Home » Rubriche »Very Important Planet » Minoli, ottimista metropolitano: “L’uomo crea disastri ma trova sempre soluzioni”:

Minoli, ottimista metropolitano: “L’uomo crea disastri ma trova sempre soluzioni”

febbraio 1, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Dalla città non se ne andrebbe per niente al mondo, perché la ama. Più metropolitano di un personaggio dei romanzi di Don DeLillo, il giornalista Giovanni Minoli, ex direttore di RAI Educational e autore di trasmissioni di successo come La Storia Siamo Noi, non si separerebbe mai dal paesaggio urbano, che, dice “mi appartiene antropologicamente”. Anche i difetti si accettano, a malincuore. Dallo smog al trambusto del traffico a tutte le ore, sono i prezzi da pagare per stare immersi nelle comodità, nella “società attiva”. Il miglior modo per godersi la bellezza caotica della Capitale resta comunque, ci dice, a piedi.

D) Dott. Minoli, la “sua” Roma benché apprezzata per la qualità della vita che offre, è spesso oggetto di critiche per pulizia e inquinamento. Condivide?

R) Io la trovo senza mezzi termini meravigliosa, con un centro storico che ha gli scorci più belli del mondo. La conosco da vicino, perché mi sposto a piedi – che da casa mia alla RAI vuol dire 50 minuti di strada tutti i giorni, due volte al giorno.

D) Wow, meglio di un allenamento! Ma non cerca mai un paesaggio d’evasione?

R) E’ difficile che mi manchi la campagna. L’ho frequentata da piccolo per molti anni, a Baudenasca, nel pinerolese, dove trascorrevamo le vacanze estive. Mi divertivo molto, ma mi diverto molto di più a vivere a Roma. Vedo i difetti della vita urbana, ma mi appartengono antropologicamente e culturalmente. Un segreto, comunque, ce l’ho. D’estate in effetti mi rifugio in una sorta di paradiso naturale…

D) Dove, se possiamo saperlo?

R) A Filicudi, isola meravigliosa delle Eolie, quasi deserta, piena di meraviglie. Lì riscopro l’altra faccia della bellezza. C’è quella dell’uomo, creativo e inventore, e quella del dio, che semina qua e la’ delle perle.

D) Come accade per i beni culturali, anche per il paesaggio l’Italia fatica a valorizzare i suoi tesori, li deturpa, li sporca, non li preserva. Perché?

R) Abbiamo troppo bello. E’ come mangiare caviale tutti i giorni; dopo un po’ fa male al fegato. Ci vuole cultura per apprezzare questa meraviglia. E’ l’unico petrolio che abbiamo, se puntassimo su questo saremmo la Svizzera del bello. Ci arriveranno forse i nostri nipoti, dopo la crisi dell’economia industriale…

D) Se non avremo cementificato irreparabilmente tutto, nel frattempo…

R) Di posti meravigliosi ce ne sono ancora tanti e ce ne saranno sempre. La cementificazione e’ figlia della cultura disastrata del passato, dei geometri democristiani e comunisti. Il fascismo, al contrario, ha lasciato un segno anche per le sue architetture. Prendiamo l’Eur, Sabaudia. Sono bellissime, con un progetto urbanistico armonico.

D) Vada l’ottimismo razionalista della “città ideale” – alla Piero della Francesca – ma non crede che l’urbanizzazione selvaggia abbia più spesso creato ecomostri che capolavori?

R) Io non sono per la vittoria dell’orsetto lavatore contro l’uomo. Tra i due, preferisco l’essere umano, poi se c’è spazio rispetto anche l’orsetto lavatore. Certo, la natura va difesa, oggi non difendere il proprio paese dall’inquinamento vuole dire uccidere le generazioni future. Gli indiani d’America, prima di prendere una decisione, pensavano ai successori di cinque generazioni più in là. Forse così è troppo (e infatti sono morti e si sono estinti). L’ambientalismo deve integrarsi con l’economia, sempre più verso un modello di “economia verde”. In Italia siamo indietro e ignoranti. Anche se, per fortuna, non siamo schiavi delle mode: si è visto con l’eolico come si distrugge il territorio…

D) Un Ministro dell’Ambiente della Repubblica Italiana, che ricorda per il buon operato?

R) Perché, abbiamo anche un Ministro dell’Ambiente?

D) Lei è sportivo?

R) Lo sono stato moltissimo in passato. Ho praticato tutti gli sport, dal calcio agonistico – ho giocato con i semiprofessionisti – allo sci. Ora gioco a golf in modo serio, i fratelli Molinari sono miei cugini.

D) Con questa sua fiducia per la città, non c’è proprio nulla da migliorare nella qualità della vita metropolitana?

R) Si migliorerà strada facendo. Prima l’uomo sognava l’automobile, oggi la usa solo se ne ha bisogno, sa che l’auto è qualcosa che fa male, non la mitizza più. E’ pur vero che abbiamo costruito una società che segue uno sviluppo ancora miope, per cui prima di convincerci che sia meglio usare il treno, dovremmo uccidere tutte le macchine del mondo. Il processo di riconversione è lento, ma sono ottimista. L’uomo crea dei disastri e poi trova delle soluzioni geniali.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende