Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Miko: come ridurre l’impatto dei tessuti sintetici nell’automotive:

Miko: come ridurre l’impatto dei tessuti sintetici nell’automotive

gennaio 22, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre crescono i modelli e le vendite di macchine ibride e elettriche, la Miko, una piccola azienda con sede a Gorizia ma gran parte del proprio business fuori dai confini nazionali, sta rivoluzionando, nella direzione della sostenibilità, gli allestimenti interni delle quattro ruote. Con un tessuto, Dinamica, realizzato partendo da plastiche riciclate con processi a basso impatto ambientale e scarti ridotti. Una PMI a conduzione familiare, 40 dipendenti con un’età media al di sotto dei 40 anni e un fatturato che nel 2013, proprio grazie al settore automotive, ha raggiunto i 30 milioni di euro.

La storia di Miko comincia alla fine degli anni Novanta, quando la famiglia Terraneo, presente nel tessile dagli anni Settanta, fa un viaggio in Giappone alla ricerca di materiali innovativi. Qui l’incontro con la multinazionale Asahi Kasei e l’intuizione di un tessuto prodotto a partire dalla plastica recuperata, secondo una tecnica protetta da brevetto giapponese. Nasce così una collaborazione duratura con il gruppo nipponico, oggi socio di minoranza della società: “Asahi Kasei recupera per noi il poliestere, che viene filato e tramato. Viene poi mandato in Italia: nel nostro stabilimento di Gorizia completiamo la lavorazione del prodotto e lo tingiamo con colori atossici a base acqua”, spiega la responsabile marketing Benedetta Terraneo, che oggi guida l’azienda insieme al fratello.

Ma l’ingresso nel settore automotive non avviene subito: “Siamo partiti nei settori della moda e dell’arredamento, dove Dinamica è usata per i rivestimenti di arredi e inserti in abbigliamento, piccola pelletteria, borse e scarpe. La nostra testimonial era Isabella Rossellini”. Nel 2005, un progetto realizzato per General Motors proietta però l’impresa nel mondo delle quattro ruote di alta gamma: “Adesso abbiamo clienti in tutto il mondo, dal Brasile alla Cina fino all’Australia. Lavoriamo con grandi case come Mercedes, nostro principale cliente, Ford, Land Rover, Volkswagen, GM. E’ il settore che ci ha permesso di raggiungere i successi maggiori e a cui oggi è destinato il 90% delle nostre produzioni”.

Ed è proprio dal settore auto che paradossalmente è venuta la spinta per un maggiore impegno nel campo della sostenibilità. “In Nord Europa la sensibilità ambientale è forte. Quattro anni fa è stata proprio Land Rover a chiederci uno studio di LCA”, che analizzasse cioè il ciclo di vita del prodotto, dalla formazione della materia prima in Giappone fino alla realizzazione del prodotto finito a Gorizia. I risultati hanno rivelato una buona performance ambientale: “L’impatto di Dinamica è cinque volte inferiore a quello della pelle, altro materiale usato per i rivestimenti nelle auto di alta gamma. In sostanza, cinque sedute rivestite con il nostro tessuto hanno un impatto equivalente a una seduta rivestita in pelle”. Da lì, l’azienda ha poi ottenuto nel 2012 la certificazione EPD (Environment Product Declaration), basata  su un sistema trasparente per la comparazione di dati ambientali per prodotti di simile natura, secondo principi scientifici e riconosciuti a livello internazionale. “Abbiamo da poco installato un impianto fotovoltaico e siamo intervenuti sul processo per ridurre l’utilizzo di acqua, e dunque anche l’energia necessaria per riscaldarla. Tutti elementi che riducono ulteriormente l’impatto dei processi produttivi e che influiranno positivamente sul nuovo EPD”. Il fatturato oggi ha raggiunto i 30 milioni di euro, quasi tre volte rispetto al 2011. E “i nuovi trend di sostenibilità moltiplicheranno le nostre opportunità di business”.

Consistente l’investimento in ricerca e sviluppo: una delle ultime fatiche è la realizzazione di un laboratorio per eseguire tutte le prove tecniche in autonomia sulla resistenza del tessuto alle radiazioni e al fuoco. “E’ stato molto costoso, ma i clienti che ci visitano ci fanno i complimenti e ci permettono di fare prove anche per loro”.

Dopo il successo nell’automotive, Miko si sta preparando ad entrare anche nell’aviazione, in cui negli anni passati c’è stata solo una piccola incursione con dei poggiatesta forniti a Lufthansa. “E’ un settore molto difficile, perché richiede standard molto severi per i tessuti. Il nostro prodotto, pensato per il rivestimento delle sedute, sarà lanciato ad Amburgo il prossimo aprile durante l’Aircraft Interiors Expo”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende