Home » Rubriche »Very Important Planet » Matteo Sametti: da Lusaka a Londra su una bici di bambù:

Matteo Sametti: da Lusaka a Londra su una bici di bambù

novembre 22, 2013 Rubriche, Very Important Planet

8.371 km dal cuore dell’Africa Nera alle Paralimpiadi di Londra. Matteo Sametti, direttore e fondatore di Sport2build, ha raccontato la sua avventura in un libro dal titolo “La bicicletta di bambù” edito da Ediciclo. L’idea del viaggio nasce dopo che Nkomeshya Mukamambo II, “chieftness” di una tribù zambiana che amministra una regione grande come la Lombardia, si rivolge a Matteo Sametti, e a Sport2build, per trovare i finanziamenti per costruire una scuola per uno dei suoi villaggi sperduti. Matteo decise che quella era l’occasione che aspettava da anni: un viaggio in bicicletta attraverso l’Africa per far conoscere il progetto e per raccogliere fondi per finanziarlo. Con un mezzo speciale: una due ruote costruita in bambù. Una simile è presente in questi giorni alla Conferenza sul Clima di Varsavia, dove le Nazioni Unite ne hanno sottolineato gli aspetti positivi: la sua produzione genera meno emissioni, utilizza meno energia e non ha bisogno di sostanze chimiche pericolose.

D) Sport2build opera principalmente in Zambia. L’organizzazione, come si legge nella presentazione, «lavora per migliorare e rafforzare i giovani e i bambini meno privilegiati usando lo sport come strumento di cambiamento di comportamenti e società». In base alla sua esperienza, lo sport stimola anche il rispetto verso la natura e l’ambiente che ci circonda?

R) Lo sport ha dei valori intrinsechi e di conseguenza un buon sportivo dovrebbe avere un occhio di riguardo nei confronti dell’ambiente. Nella nostra attività cerchiamo di trasmettere il rispetto nei confronti dell’ambiente. Faccio un esempio pratico: quando organizziamo le corse campestri arriviamo ad avere più di 300 bambini. Un numero consistente. Alla fine della corsa facciamo un momento di ristoro. Una volta terminato il pasto, gli allenatori fanno raccogliere tutte le bottiglie e le stoviglie di plastiche che sono state utilizzate.

D) In molti Paesi dell’Africa i rifiuti costituiscono un problema ambientale…

R) La gestione dei rifiuti in Zambia, ma anche in altri Stati, non è regolata. Non c’è un servizio di raccolta da parte delle autorità pubbliche. In qualche caso si realizzano buche per il compost, ma il resto dei rifiuti finisce in discarica in modo indifferenziato. Ci sono discariche che vengono periodicamente azzerate da “grandi fuochi”. La maniera più comune per disfarsi dei rifiuti è infatti quella di bruciarli.

Sui rifiuti mi viene in mente un aneddoto: stavo guardando una partita di calcio in televisione insieme ad alcuni amici zambiani.  Durante l’intervallo cambiai canale per vedere il telegiornale su Rai International. In quell’occasione andò in onda un servizio sui cumuli di rifiuti a Napoli. Loro mi chiesero: “Ma cos’è tutta questa roba?”.  Io risposi: “Non riescono a smaltire i rifiuti e li porteranno in altri Paesi europei”. Un ragazzo rispose: “Dovrebbero mandarli qui da noi che sapremmo cosa farne”.

D) In Zambia la bici è un mezzo di trasporto diffuso tra la popolazione?

R) In Zambia è mezzo di trasporto molto diffuso, che viene caricato all’inverosimile: ho visto biciclette che trasportavano persino divani o materassi. In base alla mia esperienza di viaggio, inoltre, la bici è molto diffusa anche in Malawi e Tanzania (Paesi dov’è utilizzata anche come taxi). Un po’ meno in Kenya e poco in Etiopia e Sudan. Qualcuna di più se ne vede in Egitto.

D) La sua bici di bambù è un “pezzo unico” oppure viene prodotta e commercializzata?

R) La mia bicicletta è un “pezzo unico” perché è stata concepita per il viaggio (compresi gli accessori). Tuttavia le bici in bambù vengono prodotte in Zambia. Si tratta di prodotto tipico zambiano che, tuttavia, viene esportato. Infatti non viene venduta molto in Zambia perché ha un prezzo non accessabile a tutti (400 dollari). Viene venduta molto all’estero, in particolare in Giappone, Nord Europa, Germania e Svizzera.

In una tappa del mio viaggio, ricordo che alcune signore zambiane mi chiesero la provenienza di questa bici. Quando dissi a loro che la bici era stata fatta in Zambia, non mi credettero: pensavano che arrivasse dall’Europa. Putroppo, capita che gli zambiani non siano consapevoli delle loro potenzialità.

D) Quali sono le differenze che ha incontrato nel suo viaggio da ciclista, pedalando prima in Africa e poi in Europa?

R) In Africa c’è sempre tantissima gente in strada. Ho infatti avuto un “pubblico” costante lungo il percorso: si creava un tifo spontaneo molto caloroso.  E se ti capita di avere un incidente meccanico, l’Africa è il posto migliore: trovi sempre qualcuno che ti dà una mano e ti aiuta. In Europa, invece, ti senti più isolato e qualche volta mi è capitato che la gente non abbassasse il finestrino quando chiedevo informazioni al semaforo.

D) E il traffico?
Ne ho trovato poco nei primi 7.000 chilometri. Tuttavia entrando al Cairo, dopo tanti chilometri senza aver incrociato molti mezzi, devo dire che ho provato una sensazione “bellissima”. Il caos, il traffico, mi sembrava di stare a Milano…

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende