Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Migranti per aiutare la raccolta differenziata nei negozi stranieri. La nuova missione di “Sentinelle dei Rifiuti”:

Migranti per aiutare la raccolta differenziata nei negozi stranieri. La nuova missione di “Sentinelle dei Rifiuti”

luglio 19, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Per vincere la sfida della raccolta differenziata, sia in quantità che in qualità, è fondamentale la comunicazione. Informazioni chiare e precise, ma soprattutto coinvolgimento dei cittadini. Dal 2012 è la ricetta delle “Sentinelle dei Rifiuti” di Torino, volontari che in questi anni si sono fatti notare con iniziative originali, grazie all’impegno e al coordinamento dell’associazione ambientale Eco dalle Città, editrice dell’omonima testata, che ha appena lanciato nel capoluogo sabaudo un nuovo progetto: “Differenziamo meglio”.

Le Sentinelle saranno impegnate per le prossime due settimane in un’ azione di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata, in collaborazione con Amiat (Gruppo Iren), concentrata sulle attività commerciali della Circoscrizione 6, un quartiere “difficile” – tra Corso Giulio Cesare e Corso Vercelli - con la più alta concentrazione di attività commerciali gestite da cittadini stranieri. Chiara dunque la necessità di un’operazione di intermediazione culturale per informare nel migliore dei modi commercianti con tradizioni, culture e lingue diverse.

L’innovazione del progetto è infatti il coinvolgimento attivo dei migranti richiedenti asilo, che da volontari indossano i panni dei mediatori culturali. In questo modo si centrano diversi obiettivi: favorire l’inclusione sociale dei richiedenti asilo, spesso lasciati a se stessi e in balia degli eventi, sensibilizzare i nuovi cittadini italiani di origine straniera sulle tematiche ambientali e contribuire a migliorare la raccolta differenziata a Torino. Un progetto locale che, visti i benefici, potrebbe essere replicabile in altre città e Comuni italiani.

L’idea è di un ambientalista di vecchia data, che da sempre lavora all’incrocio tra la sostenibilità ambientale e quella sociale: Paolo Hutter, noto attivista e giornalista torinese, che ama “le cose scomode”. Già nei primi anni Settanta volò in Cile per seguire gli sviluppi del golpe, un reportage sui crimini militari che gli costò l’incarceramento.  Poi l’impegno politico, prima come consigliere comunale e poi nel 2000 come Assessore all’Ambiente del Comune di Torino, e oggi l’impegno associativo con Eco dalle Città, di cui è presidente e direttore responsabile.

Ma torniamo all’origine del progetto delle Sentinelle: “per fare qualcosa di concreto per la raccolta differenziata – racconta Hutter – anni fa pensammo di fare una proposta per un bando sul lavoro accessorio dei giovani italiani. Tra le iniziative ricordo i trash mob dove si prendevano i bidoni dell’indifferenziata e si faceva vedere il contenuto: c’era tanto da differenziare!“.

Ora la sensibilizzazione continua con “Differenziamo Meglio”, dove i volontari insieme ai richiedenti asilo creano un team dal dialogo più efficace, per comprendere meglio le difficoltà che i commercianti stranieri affrontano tutti i giorni nella gestione dei propri rifiuti. In sostanza: superare le barriere linguistiche per differenziare meglio. “Abbiamo coinvolto i richiedenti asilo, prima con Volontari per un Giorno e poi con altre iniziative, per esempio a Porta Palazzo (altro quartiere multietnico di Torino, NdR). Ora iniziamo questo giro esplorativo nel mondo del commercio prevalentemente straniero – spiega Hutter – per ricordare che la differenziata si può fare anche nei quartieri dove non è arrivato il porta a porta“. C’è il lavoro sul campo, ma anche un po’ di tecnologia. Grazie al Rifiutologo Multilingue, uno strumento realizzato da Amiat in inglese, francese, spagnolo, arabo e cinese. In questo modo è più facile far comprendere ai cittadini stranieri le corrette modalità della raccolta differenziata.

Le “Sentinelle dei Rifiuti” proseguono dunque, con nuove modalità, la loro missione nata che dal 2012, che vanta nel proprio curriculum molte altre iniziative, come PoPP, per il miglioramento della raccolta dell’organico allo storico mercato di Porta Palazzo (un’iniziativa dove, oltre alla differenziazione, le Sentinelle si occupano anche di recuperare cibo prezioso per gli indigenti e le classi sociali maggiormente piegate dalla crisi economica); oppure la collaborazione con Slow Food per la differenziazione dei rifiuti al Terra Madre Salone del Gusto 2016; le Cartoniadi (Olimpiadi della Raccolta della Carta, promosso dal Comune di Torino, COMIECO e Amiat nel 2014); o ancora Vanchiglia Ricicla San Salvario Ricicla (2015 e 2016), organizzati in collaborazione con le circoscrizioni e gli istituti secondari di primo grado.

Un’esperienza che non intende restare confinata a Torino, ma è aperta alla replicabilità delle buone pratiche in altri luoghi d’Italia, come confermano i progetti già realizzati prima a Palermo e poi in Puglia, nel 2015, in collaborazione con la Regione Puglia e Arci. Proprio nei giorni in cui il dibattito sui migranti si infiamma Hutter resta fedele alla sua idea di inclusività, dove un “problema” sociale, può diventare un’opportunità per l’ambiente: “sono convinto che la nuova gestione dei rifiuti e quella contro gli sprechi avrà bisogno dei migranti e darà spazio al loro lavoro”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende