Home » Rubriche »Very Important Planet » Monica Maggioni: “Bisogna trasformare i temi ambientali in storie appassionanti”:

Monica Maggioni: “Bisogna trasformare i temi ambientali in storie appassionanti”

settembre 27, 2013 Rubriche, Very Important Planet

In generale in televisione si fa poca informazione ambientale. Forse per mancanza di spazio? Nel caso di un canale all-news il problema non dovrebbe porsi, ma nemmeno Rai News 24 fa eccezione alla regola. Tuttavia le cose potrebbero cambiare “direzione”. «La questione ambientale è una tematica alla quale tengo particolarmente» sottolinea Monica Maggioni, dallo scorso gennaio nuovo direttore di Rai News 24.

Chi è Monica Maggioni? Prima di arrivare alla guida dell’all-news consolida la sua notorietà come inviata Rai. Sudafrica, Mozambico, Israele e Stati Uniti sono le prime tappe del percorso. Nel 2001, dopo l’11 settembre, viene inviata prima in Medio Oriente e poi negli Stati Uniti per seguire le diverse fasi di preparazione della guerra in Afghanistan. Nel 2003, fra i giornalisti italiani presenti in Iraq durante la seconda Guerra del Golfo, è l’unica giornalista embedded a fianco dei marines statunitensi. Nel febbraio 2007 diventa uno dei nuovi volti femminili del Tg1 delle ore 20. Dopo essere stata più volte inviata negli USA, nel 2009 prende il testimone nella conduzione di Speciale TG1.

Lo scorso gennaio Monica Maggioni si rivolge per la prima volta ai telespettatori in qualità di nuovo direttore di Rai News 24: «Sono molto orgogliosa di essere qui perché credo profondamente nell’all-news e nelle sue possibilità. Credo anche che le all-news di servizio pubblico abbiano una possibilità e un dovere in più: illuminare mondi, cose, persone che spesso non hanno voce». E tra queste voci potrebbe essere la volta delle questioni ambientali.

D) Direttore, quanto spazio dedica attualmente Rai News 24 alle tematiche ambientali?

R) In questo momento poco. Stiamo però ripensando tutto il percorso del canale e sicuramente in futuro questa tematica andrà ad occupare sempre più spazio all’interno del nostro palinsesto. Inoltre, Rai News 24 si appresta ad iniziare un grande lavoro sul web. Lì, in particolare, stiamo studiando il modo di creare degli spazi di aggregazione, dibattito e discussione. Immagino che in questo modo entreremo in contatto anche con il mondo dei giornalisti ambientali. La questione ambientale è una tematica alla quale tengo particolarmente. Mi sembra fondamentale e credo che non bisogna essere “geniali” per tenerci in modo particolare: è l’unica tematica con la quale abbiamo qualche chance per sopravvivere tutti.

D) Vista la sua esperienza internazionale, qual è lo spazio che i media generalisti all’estero riservano alle tematiche ambientali?

R) Molto di più di quello che riserviamo noi in Italia, almeno in alcune nazioni più avanzate dal punto di vista dello sviluppo dello sguardo sull’ambiente e sulle tematiche della sostenibilità. Tuttavia auspico che l’Italia, come ha rincorso e qualche volta superato gli altri in diversi aspetti, lo farà anche su questo. Ciò che dico non è retorica, ci credo davvero.

D) Secondo lei, la Tv e l’informazione televisiva possono favorire la sensibilizzazione dei telespettatori verso le tematiche ambientali?

R) È l’informazione in generale che può aiutare a sensibilizzare verso queste tematiche. Lo fa la televisione così come lo fanno la radio e il web. In quest’ultimo caso sono utili tutti gli strumenti che il web mette a disposizione: dagli spazi di blogging alla creazione di gruppi di opinione e communities.

D) In occasione dell’ultimo Festival di Giornalismo di Perugia si è costituita la FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali). Tra gli obiettivi dell’organizzazione c’è anche l’aumento della consapevolezza dei giornalisti e dei media generalisti verso le questioni ambientali. Che consiglio si sente di dare in quest’ottica?

R) Lo stesso consiglio che darei a chiunque cercasse di far passar sempre di più un tema nella società. Mettere in pratica quello che in inglese è definito con il termine storify: trovare il modo di far sì che ogni cosa diventi una storia, una storia appassionante, emotiva ed attraente. Solo in questo modo le persone si sentono naturalmente coinvolte e partecipano a quello che si sta raccontando.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende