Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mountain Wilderness: 27 anni di battaglie in difesa delle terre alte:

Mountain Wilderness: 27 anni di battaglie in difesa delle terre alte

novembre 5, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Ha guidato il lungo percorso che ha portato le Dolomiti a ricevere, nel 2009, il titolo Unesco di Patrimonio Naturale dell’Umanità. È stata la prima ad attirare l’attenzione, su larga scala, sul problema dei rifiuti in montagna, organizzando anche la prima spedizione di pulizia del K2, oltre a molti interventi sulle Alpi italiane a partire dalla Marmolada. Oggi combatte contro il traffico motorizzato in alta quota, la pratica dell’eliski, il proliferare dell’idroelettrico sui piccoli corsi d’acqua montani, ed è impegnata per la costituzione di un parco naturale del Monte Bianco.

L’associazione Mountain Wilderness è nata a Biella nel 1987 da un convegno che aveva riunito nella città piemontese alpinisti da tutto il mondo. Il documento finale, che fissava alcuni nodi centrali e dava il via al movimento, criticava le speculazioni in alta quota e si richiamava al valore di “wilderness”. “Il desiderio – teoricamente comprensibile – di convertire il maggior numero possibile di persone alla pratica della montagna, facilitandone l’avvicinamento, ha innescato spesso processi di deleteria antropizzazione”, si legge nelle “Tesi di Biella”, che concludono: “Le montagne fanno ancora parte dei luoghi selvaggi della Terra, e a questo titolo appartengono al patrimonio culturale di tutti gli uomini”.

Nata da gruppo elitario di alpinisti portati alle grandi azioni dimostrative per creare interesse, negli anni l’associazione si è evoluta in un movimento più democratico, ma molto battagliero. Da organizzazione internazionale, nel tempo ha visto crescere le sedi nazionali, dalla Catalogna alla Svizzera, dall’Austria al Pakistan.

Le prime attività riguardano la tutela del Monte Bianco e della Marmolada, ancora oggi due aree fondamentali dell’associazione. Ma è sicuramente  l’ottenimento del patrocinio Unesco per le Dolomiti la principale vittoria di Mountain Wilderness: “Il risultato è stato preceduto da un percorso lunghissimo, iniziato nel 1993: allora, insieme a Legambiente e SOS Dolomites raccogliemmo a Cortina d’Ampezzo 12.00 firme”, ricorda il presidente Carlo Alberto Pinelli, documentarista di lungo corso e alpinista. Il primo passo di una strada tutta in salita: “Costruimmo il primo progetto da presentare all’Unesco insieme alla Regione Veneto e al ministero dei Beni culturali, che però si bloccò nel 1998 per il veto della Provincia autonoma di Bolzano. A quel punto Mountain Wilderness, insieme ad altre associazioni, riprese il percorso puntando sulle aree protette. L’iter è passato sotto le competenze del Ministero dell’Ambiente e nel 2009 è arrivato il riconoscimento”, aggiunge Luigi Casanova, portavoce dell’associazione.

Oggi il risultato è raggiunto, ma il lavoro continua: “Per l’Unesco questo è una specie di progetto pilota, perché mette insieme tre Regioni e cinque Province. Entro il 2015 ha chiesto di presentare progetti di gestione dell’area”. Inoltre, c’è il nodo delle aree rimaste escluse dall’area sotto patrocinio, in particolare il gruppo del Sella e quello del Sasso Lungo, per veti degli enti locali: “Stiamo lavorando su questo. Le Dolomiti Unesco non hanno senso senza queste due montagne simbolo”.

Tra le altre vittorie dell’associazione, ci sono quelle nei processi per i danni al ghiacciaio della Marmolada: “Durante gli interventi di pulitura, gli alpinisti risalirono un canalone, trovando reflui di oli esausti, provenienti dalle macchine della funivia. Inoltre, i canaloni erano occupati da rifiuti di ogni tipo, comprese reti metalliche di letti e alcuni crepacci erano stati riempiti di materiali plastici, poi ricoperti di neve, per prolungare la stagione sciistica. Una pratica, quest’ultima, che ha anche accelerato lo scioglimento del ghiacciaio”, racconta Pinelli. “Nel 1996 si è chiuso l’ultimo processo, vinto da Mountain Wilderness costituitasi parte civile, per i rifiuti sulla Marmolada. Tra il 2009 e il 2010 abbiamo anche vinto i tre livelli di processo per i danni al ghiacciaio causati dalla società che gestisce l’impianto di risalita con una strada costruita per il rifacimento del terzo tronco della funivia”, spiega Casanova. Conflitti anche molto aspri che nel 2012 hanno portato però a un accordo di programma tra Mountain Wilderness e la Marmolada-Tofane SpA per “rilanciare tutto il gruppo della Marmolada. Penso che a partire dai conflitti, la società abbia preso consapevolezza dell’importanza del bene che stava gestendo”. Un accordo che, aggiunge Pinelli, ha consentito di fatto di bloccare sulla Marmolada la pratica dell’eliski, ancora diffusa su altri gruppi montuosi, compresi il Sella e il Sasso Lungo.

L’uso dell’elicottero per portare gli sciatori in cima alle montagne, così come la circolazione delle motoslitte e l’apertura al traffico delle strade di alta quota – tra tutte, quella che porta ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo – sono pratiche che l’associazione combatte da sempre. La costituzione di un parco naturale internazionale del Monte Bianco è l’oggetto di un impegno costante, che dura dalla nascita dell’associazione: “Finora non è stato possibile realizzarlo a causa dei veti incrociati di Valle d’Aosta e della città francese di Chamonix, insieme alle criticità dovute al fatto che la Svizzera non fa parte dell’Unione Europea”, continua Pinelli. Infine, le battaglie contro l’idroelettrico non sostenibile, che altera i fiumi montani e limita la disponibilità d’acqua anche per gli ecosistemi naturali: “Se l’acqua si incanala e si trasforma solo in un bene di consumo e in un mezzo di produzione dell’energia, si perde tutto il valore ecologico legato a fiumi e ruscelli di montagna. A cui si aggiunge l’aspetto estetico, che non va mai sottovalutato: l’emarginazione della bellezza nell’ambiente dove viviamo porta molti effetti negativi”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende