Home » Rubriche »Very Important Planet » Mercedes Bresso: “I summit internazionali inutili, ma l’economia è fatta di tante azioni individuali”:

Mercedes Bresso: “I summit internazionali inutili, ma l’economia è fatta di tante azioni individuali”

maggio 17, 2013 Rubriche, Very Important Planet

La passione della scrittura ha un cuore antico. Per Mercedes Bresso, professoressa in Economia specializzata in Economia geografica e dell’ambiente, il pallino del romanzo è un vezzo coltivato fin dagli anni ’70. Con la sorella Paola, docente di Storia regionale alla facoltà di Scienze Politiche, a Torino, ha scritto quasi 40 anni fa, nel ’78, “Missione Last Flower”, edito solo oggi per i tipi di Eugenio Pintore. Le autrici ne parlano al Caffé Letterario, al Salone del Libro, alle 16 di domenica, con Mario Tozzi e Silvia Rosa Brusin.

D) Con un ritorno all’interesse ambientale, nel romanzo fantascientifico, fate il punto sulla storia (per lo più fallimentare) dei summit mondiali. Non è cambiato niente in questi anni?

R) Malgrado l’impegno, i meeting, i piani internazionali, le cose continuano ad andare nello stesso modo. Dopo Rio, quando era chiaro cosa sarebbe successo, malgrado certa buona volontà apparente, non si riesce a cambiare più il corso delle cose. Malgrado qualche sforzo fatto, qualche riduzione d’impatto pro capite, la pressione complessiva sull’ambiente continua a crescere, non sembra reversibile. La buona volontà c’è, ma in apparenza. Anche in Europa: la green economy è uno dei tre pilastri del settennato dei fondi, insieme all’economia digitale e alla lotta per la povertà.

D) Dobbiamo rassegnarci?

R) No. L’economia è fatta anche di miliardi di comportamenti individuali. Il ruolo degli stati è di regolazione, legislazione, ma più di tanto non si può fare. I rapporti tra gli stati sono molto complicati. I Paesi meno sviluppati vogliono crescere, giustamente. E’ un processo sostenibile fino a quando centinaia di milioni di persone non pretenderanno di essere tutte allo stesso livello. La politica non vuole certo diminuire il tasso di crescita. In questo momento, non ci sono risorse per fare investimenti che cambino davvero l’impatto sull’ambiente.

D) Sta dicendo che la decrescita è un miraggio?

R) La decrescita può funzionare solo nell’utilizzo di quantità di risorse e energia in assoluto. L’idea che sia possibile fermarsi oggi è assurda, anche se la crescita è zero, l’utilizzo di quantità di energia è innegabile. Possiamo di certo incidere su un tipo diverso di crescita qualitativa. Ma il pessimismo è diffuso, 8 miliardi di abitanti avranno bisogno di nutrirsi.

D) Ci sono però Paesi come la Cina che stanno investendo molto sulle energie rinnovabili. Possono essere un baluardo di speranza? Perché non li seguiamo?

R) Insieme agli Stati Uniti, sono i maggiori spreconi di consumo di energia. Anche Germania, Finlandia, Svezia, Danimarca stanno finanziando la ricerca “verde”. In effetti, la Cina qualcosa sta facendo: producono pannelli solari, ma non molto buoni, inquinanti. Comunque li producono, vogliono occupare uno spazio di mercato. Hanno fatto un accordo di scambio con le città europee, perché pensano che siamo più avanti rispetto agli altri. Una certa buona volontà si nota, man mano che peggiora la situazione, man mano che l’impatto cresce anno dopo anno, inesorabilmente.

D) Da dove cominciare?

R) Se vogliamo risparmiare, dobbiamo usare i treni, ma i treni moderni. Non si può dire di no a tutto.

D) Si riferisce al problema della Tav?

R) Alla Tav, alle pale eoliche. Al confine tra Spagna e Portogallo ci sono pale molto belle esteticamente. Fatte le verifiche d’impatto, non si può contestare tutto a priori, se si vuole evitare l’uso di energia a petrolio e a gas, se si vuole bypassare l’eterna dipendenza economica da altri stati. Sull’Appennino, l’eolico ci sta benissimo. Per il resto, bisogna puntare sulle correnti marine, dove c’è il fondale basso. E sul solare, in termini di autoproduzione energetica. Sarebbe un sogno avere tutte le case alimentate a pannelli. La prima cosa da fare è costruire sistemi pubblico-privati di finanziamento di questa economia. Società a garanzia pubblica, con capitali privati, che realizzino interventi di efficienza energetica, pagandosi sul risparmio. Ti mettono a posto la casa, rilanci in economia, paghi la differenza di quello che spendevi prima. Così è possibile raggiungere un’efficienza enorme, in sei anni si ammortizza l’investimento. Ma le imprese non hanno risorse da mettere in questo campo, le fondazioni bancarie potrebbero mettere capitali in fondi d’investimento costruiti ad hoc.

D) Tornando alla Tav, come crede che finirà?

R) Dal punto di vista ambientale, i treni sono veloci ed efficienti, valgono decine di aerei, sarebbero la soluzione ideale per l’Europa, che è piccola, in fondo. Se la Tav non si farà in Val di Susa,  si farà altrove. Al corridoio 5 non c’è alternativa. Andrà avanti verso il sud o verso l’est, sulla tratta Torino-Milano verso Brescia. Non temete, si andrà avanti comunque.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende