Home » Bollettino Europa »Rubriche » Monnezza campana: l’Europa si interroga:

Monnezza campana: l’Europa si interroga

dicembre 20, 2010 Bollettino Europa, Rubriche

Courtesy of European Parliament_Pietro Naj-OleariLa “monnezza campana sarà al centro della prossima seduta plenaria del Parlamento Europeo, ospitata a Strasburgo dopo le festività, dal 17 al 19 gennaio 2011. Un’interrogazione con  richiesta di risposta orale metterà in luce tutte le contraddizioni della questione “rifiuti napoletani”. Sotto accusa l’infrazione italiana rispetto al diritto comunitario: il 4 marzo 2010 la Corte europea di giustizia giudicò infatti che l’Italia non era in regola perché non aveva realizzato, in Campania, una rete di impianti tale da garantire lo smaltimento dei rifiuti urbani in maniera sicura per la salute dei cittadini e per l’ambiente.

Da allora il Belpaese non ha ancora adottato le misure necessarie per conformarsi alla sentenza della Corte. Secondo i commissari europei la situazione attuale è molto simile alla crisi esplosa nel 2007 che indusse la Commissione ad avviare una procedura di infrazione contro il nostro Paese.

Tante le domande per fa luce sul caso campano. Quali misure ha intrapreso o intende intraprendere, si chiedono i parlamentari, la Commissione per garantire che le autorità competenti in Italia controllino che i rifiuti siano correttamente raccolti, separati e trattati in modo da non danneggiare la salute umana e l’ambiente e affinché un piano credibile sia presentato dalle autorità regionali? E soprattutto qual è la valutazione della Commissione sulle linee guida del piano che è stato presentato a luglio scorso dal Miniatro dell’ambiente? Tali linee guida saranno sufficienti? In caso negativo che cosa manca?

Ma sopattutto ci si chiederà se la Commissione aprirà la procedura dell’articolo 260 nei confronti dell’Italia per comminare sanzioni affinché le autorità italiane ottemperino alla sentenza della Corte, in particolare dimostrando che le discariche esistenti sono conformi alla legislazione dell’Unione europea e non mettano in pericolo la salute dei cittadini e l’ambiente.

Durante la  riunione della Commissione Parlamentare Envi (Ambiente, Sanità Pubblica, e Sicurezza Alimentare) del 1° dicembre scorso, si è inoltre evidenziato che la Direttiva sulle discariche non stabilisce in modo specifico che le discariche non possano essere situate all’interno dei parchi nazionali. Una lacuna potenzialmente gravissima.

Sotto la lente anche i fondi europei. Ci si chiede: la Commissione, anche in seguito alle recenti ispezioni, è in grado di riferire i dati circa i fondi comunitari che sono stati stanziati negli ultimi 20 anni a favore dell’Italia e della Regione Campania per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti urbani? Secondo i dati in possesso, i fondi stanziati sono stati impiegati utilmente e secondo i piani presentati dalle autorità regionali e locali? La Commissione ha mai verificato se i finanziamenti sono stati impiegati in modo efficiente da parte delle autorità locali? Considerando che la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti non ha portato ad una soluzione permanente della crisi, si intende intraprendere provvedimenti finanziari nel caso le autorità regionali non presentassero un piano di gestione in grado di risolvere definitivamente la questione rifiuti? Tante domande, per le quali il Parlamento Europeo attende risposte.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende