Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Matrec, l’enciclopedia dei materiali ecosostenibili, compie 10 anni:

Matrec, l’enciclopedia dei materiali ecosostenibili, compie 10 anni

febbraio 29, 2012 Campioni d'Italia, Rubriche

Con una metafora, si potrebbe definire “la Treccani dei materiali ecosostenibili”. Matrec, il database on line che raccoglie circa 700 voci tra materiali riciclati e naturali prodotti in tutto il mondo, è un pozzo di informazioni per quanti ogni giorno si muovono su questo terreno in continua evoluzione. Il progetto, che proprio in questo periodo compie dieci anni, è nato nel 2002 dalla collaborazione tra l’architetto Marco Capellini, pioniere dell’eco design fin dal 1995, e i consorzi nazionali del riciclo Cial (alluminio), Comieco (carta e cartone) e Corepla (plastica).

«Nel 2001, quanto ho concepito Matrec – racconta Capellini – non c’erano banche dati dedicate ai materiali a basso impatto ambientale. Le aziende mi chiedevano spesso informazioni sui materiali ecologici. Essendomi occupato di questo fin dalla metà degli anni Novanta, mi sono reso conto che avevo messo insieme un vero e proprio archivio, e ho deciso di renderlo pubblico, con l’obiettivo di far capire ad architetti e designer le caratteristiche e le potenzialità dei materiali riciclati». Realizzati a partire da diversi scarti industriali o rifiuti post-consumo: alluminio e altri metalli, carta, gomma, inerti, legno, pellame, plastica, sughero, tessili, vetro. A cui quest’anno Matrec ha aggiunto anche i materiali prodotti da fonti rinnovabili: bambù, canapa, carta cocco, cotone, juta, kenaf, lana, legno, lino, sughero.

Ogni  materiale ha una propria pagina dedicata, con un’immagine e una scheda che ne evidenzia le caratteristiche tecniche e ambientali. Curiosando tra le diverse sezioni, si scoprono così materiali originali, belli, curiosi. Gi-Floor, per esempio, è un pannello realizzato in rigenerato di cuoio, verniciato su un lato, composto da fibre provenienti da scarti di lavorazione di pelli e cuoi trattati con concia esclusivamente naturale. È prodotto da Gestioni Industriali, azienda della provincia di Pavia, e viene utilizzato soprattutto come pavimentazione per interni. Kirei Coco, prodotto dall’azienda californiana Kirei, è invece realizzato utilizzando i gusci delle noci di cocco recuperati dopo il raccolto, resine a basso contento di VOC (composti organici volatili) e legno. Può essere impiegato per il rivestimento di pareti o per realizzare mobili dal sapore etno-chic. Di alcuni altri materiali, come le lastre Greenbell di Stone Italiana, le piastrelle Serie 100 di Graniti Fiandre o i pannelli Ecomat di Ecoplan, Greenews.info ha già parlato in passato, proprio in questa rubrica.

Essere continuamente aggiornati su tutti i nuovi materiali, spiega Capellini, «è difficilissimo. Ci riusciamo grazie a un network internazionale che abbiamo creato, con cui scambiamo informazioni».  E che copre gran parte del mondo, da Pechino a New York, da Addis Abeba a Stoccolma, da Buenos Aires a Mosca. Quando arriva la notizia di un nuovo prodotto, continua l’architetto, «verifichiamo le sue caratteristiche e l’effettiva ecosostenibilità. Capita che un materiale sia presentato come tale e poi in realtà non lo sia». Le aziende possono inserire gratuitamente nel database i propri materiali e inviare campioni dei prodotti, che Matrec poi porta in esposizione nei diversi eventi internazionali a cui partecipa e nello spazio dedicato all’interno della Scuola Politecnica di Design a Milano.

Dal 2002 ad oggi, le visite al sito sono state più di 1,3 milioni e 6,8 milioni le pagine consultate. Tra i visitatori, spiega Capellini, ci sono «architetti, designer, aziende che cercano materiali ecologici per i loro prodotti e aziende che invece sviluppano nuovi materiali». Italiane e anche straniere. In dieci anni, si sono succedute quattro nuove versioni di Matrec, sulla spinta di un’attenzione crescente da parte degli addetti ai lavori: «C’è un forte interesse, perché le aziende vogliono capire quali sono le nuove opportunità e trovare materiali alternativi rispetto a quelli che hanno sempre utilizzato». Presto, sarà on line una versione multi-lingue del sito e saranno inseriti anche altri tipi di materiali, come le bioplastiche.

Matrec, oltre ad essere un compendio di materiali ecosostenibili, è anche un punto di riferimento per i servizi alle imprese. «Con i Green Feeds, aggiorniamo le aziende sulle novità dell’ecodesign. Inoltre, offriamo consulenze per lo sviluppo di prodotti e progetti ecosostenibili».  Con un occhio particolare alle Pmi:  «Ci vogliamo rivolgere soprattutto alle piccole e medie imprese, con servizi dedicati a basso costo. Per entrare nella green economy, infatti, non servono investimenti assurdi, ma piuttosto buon senso. Con la crisi, le aziende tendono a pensare a domani più che a dopodomani, noi vogliamo offrire servizi che consentano loro di fare entrambe le cose». Le imprese italiane, spiega Capellini, hanno un già un vantaggio importante: il know how. «L’Italia è un Paese che non ha materie prime da sfruttare, ma ha grandi tecnologie del riciclo. Le aziende hanno sviluppato prodotti importanti  nei settori dell’industria, dell’edilizia e della moda. Ci si dovrebbe concentrare su questo mercato per renderlo il migliore del mondo».

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende