Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Miko: come ridurre l’impatto dei tessuti sintetici nell’automotive:

Miko: come ridurre l’impatto dei tessuti sintetici nell’automotive

gennaio 22, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre crescono i modelli e le vendite di macchine ibride e elettriche, la Miko, una piccola azienda con sede a Gorizia ma gran parte del proprio business fuori dai confini nazionali, sta rivoluzionando, nella direzione della sostenibilità, gli allestimenti interni delle quattro ruote. Con un tessuto, Dinamica, realizzato partendo da plastiche riciclate con processi a basso impatto ambientale e scarti ridotti. Una PMI a conduzione familiare, 40 dipendenti con un’età media al di sotto dei 40 anni e un fatturato che nel 2013, proprio grazie al settore automotive, ha raggiunto i 30 milioni di euro.

La storia di Miko comincia alla fine degli anni Novanta, quando la famiglia Terraneo, presente nel tessile dagli anni Settanta, fa un viaggio in Giappone alla ricerca di materiali innovativi. Qui l’incontro con la multinazionale Asahi Kasei e l’intuizione di un tessuto prodotto a partire dalla plastica recuperata, secondo una tecnica protetta da brevetto giapponese. Nasce così una collaborazione duratura con il gruppo nipponico, oggi socio di minoranza della società: “Asahi Kasei recupera per noi il poliestere, che viene filato e tramato. Viene poi mandato in Italia: nel nostro stabilimento di Gorizia completiamo la lavorazione del prodotto e lo tingiamo con colori atossici a base acqua”, spiega la responsabile marketing Benedetta Terraneo, che oggi guida l’azienda insieme al fratello.

Ma l’ingresso nel settore automotive non avviene subito: “Siamo partiti nei settori della moda e dell’arredamento, dove Dinamica è usata per i rivestimenti di arredi e inserti in abbigliamento, piccola pelletteria, borse e scarpe. La nostra testimonial era Isabella Rossellini”. Nel 2005, un progetto realizzato per General Motors proietta però l’impresa nel mondo delle quattro ruote di alta gamma: “Adesso abbiamo clienti in tutto il mondo, dal Brasile alla Cina fino all’Australia. Lavoriamo con grandi case come Mercedes, nostro principale cliente, Ford, Land Rover, Volkswagen, GM. E’ il settore che ci ha permesso di raggiungere i successi maggiori e a cui oggi è destinato il 90% delle nostre produzioni”.

Ed è proprio dal settore auto che paradossalmente è venuta la spinta per un maggiore impegno nel campo della sostenibilità. “In Nord Europa la sensibilità ambientale è forte. Quattro anni fa è stata proprio Land Rover a chiederci uno studio di LCA”, che analizzasse cioè il ciclo di vita del prodotto, dalla formazione della materia prima in Giappone fino alla realizzazione del prodotto finito a Gorizia. I risultati hanno rivelato una buona performance ambientale: “L’impatto di Dinamica è cinque volte inferiore a quello della pelle, altro materiale usato per i rivestimenti nelle auto di alta gamma. In sostanza, cinque sedute rivestite con il nostro tessuto hanno un impatto equivalente a una seduta rivestita in pelle”. Da lì, l’azienda ha poi ottenuto nel 2012 la certificazione EPD (Environment Product Declaration), basata  su un sistema trasparente per la comparazione di dati ambientali per prodotti di simile natura, secondo principi scientifici e riconosciuti a livello internazionale. “Abbiamo da poco installato un impianto fotovoltaico e siamo intervenuti sul processo per ridurre l’utilizzo di acqua, e dunque anche l’energia necessaria per riscaldarla. Tutti elementi che riducono ulteriormente l’impatto dei processi produttivi e che influiranno positivamente sul nuovo EPD”. Il fatturato oggi ha raggiunto i 30 milioni di euro, quasi tre volte rispetto al 2011. E “i nuovi trend di sostenibilità moltiplicheranno le nostre opportunità di business”.

Consistente l’investimento in ricerca e sviluppo: una delle ultime fatiche è la realizzazione di un laboratorio per eseguire tutte le prove tecniche in autonomia sulla resistenza del tessuto alle radiazioni e al fuoco. “E’ stato molto costoso, ma i clienti che ci visitano ci fanno i complimenti e ci permettono di fare prove anche per loro”.

Dopo il successo nell’automotive, Miko si sta preparando ad entrare anche nell’aviazione, in cui negli anni passati c’è stata solo una piccola incursione con dei poggiatesta forniti a Lufthansa. “E’ un settore molto difficile, perché richiede standard molto severi per i tessuti. Il nostro prodotto, pensato per il rivestimento delle sedute, sarà lanciato ad Amburgo il prossimo aprile durante l’Aircraft Interiors Expo”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende