Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nasce l’Agenda Urbana Europea per affrontare le sfide delle città:

Nasce l’Agenda Urbana Europea per affrontare le sfide delle città

maggio 30, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Un piano per rafforzare la dimensione urbana e quindi sostenere le città, che si trovano oggi a interfacciarsi con problematiche sempre crescenti. Sfide che riguardano in particolare la povertà, la segregazione spaziale e sociale, il cambiamento demografico e l’utilizzo delle energie rinnovabili. È questa, in soldoni la mission dell’Agenda Urbana Europea, nata dal CITIES ForumCity of Tomorrow” tenutosi nel 2014, e oggi arrivata alle sue battute finali.

Una forte accelerazione nella definizione dell’agenda e della sua formulazione in chiave collaborativa è stata impressa dal Governo dei Paesi Bassi nel corso del semestre attualmente in corso di Presidenza dell’Unione. A questo scopo l’esecutivo olandese ha individuato un delegato politico per l’Agenda Urbana, un serrato calendario di iniziative e un atto conclusivo del percorso di formulazione.

Sotto la guida di Nicolaas Beets c’è stato, infatti, l’incontro dei sindaci delle Capitali europee del 21 aprile, e il meeting europeo dei direttori generali delle pubbliche amministrazioni con deleghe alle politiche urbane del 12 maggio. Ma il processo culmina con la sottoscrizione del Patto di Amsterdam, documento chiave dell’Agenda Urbana, che sarà approvato nell’incontro dei ministri previsto per oggi 30 maggio.

Il patto prevede la formazione di partnership tematiche della durata di tre anni su dodici temi urbani, e alle quali sono chiamati a partecipare Commissione, Stati, Città. Quattro macro-aree che racchiudono le principali sfide urbane contemporanee: qualità dell’aria, housing, povertà, inclusione di rifugiati e migranti. In cui proporre azioni di sinergia tra gli attori coinvolti.

Per fare un esempio, questa dimensione collaborativa trova espressione nel progetto New Europe – Cities in Transition che, negli ultimi due anni, ha prodotto una mappatura degli attori dell’innovazione urbana in Olanda e in Europa tramite viaggi di scambio e meeting europei. Nel corso del progetto sono stati, infatti, individuati i cosiddetti City Makers, le figure che secondo i promotori sono coloro che “attivano soluzioni di piccola scala e adattabili ai bisogni della loro comunità, e affrontano le sfide sociali. Riqualificano spazi abbandonati, si impegnano nell’agricoltura urbana, costruiscono progetti di co-housing, attivano imprese comunitarie per migliorano il welfare locale e facilitano l’impiego“. Tramite Cities in Transition in questi mesi i City Makers europei si stanno incontrando ad Amsterdam e stanno contribuendo alla costruzione dell’Agenda Urbana. L’incontro conclusivo dei City Makers europei avrà luogo, non a caso, dal 27 al 30 maggio, in contemporanea con la sottoscrizione del Patto di Amsterdam.

Visto inoltre il ruolo fondamentale negli enti locali nella realizzazione degli obiettivi che si prefissa l’Agenda, anche il Comitato Europeo delle Regioni UE (CdR) ha espresso la sua posizione. Chiedendo che si apra un percorso vincolante capace di dare un ruolo nuovo alle città dall’elaborazione della legislazione che ha un impatto sulle aree urbane all’implementazione delle politiche sul territorio. Per stimolare la crescita sostenibile, lo sviluppo sociale e imprenditoriale e l’innovazione dal basso nelle città. Il CdR, a sostegno dell’accordo e della sua realizzazione ha inoltre adottato in sessione plenaria il parere “Misure concrete per attuare l’agenda urbana dell’UE”.

“L’agenda – ha dichiarato il Presidente del Comitato Markku Markkula – può aiutare l’UE a essere più vicina alle reali esigenze dei suoi cittadini e ad innovare, a tutti i livelli, le politiche pubbliche volte ad affrontare sfide fondamentali che vanno dai fenomeni migratori all’azione contro i cambiamenti climatici, dalla povertà alla mobilità intelligente”.

L’agenda è, inoltre, uno strumento fondamentale per mettere in campo un innovativo metodo di lavoro e migliorare il rapporto tra i cittadini e le istituzioni di ogni livello. Un’alleanza tra enti istituzioni locali, regionali ed europei per la sua concretizzazione è, infine, un passo importante verso un approccio integrato alle politiche urbane.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende