Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mauro Morandi, il custode di Budelli in lotta con la burocrazia italiana:

Mauro Morandi, il custode di Budelli in lotta con la burocrazia italiana

giugno 15, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

“Non voglio andare via da qui, voglio stare fino alla fine perché il mio è un progetto di vita iniziato 28 anni fa”. Mauro Morandi, 77 anni da Modena, ormai è conosciuto con il nome con cui ci risponde al telefono “pronto sono Mauro da Budelli“, massima immedesimazione con l’isola per  il custode di questo bellissimo scoglio dell’Arcipelago della Maddalena nel nord della Sardegna. Guardiano da quasi tre decadi del fazzoletto di terra e sabbia, reso famoso nel mondo dal maestro del cinema italiano Michelangelo Antonioni nel film “Deserto Rosso“, che oggi lotta contro uno sfratto.

L’isola fino a pochi anni fa era proprietà di una società immobiliare svizzera poi travolta dai debiti – ne ha chiesto il fallimento lo stesso Morandi per gli stipendi non pagati – fino a dover cedere questa zolla di paradiso terrestre. Sulla scena è comparso il magnate e banchiere neozelandese  Michael Harte con un progetto turistico, poco amato dagli ambientalisti italiani,  poi i vincoli lo hanno convinto a gettare la spugna. Il mese scorso la svolta con Budelli che passa all’ente parco dell’Arcipelago, che si occuperà della sua gestione. Tutto bene, l’isola resta pubblica, ma qui iniziano i problemi per Morandi.

Il Parco non ha tanti soldi e soprattutto deve rispettare la legge dunque  ”mi dicono che non possono assumere un uomo di 77 anni”, si sfoga sconsolato Morandi. La logica legislativa non fa una piega, ma significa perdere il custode non solo dell’isola ma della memoria storica di Budelli.  “Io non voglio essere pagato, basta che mi diano la casa in affitto – l’unica costruzione dell’isola, NdR – ad un prezzo simbolico. Ma non c’è volontà di farmi restare qui. Dicono che la casa non è a norma, non è abitabile, ma basta rifare l’impianto elettrico e idrico. E’ robustissima, risale alla seconda guerra mondiale, ce ne vorrebbero tante di case costruite così, come mi hanno confermato costruttori ed ingegneri”. Questa la versione di Morandi che non ne vuole sapere di spostare  tende e anima da Budelli.

Un moderno Robinson Crusoe – non a caso una versione del film è stata girata qui in Sardegna – seppure connesso ad internet, che ha piantato il cuore tra la terra e la sabbia del Mediterraneo, una scelta con biglietto di solo andata. “D’abitudine, verso maggio, torno a Modena per qualche settimana – racconta Morandi – ma in queste condizioni non mi posso muovere, mi può arrivare la lettera di sfratto da un momento all’altro e mi devo difendere”. I suoi avvocati sono allertati per dare battaglia legale.

Una lotta sposata da migliaia di italiani, innamorati del personaggio e convinti che sia cosa buona e giusta concedere la residenza permanente a Morandi sull’isola. In 11 mila hanno firmato una petizione su internet indirizzata al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che sembra non aver ignorato l’appello e su Twitter ha cinguettato: “Spero che resti a Budelli“. Se parla un’alta carica dello Stato si alimentano ovviamente le speranze, ma non è mai sicuro, in politica, che le dichiarazioni si trasformino in azioni concrete. Morandi, infatti, come San Tommaso se non tocca con mano, non crede. “Sono un persona scomoda, lo sono sempre stato già da quando, alla fine degli anni settanta, a scuola mi mettevano i bastoni tra le ruote perché ai ragazzi facevo fare la ginnastica con la musica! Non è nei programmi mi dicevano“. Un professionista del nuoto controcorrente.

In questi anni Morandi non ha però solo fatto la sua vita, ha vigilato, denunciato comportamenti scorretti e proposto soluzioni e programmi di azione per il turismo sostenibile. Ci tiene sinceramente alla “sua” isola e una delle sue prime preoccupazioni è proprio quella ambientale: “Purtroppo al Parco mancano i soldi per la gestione – il j’accusese non si riescono a mettere le boe, per esempio, si calano le ancore e sono danni per la posidonia, un elemento essenziale per la tutela dell’ecosistema marino”.

C’è un paradiso naturale da gestire e Morandi lancia le sue idee per uno sviluppo sostenibile dell’isola. “C’è un forte degrado economico a La Maddalena, gli americani della base sono andati via e si sono persi stipendi, 800 appartamenti sono rimasti sfitti, l’Arsenale è chiuso, solo il turismo sostenibile legato alla cultura può salvare questo territorio. Penso a Spoleto che con gli investimenti culturali da località sconosciuta è diventa una meta mondiale per gli appassionati di arte”.

Non mancano dunque le proposte e la voglia di “mettersi al servizio”, ma la sua battaglia principale è adesso quella di restare guardiano e custode di Budelli perché di tornare a Modena non ne ha proprio voglia “Una società che non mi piace, abitavo vicino alla Pomposa – la zona della movida modenese, NdR – ma come faccio a vivere in un posto dove si parla solo di birra e aperitivi?”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende