Home » Bollettino Europa »Rubriche » Mercato unico dell’energia, Ucraina e green city: il menu europeo dell’ultima settimana:

Mercato unico dell’energia, Ucraina e green city: il menu europeo dell’ultima settimana

giugno 30, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Un fine settimana dedicato alle grandi manovre, quello che ha visto protagonisti i capi di Stato e di Governo dei Paesi UE. In ballo il futuro prossimo dell’Unione. Dall’assegnazione delle più alte cariche a seguito delle elezioni di maggio, fino alle tematiche ambientali che si legano alle scelte di politica estera.

In primo luogo è stato finalmente sciolto il nodo relativo al prossimo Presidente della Commissione. Gli Stati hanno designato Jean-Claude Juncker che ora attende la definitiva approvazione del Parlamento che arriverà, probabilmente, durante la Plenaria del 14-17 luglio. Due le voci contrarie alla sua elezione: il Regno Unito e l’Ungheria. Per il leader britannico Cameron, infatti, Juncker è “un uomo del passato scelto dai due grandi partiti politici del Parlamento Europeo”.

Sul lato dei temi discussi, invece, è stata principalmente l’energia a tenere banco durante il Consiglio. Il Presidente Van Rompuy nell’ultima bozza dell’Agenda strategica – volta a definire le priorità dell’UE nel prossimo quinquennio – ha sottolineato che si deve evitare che l’Europa faccia affidamento in così grande misura sulle importazioni di carburante e gas, e che occorre quindi assicurare l’energia a tutti i paesi UE accelerando la diversificazione di forniture e rotte, in particolare attraverso fonti rinnovabili, sicure e sostenibili e altre indigene come mezzo per ridurre la dipendenza energetica, anche da una singola fonte o fornitore”.

Durante i suoi lavori il Consiglio ha, poi, preso atto dei progressi relativi al quadro clima ed energia 2030. In tale contesto, ha sottolineato l’importanza di sviluppare rapidamente gli elementi chiave del quadro, e guardare avanti, in particolare, ha invitato la Commissione a presentare entro luglio una revisione della direttiva sull’efficienza energetica. Gli Stati hanno quindi riaffermato l’importanza del vertice sul clima delle Nazioni Unite che si terrà a settembre 2014 e confermato che l’obiettivo comunitario specifico per il 2030 relativo alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra è pienamente in linea con l’ambizioso obiettivo dell’UE concordato per il 2050.

Il Consiglio ha, inoltre, accolto favorevolmente la strategia europea di sicurezza energetica (EESS) della Commissione. L’EESS è strettamente legata al quadro politico 2030 in materia di clima ed energia. Il Consiglio chiede, a questo proposito, maggiori sforzi per ridurre la forte dipendenza energetica dell’Europa e sostiene l’attuazione immediata di una serie di misure più urgenti per rafforzarne la resilienza e aumentarne la sicurezza energetica nel breve periodo, prima dell’inverno prossimo. In concreto, i Paesi UE ritengono che, alla luce delle valutazioni del rischio di interruzione a breve termine e dei meccanismi di solidarietà, tra cui lo stoccaggio del gas, saranno potenziate le infrastrutture di emergenza, soprattutto negli Stati membri più vulnerabili e a maggior rischio di isolamento, principalmente attraverso importanti investimenti anche nei Paesi terzi. Il tutto senza dimenticare l’efficienza energetica, l’ulteriore sviluppo delle produzioni nazionali, l’interconnettività dei diversi sistemi e l’integrazione del mercato europeo dell’energia basata su un approccio regionale, aumentandone la trasparenza. Ma l’unico, grande obiettivo è quello di completare il mercato energetico unico europeo entro la fine del 2014.

Nessun riferimento diretto, tuttavia, al “gas russo”. Forse perché in occasione del Consiglio è stato siglato un accordo definito storico tra l’Unione Europa, Ucraina, Georgia e Moldova. Che hanno firmato la parte economica dell’accordo di associazione con l’UE il quale prevede cooperazione in politica estera, energia, riforme della giustizia e misure commerciali. Un partenariato che porterà alla creazione di una zona di libero scambio di cui Petro Poroshenko, Presidente ucraino, si è detto estremamente soddisfatto. Kiev si avvicina a Bruxelles dunque, ma la Russia non ha mancato di fare sentire la sua voce, dichiarando che tale accordo non è privo di conseguenze, in quanto violerebbe gli accordi commerciali esistenti con Mosca.

Continuano intanto gli eventi divenuti ormai tradizione nel panorama europeo. In contemporanea alla Settimana dedicata all’energia sostenibile – tenutasi a Bruxelles dal 23 al 27 giugno – è stata decretata la Green Capital 2016. Il premio alla capitale europea più verde è stato conferito a Lubiana. La città slovena ha sbaragliato la concorrenza – Essen (Germania), Nijmegen (Olanda), Oslo (Norvegia) e Umea (Svezia) – principalmente grazie alla sua strategia di sostenibilità “Vision 2025”. La quale prevede un approccio integrato alla gestione dell’ambiente, che mette insieme il programma di tutela ambientale, il piano di mobilità sostenibile, quello per l’energia sostenibile e la strategia per l’elettromobilità. Ma Lubiana ha fatto grandi progressi anche nella sfera degli appalti pubblici: il 70% dei suoi acquisti viene fatto seguendo  criteri verdi. A livello di trasporti, poi, la città slovena ha dato priorità a pedoni, ciclisti e trasporto pubblico ed entro il 2020 punta ad avere solo un terzo degli spostamenti effettuati con veicoli privati. Un cambiamento radicale avvenuto negli ultimi dieci anni. Da parte di una città che stava rapidamente subendo il dominio dalle automobili. Tuttavia, l’attenzione si è spostata sulle energie alternative e sui trasporti eco-compatibili. Nel 2013, Lubiana ha modificato il flusso di traffico all’interno della città per limitare quello motorizzato e dare la precedenza a pedoni, ciclisti e mezzi pubblici. In aumento le biciclette, con oltre 1,6 milioni di viaggi effettuati con il sistema di bike sharing.

Il premio, un evento annuale – ideato da Jüri Ratas, ex sindaco di Tallinn, in Estonia nel 2006 – promuove e premia gli sforzi delle città che si impegnano a migliorare l’ambiente urbano, sotto il profilo ambientale e di sviluppo sostenibile; e che possono diventare fonte di ispirazione per altre realtà urbane. Le città sono valutate su 12 aree: cambiamento climatico: mitigazione e adattamento, trasporti locali, aree urbane verdi che incorporano l’uso sostenibile del territorio, biodiversità, qualità dell’aria, inquinamento acustico, gestione dei rifiuti, gestione delle acque, trattamento delle acque reflue, ecoinnovazione e occupazione sostenibile, rendimento energetico e gestione ambientale integrata. “Tutti i finalisti – ha detto Janez Potocnik, il commissario europeo all’Ambiente – hanno fornito esempi validi di come il rispetto dell’ambiente, un’eccellente qualità della vita e la crescita economica, possono essere combinati con successo”.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende