Home » Rubriche »Very Important Planet » Maurizio Buscaglia: “la green economy è come il basket, bisogna fare squadra”:

Maurizio Buscaglia: “la green economy è come il basket, bisogna fare squadra”

settembre 30, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Lo abbiamo intervistato sul campo di Riva del Garda, al termine del primo giorno di convention di Dolomiti Energia, main sponsor di Aquila Basket, la squadra trentina passata, in 20 anni, dalla serie D alla serie A. Il coach è Maurizio Buscaglia, pugliese che arriva in panchina la prima volta nel 2003, fa il salto in B2 e poi ci ritorna, nel 2010, per guidare la squadra ad altre due promozioni, fino alla massima serie, dove anche lui viene premiato come migliore allenatore della Serie A italiana nella stagione 2014/2015. Domenica 2 ottobre - scherzo del fato – lo attende il debutto nella nuova stagione del campionato proprio contro l’Enel Brindisi, una partita di pallacanestro che sembra una competizione tra due player nazionali dell’energia…

D) Maurizio, l’AD di Dolomiti Energia Marco Merler vi ha detto oggi che contro l’Enel dovete “fare canestro”. Cosa accomuna una squadra di basket ad un’azienda che produce energia?

R) Sport e impresa già sempre trovano affinità secondo me, come ho detto alla convention. Nel nostro caso c’è stato un feeling particolare, che ha ulteriormente stimolato le persone del nostro club ad avvicinarsi ai valori rappresentati da Dolomiti Energia: spirito di servizio, responsabilità, affidabilità…

D) Se estendiamo l’analogia sport-impresa, potremmo forse dire che la green economy dovrebbe imparare ancora di più, dallo sport, a fare squadra, giusto?

R) Certo, ognuno deve fare la sua parte, in campo, come per l’ambiente. L’errore di uno ricade su tutti. E noi che siamo sportivi non amiamo stare solo a guardare, vogliamo dare il nostro contributo individuale per fare le cose. Ma devo dire che gli Italiani, in generale, su questi aspetti sono migliorati – forse proprio perché oggi fanno più sport: sciano, corrono, vanno in bicicletta ecc. In qualche modo fare sport ti avvicina di più al rispetto per l’ambiente e per il territorio in cui vivi. Non dimentichiamo inoltre che lo sportivo è abituato a rispettare regole – per il suo fisico, per la sua dieta – e questo lo aiuta a rispettare anche le regole della natura. Per questo lo sportivo può avere una funzione come esempio e “testimonial”.

D) Tu hai a che fare quotidianamente con ragazzi molto giovani, i tuoi giocatori, che arrivano da ogni parte del mondo e che, anche anagraficamente, saranno il futuro del Pianeta. Che sensibilità vedi in loro riguardo al rispetto per l’ambiente? Sono attenti? Conoscono il tema? O pensano solo a giocare, divertirsi, belle macchine ecc. (il vecchio stereotipo dello sportivo professionista attratto dalla “bella vita” e dal denaro)?

R) Sono sicuramente sensibili e sai perché? Perché sentono e vedono, sono ragazzi abituati ad ascoltare e guardarsi intorno. Ovviamente c’è chi è più sensibile, chi meno, arrivano da mondi e realtà diverse. Ma c’è una base comune, sono predisposti a recepire se vedono fatti concreti: può essere un convegno a stimolarli o, come facemmo una volta, una “marcia” prima della partita in cui tutti partirono a piedi o in bicicletta. Credo sia positivo per loro stare vicini a iniziative, come quelle di Dolomiti Energia, che li facciano riflettere su come proteggere l’ambiente. Sono delle piccole gocce d’acqua travasate nella loro sensibilità…

D) Degli americani, in particolare, si dice spesso che sono “consumisti”, poco attenti all’ambiente, a evitare sprechi ecc. Pensi invece che i tuoi ragazzi, vivendo in Italia e in una regione dolomitica piena di attrattive naturali e biodiversità come il Trentino, abbiano imparato qualcosa di cui possano farsi “ambasciatori” al rientro in patria? Intendo anche sull’alimentazione, il cibo sano legato al territorio, il paesaggio ecc.

R) Sicuramente sì, lo leggo nel loro sguardo, a volte incuriosito o meravigliato. E’come se dicessero: “Come siete attenti a questa cosa… Lo farò anch’io perché mi piace!“. Torniamo al discorso di prima, sulla capacità di ascoltare e di fare seguendo l’esempio…

D) A proposito di trasmettere piccoli esempi positivi, ho saputo dal tuo addetto stampa che tu stesso, al termine delle partite, ti metti a svuotare le borracce e dare il segnale per mettere tutto in ordine, è vero?

R) Sì, nel nostro piccolo sono comunque segnali importanti. Anche il fatto di non sprecare troppa acqua negli spogliatoi, di spegnere la doccia mentre ci si insapona o le luci quando si esce, di fare la raccolta differenziata (visto che il club fornisce tutto ciò che serve per farla), sono tutti gesti utili…

D) E qual è il tuo gesto ecologico per eccellenza, se dovessi dirmene uno che accompagna la tua vita privata di cittadino, non di allenatore?

R) Se camminare, come credo, è un gesto ecologico, bé allora quello! Cammino moltissimo e mentre cammino guardo. Guardare intorno e pensare mi ha sempre aiutato ad alzare il livello di consapevolezza sulle cose. In sintesi: cammino e guardo, guardo e penso, penso e poi faccio!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende