Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Na2rale: il giubbotto impermeabile in solo cotone organico:

Na2rale: il giubbotto impermeabile in solo cotone organico

gennaio 8, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Il suo ultimo progetto è un giubbotto impermeabile realizzato in cotone biologico, senza fibre sintetiche, unendo alla tecnica scoperta in Gran Bretagna e usata fino agli anni ’30 del 1900 per le tute dei piloti della Royal Air Force l’innovazione tecnologica e la passione delle PMI italiane. Na2rale è una piccola azienda nata a Torino tre anni fa da Luca Sburlati, in passato manager delle risorse umane e direttore generale di un’azienda di imbarcazioni di lusso, e un paio di amici di un’impresa del settore abbigliamento. Per i primi 12 mesi, è stata soprattutto un’idea, che poi si è trasformata in una linea di capi sportivi, curati e mai banali, con buona vestibilità, in cotone organico e lana, trattati con colori naturali e certificati Gots (Global Organic Textile Standard), il marchio internazionale che garantisce la sostenibilità ambientale e sociale dei processi produttivi nel settore tessile.

Tutto è nato in primo luogo da una mia esigenza personale: trovare capi sostenibili e allo stesso tempo Made in Italy, cosa difficilissima. Per studiare l’attività, cercare i tessuti, esplorare la filiera per trovare le aziende con cui collaborare, ci abbiamo impiegato un anno. E’ stato un lavoro lungo, anche perché la produzione di capi sportivi in Italia era stata un po’ dimenticata”, spiega Sburlati, oggi amministratore delegato di Na2rale.

Dopo la realizzazione dei prototipi, un anno e mezzo fa è iniziata la commercializzazione: “Abbiamo aperto un punto vendita a marchio proprio a Torino, un e-commerce sul nostro sito, e abbiamo cominciato a partecipare alle fiere, soprattutto all’estero. Se infatti in Italia la sensibilità verso la sostenibilità riguarda soprattutto il cibo e quasi nessuno legge le etichette dei vestiti, negli altri Paesi europei c’è molta più attenzione anche ai rischi di tossicità legati all’abbigliamento”.

Oggi le camicie, le felpe e i giubbotti Na2rale sono venduti soprattutto in Svizzera, Olanda e Germania; il mercato di riferimento è quello tedesco. “L’obiettivo per il 2014 è di raggiungere il mezzo milione di euro di fatturato. Nel nostro Paese il concetto di sostenibilità si sta allargando, nascono movimenti di consumo consapevole: sicuramente nei prossimi dieci anni le cose cambieranno anche da noi”. Uno dei punti critici, come spesso avviene per i prodotti sostenibili, è il prezzo: “Il consumatore deve abituarsi a pensare che invece di tre magliette in fibre sintetiche può comprarne una in cotone organico, che costa di più ma dura più a lungo. All’estero in molti sono già disposti a farlo”.

Pur non potendo contare su grossi capitali, l’azienda ha scelto di investire tutto sull’innovazione: “Alle attività di ricerca e sviluppo abbiamo destinato 18 mesi di duro lavoro, dedicati soprattutto alla ricerca sui tessuti, e alcune centinaia di migliaia di euro”. Uno dei risultati è per esempio la tecnica dell’accoppiamento dei tessuti: “Uniamo uno strato di cotone con uno di lana, in modo da ottenere felpe traspiranti, ma con ottime performance di isolamento termico, sia dal caldo che dal freddo”.

Frutto di questo impegno è anche Hydro Jacket, il giubbotto impermeabile in cotone organico lanciato in queste settimane, nato dalla collaborazione tra Na2rale e una tessitura comasca, guidata da un imprenditore appassionato di tessuti storici. Per progettarlo sono serviti 12 mesi di test e sperimentazioni. “Grazie a trame ordite molto vicine e all’utilizzo di un filo di cotone finissimo, si ottiene un tessuto che impedisce alle molecole dell’acqua di entrare”. Per sostenere il progetto, Sburlati ha scelto il crowdfunding sulla piattaforma Kickstarter: “L’azienda si finanzia tramite i clienti, evitando così di indebitarsi con le banche, visto anche gli alti tassi di interesse che ci sono oggi in Italia. In cambio le persone, oltre a contribuire allo sviluppo di prodotti a zero contenuto di petrolio, avranno il prodotto in anteprima e a un prezzo quasi dimezzato rispetto a quanto costerà in negozio: 170 euro contro 300”. Fino al 12 gennaio, chiunque può contribuire con un minimo di 6 euro. “La produzione di questo capo unico sul mercato comincerà a marzo e le prime consegne partiranno dopo un mese e mezzo”.

Per l’azienda torinese, che ha appena vinto il Premio Natura 2014, nel futuro c’è un ampliamento della gamma – “Vorremmo espanderci a tutto l’ambito active, aggiungendo all’abbigliamento altri tipi di prodotti per le attività all’aperto” – e l’attenzione alla sostenibilità sociale: “Puntiamo alla certificazione etica SA8000. Essendomi occupato in passato di risorse umane, ho il pallino per la social accountability, che oltre all’ambiente prevede anche la sicurezza sul lavoro e il rispetto dei diritti dei lavoratori”. Le difficoltà non mancano, ma il Made in Italy è, insieme alla sostenibilità, alla base dell’identità di Na2rale: “Produrre nel Far East costa 10 volte meno e in Turchia un quarto, ma noi teniamo duro”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende