Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mauro Morandi, il custode di Budelli in lotta con la burocrazia italiana:

Mauro Morandi, il custode di Budelli in lotta con la burocrazia italiana

giugno 15, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

“Non voglio andare via da qui, voglio stare fino alla fine perché il mio è un progetto di vita iniziato 28 anni fa”. Mauro Morandi, 77 anni da Modena, ormai è conosciuto con il nome con cui ci risponde al telefono “pronto sono Mauro da Budelli“, massima immedesimazione con l’isola per  il custode di questo bellissimo scoglio dell’Arcipelago della Maddalena nel nord della Sardegna. Guardiano da quasi tre decadi del fazzoletto di terra e sabbia, reso famoso nel mondo dal maestro del cinema italiano Michelangelo Antonioni nel film “Deserto Rosso“, che oggi lotta contro uno sfratto.

L’isola fino a pochi anni fa era proprietà di una società immobiliare svizzera poi travolta dai debiti – ne ha chiesto il fallimento lo stesso Morandi per gli stipendi non pagati – fino a dover cedere questa zolla di paradiso terrestre. Sulla scena è comparso il magnate e banchiere neozelandese  Michael Harte con un progetto turistico, poco amato dagli ambientalisti italiani,  poi i vincoli lo hanno convinto a gettare la spugna. Il mese scorso la svolta con Budelli che passa all’ente parco dell’Arcipelago, che si occuperà della sua gestione. Tutto bene, l’isola resta pubblica, ma qui iniziano i problemi per Morandi.

Il Parco non ha tanti soldi e soprattutto deve rispettare la legge dunque  ”mi dicono che non possono assumere un uomo di 77 anni”, si sfoga sconsolato Morandi. La logica legislativa non fa una piega, ma significa perdere il custode non solo dell’isola ma della memoria storica di Budelli.  “Io non voglio essere pagato, basta che mi diano la casa in affitto – l’unica costruzione dell’isola, NdR – ad un prezzo simbolico. Ma non c’è volontà di farmi restare qui. Dicono che la casa non è a norma, non è abitabile, ma basta rifare l’impianto elettrico e idrico. E’ robustissima, risale alla seconda guerra mondiale, ce ne vorrebbero tante di case costruite così, come mi hanno confermato costruttori ed ingegneri”. Questa la versione di Morandi che non ne vuole sapere di spostare  tende e anima da Budelli.

Un moderno Robinson Crusoe – non a caso una versione del film è stata girata qui in Sardegna – seppure connesso ad internet, che ha piantato il cuore tra la terra e la sabbia del Mediterraneo, una scelta con biglietto di solo andata. “D’abitudine, verso maggio, torno a Modena per qualche settimana – racconta Morandi – ma in queste condizioni non mi posso muovere, mi può arrivare la lettera di sfratto da un momento all’altro e mi devo difendere”. I suoi avvocati sono allertati per dare battaglia legale.

Una lotta sposata da migliaia di italiani, innamorati del personaggio e convinti che sia cosa buona e giusta concedere la residenza permanente a Morandi sull’isola. In 11 mila hanno firmato una petizione su internet indirizzata al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che sembra non aver ignorato l’appello e su Twitter ha cinguettato: “Spero che resti a Budelli“. Se parla un’alta carica dello Stato si alimentano ovviamente le speranze, ma non è mai sicuro, in politica, che le dichiarazioni si trasformino in azioni concrete. Morandi, infatti, come San Tommaso se non tocca con mano, non crede. “Sono un persona scomoda, lo sono sempre stato già da quando, alla fine degli anni settanta, a scuola mi mettevano i bastoni tra le ruote perché ai ragazzi facevo fare la ginnastica con la musica! Non è nei programmi mi dicevano“. Un professionista del nuoto controcorrente.

In questi anni Morandi non ha però solo fatto la sua vita, ha vigilato, denunciato comportamenti scorretti e proposto soluzioni e programmi di azione per il turismo sostenibile. Ci tiene sinceramente alla “sua” isola e una delle sue prime preoccupazioni è proprio quella ambientale: “Purtroppo al Parco mancano i soldi per la gestione – il j’accusese non si riescono a mettere le boe, per esempio, si calano le ancore e sono danni per la posidonia, un elemento essenziale per la tutela dell’ecosistema marino”.

C’è un paradiso naturale da gestire e Morandi lancia le sue idee per uno sviluppo sostenibile dell’isola. “C’è un forte degrado economico a La Maddalena, gli americani della base sono andati via e si sono persi stipendi, 800 appartamenti sono rimasti sfitti, l’Arsenale è chiuso, solo il turismo sostenibile legato alla cultura può salvare questo territorio. Penso a Spoleto che con gli investimenti culturali da località sconosciuta è diventa una meta mondiale per gli appassionati di arte”.

Non mancano dunque le proposte e la voglia di “mettersi al servizio”, ma la sua battaglia principale è adesso quella di restare guardiano e custode di Budelli perché di tornare a Modena non ne ha proprio voglia “Una società che non mi piace, abitavo vicino alla Pomposa – la zona della movida modenese, NdR – ma come faccio a vivere in un posto dove si parla solo di birra e aperitivi?”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

marzo 20, 2017

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato, il 16 marzo, il testo unico sull’agricoltura biologica, da anni atteso dall’intero comparto. Il testo, che sarà trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza, ha l’obiettivo di mettere ordine e dare valore a un settore in costante crescita e sempre più in [...]

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

marzo 20, 2017

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

“Salva la goccia” 2017 inaugura un nuovo sport: le Olimpiadi della Sostenibilità. Per la Giornata Mondiale dell’Acqua, che si celebra il 22 marzo, la quinta edizione della campagna per il risparmio idrico realizzata da Green Cross Italia chiede a bambini e studenti, insegnanti e cittadini di aderire alla gara anti-spreco. Obiettivo: ridurre i litri che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende