Home » Rubriche »Very Important Planet » Minoli, ottimista metropolitano: “L’uomo crea disastri ma trova sempre soluzioni”:

Minoli, ottimista metropolitano: “L’uomo crea disastri ma trova sempre soluzioni”

febbraio 1, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Dalla città non se ne andrebbe per niente al mondo, perché la ama. Più metropolitano di un personaggio dei romanzi di Don DeLillo, il giornalista Giovanni Minoli, ex direttore di RAI Educational e autore di trasmissioni di successo come La Storia Siamo Noi, non si separerebbe mai dal paesaggio urbano, che, dice “mi appartiene antropologicamente”. Anche i difetti si accettano, a malincuore. Dallo smog al trambusto del traffico a tutte le ore, sono i prezzi da pagare per stare immersi nelle comodità, nella “società attiva”. Il miglior modo per godersi la bellezza caotica della Capitale resta comunque, ci dice, a piedi.

D) Dott. Minoli, la “sua” Roma benché apprezzata per la qualità della vita che offre, è spesso oggetto di critiche per pulizia e inquinamento. Condivide?

R) Io la trovo senza mezzi termini meravigliosa, con un centro storico che ha gli scorci più belli del mondo. La conosco da vicino, perché mi sposto a piedi – che da casa mia alla RAI vuol dire 50 minuti di strada tutti i giorni, due volte al giorno.

D) Wow, meglio di un allenamento! Ma non cerca mai un paesaggio d’evasione?

R) E’ difficile che mi manchi la campagna. L’ho frequentata da piccolo per molti anni, a Baudenasca, nel pinerolese, dove trascorrevamo le vacanze estive. Mi divertivo molto, ma mi diverto molto di più a vivere a Roma. Vedo i difetti della vita urbana, ma mi appartengono antropologicamente e culturalmente. Un segreto, comunque, ce l’ho. D’estate in effetti mi rifugio in una sorta di paradiso naturale…

D) Dove, se possiamo saperlo?

R) A Filicudi, isola meravigliosa delle Eolie, quasi deserta, piena di meraviglie. Lì riscopro l’altra faccia della bellezza. C’è quella dell’uomo, creativo e inventore, e quella del dio, che semina qua e la’ delle perle.

D) Come accade per i beni culturali, anche per il paesaggio l’Italia fatica a valorizzare i suoi tesori, li deturpa, li sporca, non li preserva. Perché?

R) Abbiamo troppo bello. E’ come mangiare caviale tutti i giorni; dopo un po’ fa male al fegato. Ci vuole cultura per apprezzare questa meraviglia. E’ l’unico petrolio che abbiamo, se puntassimo su questo saremmo la Svizzera del bello. Ci arriveranno forse i nostri nipoti, dopo la crisi dell’economia industriale…

D) Se non avremo cementificato irreparabilmente tutto, nel frattempo…

R) Di posti meravigliosi ce ne sono ancora tanti e ce ne saranno sempre. La cementificazione e’ figlia della cultura disastrata del passato, dei geometri democristiani e comunisti. Il fascismo, al contrario, ha lasciato un segno anche per le sue architetture. Prendiamo l’Eur, Sabaudia. Sono bellissime, con un progetto urbanistico armonico.

D) Vada l’ottimismo razionalista della “città ideale” – alla Piero della Francesca – ma non crede che l’urbanizzazione selvaggia abbia più spesso creato ecomostri che capolavori?

R) Io non sono per la vittoria dell’orsetto lavatore contro l’uomo. Tra i due, preferisco l’essere umano, poi se c’è spazio rispetto anche l’orsetto lavatore. Certo, la natura va difesa, oggi non difendere il proprio paese dall’inquinamento vuole dire uccidere le generazioni future. Gli indiani d’America, prima di prendere una decisione, pensavano ai successori di cinque generazioni più in là. Forse così è troppo (e infatti sono morti e si sono estinti). L’ambientalismo deve integrarsi con l’economia, sempre più verso un modello di “economia verde”. In Italia siamo indietro e ignoranti. Anche se, per fortuna, non siamo schiavi delle mode: si è visto con l’eolico come si distrugge il territorio…

D) Un Ministro dell’Ambiente della Repubblica Italiana, che ricorda per il buon operato?

R) Perché, abbiamo anche un Ministro dell’Ambiente?

D) Lei è sportivo?

R) Lo sono stato moltissimo in passato. Ho praticato tutti gli sport, dal calcio agonistico – ho giocato con i semiprofessionisti – allo sci. Ora gioco a golf in modo serio, i fratelli Molinari sono miei cugini.

D) Con questa sua fiducia per la città, non c’è proprio nulla da migliorare nella qualità della vita metropolitana?

R) Si migliorerà strada facendo. Prima l’uomo sognava l’automobile, oggi la usa solo se ne ha bisogno, sa che l’auto è qualcosa che fa male, non la mitizza più. E’ pur vero che abbiamo costruito una società che segue uno sviluppo ancora miope, per cui prima di convincerci che sia meglio usare il treno, dovremmo uccidere tutte le macchine del mondo. Il processo di riconversione è lento, ma sono ottimista. L’uomo crea dei disastri e poi trova delle soluzioni geniali.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende