Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “MicroMACRO”, verso una nuova economia del benessere:

“MicroMACRO”, verso una nuova economia del benessere

maggio 19, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Quando si parla di economia o di produzione tutti immediatamente pensiamo a grandi industrie, grandi numeri, mercati internazionali, questo perché nell’immaginario collettivo è diffusa la convinzione che solo così si possa generare ricchezza e benessere. In “microMACRO” l’autore, Luigi Bistagnino, docente del Politecnico di Torino, spiega come si possa costruire un modello relazionale tra i soggetti interessati che conduca a un nuovo paradigma economico-produttivo, con ricadute positive nel sociale, migliorando il benessere generale.  La chiave di tutto risiede nell’Approccio Sistemico, metodo di cui si chiarisce la portata concettuale e il saggio medesimo ne costituisce un esempio con casi reali. Per “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto dell’introduzione del saggio edito da Edizioni Ambiente.

Viviamo in una situazione che ci appare del tutto naturale e non riusciamo a percepire le distorsioni che quotidianamente si realizzano tramite i vari interscambi commerciali di cibo, di risorse, di prodotti…..

Il pianeta in base a questa realtà si trasforma letteralmente e le riconfigurazioni ottenute esprimono molto chiaramente l’utilizzo strumentale che viene fatto di alcune nazioni e territori in relazione al potere economico posseduto da altri.

Si vede chiaramente che addirittura dei continenti scompaiono del tutto, come il Sud America o l’Africa, quando si tratta di importazioni in generale e nello specifico di cibo, ma che al contrario si deformano innaturalmente nel caso delle esportazioni.

L’Europa in generale ed il Giappone sono ad esempio dei territori che più pesantemente agiscono nel creare queste mostruosità e nello sfruttare i territori altrui per il proprio consumo.

Lo stesso dicasi per ciò che riguarda le attività produttive di beni e di prodotti. Le risorse necessarie per realizzare qualsivoglia prodotto sono prese in maniera molto disinvolta da qualunque parte del mondo facendole giungere al posto di produzione per poi distribuire capillarmente in ogni dove, con preferenza al mercato globale rispetto a quello locale, quanto viene realizzato.

La situazione delineata induce a riflettere molto seriamente su quanto stia accadendo e su come i singoli consumatori con le loro scelte quotidiane siano la reale molla che attiva questa possente e squilibrata macchina. La cultura di massa avulsa da ogni contestualità, promossa insistentemente dai messaggi pubblicitari delle varie aziende, strappa le radici ai singoli soggetti per farli partecipare collettivamente ad una vita virtuale. Il trovare in ogni luogo gli stessi prodotti può dare la sensazione rassicurante di essere sempre a casa, ma così facendo, sia noi che i prodotti, perdiamo qualsiasi legame con il territorio di origine ed anche la capacità di rapporto culturale e biologico con il posto in cui si è.

Basta visitare un centro storico di una qualunque città per constatare come si stia trasformando in un centro commerciale all’aperto sempre uguale, o meglio ossessivo, con la continua iterazione degli stessi prodotti e degli stessi negozi progettati per essere riconoscibili come appartenenti ad una catena, ma avulsi dal contesto culturale e territoriale in cui si trovano. I messaggi di acquisto fanno leva sulle debolezze degli utenti inducendoli ad acquistare un prodotto non per le sue vere specifiche qualità ma per lo stile di vita suggerito. Si vendono bevande suggerendo felicità o cibo evocando idilliaci mondi fiabeschi.

Perché, al contrario, non puntare sulla conoscenza e sulla crescita dei singoli soggetti, rispettandone la cultura, parlando delle vere qualità dei prodotti, dei cibi e del territorio da dove provengono? Gli utenti, acquisendo consapevolezza, potrebbero riscoprire il territorio in cui si trovano, tessere spontaneamente dei rapporti positivi col proprio ambiente di vita e rivitalizzarlo concretamente.

Non ci sono quindi semplicemente alcuni cambiamenti da effettuare, ma soprattutto delle nuove e chiare politiche da intraprendere per poter uscire dall’emergenza ambientale e principalmente dalla grande crisi attuale del sistema economico e produttivo.  Se non si cambieranno radicalmente gli attuali modi di concepire la creazione del valore economico (basato solo sul possesso materiale di beni) e del modello di produzione (concentrato sulla quantità dei prodotti) le crisi continueranno inesorabilmente a presentarsi nel tempo ma saranno sempre più frequenti e peggiori.

Luigi Bistagnino*

*Professore ordinario, Dipartimento di Architettura e Design, Politecnico di Torino, coordinatore del gruppo di ricerca Design Sistemico.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende