Home » Rubriche »Very Important Planet » Massimo Sirelli, il “supereroe della vita quotidiana” in tour con i robot d’acciaio (riciclato):

Massimo Sirelli, il “supereroe della vita quotidiana” in tour con i robot d’acciaio (riciclato)

maggio 12, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Da writer che  colorava i muri di Catanzaro ad artista multimediale che crea “robot” con materiali di scarto, in giro per l’Italia. E’ il percorso biografico e professionale di Massimo Sirelli, classe 1981, che nel 2000 dalla Calabria atterra a Torino per studiare Digital Virtual Design allo IED, l’Istituto Europeo di Design, dove conquista la cattedra di “Tecniche di presentazione”. Sempre sotto la Mole ha tirato su la “Casa di adozioni di robot di compagnia” dove monta robot con pezzi di materiali orfani della civiltà dei consumi. Usa, infatti, solo acciaio di recupero. Metodo che  ha  suscitato l’interesse di RICREA, il Consorzio per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio. Amore a priva vista, dunque, e via al tour artistico-educativo  nelle piazze italiane. Progetto che racconta a Greenews.info….

D) Massimo oggi sei a Trieste, sabato e domenica a Verona mentre a inizio mese sei passato per Lecce e Napoli. Dal Sud al Nord con i tuoi robot insieme a RICREA. Ci spieghi come si muove questo tour?

R) L’ iniziativa premia le città più meritevoli sul fronte del riciclo: si invadono con l’acciaio le loro piazze con un obiettivo formativo e di sensibilizzazione. La maniera più furba è stata quella di proporre un’attività ludica per coinvolgere attivamente i bambini e, dunque, le famiglie. Per questo abbiamo pensato ai laboratori per le scuole dove i bambini lavorano con gli imballaggi in acciaio: dai  barattoli alle bombolette. In questo modo si trasmette il valore dell’upcycling.  Il cuore del progetto sono i dodici robot giganti che ho costruito utilizzando esclusivamente imballaggi di acciaio riciclato.

D) Il gioco come strumento per far avvicinare i piccoli al riciclo. Un campo dove  sei esperto, grazie al progetto Adotta un robot dove dai nuova vita agli “orfani del consumismo”… In concreto come funziona l’affido di queste creazioni ai “genitori” che li adottano?

R) Opero con materiale di recupero, in un contesto ludico, creando queste sculture empatiche. Un progetto artistico dove metto insieme pezzi di vita nelle sculture che affido a chi partecipa a questo gioco

D) I filosofi dell’etica stanno ragionando su un “codice di comportamento” per l’intelligenza artificiale, i romanzi di fantascienza e i fumetti disegnano un futuro dove i robot andranno al potere e  saranno brutti e cattivi, mentre i sindacati già temono i danni dell’automatizzazione di “Industria 4.0″. I tuoi robot sono human friendly?

R) Certo, sono da compagnia, pacifici, non fanno nulla, anzi cercano di strappare un sorriso!

D) Quando e perché è sbocciato questo interesse per gli oggetti abbandonati?

R) Nel momento in cui dovevo dare una nuova vita, un futuro, a tutta una serie di oggetti che hanno fatto parte della mia vita, a iniziare dalle scatole. Io dipingo, tra le altre cose, mi mancava l’esperienza con oggetti tridimensionali e mi sono avvicinato alla scultura. Così sono nati i robot.

D) Va bene la sperimentazione artistica, ma c’è indubbiamente una dimensione ecologica e ambientale…

R) Sono materiali trovati per strada, davanti al cassonetto. Voglio dare valore dell’oggetto in un contesto nuovo, valorizzare la materia povera e, sicuramente, ridurre gli imballaggi e i rifiuti.

D) La reazione del pubblico?

R) Quando si trovano di fronte i miei robot li prendono in braccio! Un’azione che spiega al meglio tutto quello che è stato fatto. Quando un oggetto inanimato viene rispettato come uno vivente, si è raggiunto il vero obiettivo…

D) Per le tue creazioni usi barattoli, scatolette, lattine, bombolette, tappi. Il tuo oggetto del cuore?

R) Le scatole dei prodotti, quelle della nonna!

D) Il pianeta soffre, quali sono i problemi ambientali più urgenti e prioritari?

R) Si continua a produrre in funzione della creazione di bisogni che non esistono. Si produce tanto, la vittoria del superfluo e di oggetti inutili. Ne abbiamo troppi. Discorso e ragionamento che vale anche per le case, sappiamo bene che le città sono piene di immobili vuoti. Troppa produzione, poca valorizzazione…

D) Questa è la critica al sistema, ma tu personalmente cosa fai per rispettare l’ambiente?

R) Non utilizzo l’auto – in verità neanche la bici dopo che mi hanno investito… Mi muovo a piedi. Curo in maniera maniacale la raccolta differenziata dei rifiuti, mi appaga proprio tornare dal supermercato e dividere gli imballi della spesa fatta. In questo modo mi sento un supereroe della vita quotidiana…

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende