Home » Rubriche »Very Important Planet » Maurizio Buscaglia: “la green economy è come il basket, bisogna fare squadra”:

Maurizio Buscaglia: “la green economy è come il basket, bisogna fare squadra”

settembre 30, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Lo abbiamo intervistato sul campo di Riva del Garda, al termine del primo giorno di convention di Dolomiti Energia, main sponsor di Aquila Basket, la squadra trentina passata, in 20 anni, dalla serie D alla serie A. Il coach è Maurizio Buscaglia, pugliese che arriva in panchina la prima volta nel 2003, fa il salto in B2 e poi ci ritorna, nel 2010, per guidare la squadra ad altre due promozioni, fino alla massima serie, dove anche lui viene premiato come migliore allenatore della Serie A italiana nella stagione 2014/2015. Domenica 2 ottobre - scherzo del fato – lo attende il debutto nella nuova stagione del campionato proprio contro l’Enel Brindisi, una partita di pallacanestro che sembra una competizione tra due player nazionali dell’energia…

D) Maurizio, l’AD di Dolomiti Energia Marco Merler vi ha detto oggi che contro l’Enel dovete “fare canestro”. Cosa accomuna una squadra di basket ad un’azienda che produce energia?

R) Sport e impresa già sempre trovano affinità secondo me, come ho detto alla convention. Nel nostro caso c’è stato un feeling particolare, che ha ulteriormente stimolato le persone del nostro club ad avvicinarsi ai valori rappresentati da Dolomiti Energia: spirito di servizio, responsabilità, affidabilità…

D) Se estendiamo l’analogia sport-impresa, potremmo forse dire che la green economy dovrebbe imparare ancora di più, dallo sport, a fare squadra, giusto?

R) Certo, ognuno deve fare la sua parte, in campo, come per l’ambiente. L’errore di uno ricade su tutti. E noi che siamo sportivi non amiamo stare solo a guardare, vogliamo dare il nostro contributo individuale per fare le cose. Ma devo dire che gli Italiani, in generale, su questi aspetti sono migliorati – forse proprio perché oggi fanno più sport: sciano, corrono, vanno in bicicletta ecc. In qualche modo fare sport ti avvicina di più al rispetto per l’ambiente e per il territorio in cui vivi. Non dimentichiamo inoltre che lo sportivo è abituato a rispettare regole – per il suo fisico, per la sua dieta – e questo lo aiuta a rispettare anche le regole della natura. Per questo lo sportivo può avere una funzione come esempio e “testimonial”.

D) Tu hai a che fare quotidianamente con ragazzi molto giovani, i tuoi giocatori, che arrivano da ogni parte del mondo e che, anche anagraficamente, saranno il futuro del Pianeta. Che sensibilità vedi in loro riguardo al rispetto per l’ambiente? Sono attenti? Conoscono il tema? O pensano solo a giocare, divertirsi, belle macchine ecc. (il vecchio stereotipo dello sportivo professionista attratto dalla “bella vita” e dal denaro)?

R) Sono sicuramente sensibili e sai perché? Perché sentono e vedono, sono ragazzi abituati ad ascoltare e guardarsi intorno. Ovviamente c’è chi è più sensibile, chi meno, arrivano da mondi e realtà diverse. Ma c’è una base comune, sono predisposti a recepire se vedono fatti concreti: può essere un convegno a stimolarli o, come facemmo una volta, una “marcia” prima della partita in cui tutti partirono a piedi o in bicicletta. Credo sia positivo per loro stare vicini a iniziative, come quelle di Dolomiti Energia, che li facciano riflettere su come proteggere l’ambiente. Sono delle piccole gocce d’acqua travasate nella loro sensibilità…

D) Degli americani, in particolare, si dice spesso che sono “consumisti”, poco attenti all’ambiente, a evitare sprechi ecc. Pensi invece che i tuoi ragazzi, vivendo in Italia e in una regione dolomitica piena di attrattive naturali e biodiversità come il Trentino, abbiano imparato qualcosa di cui possano farsi “ambasciatori” al rientro in patria? Intendo anche sull’alimentazione, il cibo sano legato al territorio, il paesaggio ecc.

R) Sicuramente sì, lo leggo nel loro sguardo, a volte incuriosito o meravigliato. E’come se dicessero: “Come siete attenti a questa cosa… Lo farò anch’io perché mi piace!“. Torniamo al discorso di prima, sulla capacità di ascoltare e di fare seguendo l’esempio…

D) A proposito di trasmettere piccoli esempi positivi, ho saputo dal tuo addetto stampa che tu stesso, al termine delle partite, ti metti a svuotare le borracce e dare il segnale per mettere tutto in ordine, è vero?

R) Sì, nel nostro piccolo sono comunque segnali importanti. Anche il fatto di non sprecare troppa acqua negli spogliatoi, di spegnere la doccia mentre ci si insapona o le luci quando si esce, di fare la raccolta differenziata (visto che il club fornisce tutto ciò che serve per farla), sono tutti gesti utili…

D) E qual è il tuo gesto ecologico per eccellenza, se dovessi dirmene uno che accompagna la tua vita privata di cittadino, non di allenatore?

R) Se camminare, come credo, è un gesto ecologico, bé allora quello! Cammino moltissimo e mentre cammino guardo. Guardare intorno e pensare mi ha sempre aiutato ad alzare il livello di consapevolezza sulle cose. In sintesi: cammino e guardo, guardo e penso, penso e poi faccio!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende