Home » Rubriche »Very Important Planet » Matteo Curti: “Per la natura ho un amore platonico”:

Matteo Curti: “Per la natura ho un amore platonico”

gennaio 15, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Autore radiofonico, televisivo e videomaker, Matteo Curti ha alle spalle esperienze con Radio Capital e Le Iene. Oggi fa parte del team di Radio Deejay e di Deejay Tv. Dal 2011, infatti, firma “Lorem Ipsum”, un programma quotidiano che descrive le peculiarità del web tramite i video presenti su Youtube. Inoltre affianca Linus e Nicola Savino su Deejay Chiama Italia. A Greenews.info racconta cosa impara tutti i giorni dal web.

D) Matteo, cosa ti affascina di più del tuo lavoro?

R) Il mio lavoro si trova alla confluenza di radio, tv, web e videomaking. Sono mondi ormai sempre più vicini e ciò che rende unica Deejay è che nelle varie declinazioni conserva un’identità molto riconoscibile. Poter dare un apporto creativo sempre diverso è ciò che in assoluto preferisco.

D) Cosa ti ha insegnato lavorare nel team de Le Iene?

R) Più che usare una telecamera in maniera sfacciata o fiutare per tempo le situazioni di pericolo, fare l’autore a Le Iene mi ha insegnato a decidere velocemente.

D) Nella tua attività per Lorem ipsum ti è capitato di trattare la tematica ambientale?

R) Sì, ma indirettamente: una puntata raccontava di cosa sarebbe successo al pianeta Terra se d’improvviso l’essere umano avesse tolto il disturbo. Era evidente che nel giro di qualche secolo si sarebbe tornati a un equilibrio preindustriale, restituendo a mari e foreste una salute adesso inimmaginabile. In un tempo brevissimo, se confrontato con lo scorrere dei millenni, l’essere umano ha determinato l’estinzione di specie animali e vegetali, modificato ecosistemi, sfruttato le risorse naturali e alterato le condizioni atmosferiche fino a diventare una pericolosa variabile geologica. In quella puntata era evidente, e spaventoso, il rapporto spregiudicato che l’animale uomo ha con il suo habitat.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente e la natura?

R) Con l’ambiente il rapporto è ottimo, con la natura è quasi sempre platonico: a Milano la natura è suggerita dai parchi cittadini o da qualche migrazione che ogni tanto riga un pezzetto di cielo, quindi è improprio pensare di avere un rapporto vero con la natura. Appena posso, in qualunque stagione, vado in montagna per sciare o passeggiare.

D) Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarli, dalla spesa alla gestione dei consumi, etc?

R) Cerco di comprare verdura e frutta a km zero, evito gli sprechi, sto attento a differenziare bene i rifiuti e uso la bicicletta e i mezzi pubblici per muovermi in città.

D) Fra radio e televisione, quale pensi possa essere il mezzo più adatto ed efficace per diffondere una cultura ambientale? Hai mai pensato di dedicarti all’informazione in questo ambito specifico?

R) Radio e televisione sono mezzi potenti, ma forse il più adatto per questo scopo è la televisione perché può far vedere con immediatezza la gravità dei problemi descritti. Il presupposto per diffondere una cultura ambientale è far prendere consapevolezza dei rischi, e usare le immagini è essenziale. Non ho mai pensato di dedicarmi a informare circa queste tematiche perché mi manca una competenza specifica, per parlare di un argomento complesso come il problema ambientale bisogna avere delle basi molto solide e io ho una preparazione differente.

D) Cosa ne pensi del giornalismo italiano in questo settore?

R) Non ho un quadro d’insieme, quindi non posso giudicare un settore facendo leva sulla mia piccola esperienza di lettore di quotidiani e saltuario spettatore tv. Posso dire che gli articoli pieni di sensazionalismo che leggo ogni tanto sono compensati dal rigore, dalla competenza e dalla chiarezza degli approfondimenti di Piero e Alberto Angela, che ammiro.

D) Grazie al tuo lavoro hai una percezione vasta del web dal punto di vista sociale e della sua evoluzione: secondo la tua esperienza, quanto l’ambiente è diventato tema di interesse delle persone che usano Internet come mezzo di scambio di informazione?

R) Quello dell’ambiente è un tema centrale che ovviamente il web accoglie e sviscera: gli utenti devono avere la sensibilità di capire quanto certe affermazioni siano “esche acchiappa-click” e quanto invece le informazioni condivise siano effettivamente attendibili.

D) Riguardo allo stato di salute del nostro Pianeta, se tu potessi fare un appello in radio alle generazioni passate e uno alle generazioni future, cosa diresti loro?

R) Le generazioni passate sono state dannose per l’ambiente (più o meno) a loro insaputa, immaginando di avere a disposizione risorse infinite attribuivano alla Terra una forza rigeneratrice che evidentemente non ha mai avuto. Visto che in quel caso il problema è stato principalmente legato all’ignoranza, l’appello per loro richiamerebbe alla prudenza e a una spiegazione del perché è fondamentale un’impostazione più consapevole dello sfruttamento delle materie prime. Alle generazioni future, che dovranno fare i conti con una situazione che riceveranno in eredità, bisogna augurare che i ricercatori, i governi e le convenienze economiche possano considerare con l’opportuna e ultima urgenza la necessità di un cambiamento.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende