Home » Rubriche »Very Important Planet » Meglio i mercati locali dei musei. Intervista a Edoardo Raspelli:

Meglio i mercati locali dei musei. Intervista a Edoardo Raspelli

agosto 26, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Responsabile del Gambero Rosso dal 1977 al 1981 e poi della rubrica “Il goloso” del settimanale L’Espresso, oggi Edoardo Raspelli, giornalista ed esperto gastronomo, pubblica, ogni settimana, le recensioni di alberghi e ristoranti su La Stampa. Un critico severo per i cuochi della 62^ Sagra del Peperone di Carmagnola – di cui Raspelli è testimonial – che cucineranno, nei prossimi giorni, piatti tradizionali e specialità a base di peperone, prodotto d’eccellenza della zona al confine tra la provincia di Torino e il cuneese.

D) Raspelli, la sagra di Carmagnola è un’occasione per gustare la cucina locale, in cui il cibo si fa espressione di vita e di identità territoriale: è vero che un luogo si riconosce anche nei suoi prodotti? E quanto è importante valorizzare questo patrimonio?

R) Dal 1998 conduco Mela Verde, un programma che intende scoprire la nostra Italia proprio attraverso i suoi gusti e prodotti e la trasmissione, come tutta la mia attività, è legata al concetto delle 3T, il mio marchio (depositato) nonché mia filosofia di vita: la Terra, il suolo che noi coltiviamo; il Territorio, che è l’ambito geografico di riferimento, e le Tradizioni, cioè gli usi, i costumi e le ricette di un luogo e di un popolo. Questo sta alla base del mio approccio al lavoro e alla conoscenza: per questo motivo quando sono in giro per il paese leggo i giornali locali, compro i prodotti della zona e mangio nei ristoranti strettamente legati al territorio. Quando visito una città, infatti, più dei musei mi affascinano i mercati, ci passo ore per capire cosa si vende, cosa si mangia e mi serve per conoscere davvero. Questo vale anche per il Piemonte e per il resto del mondo e Carmagnola, grazie a questa sagra, è legata, nell’immaginario collettivo, ai quattro tipi di peperoni prodotti in questa zona (Quadrato, Lungo o Corno di Bue, Trottola e Tumaticot, N.d.R.). Quando mi hanno chiesto di essere il testimonial della sagra ho deciso di andare a scoprire la zona di cui mi sarei fatto portavoce e sulla rubrica de La Stampa di ieri ho parlato proprio di questo: la sagra  sarà occasione per me e per altri di conoscere un territorio.

D) Sono appena tornata dalla Cina, dove ho mangiato – mio malgrado - in alcuni ristoranti italiani. Solo dove i prodotti erano importati (percorrendo migliaia di chilometri) ho trovato un gusto vagamente simile a quello della nostra cucina: il gusto dei piatti è strettamente legato al luogo di consumo. Ma se così è meglio il “km. 0″ che il cibo globalizzato, concorda?

R) La globalizzazione è il risultato estremo della libertà di scambi di merci e anche nella cucina esiste. Esiste, ma non è veritiera. Anche io sono stato in Cina tempo fa, a Hong Kong. Ho mangiato una cucina cinese squisita e gustosissima, ma che non ha nulla a che vedere con la cucina cinese che conosciamo e mangiamo in Italia. Per la cucina italiana vale lo stesso discorso: riprodurre gli stessi aromi e sapori all’estero è difficilissimo.

D) Cibo biologico, equo, solidale e locale: un po’ per moda, un po’ per necessità queste sono parole che ci sono sempre più familiari. Vero è che il cibo e l’alimentazione hanno un grande impatto ambientale. Bisogna quindi salvaguardare il territorio, rispettare la natura e fare scelte eticamente corrette anche in nome del buon cibo?

R) Io mi limito a fare e dire quello che so fare bene, assaggiare e valutare un piatto, senza entrare nel merito di ambiti e discussioni su cui non sono preparato. A me interessa che il prodotto sia buono. Indubbiamente il cibo a “Km 0″ è la mia scelta e priorità, nella vita e nel lavoro; auspico che i ristoranti diventino manifesto e portavoce della cultura del loro territorio e di una tradizione forte a cui devono restare legati, e possono farlo solo proponendo le ricette e i prodotti della zona.

D) Ho letto qualche tempo fa che lei ha assicurato gusto e olfatto: quanto è importante oggi, nella cucina e nella vita, “sentire”?

R) È vero, ho stipulato con la Reale Mutua Assicurazioni di Torino una polizza per circa 500.000 euro. Per me sentire è fondamentale; oltre al lavoro, è un piacere immenso riconoscere gli odori, i sapori, distinguere le fragranze e vivere di quegli istanti…

D) Una sagra è occasione per lanciare al grande pubblico messaggi sulla qualità del cibo, l’aggregazione, la valorizzazione di una cultura: qual è il suo messaggio come testimonial di questa Sagra del Peperone?

R) Consumate e acquistate prodotti locali – a Carmagnola, con i peperoni, e ovunque nel resto del mondo, perché significa trasmettere tradizioni, tutelare l’economia locale e anche mantenere intatti i sapori.

D) Ci consigli una ricetta a base di peperoni di Carmagnola…

R) Io sono un tradizionalista: la peperonata è la morte sua!

Alfonsa Sabatino

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende