Home » Rubriche »Very Important Planet » Minoli, ottimista metropolitano: “L’uomo crea disastri ma trova sempre soluzioni”:

Minoli, ottimista metropolitano: “L’uomo crea disastri ma trova sempre soluzioni”

febbraio 1, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Dalla città non se ne andrebbe per niente al mondo, perché la ama. Più metropolitano di un personaggio dei romanzi di Don DeLillo, il giornalista Giovanni Minoli, ex direttore di RAI Educational e autore di trasmissioni di successo come La Storia Siamo Noi, non si separerebbe mai dal paesaggio urbano, che, dice “mi appartiene antropologicamente”. Anche i difetti si accettano, a malincuore. Dallo smog al trambusto del traffico a tutte le ore, sono i prezzi da pagare per stare immersi nelle comodità, nella “società attiva”. Il miglior modo per godersi la bellezza caotica della Capitale resta comunque, ci dice, a piedi.

D) Dott. Minoli, la “sua” Roma benché apprezzata per la qualità della vita che offre, è spesso oggetto di critiche per pulizia e inquinamento. Condivide?

R) Io la trovo senza mezzi termini meravigliosa, con un centro storico che ha gli scorci più belli del mondo. La conosco da vicino, perché mi sposto a piedi – che da casa mia alla RAI vuol dire 50 minuti di strada tutti i giorni, due volte al giorno.

D) Wow, meglio di un allenamento! Ma non cerca mai un paesaggio d’evasione?

R) E’ difficile che mi manchi la campagna. L’ho frequentata da piccolo per molti anni, a Baudenasca, nel pinerolese, dove trascorrevamo le vacanze estive. Mi divertivo molto, ma mi diverto molto di più a vivere a Roma. Vedo i difetti della vita urbana, ma mi appartengono antropologicamente e culturalmente. Un segreto, comunque, ce l’ho. D’estate in effetti mi rifugio in una sorta di paradiso naturale…

D) Dove, se possiamo saperlo?

R) A Filicudi, isola meravigliosa delle Eolie, quasi deserta, piena di meraviglie. Lì riscopro l’altra faccia della bellezza. C’è quella dell’uomo, creativo e inventore, e quella del dio, che semina qua e la’ delle perle.

D) Come accade per i beni culturali, anche per il paesaggio l’Italia fatica a valorizzare i suoi tesori, li deturpa, li sporca, non li preserva. Perché?

R) Abbiamo troppo bello. E’ come mangiare caviale tutti i giorni; dopo un po’ fa male al fegato. Ci vuole cultura per apprezzare questa meraviglia. E’ l’unico petrolio che abbiamo, se puntassimo su questo saremmo la Svizzera del bello. Ci arriveranno forse i nostri nipoti, dopo la crisi dell’economia industriale…

D) Se non avremo cementificato irreparabilmente tutto, nel frattempo…

R) Di posti meravigliosi ce ne sono ancora tanti e ce ne saranno sempre. La cementificazione e’ figlia della cultura disastrata del passato, dei geometri democristiani e comunisti. Il fascismo, al contrario, ha lasciato un segno anche per le sue architetture. Prendiamo l’Eur, Sabaudia. Sono bellissime, con un progetto urbanistico armonico.

D) Vada l’ottimismo razionalista della “città ideale” – alla Piero della Francesca – ma non crede che l’urbanizzazione selvaggia abbia più spesso creato ecomostri che capolavori?

R) Io non sono per la vittoria dell’orsetto lavatore contro l’uomo. Tra i due, preferisco l’essere umano, poi se c’è spazio rispetto anche l’orsetto lavatore. Certo, la natura va difesa, oggi non difendere il proprio paese dall’inquinamento vuole dire uccidere le generazioni future. Gli indiani d’America, prima di prendere una decisione, pensavano ai successori di cinque generazioni più in là. Forse così è troppo (e infatti sono morti e si sono estinti). L’ambientalismo deve integrarsi con l’economia, sempre più verso un modello di “economia verde”. In Italia siamo indietro e ignoranti. Anche se, per fortuna, non siamo schiavi delle mode: si è visto con l’eolico come si distrugge il territorio…

D) Un Ministro dell’Ambiente della Repubblica Italiana, che ricorda per il buon operato?

R) Perché, abbiamo anche un Ministro dell’Ambiente?

D) Lei è sportivo?

R) Lo sono stato moltissimo in passato. Ho praticato tutti gli sport, dal calcio agonistico – ho giocato con i semiprofessionisti – allo sci. Ora gioco a golf in modo serio, i fratelli Molinari sono miei cugini.

D) Con questa sua fiducia per la città, non c’è proprio nulla da migliorare nella qualità della vita metropolitana?

R) Si migliorerà strada facendo. Prima l’uomo sognava l’automobile, oggi la usa solo se ne ha bisogno, sa che l’auto è qualcosa che fa male, non la mitizza più. E’ pur vero che abbiamo costruito una società che segue uno sviluppo ancora miope, per cui prima di convincerci che sia meglio usare il treno, dovremmo uccidere tutte le macchine del mondo. Il processo di riconversione è lento, ma sono ottimista. L’uomo crea dei disastri e poi trova delle soluzioni geniali.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende