Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mirnagreen, gli integratori nutraceutici “circolari” che combattono le infiammazioni:

Mirnagreen, gli integratori nutraceutici “circolari” che combattono le infiammazioni

aprile 17, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Contribuire alla salute con integratori nutraceutici, ma in modo “circolare”, ovvero utilizzando sottoprodotti dell’agricoltura, frutta e verdura, senza creare scarti. E’ questa la mission di Mirnagreen, start up creata e guidata dal biologo milanese, Roberto Viola, sessantenne con una laurea alla Facoltà di Agraria di Milano, un dottorato in biochimica vegetale, vent’anni di ricerca in Scozia e gli ultimi dieci passati di nuovo in Italia a porre le basi per la nuova avventura imprenditoriale.

L’idea nasce alla Fondazione Mach di San Michele all’Adige dove, da direttore di ricerca, Viola individua le molecole e poi la metodologia produttiva degli estratti di microRna (piccole molecole endogene di Rna) di frutta e ortaggi. Utilissimi per curare le infiammazioni alla base di malattie come il diabete e il cancro.

Tutti sappiamo che frutta e verdura vanno consumati in grandi quantità. Ma non basta perché queste molecole, per centrare l’obiettivo, devono arrivare non degradate al bersaglio. La ricerca di Viola ha portato all’estrazione della sostanza e alla compressione, in un milligrammo, di 2 kg di frutta e verdura. Visto che, per avere effetti significativi sull’organismo, dovremmo proprio mangiare due chili al giorno di vegetali, abitudine non sempre facile da mantenere e che comunque non garantisce che la sostanza utile non degradi.

Il processo è completamente naturale, non c’è una sintesi chimica – spiega Viola - non c’è impatto sull’ecosistema. Il nostro obiettivo è far entrare in azienda i sottoprodotti dell’industria agricola e non far uscire nessun tipo di scarto. Intendiamo utilizzare tutto il nostro sottoprodotto come farina alimentare e recuperare anche l’acqua utilizzata nel processo produttivo”. Naturalità del prodotto, dunque, ma anche sostenibilità ambientale ed economica. Tre piccioni con una fava.

Lo scienziato milanese ha avviato le fondamenta della sua impresa a Rovereto, un terreno fertile per chi vuole investire in idee innovative. Anche nel campo della nutraceutica, un settore  che solo in Italia oggi fattura circa 2 miliardi di euro, con un tasso di crescita del 6/7 % annuo.

La chiave del business ruota comunque intorno ai risultati positivi di ricerca e sviluppo, come nei migliori casi di start up di successo. “E’ merito della scoperta, dentro frutta e verdura, di queste molecole che hanno un effetto antinfiammatorio”, conferma Viola. “In un secondo momento abbiamo stimato la quantità necessaria per avere dei benefici, ovvero quanta frutta e verdura bisognasse consumare”. Il target  è stato fissato in due kg a testa al giorno, quantità non impossibile per il biologo: “E’ un valore molto elevato, ma non incompatibile. Basta guardare al nostro più antico passato. Ci sono state fasi della vita sul pianeta con un grande consumo di vegetali“.

Mirnagreen non vuole sostituire i propri integratori al normale consumo di frutta e verdura: ”Siamo in linea con le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla necessità di una dieta ricca di frutta e verdura. Noi proponiamo però l’integrazione con la nostra sostanza, per un miglior risultato di salute”. La posta in gioco è alta: “Le malattie croniche non trasmissibili oggi sono la causa maggiore di morte. Sono legate al sistema immunitario, insomma non moriamo di microorganismi ma perché il sistema immunitario perde colpi e non riesce a fronteggiare infiammazioni croniche“.

Il percorso della start up incubata a Rovereto prevede  la realizzazione di un impianto, entro il 2020, dove a regime si possa arrivare a produrre 100 kg al mese di principio attivo. Un obiettivo che ha destato interesse e attenzione anche a livello internazionale, dove Mirnagreen ha già raccolto consensi e riconoscimenti di rilievo, dalla finale nella competizione Hello Tomorrow a Parigi a quella di G4A Generator a New York. Una storia da perfetti Campioni d’Italia

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende