Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mybatec: funghi e batteri per rendere l’agricoltura più sostenibile:

Mybatec: funghi e batteri per rendere l’agricoltura più sostenibile

aprile 29, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Anche se il Pianeta ne avrebbe bisogno adesso, l’agricoltura – quella industriale, quella delle piccole aziende che potrebbero convetirsi al bio ma sono frenate dagli oneri aggiuntivi a loro carico – non ridurrà subito il proprio impatto ambientale. E soprattutto non lo farà da un giorno all’altro. Il processo, però, lentamente è partito, grazie al ricambio generazionale nelle imprese, a una sensibilità ambientale in crescita e, difficile negarlo, anche per scopi di marketing.  Nel frattempo è cambiata anche l’offerta, con aziende pronte a offrire soluzioni per ridurre l’impatto ambientale delle produzioni agricole. È il caso di Mybatec, spin off accademico dell’Università del Piemonte Orientale, fondata nel 2006 da Alessandro Foschini e Camilo Francesco Gianinazzi, con l’obiettivo di accompagnare l’agricoltura in un percorso di sostenibilità. “Abbiamo portato in Italia una serie di soluzioni che permettono di rafforzare le piante rendendole più resistenti alle malattie e meno bisognose di fertilizzanti, diagnosticare problemi e degradare reflui in modo sicuro e naturale”, spiega Alessandro Spaudo, che in Mybatec si occupa in particolare di quest’ultimo sistema di biodegradazione.

Tra i prodotti più interessanti distribuiti da Mybatec ci sono quelli a base di funghi micorrizici che “vivono in simbiosi con l’apparato radicale delle piante e lo rafforzano. Piante con radici più lunghe e robuste ottimizzano l’assorbimento di acqua e nutrienti dal terreno e sono quindi più resistenti alla siccità e corrono meno il rischio di ammalarsi. I prodotti sono al 100% naturali e non contengono OGM”, continua Spaudo. Esistono substrati specifici per le piante orticole, per quelle ornamentali, ma anche per i prati sottoposti a molti calpestii, come i campi da golf. I funghi micorrizici funzionano molto bene anche con gli alberi, ma richiedendo l’applicazione alle radici, le cose si complicano: per questo Mybatec sta partecipando, insieme all’azienda ceca Symbiom e a quella portoghese Symbiotec, al progetto Ecotree, che ha come obiettivo lo “sviluppo di una macchina innovativa per l’iniezione di prodotti liquidi e semisolidi nel sottosuolo, tramite l’utilizzo di aria compressa a 50 atmosfere. Sfruttando questa nuova tecnologia, sarà possibile intervenire per ristabilire la salute di piante che hanno un forte valore economico ed emotivo, come quelle dei parchi o dei viali cittadini, utilizzando una gamma di prodotti completamente naturali e ecocompatibili”, spiegano da Novara, dove l’azienda ha sede presso la Fondazione Novara Sviluppo.

Tra le altre soluzioni che Mybatec sta diffondendo in Italia, ci sono i kit per valutare la salute delle piante: “Oggi molte piante arrivano dall’estero, e con esse anche le malattie. Un esempio su tutti è quello della Xylella fastidiosa, che sta minacciando seriamente gli olivi della Puglia. Grazie ai kit diagnosistici è possibile identificare la malattia in tempo”, racconta Spaudo.

Per le aziende che praticano l’agricoltura convenzionale, infine, Mybatec ha portato in Italia il sistema Phytobac, che consente di degradare in autonomia e in modo sostenibile le acque di lavaggio delle botti utilizzate per spargere i pesticidi. “Si tratta un sistema chiuso e isolato, sicuro per l’uomo e l’ambiente perché elimina il contatto con l’operatore e il potenziale pericolo di contaminazione dell’ambiente circostante dovuto alla percolazione o al ruscellamento”, spiegano da Novara. “A partire degli anni ’90, sono stati sviluppati degli strumenti chiamati biobed ed il loro funzionamento si basava sull’utilizzo di un bioreattore all’interno del quale si trovava il suolo della coltivazione che conteneva la microflora capace di degradare i fitofarmaci contenuti nelle acque reflue ed i residui di prodotti”. Phytobac è un’evoluzione di queste soluzioni: il sistema è composto da vasche riempite con una miscela di paglia e di terra di coltivazione contenente la microflora benefica. Le acque contaminate passano attraverso il substrato e i microrganismi in un periodo di otto-dieci mesi degradano i pesticidi, mentre l’acqua evapora naturalmente.

Oggi Mybatec collabora con aziende agricole biologiche, aziende in conversione e aziende convenzionali. A far aumentare l’interesse verso queste soluzioni, secondo Spaudo, è stato l’ingresso dei giovani nel settore: “Finalmente anche nelle aziende agricole c’è stato un ricambio generazionale. Molti giovani hanno una formazione agraria e conoscenze approfondite, si informano di più e cercano strade alternative per ridurre l’impatto ambientale delle coltivazioni”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende