Home » Rubriche »Very Important Planet » Massimo Sirelli, il “supereroe della vita quotidiana” in tour con i robot d’acciaio (riciclato):

Massimo Sirelli, il “supereroe della vita quotidiana” in tour con i robot d’acciaio (riciclato)

maggio 12, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Da writer che  colorava i muri di Catanzaro ad artista multimediale che crea “robot” con materiali di scarto, in giro per l’Italia. E’ il percorso biografico e professionale di Massimo Sirelli, classe 1981, che nel 2000 dalla Calabria atterra a Torino per studiare Digital Virtual Design allo IED, l’Istituto Europeo di Design, dove conquista la cattedra di “Tecniche di presentazione”. Sempre sotto la Mole ha tirato su la “Casa di adozioni di robot di compagnia” dove monta robot con pezzi di materiali orfani della civiltà dei consumi. Usa, infatti, solo acciaio di recupero. Metodo che  ha  suscitato l’interesse di RICREA, il Consorzio per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio. Amore a priva vista, dunque, e via al tour artistico-educativo  nelle piazze italiane. Progetto che racconta a Greenews.info….

D) Massimo oggi sei a Trieste, sabato e domenica a Verona mentre a inizio mese sei passato per Lecce e Napoli. Dal Sud al Nord con i tuoi robot insieme a RICREA. Ci spieghi come si muove questo tour?

R) L’ iniziativa premia le città più meritevoli sul fronte del riciclo: si invadono con l’acciaio le loro piazze con un obiettivo formativo e di sensibilizzazione. La maniera più furba è stata quella di proporre un’attività ludica per coinvolgere attivamente i bambini e, dunque, le famiglie. Per questo abbiamo pensato ai laboratori per le scuole dove i bambini lavorano con gli imballaggi in acciaio: dai  barattoli alle bombolette. In questo modo si trasmette il valore dell’upcycling.  Il cuore del progetto sono i dodici robot giganti che ho costruito utilizzando esclusivamente imballaggi di acciaio riciclato.

D) Il gioco come strumento per far avvicinare i piccoli al riciclo. Un campo dove  sei esperto, grazie al progetto Adotta un robot dove dai nuova vita agli “orfani del consumismo”… In concreto come funziona l’affido di queste creazioni ai “genitori” che li adottano?

R) Opero con materiale di recupero, in un contesto ludico, creando queste sculture empatiche. Un progetto artistico dove metto insieme pezzi di vita nelle sculture che affido a chi partecipa a questo gioco

D) I filosofi dell’etica stanno ragionando su un “codice di comportamento” per l’intelligenza artificiale, i romanzi di fantascienza e i fumetti disegnano un futuro dove i robot andranno al potere e  saranno brutti e cattivi, mentre i sindacati già temono i danni dell’automatizzazione di “Industria 4.0″. I tuoi robot sono human friendly?

R) Certo, sono da compagnia, pacifici, non fanno nulla, anzi cercano di strappare un sorriso!

D) Quando e perché è sbocciato questo interesse per gli oggetti abbandonati?

R) Nel momento in cui dovevo dare una nuova vita, un futuro, a tutta una serie di oggetti che hanno fatto parte della mia vita, a iniziare dalle scatole. Io dipingo, tra le altre cose, mi mancava l’esperienza con oggetti tridimensionali e mi sono avvicinato alla scultura. Così sono nati i robot.

D) Va bene la sperimentazione artistica, ma c’è indubbiamente una dimensione ecologica e ambientale…

R) Sono materiali trovati per strada, davanti al cassonetto. Voglio dare valore dell’oggetto in un contesto nuovo, valorizzare la materia povera e, sicuramente, ridurre gli imballaggi e i rifiuti.

D) La reazione del pubblico?

R) Quando si trovano di fronte i miei robot li prendono in braccio! Un’azione che spiega al meglio tutto quello che è stato fatto. Quando un oggetto inanimato viene rispettato come uno vivente, si è raggiunto il vero obiettivo…

D) Per le tue creazioni usi barattoli, scatolette, lattine, bombolette, tappi. Il tuo oggetto del cuore?

R) Le scatole dei prodotti, quelle della nonna!

D) Il pianeta soffre, quali sono i problemi ambientali più urgenti e prioritari?

R) Si continua a produrre in funzione della creazione di bisogni che non esistono. Si produce tanto, la vittoria del superfluo e di oggetti inutili. Ne abbiamo troppi. Discorso e ragionamento che vale anche per le case, sappiamo bene che le città sono piene di immobili vuoti. Troppa produzione, poca valorizzazione…

D) Questa è la critica al sistema, ma tu personalmente cosa fai per rispettare l’ambiente?

R) Non utilizzo l’auto – in verità neanche la bici dopo che mi hanno investito… Mi muovo a piedi. Curo in maniera maniacale la raccolta differenziata dei rifiuti, mi appaga proprio tornare dal supermercato e dividere gli imballi della spesa fatta. In questo modo mi sento un supereroe della vita quotidiana…

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende