Home » Rubriche »Very Important Planet » Marta Pagnini, campionessa olimpica e di raccolta differenziata:

Marta Pagnini, campionessa olimpica e di raccolta differenziata

ottobre 5, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Ha soli 27 anni, ma alle spalle una carriera sportiva ai massimi livelli. Marta Pagnini, classe 1991, natali a Firenze, palestra a Prato è stata capitano della nazionale di ginnastica ritmica e nominata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Titoli concessi dopo che nel 2011 vince l’oro nel concorso a squadre ai Mondiali di Montpellier e due argenti, sempre a squadre. Alle Olimpiadi di Londra 2012 ha vinto la medaglia di bronzo sempre in squadra. Altre medaglie d’argento ai Mondiali del 2013 a Kiev poi quelli di Smirne nel 2014. In finale alle Olimpiadi di Rio, a settembre 2016 abbandona la pedana. Ma non lascia la ginnastica ritmica e continua a girare il mondo come giudice internazionale. Si dedica inoltre alla letteratura con il libro scritto a quattro mani con la giornalista Ilaria Brugnotti. S’intitola “Fai tutto bene. Come la fatica mi ha insegnato a vincere“, un libro dedicato ai traguardi da tagliare nello sport e nella vita. Lo ha  presentato sabato scorso a Dorgali (in Sardegna) alla rassegna “Leggere Sportivamente”.

D) Marta, nel tuo libro scrivi: “La fatica è quello stadio da superare per essere poi a posto con sé stessi e con il lavoro svolto”, anche a prescindere dal risultato. L’impegno, i sacrifici, la fatica ritieni, dunque, siano la ricetta non solo per il successo, ma anche per la soddisfazione personale?

R) Ne sono convinta e penso che sia la ricetta giusta per tutto ciò che si fa e si vuole dalla propria vita. Non credo che un risultato possa arrivare senza un grosso impegno e senza una grande fatica dietro. Può anche capitare di tagliare un traguardo importante senza aver faticato troppo, ma un risultato “sudato” si apprezza molto di più

D) Oltre alla preparazione fisica e mentale, curi l’alimentazione con prodotti sani (es. biologici, freschi ecc.)?

R) Soprattutto negli ultimi anni della mia carriera ho dedicato una forte attenzione alla mia alimentazione. Ho curato la scelta dei  cibi e degli integratori. Per questo metodo e approccio devo ringraziare Elisabetta Orsi, la mia nutrizionista. Lei  mi ha dato dei consigli perfetti che mi hanno permesso di rimanere in forma e conservare  le energie giuste. Il problema di noi ginnaste è restare magre ma resistenti, capaci di reggere l’allenamento. Ho comunque sempre cercato di mangiare sano e bio, in particolare dopo l’incontro con la nutrizionista. Scegliendo alimenti più sani di quelli che normalmente mangiamo mi ha fatto sentire molto meglio, sia in pedana che fuori.

D) Hai avuto  grandi soddisfazioni personali sia durante la carriera sportiva che dopo aver abbandonato la pedana. Come ci si sente a raggiungere  traguardi così importanti?

R) E’ stata una grande soddisfazione sia professionale che personale perché, in realtà, io mi sono sempre sentita un po’ l’ultima ruota del carro... Mi è capitato spesso. Per me è stata dura crederci e farcela, nonostante tutto. Sono episodi che si leggono nel libro, ma non c’è tutto, per mancanza di spazio, di cose ne sono successe tante… La soddisfazione è un sentimento che ti arriva quando, come nel mio caso, pensi sia difficile ottenere un risultato in certe condizioni. Oggi la soddisfazione è saper utilizzare quello che ho imparato come atleta nella vita di tutti i giorni. Sono molto curiosa, sto cercando di fare tante cose e sono meravigliose. Storie incredibili. Mi ha aiutato la mia esperienza da ginnasta ma anche il mio carattere.

D) Tu viaggi spesso e hai la possibilità di vedere tanti luoghi in giro per il mondo, cosa pensi dello stato di salute del Pianeta?

R) Si vedono tante realtà difficili e a volte soffro per le condizioni dell’ambiente che trovo. Mi è capitato recentemente in Sud Africa vedendo la grande siccità che soffre il terreno... In Europa, invece, è incredibile che ancora nel 2018 non tutti facciano la raccolta differenziata! Poi  lo spreco del cibo e dell’acqua. E’ molto triste osservare certi fenomeni  in paesi “economicamente sviluppati”…

D) A livello personale, cosa fai tu quotidianamente per ridurre il tuo impatto ambientale?

R) Per fortuna vengo da una famiglia che mi ha trasmesso la cura dell’ambiente. In particolare sulla raccolta differenziata. I miei genitori sono stati tra i primi a fare la raccolta differenziata nel luogo dove abitiamo. Andavo nelle case delle mie amiche e loro non la facevano. Eravamo pionieri. Sono molto sensibile all’ecosistema e agli animali e ci tengo a fare il massimo per non danneggiare l’ambiente in cui vivo: faccio attenzione a usare l’acqua, a non far lavare troppe volte gli asciugamani negli hotel. Sono alcuni dei tanti piccoli esempi possibili. Ma non è mai abbastanza, non sarò la cittadina perfetta, ma cerco di impegnarmi e penso sia una causa che tutti dovremo supportare.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende