Home » Bollettino Europa »Rubriche » Michèle Rivasi (Europe Ecologie): la diplomazia europea si svincoli dalla valvola del gas russo:

Michèle Rivasi (Europe Ecologie): la diplomazia europea si svincoli dalla valvola del gas russo

maggio 9, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Continuano le interviste di Greenews.info ai candidati – italiani e stranieri – alle elezioni europee 2014. Vicepresidente del Gruppo dei Verdi al Parlamento Europeo, nonché membro della Commissione per l’Industria, la Ricerca e l’Energia, Michèle Rivasi, di Europe Écologie, terzo partito francese, vanta una carriera politica interamente dedicata all’ambiente. Le tracce della sua militanza ecologista risalgono, infatti, alla nascita della Commissione di Ricerca e di informazione indipendente sulla radioattività (CRIIRAD), da lei fondata. Nel 1986, assieme a Corinne Lepage e a seguito della catastrofe di Chernobyl, Rivasi ha anche dato vita all’Osservatorio di vigilanza e di allerta ecologica (OVALE). E’ stata, inoltre, direttrice di Greenpeace Francia.

D) Onorevole Rivasi, quali sono, secondo lei, le sfide che attendono l’Unione Europea in campo ambientale durante i prossimi cinque anni?

R) L’Europa ha costruito sé stessa attraverso le crisi che ha dovuto affrontare. Oggi, le conseguenze della crisi finanziaria hanno colpito l’economia reale, la creazione di posti di lavoro sarà quindi una priorità per l’Europa. Inoltre, i cittadini dell’UE non hanno l’impressione di essere abbastanza protetti per quanto riguarda gli effetti della globalizzazione, dobbiamo dimostrare che si sbagliano. Tuttavia, per far sì che l’Europa sia forte, deve essere coerente e in grado di colmare le disparità esistenti tra i diversi Paesi. A mio avviso, è urgente che l’UE si sviluppi contando di più sulle proprie risorse di bilancio perché, al momento, dipendiamo troppo dai contributi degli Stati membri. Di fronte a un Parlamento Europeo fortemente sbilanciato a destra, gli ambientalisti non si ritrovano in questa logica ultra-liberista che scatena un dumping fiscale tra gli Stati. Dobbiamo mettere in discussione le regole sul commercio. Come dimostrato dalla tassa sulle transazioni finanziarie, tutti i Paesi europei non hanno le stesse priorità e desideri. L’attuazione di una cooperazione rafforzata tra alcuni Stati permette di rispondere al problema della situazione di stallo istituzionale relativo alla regola dell’unanimità in seno al Consiglio. Questa è certamente una soluzione utile per far avanzare l’Europa. Gli Stati più proattivi possono muoversi più velocemente . Gli altri si uniranno una volta valutata l’efficacia delle politiche messe in atto attraverso la cooperazione rafforzata. D’altra parte, l’Unione Europea deve perseguire l’obiettivo della tutela dell’ambiente e della salute dei consumatori, e quindi rafforzare ulteriormente la legislazione esistente per lottare contro l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e della terra.

D) Qual è il tema ambientale che l’Assemblea Parlamentare che si formerà dopo il voto di maggio non potrà assolutamente evitare di affrontare?

R) Il pacchetto clima ed energia 2030 sarà senza dubbio il perno attorno al quale ruoterà la legislazione ambientale durante la prossima legislatura. Alcune linee guida dovranno essere modificate per tener conto dell’evoluzione dell’inquinamento e delle nuove scoperte scientifiche, penso in particolare alla direttiva sulla qualità dell’aria. La ratifica (o meno), dell’accordo di libero scambio con gli Stati Uniti (TTIP) avrà, inoltre, un forte impatto sulla realizzazione della politica ambientale dell’UE. Gli ecologisti vogliono rimanere vigili e rifiutare qualsiasi accordo che minacci la salute e l’ambiente.

D) Come potrà, il Parlamento Europeo, essere più incisivo nel settore energetico cercando di superare le volontà degli Stati Membri e gli interessi delle lobby dei trasporti, promuovendo lo sviluppo delle fonti rinnovabili e la riconversione “verde” delle industrie?

R) Contrariamente agli Stati membri che difendono un obiettivo vincolante – la riduzione delle emissioni di gas serra – il Parlamento Europeo ha preso posizione su tre obiettivi “clima ed energia” vincolanti per il 2030: la riduzione delle emissioni , le energie rinnovabili  e l’efficienza energetica. Purtroppo, a causa dei rapporti di forza con il Consiglio degli Stati Membri le proposte del Parlamento possono talvolta non avere successo nonostante siano più responsabili e definiscano un quadro normativo più chiaro, quindi più orientate verso le imprese, gli investitori e i consumatori. Troppo spesso sono gli Stati che bloccano le decisioni più ambiziose del Parlamento e che cercano di difendere gli interessi della loro industria nazionale e i posti di lavoro ad essa connessi. L’unico modo per garantire che il Consiglio rispetti la posizione del Parlamento Europeo è quello di aumentare la pressione dei cittadini sui Paesi. Le lobby sono certamente ben organizzate ed influenti, ma non dimentichiamo che la società civile è molto più potente quando è organizzata a livello europeo. Se il Parlamento ha respinto il trattato ACTA anti-contraffazione, non lo ha fatto soltanto attraverso il lavoro degli eletti in assemblea, ma anche grazie all’l’incredibile mobilitazione dei cittadini europei che hanno continuato a sfidare i loro deputati.

D) C’è un profondo legame tra le imprese, lo sviluppo sociale e la green economy. In quale modo la riconversione verde delle industrie e la relativa creazione di green jobs potrebbero condurre l’Europa fuori dall’attuale crisi economica?

R) I Verdi sono a favore di un Green New Deal, un piano per rilanciare l’economia europea e rispondere alle crisi sanitarie, economiche, sociali e ambientali. Investire nel futuro, sul lungo periodo, ci permetterà di creare posti di lavoro permanenti e sul territorio europeo, generando sviluppo sostenibile, nonché risparmio da reinvestire in progetti nuovi. L’implementazione dell’efficienza energetica nel settore dell’edilizia creerà, per esempio, centinaia di migliaia di posti di lavoro a livello europeo, ridurrà le bollette dei consumatori, eliminando, inoltre, rischi per la salute e riducendo la nostra dipendenza energetica dai Paesi che usano le loro esportazioni di energia come strumento di ricatto. La crisi in Ucraina dimostra che la diplomazia europea è vincolata dalla valvola del gas russo. Abbiamo, pertanto, un ruolo importante da svolgere sulla scena internazionale.

D) In occasione delle prossime elezioni, Ska Keller e José Bové sono stati eletti leader del Partito dei Verdi Europei, primo nell’UE ad organizzare elezioni primarie online aperte a tutti i cittadini dell’Unione. In sede parlamentare i Verdi come intenderanno cooperare con le altre forze politiche per raggiungere gli obiettivi delineati dall’UE in campo ambientale?

R) La cooperazione e il consenso tra i gruppi politici è una caratteristica dei lavori parlamentari a livello europeo. Alleanze ad hoc vengono create su temi diversi, a seconda del contesto. Naturalmente i Verdi tendono a costruire consenso e maggioranze con i partiti della Sinistra (S&D  e GUE) e con il Centro liberale (ALDE). Questo può succedere anche con il Partito Popolare (PPE), ma quasi mai con il gruppo dei Conservatori (ECR) e degli Indipendenti (NI). All’interno della Commissione ENVI – Energia Ambiente e Salute pubblica – gli ambientalisti sono rinomati per la loro competenza e la loro capacità di essere un passo avanti, di anticipare i problemi futuri e quindi abbiamo abbastanza influenza nonostante la nostra mancanza di peso politico. Ciò che conta è soprattutto l’impegno dei parlamentari europei e l’attività della Commissione per fare sentire la nostra voce. I Verdi sono, del resto, tra i partiti più attivi.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende