Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Micro4You: le mille potenzialità dei batteri, possibili sostituti della chimica:

Micro4You: le mille potenzialità dei batteri, possibili sostituti della chimica

giugno 18, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Sarà perché sfuggono alla nostra vista, sarà soprattutto perché la chimica è stata a lungo una soluzione troppo facile ed economica per spingerci a cercare delle alternative più sostenibili. Fatto sta che oggi i microrganismi rappresentano un mondo ancora in parte sconosciuto e poco sfruttato, mentre potrebbero in molti casi affiancare o sostituire sostanze di sintesi, oppure risolvere problemi che la chimica ad oggi non è riuscita a risolvere.

Tra le aziende all’avanguardia in Italia in questo settore c’è Micro4You, spin off dell’università di Milano fondato nel 2010 da un gruppo di ricercatori e professori, che ha già collezionato molti riconoscimenti, tra i quali il premio Gaetano Marzotto, il premio speciale “Bright Future Ideas Award” del British Consulate General and UK Trade&Investment, il premio Sviluppo sostenibile. L’idea di partenza è stata quella di applicare concretamente i risultati di molti studi: “Ci occupiamo da tempo di microbiologia ambientale e rapporti tra i microrganismi e gli organismi superiori. Il nostro scopo è mettere a disposizione di tutti le nostre scoperte: i microrganismi hanno proprietà metaboliche infinite, che se ben sfruttate possono offrire molti servizi in diverse attività umane”, spiega Annalisa Balloi, microbiologa e ad della società. Per capire la loro versatilità, basta guardare i due prodotti a base microbica messi a punto dall’azienda, pensati per due settori diversissimi tra loro: uno è per la pulitura di opere d’arte, l’altro per la salute delle api.

Partiamo da Micro4Art, che permette di rimuovere dalle superfici in pietra di opere d’arte ed edifici storici alterazioni di natura solfatica, quelle “croste nere” che spesso vediamo sui monumenti. Ecco come funziona: “I batteri usano il solfato per il loro metabolismo, proprio come noi esseri umani usiamo l’ossigeno. In questo modo, le croste nere costituite da solfato di calcio si destrutturano e, dopo l’applicazione con i batteri, possono essere rimosse facilmente dalla superficie con un semplice lavaggio”. I batteri alla base del composto non sono tossici e non lasciano residui sui monumenti: “Sono microrganismi tipici del suolo, presenti ad esempio in terreni vicino ad acque termali ricche di zolfo. Non sono pericolosi e non c’è rischio di una loro proliferazione: a contatto con l’ossigeno e privati del solfato, muoiono dopo poco tempo”. Ai vantaggi ambientali si accompagnano quelli “tecnici”: “I prodotti chimici costano meno di un prodotto a base microbica, ma i risultati sono diversi: se i primi sono una specie di ariete che elimina tutto quello che trova sulla sua strada, i batteri sono molto più selettivi e permettono di asportare solo l’alterazione, senza danneggiare in nessun modo le opere d’arte”. Dopo essere stato testato su vari edifici e opere d’arte – tra gli altri, una piccola porzione della facciata della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano, una formella del Duomo di Milano, la Cattedrale di Matera, su un’area del basamento della Pietà Rondanini di Michelangelo – Micro4Art è stato lanciato sul mercato a gennaio scorso. Il prodotto è stato sviluppato grazie al finanziamento di 250.000 vinto con il premio Marzotto: “Siamo partiti da un brevetto già esistente depositato da un gruppo di ricercatori con cui collaboriamo, e di cui abbiamo acquisito la licenza esclusiva. In Italia sono all’attivo molte ricerche sul biorestauro, ma noi siamo gli unici ad avere sviluppato un prodotto. E ne stiamo studiando di nuovi per altri tipi di alterazioni”, continua Annalisa Balloi.

In parallelo a Micro4Art, il team dell’azienda ha sviluppato e testato Micro4Bee, un mix di microrganismi che conferiscono benessere all’alveare e lo proteggono da patologie di origine batterica. “Siamo partiti dallo studio dei batteri presenti nell’intestino delle api sane, e li abbiamo testati per la loro capacità di inibire patologie a carico dell’alveare. Siamo così arrivati a selezionare alcuni batteri probiotici che esercitano un’attività antagonista contro il batterio della peste americana”. Dopo esperimenti in laboratorio, il prodotto è stato testato, con l’autorizzazione ministeriale, nell’azienda apistica Mario Bianco di Calusco, in provincia di Bergamo: prove che hanno dimostrato come il prodotto sia efficace anche se spruzzato sull’alveare. Dopo questi risultati positivi, “è iniziato l’iter presso il ministero della Salute e l’Agenzia europea del farmaco per la messa in commercio del prodotto”, che è stato sviluppato in collaborazione con entomologi dell’università di Torino e microbiologi dell’università di Tunisi. “Da anni studiavamo l’interazione tra batteri e organismi superiori. Abbiamo scelto di approfondire il settore dell’apicoltura per via delle frequenti morie delle api e per il loro impatto economico, non solo in termini di industria del miele, ma più in generale per le significative ricadute che l’impollinazione ha sull’economia e la vita quotidiana”.

Tra i progetti a cui sta lavorando il team di Micro4You, accanto allo sviluppo di nuovi prodotti per il biorestauro, c’è anche l’ambizioso Micro4Plant, che in futuro potrebbe consentire coltivazioni anche in zone aride, oggi off limits per l’agricoltura: “L’idea è di realizzare formulati microbici capaci di sostenere le piante in situazioni di stress idrico”. E altri progetti verranno, perché “sui microrganismi e sul loro ruolo nei cicli naturali molto è ancora da scoprire”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende