Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mauro Morandi, il custode di Budelli in lotta con la burocrazia italiana:

Mauro Morandi, il custode di Budelli in lotta con la burocrazia italiana

giugno 15, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

“Non voglio andare via da qui, voglio stare fino alla fine perché il mio è un progetto di vita iniziato 28 anni fa”. Mauro Morandi, 77 anni da Modena, ormai è conosciuto con il nome con cui ci risponde al telefono “pronto sono Mauro da Budelli“, massima immedesimazione con l’isola per  il custode di questo bellissimo scoglio dell’Arcipelago della Maddalena nel nord della Sardegna. Guardiano da quasi tre decadi del fazzoletto di terra e sabbia, reso famoso nel mondo dal maestro del cinema italiano Michelangelo Antonioni nel film “Deserto Rosso“, che oggi lotta contro uno sfratto.

L’isola fino a pochi anni fa era proprietà di una società immobiliare svizzera poi travolta dai debiti – ne ha chiesto il fallimento lo stesso Morandi per gli stipendi non pagati – fino a dover cedere questa zolla di paradiso terrestre. Sulla scena è comparso il magnate e banchiere neozelandese  Michael Harte con un progetto turistico, poco amato dagli ambientalisti italiani,  poi i vincoli lo hanno convinto a gettare la spugna. Il mese scorso la svolta con Budelli che passa all’ente parco dell’Arcipelago, che si occuperà della sua gestione. Tutto bene, l’isola resta pubblica, ma qui iniziano i problemi per Morandi.

Il Parco non ha tanti soldi e soprattutto deve rispettare la legge dunque  ”mi dicono che non possono assumere un uomo di 77 anni”, si sfoga sconsolato Morandi. La logica legislativa non fa una piega, ma significa perdere il custode non solo dell’isola ma della memoria storica di Budelli.  “Io non voglio essere pagato, basta che mi diano la casa in affitto – l’unica costruzione dell’isola, NdR – ad un prezzo simbolico. Ma non c’è volontà di farmi restare qui. Dicono che la casa non è a norma, non è abitabile, ma basta rifare l’impianto elettrico e idrico. E’ robustissima, risale alla seconda guerra mondiale, ce ne vorrebbero tante di case costruite così, come mi hanno confermato costruttori ed ingegneri”. Questa la versione di Morandi che non ne vuole sapere di spostare  tende e anima da Budelli.

Un moderno Robinson Crusoe – non a caso una versione del film è stata girata qui in Sardegna – seppure connesso ad internet, che ha piantato il cuore tra la terra e la sabbia del Mediterraneo, una scelta con biglietto di solo andata. “D’abitudine, verso maggio, torno a Modena per qualche settimana – racconta Morandi – ma in queste condizioni non mi posso muovere, mi può arrivare la lettera di sfratto da un momento all’altro e mi devo difendere”. I suoi avvocati sono allertati per dare battaglia legale.

Una lotta sposata da migliaia di italiani, innamorati del personaggio e convinti che sia cosa buona e giusta concedere la residenza permanente a Morandi sull’isola. In 11 mila hanno firmato una petizione su internet indirizzata al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che sembra non aver ignorato l’appello e su Twitter ha cinguettato: “Spero che resti a Budelli“. Se parla un’alta carica dello Stato si alimentano ovviamente le speranze, ma non è mai sicuro, in politica, che le dichiarazioni si trasformino in azioni concrete. Morandi, infatti, come San Tommaso se non tocca con mano, non crede. “Sono un persona scomoda, lo sono sempre stato già da quando, alla fine degli anni settanta, a scuola mi mettevano i bastoni tra le ruote perché ai ragazzi facevo fare la ginnastica con la musica! Non è nei programmi mi dicevano“. Un professionista del nuoto controcorrente.

In questi anni Morandi non ha però solo fatto la sua vita, ha vigilato, denunciato comportamenti scorretti e proposto soluzioni e programmi di azione per il turismo sostenibile. Ci tiene sinceramente alla “sua” isola e una delle sue prime preoccupazioni è proprio quella ambientale: “Purtroppo al Parco mancano i soldi per la gestione – il j’accusese non si riescono a mettere le boe, per esempio, si calano le ancore e sono danni per la posidonia, un elemento essenziale per la tutela dell’ecosistema marino”.

C’è un paradiso naturale da gestire e Morandi lancia le sue idee per uno sviluppo sostenibile dell’isola. “C’è un forte degrado economico a La Maddalena, gli americani della base sono andati via e si sono persi stipendi, 800 appartamenti sono rimasti sfitti, l’Arsenale è chiuso, solo il turismo sostenibile legato alla cultura può salvare questo territorio. Penso a Spoleto che con gli investimenti culturali da località sconosciuta è diventa una meta mondiale per gli appassionati di arte”.

Non mancano dunque le proposte e la voglia di “mettersi al servizio”, ma la sua battaglia principale è adesso quella di restare guardiano e custode di Budelli perché di tornare a Modena non ne ha proprio voglia “Una società che non mi piace, abitavo vicino alla Pomposa – la zona della movida modenese, NdR – ma come faccio a vivere in un posto dove si parla solo di birra e aperitivi?”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende