Home » Rubriche »Very Important Planet » Matteo Curti: “Per la natura ho un amore platonico”:

Matteo Curti: “Per la natura ho un amore platonico”

gennaio 15, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Autore radiofonico, televisivo e videomaker, Matteo Curti ha alle spalle esperienze con Radio Capital e Le Iene. Oggi fa parte del team di Radio Deejay e di Deejay Tv. Dal 2011, infatti, firma “Lorem Ipsum”, un programma quotidiano che descrive le peculiarità del web tramite i video presenti su Youtube. Inoltre affianca Linus e Nicola Savino su Deejay Chiama Italia. A Greenews.info racconta cosa impara tutti i giorni dal web.

D) Matteo, cosa ti affascina di più del tuo lavoro?

R) Il mio lavoro si trova alla confluenza di radio, tv, web e videomaking. Sono mondi ormai sempre più vicini e ciò che rende unica Deejay è che nelle varie declinazioni conserva un’identità molto riconoscibile. Poter dare un apporto creativo sempre diverso è ciò che in assoluto preferisco.

D) Cosa ti ha insegnato lavorare nel team de Le Iene?

R) Più che usare una telecamera in maniera sfacciata o fiutare per tempo le situazioni di pericolo, fare l’autore a Le Iene mi ha insegnato a decidere velocemente.

D) Nella tua attività per Lorem ipsum ti è capitato di trattare la tematica ambientale?

R) Sì, ma indirettamente: una puntata raccontava di cosa sarebbe successo al pianeta Terra se d’improvviso l’essere umano avesse tolto il disturbo. Era evidente che nel giro di qualche secolo si sarebbe tornati a un equilibrio preindustriale, restituendo a mari e foreste una salute adesso inimmaginabile. In un tempo brevissimo, se confrontato con lo scorrere dei millenni, l’essere umano ha determinato l’estinzione di specie animali e vegetali, modificato ecosistemi, sfruttato le risorse naturali e alterato le condizioni atmosferiche fino a diventare una pericolosa variabile geologica. In quella puntata era evidente, e spaventoso, il rapporto spregiudicato che l’animale uomo ha con il suo habitat.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente e la natura?

R) Con l’ambiente il rapporto è ottimo, con la natura è quasi sempre platonico: a Milano la natura è suggerita dai parchi cittadini o da qualche migrazione che ogni tanto riga un pezzetto di cielo, quindi è improprio pensare di avere un rapporto vero con la natura. Appena posso, in qualunque stagione, vado in montagna per sciare o passeggiare.

D) Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarli, dalla spesa alla gestione dei consumi, etc?

R) Cerco di comprare verdura e frutta a km zero, evito gli sprechi, sto attento a differenziare bene i rifiuti e uso la bicicletta e i mezzi pubblici per muovermi in città.

D) Fra radio e televisione, quale pensi possa essere il mezzo più adatto ed efficace per diffondere una cultura ambientale? Hai mai pensato di dedicarti all’informazione in questo ambito specifico?

R) Radio e televisione sono mezzi potenti, ma forse il più adatto per questo scopo è la televisione perché può far vedere con immediatezza la gravità dei problemi descritti. Il presupposto per diffondere una cultura ambientale è far prendere consapevolezza dei rischi, e usare le immagini è essenziale. Non ho mai pensato di dedicarmi a informare circa queste tematiche perché mi manca una competenza specifica, per parlare di un argomento complesso come il problema ambientale bisogna avere delle basi molto solide e io ho una preparazione differente.

D) Cosa ne pensi del giornalismo italiano in questo settore?

R) Non ho un quadro d’insieme, quindi non posso giudicare un settore facendo leva sulla mia piccola esperienza di lettore di quotidiani e saltuario spettatore tv. Posso dire che gli articoli pieni di sensazionalismo che leggo ogni tanto sono compensati dal rigore, dalla competenza e dalla chiarezza degli approfondimenti di Piero e Alberto Angela, che ammiro.

D) Grazie al tuo lavoro hai una percezione vasta del web dal punto di vista sociale e della sua evoluzione: secondo la tua esperienza, quanto l’ambiente è diventato tema di interesse delle persone che usano Internet come mezzo di scambio di informazione?

R) Quello dell’ambiente è un tema centrale che ovviamente il web accoglie e sviscera: gli utenti devono avere la sensibilità di capire quanto certe affermazioni siano “esche acchiappa-click” e quanto invece le informazioni condivise siano effettivamente attendibili.

D) Riguardo allo stato di salute del nostro Pianeta, se tu potessi fare un appello in radio alle generazioni passate e uno alle generazioni future, cosa diresti loro?

R) Le generazioni passate sono state dannose per l’ambiente (più o meno) a loro insaputa, immaginando di avere a disposizione risorse infinite attribuivano alla Terra una forza rigeneratrice che evidentemente non ha mai avuto. Visto che in quel caso il problema è stato principalmente legato all’ignoranza, l’appello per loro richiamerebbe alla prudenza e a una spiegazione del perché è fondamentale un’impostazione più consapevole dello sfruttamento delle materie prime. Alle generazioni future, che dovranno fare i conti con una situazione che riceveranno in eredità, bisogna augurare che i ricercatori, i governi e le convenienze economiche possano considerare con l’opportuna e ultima urgenza la necessità di un cambiamento.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende