Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Micro4You: le mille potenzialità dei batteri, possibili sostituti della chimica:

Micro4You: le mille potenzialità dei batteri, possibili sostituti della chimica

giugno 18, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Sarà perché sfuggono alla nostra vista, sarà soprattutto perché la chimica è stata a lungo una soluzione troppo facile ed economica per spingerci a cercare delle alternative più sostenibili. Fatto sta che oggi i microrganismi rappresentano un mondo ancora in parte sconosciuto e poco sfruttato, mentre potrebbero in molti casi affiancare o sostituire sostanze di sintesi, oppure risolvere problemi che la chimica ad oggi non è riuscita a risolvere.

Tra le aziende all’avanguardia in Italia in questo settore c’è Micro4You, spin off dell’università di Milano fondato nel 2010 da un gruppo di ricercatori e professori, che ha già collezionato molti riconoscimenti, tra i quali il premio Gaetano Marzotto, il premio speciale “Bright Future Ideas Award” del British Consulate General and UK Trade&Investment, il premio Sviluppo sostenibile. L’idea di partenza è stata quella di applicare concretamente i risultati di molti studi: “Ci occupiamo da tempo di microbiologia ambientale e rapporti tra i microrganismi e gli organismi superiori. Il nostro scopo è mettere a disposizione di tutti le nostre scoperte: i microrganismi hanno proprietà metaboliche infinite, che se ben sfruttate possono offrire molti servizi in diverse attività umane”, spiega Annalisa Balloi, microbiologa e ad della società. Per capire la loro versatilità, basta guardare i due prodotti a base microbica messi a punto dall’azienda, pensati per due settori diversissimi tra loro: uno è per la pulitura di opere d’arte, l’altro per la salute delle api.

Partiamo da Micro4Art, che permette di rimuovere dalle superfici in pietra di opere d’arte ed edifici storici alterazioni di natura solfatica, quelle “croste nere” che spesso vediamo sui monumenti. Ecco come funziona: “I batteri usano il solfato per il loro metabolismo, proprio come noi esseri umani usiamo l’ossigeno. In questo modo, le croste nere costituite da solfato di calcio si destrutturano e, dopo l’applicazione con i batteri, possono essere rimosse facilmente dalla superficie con un semplice lavaggio”. I batteri alla base del composto non sono tossici e non lasciano residui sui monumenti: “Sono microrganismi tipici del suolo, presenti ad esempio in terreni vicino ad acque termali ricche di zolfo. Non sono pericolosi e non c’è rischio di una loro proliferazione: a contatto con l’ossigeno e privati del solfato, muoiono dopo poco tempo”. Ai vantaggi ambientali si accompagnano quelli “tecnici”: “I prodotti chimici costano meno di un prodotto a base microbica, ma i risultati sono diversi: se i primi sono una specie di ariete che elimina tutto quello che trova sulla sua strada, i batteri sono molto più selettivi e permettono di asportare solo l’alterazione, senza danneggiare in nessun modo le opere d’arte”. Dopo essere stato testato su vari edifici e opere d’arte – tra gli altri, una piccola porzione della facciata della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano, una formella del Duomo di Milano, la Cattedrale di Matera, su un’area del basamento della Pietà Rondanini di Michelangelo – Micro4Art è stato lanciato sul mercato a gennaio scorso. Il prodotto è stato sviluppato grazie al finanziamento di 250.000 vinto con il premio Marzotto: “Siamo partiti da un brevetto già esistente depositato da un gruppo di ricercatori con cui collaboriamo, e di cui abbiamo acquisito la licenza esclusiva. In Italia sono all’attivo molte ricerche sul biorestauro, ma noi siamo gli unici ad avere sviluppato un prodotto. E ne stiamo studiando di nuovi per altri tipi di alterazioni”, continua Annalisa Balloi.

In parallelo a Micro4Art, il team dell’azienda ha sviluppato e testato Micro4Bee, un mix di microrganismi che conferiscono benessere all’alveare e lo proteggono da patologie di origine batterica. “Siamo partiti dallo studio dei batteri presenti nell’intestino delle api sane, e li abbiamo testati per la loro capacità di inibire patologie a carico dell’alveare. Siamo così arrivati a selezionare alcuni batteri probiotici che esercitano un’attività antagonista contro il batterio della peste americana”. Dopo esperimenti in laboratorio, il prodotto è stato testato, con l’autorizzazione ministeriale, nell’azienda apistica Mario Bianco di Calusco, in provincia di Bergamo: prove che hanno dimostrato come il prodotto sia efficace anche se spruzzato sull’alveare. Dopo questi risultati positivi, “è iniziato l’iter presso il ministero della Salute e l’Agenzia europea del farmaco per la messa in commercio del prodotto”, che è stato sviluppato in collaborazione con entomologi dell’università di Torino e microbiologi dell’università di Tunisi. “Da anni studiavamo l’interazione tra batteri e organismi superiori. Abbiamo scelto di approfondire il settore dell’apicoltura per via delle frequenti morie delle api e per il loro impatto economico, non solo in termini di industria del miele, ma più in generale per le significative ricadute che l’impollinazione ha sull’economia e la vita quotidiana”.

Tra i progetti a cui sta lavorando il team di Micro4You, accanto allo sviluppo di nuovi prodotti per il biorestauro, c’è anche l’ambizioso Micro4Plant, che in futuro potrebbe consentire coltivazioni anche in zone aride, oggi off limits per l’agricoltura: “L’idea è di realizzare formulati microbici capaci di sostenere le piante in situazioni di stress idrico”. E altri progetti verranno, perché “sui microrganismi e sul loro ruolo nei cicli naturali molto è ancora da scoprire”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende