Home » Bollettino Europa »Rubriche » Né vincitori né vinti al primo dibattito UE. Il format botta-e-risposta brucia la green economy:

Né vincitori né vinti al primo dibattito UE. Il format botta-e-risposta brucia la green economy

maggio 5, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Il 28 aprile 2014 resterà, nella storia dell’Unione Europea, una data da ricordare. A Maastricht si è tenuto il primo dibattito tra quattro dei cinque candidati in corsa per la Presidenza della Commissione Europea, mandato in onda in tredici lingue da Euronews. Per la prima volta, infatti, oltre agli Eurodeputati, si eleggerà anche il “capo dell’esecutivo” UE, destinato a prendere il posto che, da due mandati, è ricoperto da José Manuel Barroso.

Per 90 minuti Jean-Claude Juncker del Partito Popolare Europeo (PPE), Martin Schulz del Partito Socialista (PSE), Guy Verhofstadt dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE), e Ska Keller del Partito Verde Europeo si sono confrontati cercando di fare emergere la propria idea di Europa. Grande assente Alexis Tsipras – leader del partito greco Syriza e candidato per la Sinistra Unitaria Europea – che pare essere stato informato troppo tardi e che ha scelto di non annullare la tappa portoghese della sua campagna elettorale.

Il confronto avrebbe visto emergere, per maggiori abilità oratorie – secondo gli osservatori - il belga Verhofstadt, il quale ha fornito una visione d’insieme dell’UE più chiara e convincente, dando prova di una maggiore capacità di tener testa agli interlocutori con argomenti sempre validi, e rispondendo, colpo su colpo alle domande. Ottima anche la performance della giovanissima Ska Keller, dello European Green Party, che insieme a Verhofstadt ha brillato soprattutto nell’ultima parte del dibattito, mentre Schulz e Juncker, i principali favoriti, sono rimasti più nell’ombra.

Due sono stati tuttavia, secondo molti commentatori, gli aspetti critici. Il primo è senza dubbio legato ai temi affrontati. C’è stata, durante l’intero dibattito, una presenza costante e minacciosa: l’economia. Ma c’è stato anche un grande assente: l’ambiente. Anche la candidata dei Verdi ha avuto qualche difficoltà a sottolineare l’importanza di cambiare paradigma economico, avvicinarsi alla green economy e sostenere un green new deal per uscire dalla crisi. Più volte citata, infatti, l’economia verde non ha “bucato il video”, colpa, forse, anche della velocità e brevità delle risposte a cui il format obbligava. Davvero incisivo, invece, l’intervento della Keller per quanto riguarda l’energia. Interpellata in tema di politica estera – che data l’attualità era sottinteso che si riferisse alla situazione in Ucraina – la rappresentante dei Verdi ha dichiarato, senza giri di parole: “la crisi in Ucraina deve portare a un cambiamento nella politica energetica. Penso che dovremmo ridurre la nostra dipendenza dalla Russia. E credo che sia una vergogna che il bilancio dell’Unione europea nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica sia stato ridotto dai miei colleghi qui presenti”. Una stoccata verso gli avversari, tutti politici di lungo corso.

Secondo punto chiave, la volontà di tutti i candidati di rompere con un passato in cui lo strapotere degli Stati, rappresentati in sede europea all’interno del Consiglio, e la tecnocrazia della Commissione hanno imposto diktat e tracciato la rotta sulla maggioranza delle politiche. Abbiamo visto, anche in campo ambientale, come spesso questi due organi non siano stati propensi a compiere scelte coraggiose perché messi sotto scasso da interessi squisitamente nazionali o di grandi lobby. Non a caso, l’incarico per il quale i cinque candidati sono in corsa è una grande novità introdotta dal Trattato di Lisbona per rafforzare la volontà popolare. Il prossimo leader dell’UE sarà, infatti, determinato, con ogni probabilità, dal gruppo che otterrà i maggiori seggi all’Europarlamento. Quindi, anche se il Consiglio avrà modo di partecipare alla scelta, la nuova procedura dovrebbe delineare un Presidente con il ruolo di primus inter pares, impegnato a difendere la supremazia europea e allo stesso tempo a riguadagnare la fiducia di cittadini e Stati nazionali, entrambi sempre più riluttanti ad accettare le decisioni di burocrati considerati distanti dalle esigenze della comunità.

Al primo giro nessun leader è risultato così convincente da emergere nettamente sugli avversari. Tuttavia, se di vittoria si deve parlare, forse è all’Europa intera a cui ci si deve riferire. Diretta in 28 paesi, traduzione in 13 lingue, 1.000 tweet di commento al minuto con l’hashtag #Eudebate2014. “È veramente la prima volta nella storia dell’Unione Europea che dei candidati alla presidenza della Commissione Europea si fanno conoscere, spiegano cosa vogliono fare, confrontano le loro idee politiche: gli elettori potranno fare una scelta”, ha dichiarato Jean Quatremer, uno dei mediatori del dibattito esprimendo il proprio entusiasmo nei confronti dell’evento. Quella di lunedì scorso, tuttavia, non sarà l’unica occasione per ascoltare le parole dei candidati. Una ricca serie di appuntamenti attende i duellanti in giro per l’Europa. Si continua l’8 maggio a Berlino con il faccia a faccia  Juncker-Schulz. Il 9, invece, sarà Firenze ad ospitare un dibattito simile al primo – con il solo cambio nelle fila dei Verdi che schierano José Bové al posto di Ska Keller – in diretta su Rai News 24 dalle 18:30 alle 20:00. Il 15 maggio, infine, tutti i contendenti – compreso  Alexis Tsipras – saranno al Parlamento Europeo.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende