sano e bio, in particolare dopo l’incontro con la nutrizionista. Scegliendo alimenti più sani di quelli che normalmente mangiamo mi ha fatto sentire molto meglio, sia in pedana che fuori.

D) Hai avuto  grandi soddisfazioni personali sia durante la carriera sportiva che dopo aver abbandonato la pedana. Come ci si sente a raggiungere  traguardi così importanti?

R) E’ stata una grande soddisfazione sia professionale che personale perché, in realtà, io mi sono sempre sentita un po’ l’ultima ruota del carro... Mi è capitato spesso. Per me è stata dura crederci e farcela, nonostante tutto. Sono episodi che si leggono nel libro, ma non c’è tutto, per mancanza di spazio, di cose ne sono successe tante… La soddisfazione è un sentimento che ti arriva quando, come nel mio caso, pensi sia difficile ottenere un risultato in certe condizioni. Oggi la soddisfazione è saper utilizzare quello che ho imparato come atleta nella vita di tutti i giorni. Sono molto curiosa, sto cercando di fare tante cose e sono meravigliose. Storie incredibili. Mi ha aiutato la mia esperienza da ginnasta ma anche il mio carattere.

D) Tu viaggi spesso e hai la possibilità di vedere tanti luoghi in giro per il mondo, cosa pensi dello stato di salute del Pianeta?

R) Si vedono tante realtà difficili e a volte soffro per le condizioni dell’ambiente che trovo. Mi è capitato recentemente in Sud Africa vedendo la grande siccità che soffre il terreno... In Europa, invece, è incredibile che ancora nel 2018 non tutti facciano la raccolta differenziata! Poi  lo spreco del cibo e dell’acqua. E’ molto triste osservare certi fenomeni  in paesi “economicamente sviluppati”…

D) A livello personale, cosa fai tu quotidianamente per ridurre il tuo impatto ambientale?

R) Per fortuna vengo da una famiglia che mi ha trasmesso la cura dell’ambiente. In particolare sulla raccolta differenziata. I miei genitori sono stati tra i primi a fare la raccolta differenziata nel luogo dove abitiamo. Andavo nelle case delle mie amiche e loro non la facevano. Eravamo pionieri. Sono molto sensibile all’ecosistema e agli animali e ci tengo a fare il massimo per non danneggiare l’ambiente in cui vivo: faccio attenzione a usare l’acqua, a non far lavare troppe volte gli asciugamani negli hotel. Sono alcuni dei tanti piccoli esempi possibili. Ma non è mai abbastanza, non sarò la cittadina perfetta, ma cerco di impegnarmi e penso sia una causa che tutti dovremo supportare.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende