Home » Rubriche »Very Important Planet » Matthew Lee, un talento naturale per il rock d’altri tempi:

Matthew Lee, un talento naturale per il rock d’altri tempi

luglio 17, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Definito “the genius of rock’n’roll” dalla stampa internazionale, il pianista e cantante Matthew Lee ha fatto propri gli insegnamenti dei grandi maestri del genere. Leva 1982, nonostante la giovane età ha già alle spalle circa 1.000 concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti e in Africa. Da poco ha vinto il Coca-Cola Summer Festival #daiunbacio nella categoria “Giovani” con il brano È tempo d’altri tempi, che sta portando in tour per tutta l’estate. Partito il 5 giugno da Imola, il D’altri Tempi Tour presenta i brani estratti dal suo album omonimo. Domenica 19 luglio Matthew sarà in concerto a Carrù, in Piemonte, nel parco del Castello di Banca Alpi Marittime.

D) Matthew, quali sono gli “altri tempi” che auspichi nel tuo nuovo disco?

R) Sono cresciuto con le note dei grandi maestri del rock ‘n’ roll… Amo i ritmi che sono nati negli anni Cinquanta, ne amo l’allegria e la voglia di rivoluzionare. Mi piace rendere attuale qualcosa che troppo spesso è stata relegata solo agli anni Cinquanta, ma in realtà è alla base di ogni genere musicale che ascoltiamo.

D) Suoni una musica che si potrebbe definire vintage, ma in realtà il tuo è un approccio molto contemporaneo: che rapporto hai con la memoria e con le radici?

R) La tradizione della musica non va assolutamente dimenticata, io cerco sempre di partire dalle radici e, con rispetto, in questo album ho cercato, insieme a grandi produttori come Luca Chiaravalli, Claudio Guidetti, Mousse T. e Chris Summerfield, di creare suoni moderni mischiando la loro esperienza alla tradizione di rock ‘n’ roll, blues e country, senza dimenticarmi della mia italianità.

D) Quanto sei legato al tuo territorio di origine, le Marche?

R) È il posto dove sono nato, ho il mare e quando posso torno sempre volentieri sia in vacanza sia per concerti. Vivendo alle porte di Milano da diversi anni, mi piace ancora di più tornare a Pesaro, la mia città.

D) Da uomo “metropolitano” che gira il mondo, che rapporto hai con la natura?

R) Credo di avere un buonissimo rapporto, amo il mare e la montagna, in particolare quella del Trentino dove vado spesso… ciò che ci circonda va rispettato, è la nostra eredità e credo che dovremmo esserne responsabili. Io nel mio piccolo ci provo.

D) Ci sono gesti quotidiani che compi per ridurre la tua impronta ambientale, dalla spesa alla raccolta differenziata…?

R) Compro al supermercato, come tutti, prestando molta attenzione a non sprecare, stando via spesso da casa devo guardare in modo particolare le scadenze, ma me la cavo bene. Ovviamente faccio la raccolta differenziata

D) Quali sono le fonti di ispirazione della tua musica? Le bellezze naturali rientrano tra queste?

R) Scrivere con altri autori è la cosa che preferisco, lo scambio di esperienze credo sia la chiave per raggiungere un buon risultato. La natura non è direttamente responsabile delle canzoni, ma non nascondo che fa la sua parte in maniera indiretta: melodie e parole cambiano quando sei davanti a un tramonto o vedi il mare dalla finestra…

D) Pensi che sia possibile per un musicista ridurre l’impatto ambientale dei propri spettacoli oppure l’industria della musica non ha ancora sviluppato questa sensibilità?

R) Credo che sia possibile, ma c’è ancora molto da lavorare temo…

D) Pensi che il rock ‘n’ roll possa essere uno strumento per diffondere anche cultura ambientale?

R) La mia musica come ogni altra può essere veicolo di molti messaggi, anche ambientali, perché no? Ho scritto una canzone in passato (non ancora pubblicata in nessun album) che parla proprio della meraviglia della natura. Magari un giorno la faremo uscire, chissà…

D) Qual è la canzone più “green” che ti viene in mente?

R) Ritmicamente parlando, a descrivere l’ambiente credo sia più adatta una ballata, ma mai mettere limiti all’inventiva… Il brano che scelgo per rappresentare la natura è sicuramente The Circle of Life, del grande Elton John!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende