Home » Campioni d'Italia »Rubriche » MBL Solutions, dalla Puglia all’India con pannelli solari che non temono il calore:

MBL Solutions, dalla Puglia all’India con pannelli solari che non temono il calore

maggio 12, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

In India il sole c’è, e tanto, ma presto dalla Puglia arriverà la tecnologia per sfruttarlo al meglio. La MBL solutions, azienda di meccatronica con sede a Corato (Bari) ha infatti brevettato un pannello fotovoltaico in grado di resistere alle alte temperature dei Paesi tropicali senza perdere in efficienza. “Il primo brevetto è del 1998, poi aggiornato nel corso degli anni. Il nostro obiettivo era quello di realizzare un modulo che andasse bene per le zone desertiche, partendo da materiali resistenti anche a temperature elevate”, spiega l’AD dell’azienda, Luigi Maldera. In aree dove fa molto caldo come i deserti, infatti, “il pannello convenzionale nel tempo si degrada e il suo rendimento crolla. Il nostro modulo, arrivato alla settima versione, garantisce invece un’efficienza costante per almeno 30 anni, e ulteriori test sono in corso per dimostrare che può avere anche una durata superiore”.

Il segreto, sta tutto nella scelta dei materiali: “’Sumo’ è composto solo di vetro, silicio e silicone. I nostri brevetti coprono sia il prodotto sia il processo di realizzazione: abbiamo studiato con attenzione il procedimento per incapsulare le celle, in modo da sostituire l’etilene vinil acetato (una materia plastica usata per realizzare componenti flessibili, ndr) con un gel di silicone”. Detto così sembra semplice, ma la tecnologia è il frutto di un investimento di quasi 10 milioni di euro in ricerca e sviluppo. “Soldi tutti nostri, senza neanche 1 centesimo di finanziamento pubblico”, ci tiene a precisare Maldera.

Nel 2010, in collaborazione con un’impresa partner, MBL solutions realizza a Milano un impianto pilota per produrre i moduli. “Tra il 2010 e il 2011 abbiamo raggiunto in Italia 1 MW di potenza installata”. Poi la continua riduzione delle tariffe incentivanti per il fotovoltaico nel nostro Paese ha fatto decidere all’azienda di cambiare strada: “Il nostro socio lombardo ha lasciato. Noi abbiamo riacquisito i macchinari della linea produttiva e ci siamo messi in cerca di un investitore”. Durante una fiera internazionale l’incontro con l’imprenditore indiano: “La nostra idea gli è piaciuta e ha deciso di investire diverse decine di milioni di euro in uno stabilimento che avrà una capacità produttiva di 100 MW all’anno”.

Il modello di business di MBL solutions è lo stesso anche in altri Paesi: “Noi forniamo la tecnologia e cerchiamo di volta in volta imprenditori desiderosi di investire. Siamo focalizzati su Paesi dove ci sono condizioni climatiche adatte ma non esiste ancora una tradizione di produzione di moduli fotovoltaici. Sono aree in cui investire in celle convenzionali si rivelerebbe un fallimento, ma che hanno invece le potenzialità per accogliere positivamente la nostra tecnologia”, continua Maldera. “Puntiamo su Paesi in via di sviluppo dove manca l’energia elettrica, con l’obiettivo di partecipare all’emancipazione di queste popolazioni attraverso tecnologie energetiche pulite”.

Oltre all’India, dove il nuovo impianto aprirà tra giugno e luglio, sono in corso contatti con la Turchia, l’Algeria, l’Egitto, gli Emirati Arabi, l’Arabia Saudita, Sud America. “Le trattative sono molto lente per vari motivi. In Algeria, per esempio, il progetto al momento si è interrotto perché il governo ha dovuto spostare le risorse dalle rinnovabili alla protezione dei confini dai miliziani dell’Isis. In Arabia Saudita si sta pensando di creare centrali fotovoltaiche nel deserto, ma nessuno ha fretta perché c’è il petrolio, l’energia non manca”.

Oltre ai moduli fotovoltaici, l’azienda lavora anche su altri progetti di green economy. “Abbiamo messo a punto un kit per trasformare le normali bici in biciclette a pedalata assistita. I primi prototipi sono già pronti siamo alla ricerca di un partner per dare il via alla produzione”, racconta Maldera, che con i colleghi ha anche in cantiere il progetto di un nuovo propulsore elettrico per auto ibride. “Lo abbiamo presentato alla Commissione Europea per ottenere un finanziamento che ci supporti nello sviluppo del prototipo. Speriamo di iniziare a lavorarci già entro l’anno”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende