Home » Bollettino Europa »Rubriche » Né vincitori né vinti al primo dibattito UE. Il format botta-e-risposta brucia la green economy:

Né vincitori né vinti al primo dibattito UE. Il format botta-e-risposta brucia la green economy

maggio 5, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Il 28 aprile 2014 resterà, nella storia dell’Unione Europea, una data da ricordare. A Maastricht si è tenuto il primo dibattito tra quattro dei cinque candidati in corsa per la Presidenza della Commissione Europea, mandato in onda in tredici lingue da Euronews. Per la prima volta, infatti, oltre agli Eurodeputati, si eleggerà anche il “capo dell’esecutivo” UE, destinato a prendere il posto che, da due mandati, è ricoperto da José Manuel Barroso.

Per 90 minuti Jean-Claude Juncker del Partito Popolare Europeo (PPE), Martin Schulz del Partito Socialista (PSE), Guy Verhofstadt dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE), e Ska Keller del Partito Verde Europeo si sono confrontati cercando di fare emergere la propria idea di Europa. Grande assente Alexis Tsipras – leader del partito greco Syriza e candidato per la Sinistra Unitaria Europea – che pare essere stato informato troppo tardi e che ha scelto di non annullare la tappa portoghese della sua campagna elettorale.

Il confronto avrebbe visto emergere, per maggiori abilità oratorie – secondo gli osservatori - il belga Verhofstadt, il quale ha fornito una visione d’insieme dell’UE più chiara e convincente, dando prova di una maggiore capacità di tener testa agli interlocutori con argomenti sempre validi, e rispondendo, colpo su colpo alle domande. Ottima anche la performance della giovanissima Ska Keller, dello European Green Party, che insieme a Verhofstadt ha brillato soprattutto nell’ultima parte del dibattito, mentre Schulz e Juncker, i principali favoriti, sono rimasti più nell’ombra.

Due sono stati tuttavia, secondo molti commentatori, gli aspetti critici. Il primo è senza dubbio legato ai temi affrontati. C’è stata, durante l’intero dibattito, una presenza costante e minacciosa: l’economia. Ma c’è stato anche un grande assente: l’ambiente. Anche la candidata dei Verdi ha avuto qualche difficoltà a sottolineare l’importanza di cambiare paradigma economico, avvicinarsi alla green economy e sostenere un green new deal per uscire dalla crisi. Più volte citata, infatti, l’economia verde non ha “bucato il video”, colpa, forse, anche della velocità e brevità delle risposte a cui il format obbligava. Davvero incisivo, invece, l’intervento della Keller per quanto riguarda l’energia. Interpellata in tema di politica estera – che data l’attualità era sottinteso che si riferisse alla situazione in Ucraina – la rappresentante dei Verdi ha dichiarato, senza giri di parole: “la crisi in Ucraina deve portare a un cambiamento nella politica energetica. Penso che dovremmo ridurre la nostra dipendenza dalla Russia. E credo che sia una vergogna che il bilancio dell’Unione europea nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica sia stato ridotto dai miei colleghi qui presenti”. Una stoccata verso gli avversari, tutti politici di lungo corso.

Secondo punto chiave, la volontà di tutti i candidati di rompere con un passato in cui lo strapotere degli Stati, rappresentati in sede europea all’interno del Consiglio, e la tecnocrazia della Commissione hanno imposto diktat e tracciato la rotta sulla maggioranza delle politiche. Abbiamo visto, anche in campo ambientale, come spesso questi due organi non siano stati propensi a compiere scelte coraggiose perché messi sotto scasso da interessi squisitamente nazionali o di grandi lobby. Non a caso, l’incarico per il quale i cinque candidati sono in corsa è una grande novità introdotta dal Trattato di Lisbona per rafforzare la volontà popolare. Il prossimo leader dell’UE sarà, infatti, determinato, con ogni probabilità, dal gruppo che otterrà i maggiori seggi all’Europarlamento. Quindi, anche se il Consiglio avrà modo di partecipare alla scelta, la nuova procedura dovrebbe delineare un Presidente con il ruolo di primus inter pares, impegnato a difendere la supremazia europea e allo stesso tempo a riguadagnare la fiducia di cittadini e Stati nazionali, entrambi sempre più riluttanti ad accettare le decisioni di burocrati considerati distanti dalle esigenze della comunità.

Al primo giro nessun leader è risultato così convincente da emergere nettamente sugli avversari. Tuttavia, se di vittoria si deve parlare, forse è all’Europa intera a cui ci si deve riferire. Diretta in 28 paesi, traduzione in 13 lingue, 1.000 tweet di commento al minuto con l’hashtag #Eudebate2014. “È veramente la prima volta nella storia dell’Unione Europea che dei candidati alla presidenza della Commissione Europea si fanno conoscere, spiegano cosa vogliono fare, confrontano le loro idee politiche: gli elettori potranno fare una scelta”, ha dichiarato Jean Quatremer, uno dei mediatori del dibattito esprimendo il proprio entusiasmo nei confronti dell’evento. Quella di lunedì scorso, tuttavia, non sarà l’unica occasione per ascoltare le parole dei candidati. Una ricca serie di appuntamenti attende i duellanti in giro per l’Europa. Si continua l’8 maggio a Berlino con il faccia a faccia  Juncker-Schulz. Il 9, invece, sarà Firenze ad ospitare un dibattito simile al primo – con il solo cambio nelle fila dei Verdi che schierano José Bové al posto di Ska Keller – in diretta su Rai News 24 dalle 18:30 alle 20:00. Il 15 maggio, infine, tutti i contendenti – compreso  Alexis Tsipras – saranno al Parlamento Europeo.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende