Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mattone su Mattone… La rivoluzione silenziosa in un blocco di terra cruda:

Mattone su Mattone… La rivoluzione silenziosa in un blocco di terra cruda

febbraio 28, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il Senegal è diventato terra di cementifici e le periferie urbane sono una desolante sequenza di abitazioni squallide nell’estetica e poco salubri per gli inquilini: non vengono intonacate e formano un grande e opprimente “mare grigio” di cemento. Ma c’è un’alternativa per questi paesi che viene da lontano e affonda le radici nel sapere costruttivo locale, quella dei blocchi di terra cruda, che permettono oltre ad un risparmio sulla materia prima, la possibilità dell’autocostruzione grazie alla facilità della lavorazione.

Ci credeva moltissimo Roberto Mattone – docente di Tecnologia dell’Architettura, Produzione Edilizia e Tecnologie per i Paesi in Via di Sviluppo presso il Politecnico di Torino – scomparso nel 2008, ma che ha lasciato in eredità sia opere (in Brasile, Argentina, Cuba e Burkina Faso) che un percorso professionale, coltivato tuttora dall’associazione non-profit che porta il suo nome fuso con l’elemento base dell’edilizia tradizionale: Mattone su Mattone. Una onlus che dal 2009 ha continuato la sua opera garantendo il diritto ad una casa semplice ma salubre a persone povere in giro per il mondo e promosso le tecniche di autocostruzione che hanno portato alla nascita di start up in grado di generare lavoro nei Paesi più poveri.

Il cuore – in tutti i sensi – dell’associazione, è oggi la signora Gloria Pasero, vedova del professore, tesoriera dell’associazione ma soprattutto la combattente sempre in prima linea per promuovere il pensiero e l’azione del marito. L’età avanza, ma lei prosegue instancabile nei tanti progetti aperti nel pianeta: “Ricevo molto più di quello che do, non mi fermano neanche le stampelle, continuo a promuovere le attività dell’associazione“. Sostenuta anche dal figlio Massimiliano, presidente di Mattone su Mattone. “Sono tanti i progetti che abbiamo realizzato – racconta Gloria – in Brasile per esempio, dove abbiamo lavorato sulla forma del blocco modificandola per garantire la massima semplicità nella messa in opera. I destinatari dell’intervento erano dei tagliatori di bambù che abitavano in una favela”. La filosofia dell’associazione è chiara: ai poveri mancano risorse economiche per costruire una casa, ma pure le competenze. Con l’uso della terra cruda e dell’autocostruzione semplificata è possibile assicurare una casa degna e sana a tanti poveri. “La costruzione dei mattoni è realizzata vicino al cantiere, a pochi metri – spiega Massimo – in questo modo si riducono i costi”.

Uno degli aspetti notevoli di questa storia è la determinazione della signora Pasero, degna del più tenace “campione d’italia“: “Mio marito è venuto a mancare nel 2008 mentre stava impostando un progetto in Argentina in una località molto difficile dal punto di vista sociale ed economico. Io ho cercato di terminarlo e mi sono resa conto che non solo quello ma tutti i suoi lavori dovevano essere realizzati. Siamo andati avanti con familiari, studenti e colleghi sviluppando progetti in Brasile e poi in Africa“. La signora è riuscita ad unire diverse persone in memoria del marito. E dal Sud America ci si è spostati  verso l’Africa “abbiamo iniziato in Senegal, con un centro di pronto soccorso”. Tra i progetti che la signora ricorda con particolare affetto torna spesso quello brasiliano “con la realizzazione di un laboratorio per la produzione di farina di manioca, destinata ad una comunità locale; poi, sempre in Brasile, abbiamo realizzato un centro dedicato all’artigianato femminile ed anche una casa. Ci ha sostenuto la Fondazione Intesa Sanpaolo onlus“.

L’associazione passa poi a lavorare in Tanzania e “porta” la Costa D’Avorio in Italia: “Lì non si poteva andare, la situazione era pericolosa e quindi abbiamo fatto venire da noi 3 ragazzi ivorani a cui abbiamo trasmesso le tecniche di costruzione che poi hanno sperimentato nel paese di origine“. Della serie che più che più regalare la canna devi insegnare a pescare…

La signora Pasero ci tiene a condividere questi risultati con i propri compagni d’avventura e ricorda la fondamentale collaborazione con il Politecnico di Torino per continuare a migliorare le tecniche di costruzione: “In Tanzania tre docenti – Giuseppe Quaglia, Carlo Ferraresi, Walter Franco - e l’ingegner Matteo Astigiano hanno introdotto una pressa nuova: prima se ne usava una francese che mio marito aveva modificato. Il loro coinvolgimento è stata una grande soddisfazione per me”.

L’associazione non si limita però al semplice “trasferimento di tecnologia”, ma ha la volontà di rendere protagonisti attivi i beneficiari degli interventi. Come si sta nuovamente verificando in Burkina Faso: “Qui stiamo seguendo un progetto di cooperazione, sostenuto da Regione Piemonte e Comune di Grugliasco, dove abbiamo introdotto un corso di formazione per la messa in opera del blocco mattone e lavoriamo affinché nasca una start up per i giovani. In modo che le persone che vivono in condizioni tragiche riescano a diventare autonome. Mio marito era per l’autocostruzione e contrario alla donazione, credeva nel coinvolgimento della popolazione, nel renderla responsabile. Non basta dare un manuale, materiale o attrezzature, è necessario condividere il progetto. Siamo orgogliosi dei risultati, una start up del Senegal ha anche saputo conquistare il sostegno della Regione Piemonte”. E si punta ora a radicare il concetto che una casa non deve essere solo un riparo contro le intemperie, ma un luogo sano e ben integrato nel paesaggio, combattendo il degrado: “In Senegal c’è una grande diffusione di cementifici, le case hanno un comfort abitativo praticamente nullo, aspetto ed estetica sono spiacevoli”. C’è quindi ancora molto da fare in questi paesi, con pazienza, altruismo e determinazione, mattone su mattone…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende