Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mogu: pannelli e pavimentazioni per la bioedilizia a partire dai funghi:

Mogu: pannelli e pavimentazioni per la bioedilizia a partire dai funghi

dicembre 20, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Ingredienti naturali per ottenere materiali sostenibili ma sempre più performanti per la bioedilizia. E’ questa la ricetta che propongono al mercato i soci di Mogu (fungo, in giapponese), l’azienda di bioeconomia circolare con sede a Inarzo, piccolo comune che si affaccia sul lago di Varese, in una zona industrialmente vivace. Qui, nel 2014, inizia l’avventura aziendale ispirata dall’attività di Maurizio Montalti, ingegnere residente ad Amsterdam, dove lavora e realizza produzioni artistiche con nuovi materiali. L’artista/scienziato (che ricorda il caso del “collega” romano Andreco), durante le sue ricerche arriva ad un materiale generato da funghi che si nutrono di scarti organici.

“Nella sua Officina Corpuscoli - racconta Stefano Babbini, attuale CEO di Mogu Srl - insieme agli altri futuri soci abbiamo conosciuto le sue ricerche sui materiali. L’uso del micelio, un filamento che agisce come aggregante, è di poche aziende al mondo, che lo hanno sviluppato in chiave applicativa. In Olanda si è fatta molta ricerca in questa direzione e i funghi sono una cosa seria: rappresentano un’industria di una certa dimensione. Così è partita la nostra attività, con l’obiettivo di passare da una scala ridotta all’industrializzazione del processo. Abbiamo fatto i primi passi in cinque, ognuno con le sue competenze legate alle materie prime e alle biomasse, oltre che all’architettura e al product design. Recentemente è entrato nella compagine sociale un fondo milanese con esperienza nel digital, che ora punta sulla bioeconomia“.

Ma in particolare cosa produce Mogu (che a gennaio sarà a Klimahouse, a Bolzano) per la bioedilizia? “Realizziamo alcune finiture di interior design attraverso due linee di prodotto: pannelli a forte assorbimento acustico, per il comfort d’interni e per locali pubblici realizzati con materiali petrol free – spiega Babbini – L’altra linea è rappresentata da pavimenti resilienti, morbidi e quasi completamente naturali”. Pavimentazioni competitive grazie alle performance che assicurano: facilmente montabili, facili da lavare, morbide e confortevoli come un pavimento in gomma e dotate di un certo isolamento termico. Con il plus di finiture sempre a “base bio”: pitture, resine e sostanze protettive “innovative e sostenibili”.

Gli ingredienti principali di Mogu sono le materie prime seconde, ovvero quelle che si ottengono dagli scarti di lavorazione, che consentono alla start up di posizionarsi nel perimetro dell’economia circolare. “La nostra mission è valorizzare gli scarti di alcune filiere produttive per creare prodotti competitivi”, continua Babbini: “Al momento siamo in una fase pre-industriale, ma veniamo continuamente avvicinati da aziende che hanno scarti di lavorazione e ci propongono una collaborazione. Noi verifichiamo se queste fibre organiche possano essere idonee per realizzare materiali compositi. Trattiamo varie tipologie: dal settore tessile a quello agricolo o agroindustriale“. Tutti i possibili ingredienti per realizzare pannelli e pavimentazioni.

E intanto la bioedilizia cresce, di pari passo alla maggiore attenzione dei committenti per soluzioni più salubri che sappiano integrare il design con il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale. “Assistiamo ad una seconda giovinezza della bioedilizia, sia sui materiali sia nella progettazione – conclude Babbini – bisogna spingere sulla leva della competitività dei costi grazie ai materiali di nuova derivazione”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende