Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “MicroMACRO”, verso una nuova economia del benessere:

“MicroMACRO”, verso una nuova economia del benessere

maggio 19, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Quando si parla di economia o di produzione tutti immediatamente pensiamo a grandi industrie, grandi numeri, mercati internazionali, questo perché nell’immaginario collettivo è diffusa la convinzione che solo così si possa generare ricchezza e benessere. In “microMACRO” l’autore, Luigi Bistagnino, docente del Politecnico di Torino, spiega come si possa costruire un modello relazionale tra i soggetti interessati che conduca a un nuovo paradigma economico-produttivo, con ricadute positive nel sociale, migliorando il benessere generale.  La chiave di tutto risiede nell’Approccio Sistemico, metodo di cui si chiarisce la portata concettuale e il saggio medesimo ne costituisce un esempio con casi reali. Per “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto dell’introduzione del saggio edito da Edizioni Ambiente.

Viviamo in una situazione che ci appare del tutto naturale e non riusciamo a percepire le distorsioni che quotidianamente si realizzano tramite i vari interscambi commerciali di cibo, di risorse, di prodotti…..

Il pianeta in base a questa realtà si trasforma letteralmente e le riconfigurazioni ottenute esprimono molto chiaramente l’utilizzo strumentale che viene fatto di alcune nazioni e territori in relazione al potere economico posseduto da altri.

Si vede chiaramente che addirittura dei continenti scompaiono del tutto, come il Sud America o l’Africa, quando si tratta di importazioni in generale e nello specifico di cibo, ma che al contrario si deformano innaturalmente nel caso delle esportazioni.

L’Europa in generale ed il Giappone sono ad esempio dei territori che più pesantemente agiscono nel creare queste mostruosità e nello sfruttare i territori altrui per il proprio consumo.

Lo stesso dicasi per ciò che riguarda le attività produttive di beni e di prodotti. Le risorse necessarie per realizzare qualsivoglia prodotto sono prese in maniera molto disinvolta da qualunque parte del mondo facendole giungere al posto di produzione per poi distribuire capillarmente in ogni dove, con preferenza al mercato globale rispetto a quello locale, quanto viene realizzato.

La situazione delineata induce a riflettere molto seriamente su quanto stia accadendo e su come i singoli consumatori con le loro scelte quotidiane siano la reale molla che attiva questa possente e squilibrata macchina. La cultura di massa avulsa da ogni contestualità, promossa insistentemente dai messaggi pubblicitari delle varie aziende, strappa le radici ai singoli soggetti per farli partecipare collettivamente ad una vita virtuale. Il trovare in ogni luogo gli stessi prodotti può dare la sensazione rassicurante di essere sempre a casa, ma così facendo, sia noi che i prodotti, perdiamo qualsiasi legame con il territorio di origine ed anche la capacità di rapporto culturale e biologico con il posto in cui si è.

Basta visitare un centro storico di una qualunque città per constatare come si stia trasformando in un centro commerciale all’aperto sempre uguale, o meglio ossessivo, con la continua iterazione degli stessi prodotti e degli stessi negozi progettati per essere riconoscibili come appartenenti ad una catena, ma avulsi dal contesto culturale e territoriale in cui si trovano. I messaggi di acquisto fanno leva sulle debolezze degli utenti inducendoli ad acquistare un prodotto non per le sue vere specifiche qualità ma per lo stile di vita suggerito. Si vendono bevande suggerendo felicità o cibo evocando idilliaci mondi fiabeschi.

Perché, al contrario, non puntare sulla conoscenza e sulla crescita dei singoli soggetti, rispettandone la cultura, parlando delle vere qualità dei prodotti, dei cibi e del territorio da dove provengono? Gli utenti, acquisendo consapevolezza, potrebbero riscoprire il territorio in cui si trovano, tessere spontaneamente dei rapporti positivi col proprio ambiente di vita e rivitalizzarlo concretamente.

Non ci sono quindi semplicemente alcuni cambiamenti da effettuare, ma soprattutto delle nuove e chiare politiche da intraprendere per poter uscire dall’emergenza ambientale e principalmente dalla grande crisi attuale del sistema economico e produttivo.  Se non si cambieranno radicalmente gli attuali modi di concepire la creazione del valore economico (basato solo sul possesso materiale di beni) e del modello di produzione (concentrato sulla quantità dei prodotti) le crisi continueranno inesorabilmente a presentarsi nel tempo ma saranno sempre più frequenti e peggiori.

Luigi Bistagnino*

*Professore ordinario, Dipartimento di Architettura e Design, Politecnico di Torino, coordinatore del gruppo di ricerca Design Sistemico.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende