Home » Rubriche »Very Important Planet » Matteo Curti: “Per la natura ho un amore platonico”:

Matteo Curti: “Per la natura ho un amore platonico”

gennaio 15, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Autore radiofonico, televisivo e videomaker, Matteo Curti ha alle spalle esperienze con Radio Capital e Le Iene. Oggi fa parte del team di Radio Deejay e di Deejay Tv. Dal 2011, infatti, firma “Lorem Ipsum”, un programma quotidiano che descrive le peculiarità del web tramite i video presenti su Youtube. Inoltre affianca Linus e Nicola Savino su Deejay Chiama Italia. A Greenews.info racconta cosa impara tutti i giorni dal web.

D) Matteo, cosa ti affascina di più del tuo lavoro?

R) Il mio lavoro si trova alla confluenza di radio, tv, web e videomaking. Sono mondi ormai sempre più vicini e ciò che rende unica Deejay è che nelle varie declinazioni conserva un’identità molto riconoscibile. Poter dare un apporto creativo sempre diverso è ciò che in assoluto preferisco.

D) Cosa ti ha insegnato lavorare nel team de Le Iene?

R) Più che usare una telecamera in maniera sfacciata o fiutare per tempo le situazioni di pericolo, fare l’autore a Le Iene mi ha insegnato a decidere velocemente.

D) Nella tua attività per Lorem ipsum ti è capitato di trattare la tematica ambientale?

R) Sì, ma indirettamente: una puntata raccontava di cosa sarebbe successo al pianeta Terra se d’improvviso l’essere umano avesse tolto il disturbo. Era evidente che nel giro di qualche secolo si sarebbe tornati a un equilibrio preindustriale, restituendo a mari e foreste una salute adesso inimmaginabile. In un tempo brevissimo, se confrontato con lo scorrere dei millenni, l’essere umano ha determinato l’estinzione di specie animali e vegetali, modificato ecosistemi, sfruttato le risorse naturali e alterato le condizioni atmosferiche fino a diventare una pericolosa variabile geologica. In quella puntata era evidente, e spaventoso, il rapporto spregiudicato che l’animale uomo ha con il suo habitat.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente e la natura?

R) Con l’ambiente il rapporto è ottimo, con la natura è quasi sempre platonico: a Milano la natura è suggerita dai parchi cittadini o da qualche migrazione che ogni tanto riga un pezzetto di cielo, quindi è improprio pensare di avere un rapporto vero con la natura. Appena posso, in qualunque stagione, vado in montagna per sciare o passeggiare.

D) Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarli, dalla spesa alla gestione dei consumi, etc?

R) Cerco di comprare verdura e frutta a km zero, evito gli sprechi, sto attento a differenziare bene i rifiuti e uso la bicicletta e i mezzi pubblici per muovermi in città.

D) Fra radio e televisione, quale pensi possa essere il mezzo più adatto ed efficace per diffondere una cultura ambientale? Hai mai pensato di dedicarti all’informazione in questo ambito specifico?

R) Radio e televisione sono mezzi potenti, ma forse il più adatto per questo scopo è la televisione perché può far vedere con immediatezza la gravità dei problemi descritti. Il presupposto per diffondere una cultura ambientale è far prendere consapevolezza dei rischi, e usare le immagini è essenziale. Non ho mai pensato di dedicarmi a informare circa queste tematiche perché mi manca una competenza specifica, per parlare di un argomento complesso come il problema ambientale bisogna avere delle basi molto solide e io ho una preparazione differente.

D) Cosa ne pensi del giornalismo italiano in questo settore?

R) Non ho un quadro d’insieme, quindi non posso giudicare un settore facendo leva sulla mia piccola esperienza di lettore di quotidiani e saltuario spettatore tv. Posso dire che gli articoli pieni di sensazionalismo che leggo ogni tanto sono compensati dal rigore, dalla competenza e dalla chiarezza degli approfondimenti di Piero e Alberto Angela, che ammiro.

D) Grazie al tuo lavoro hai una percezione vasta del web dal punto di vista sociale e della sua evoluzione: secondo la tua esperienza, quanto l’ambiente è diventato tema di interesse delle persone che usano Internet come mezzo di scambio di informazione?

R) Quello dell’ambiente è un tema centrale che ovviamente il web accoglie e sviscera: gli utenti devono avere la sensibilità di capire quanto certe affermazioni siano “esche acchiappa-click” e quanto invece le informazioni condivise siano effettivamente attendibili.

D) Riguardo allo stato di salute del nostro Pianeta, se tu potessi fare un appello in radio alle generazioni passate e uno alle generazioni future, cosa diresti loro?

R) Le generazioni passate sono state dannose per l’ambiente (più o meno) a loro insaputa, immaginando di avere a disposizione risorse infinite attribuivano alla Terra una forza rigeneratrice che evidentemente non ha mai avuto. Visto che in quel caso il problema è stato principalmente legato all’ignoranza, l’appello per loro richiamerebbe alla prudenza e a una spiegazione del perché è fondamentale un’impostazione più consapevole dello sfruttamento delle materie prime. Alle generazioni future, che dovranno fare i conti con una situazione che riceveranno in eredità, bisogna augurare che i ricercatori, i governi e le convenienze economiche possano considerare con l’opportuna e ultima urgenza la necessità di un cambiamento.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende