Home » Rubriche »Very Important Planet » Matthew Lee, un talento naturale per il rock d’altri tempi:

Matthew Lee, un talento naturale per il rock d’altri tempi

luglio 17, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Definito “the genius of rock’n’roll” dalla stampa internazionale, il pianista e cantante Matthew Lee ha fatto propri gli insegnamenti dei grandi maestri del genere. Leva 1982, nonostante la giovane età ha già alle spalle circa 1.000 concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti e in Africa. Da poco ha vinto il Coca-Cola Summer Festival #daiunbacio nella categoria “Giovani” con il brano È tempo d’altri tempi, che sta portando in tour per tutta l’estate. Partito il 5 giugno da Imola, il D’altri Tempi Tour presenta i brani estratti dal suo album omonimo. Domenica 19 luglio Matthew sarà in concerto a Carrù, in Piemonte, nel parco del Castello di Banca Alpi Marittime.

D) Matthew, quali sono gli “altri tempi” che auspichi nel tuo nuovo disco?

R) Sono cresciuto con le note dei grandi maestri del rock ‘n’ roll… Amo i ritmi che sono nati negli anni Cinquanta, ne amo l’allegria e la voglia di rivoluzionare. Mi piace rendere attuale qualcosa che troppo spesso è stata relegata solo agli anni Cinquanta, ma in realtà è alla base di ogni genere musicale che ascoltiamo.

D) Suoni una musica che si potrebbe definire vintage, ma in realtà il tuo è un approccio molto contemporaneo: che rapporto hai con la memoria e con le radici?

R) La tradizione della musica non va assolutamente dimenticata, io cerco sempre di partire dalle radici e, con rispetto, in questo album ho cercato, insieme a grandi produttori come Luca Chiaravalli, Claudio Guidetti, Mousse T. e Chris Summerfield, di creare suoni moderni mischiando la loro esperienza alla tradizione di rock ‘n’ roll, blues e country, senza dimenticarmi della mia italianità.

D) Quanto sei legato al tuo territorio di origine, le Marche?

R) È il posto dove sono nato, ho il mare e quando posso torno sempre volentieri sia in vacanza sia per concerti. Vivendo alle porte di Milano da diversi anni, mi piace ancora di più tornare a Pesaro, la mia città.

D) Da uomo “metropolitano” che gira il mondo, che rapporto hai con la natura?

R) Credo di avere un buonissimo rapporto, amo il mare e la montagna, in particolare quella del Trentino dove vado spesso… ciò che ci circonda va rispettato, è la nostra eredità e credo che dovremmo esserne responsabili. Io nel mio piccolo ci provo.

D) Ci sono gesti quotidiani che compi per ridurre la tua impronta ambientale, dalla spesa alla raccolta differenziata…?

R) Compro al supermercato, come tutti, prestando molta attenzione a non sprecare, stando via spesso da casa devo guardare in modo particolare le scadenze, ma me la cavo bene. Ovviamente faccio la raccolta differenziata

D) Quali sono le fonti di ispirazione della tua musica? Le bellezze naturali rientrano tra queste?

R) Scrivere con altri autori è la cosa che preferisco, lo scambio di esperienze credo sia la chiave per raggiungere un buon risultato. La natura non è direttamente responsabile delle canzoni, ma non nascondo che fa la sua parte in maniera indiretta: melodie e parole cambiano quando sei davanti a un tramonto o vedi il mare dalla finestra…

D) Pensi che sia possibile per un musicista ridurre l’impatto ambientale dei propri spettacoli oppure l’industria della musica non ha ancora sviluppato questa sensibilità?

R) Credo che sia possibile, ma c’è ancora molto da lavorare temo…

D) Pensi che il rock ‘n’ roll possa essere uno strumento per diffondere anche cultura ambientale?

R) La mia musica come ogni altra può essere veicolo di molti messaggi, anche ambientali, perché no? Ho scritto una canzone in passato (non ancora pubblicata in nessun album) che parla proprio della meraviglia della natura. Magari un giorno la faremo uscire, chissà…

D) Qual è la canzone più “green” che ti viene in mente?

R) Ritmicamente parlando, a descrivere l’ambiente credo sia più adatta una ballata, ma mai mettere limiti all’inventiva… Il brano che scelgo per rappresentare la natura è sicuramente The Circle of Life, del grande Elton John!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende