Home » Bollettino Europa »Rubriche » Mobilità sostenibile, a scuola da Germania e Svezia:

Mobilità sostenibile, a scuola da Germania e Svezia

aprile 7, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Respirare aria pulita non è una richiesta eccessiva”. È il commento del Direttore Generale della DG Ambiente Karl Falkenberg in occasione della cerimonia di consegna del premio per il migliore piano dedicato alla mobilità urbana sostenibile (SUMP) e di quello dedicato alla Settimana europea della Mobilità 2014. Assegnati rispettivamente a Brema in Germania e a Östersund in Svezia.

Per quanto riguarda il SUMP, il riconoscimento con cui La Commissione Europea supporta le autorità locali che provvedano alla stesura dei Piani della Mobilità Urbana Sostenibile, Brema ha raggiunto l’eccellenza nel monitoraggio e nella valutazione del proprio Piano Urbano. Inoltre, ha realizzato un alto livello di coinvolgimento delle parti interessate nel corso del processo di valutazione e pianificazione. Sono stati apprezzati, in particolare, gli strumenti pionieristici messi a punto per raccogliere i feedback dei cittadini sul piano stesso, in particolare un’apposita piattaforma interattiva sul Web.

Ostersund, invece, è stata proclamata vincitrice per la varietà di soluzioni di viaggio sostenibili proposte. Il premio, dedicato al tema “Nostre le strade, nostra la scelta”, invitava i partecipanti a rivalutare il modo in cui lo spazio urbano è vissuto dai cittadini. La città svedese si è impegnata nella valorizzazione e nella creazione di nuove linee urbane di bus, di App che diano in tempo reali informazioni agli utenti sui trasporti pubblici, di stazioni di ricarica per i veicoli elettrici; di nuove infrastrutture per pedoni e ciclisti. Sede di oltre 7.000 studenti, Östersund lavora a stretto contatto con la Mid Sweden University per incoraggiare i giovani a viaggiare in modo sostenibile. L’anno scorso la città si è poi dedicata alla cooperazione e all’inclusione. Organizzando, ad esempio, un corso di tre giorni sull’uso della bicicletta dedicato agli immigrati. La vincitrice, inoltre, è capofila del progetto “Green Highway”, l’autostrada fossil free più lunga del mondo, 440 chilometri, tra Sundsvall in Svezia e Trondheim in Norvegia. La regione produce una quota significativa di energia rinnovabile attraverso il vento e la potenza e idroelettrica. Oltre alla produzione di biogas. Ciò significa che c’è un grande potenziale per un sistema di trasporto sostenibile.

La premiazione è stata anche l’occasione per dare il via ai diversi laboratori legati alla Settimana Europea della Mobilità 2015, che si svolgerà tra il 16 e il 22 settembre 2015. Il focus della campagna di quest’anno è incentrato sui vantaggi di utilizzare diverse modalità di trasporto sostenibili all’interno della stesso centro abitato. Incoraggiando stili di vita “multimodali” nelle aree urbane. Questo significa combinare, per esempio, bicicletta e treno, imparando a pianificare i propri spostamento per renderli il più possibile ad impatto zero.

L’inquinamento dell’aria è causa di morte precoce per troppi cittadini europei in tutto il nostro continente. Una gran parte proviene dal trasporto privato, quindi è estremamente incoraggiante vedere queste soluzioni verdi dedicate alla mobilità urbana”. Ha, inoltre, dichiarato Falkenberg.

Una verità resa ancora più chiara dai risultati del rapporto “Sootfree Cities”, che esamina le misure messe in pista da 23 città europee in 16 Paesi, per fronteggiare le emissioni del settore trasporti, in particolare le famigerate polveri sottili (Pm10) e il biossido di azoto (NO2). Lo studio, prodotto da Bund/Friends of Earth Germany, con il sostegno delle 140 organizzazioni dello European Environmental Bureau (EEB), boccia senza appello le nostre Milano e Roma quest’ultima in fondo alla classifica insieme a Dublino, Glasgow, Madrid, subito prima di Lisbona e Lussemburgo, le città che totalizzano i peggiori risultati. Milano è comunque sotto la sufficienza, al 14° posto insieme a Barcellona e Praga. In testa Zurigo, Copenaghen e Vienna. Berlino, vincitrice nel 2011, arriva al quinto posto dopo Stoccolma. Seguono Parigi e Londra al sesto posto.

Ma cosa hanno fatto di più le prime classificate? In primo luogo hanno ridotto il numero delle auto in circolazione e limitato l’uso di veicoli altamente inquinanti come diesel, camion, oltre che i macchinari per l’edilizia. Hanno poi investito sull’ampliamento delle opzioni di mobilità verde, come trasporti pubblici, bicicletta e spostamenti a piedi. La virtuosa Zurigo, inoltre, ha fatto, in termini di qualità dell’aria, molto di più di quanto richiesto dall’Unione Europea.

Il piazzamento dell’Italia, invece, risente anche del fatto di avere una procedura d’infrazione aperta proprio per il superamento dei limiti delle Pm10 in ben dieci regioni. Il nostro Paese, inoltre, si macchia di una colpa ancora più grave. Che è quella di avere previsto misure, come la zona a traffico limitato a Roma, che nella realtà non vengono sufficientemente attuate. Nel caso della Capitale, infatti, il Rapporto osserva scarsi controlli ai varchi, parcheggi selvaggi nelle aree pedonali, cattivo stato dei mezzi pubblici. Nel Belpaese, inoltre, il numero delle piste ciclabili non è cresciuto abbastanza. Milano soffre, invece, di una situazione grave per i livelli di emissioni inquinanti. Anche se negli ultimi dieci anni è riuscita ad aumentare l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende