Home » Bollettino Europa »Rubriche » Né vincitori né vinti al primo dibattito UE. Il format botta-e-risposta brucia la green economy:

Né vincitori né vinti al primo dibattito UE. Il format botta-e-risposta brucia la green economy

maggio 5, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Il 28 aprile 2014 resterà, nella storia dell’Unione Europea, una data da ricordare. A Maastricht si è tenuto il primo dibattito tra quattro dei cinque candidati in corsa per la Presidenza della Commissione Europea, mandato in onda in tredici lingue da Euronews. Per la prima volta, infatti, oltre agli Eurodeputati, si eleggerà anche il “capo dell’esecutivo” UE, destinato a prendere il posto che, da due mandati, è ricoperto da José Manuel Barroso.

Per 90 minuti Jean-Claude Juncker del Partito Popolare Europeo (PPE), Martin Schulz del Partito Socialista (PSE), Guy Verhofstadt dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE), e Ska Keller del Partito Verde Europeo si sono confrontati cercando di fare emergere la propria idea di Europa. Grande assente Alexis Tsipras – leader del partito greco Syriza e candidato per la Sinistra Unitaria Europea – che pare essere stato informato troppo tardi e che ha scelto di non annullare la tappa portoghese della sua campagna elettorale.

Il confronto avrebbe visto emergere, per maggiori abilità oratorie – secondo gli osservatori - il belga Verhofstadt, il quale ha fornito una visione d’insieme dell’UE più chiara e convincente, dando prova di una maggiore capacità di tener testa agli interlocutori con argomenti sempre validi, e rispondendo, colpo su colpo alle domande. Ottima anche la performance della giovanissima Ska Keller, dello European Green Party, che insieme a Verhofstadt ha brillato soprattutto nell’ultima parte del dibattito, mentre Schulz e Juncker, i principali favoriti, sono rimasti più nell’ombra.

Due sono stati tuttavia, secondo molti commentatori, gli aspetti critici. Il primo è senza dubbio legato ai temi affrontati. C’è stata, durante l’intero dibattito, una presenza costante e minacciosa: l’economia. Ma c’è stato anche un grande assente: l’ambiente. Anche la candidata dei Verdi ha avuto qualche difficoltà a sottolineare l’importanza di cambiare paradigma economico, avvicinarsi alla green economy e sostenere un green new deal per uscire dalla crisi. Più volte citata, infatti, l’economia verde non ha “bucato il video”, colpa, forse, anche della velocità e brevità delle risposte a cui il format obbligava. Davvero incisivo, invece, l’intervento della Keller per quanto riguarda l’energia. Interpellata in tema di politica estera – che data l’attualità era sottinteso che si riferisse alla situazione in Ucraina – la rappresentante dei Verdi ha dichiarato, senza giri di parole: “la crisi in Ucraina deve portare a un cambiamento nella politica energetica. Penso che dovremmo ridurre la nostra dipendenza dalla Russia. E credo che sia una vergogna che il bilancio dell’Unione europea nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica sia stato ridotto dai miei colleghi qui presenti”. Una stoccata verso gli avversari, tutti politici di lungo corso.

Secondo punto chiave, la volontà di tutti i candidati di rompere con un passato in cui lo strapotere degli Stati, rappresentati in sede europea all’interno del Consiglio, e la tecnocrazia della Commissione hanno imposto diktat e tracciato la rotta sulla maggioranza delle politiche. Abbiamo visto, anche in campo ambientale, come spesso questi due organi non siano stati propensi a compiere scelte coraggiose perché messi sotto scasso da interessi squisitamente nazionali o di grandi lobby. Non a caso, l’incarico per il quale i cinque candidati sono in corsa è una grande novità introdotta dal Trattato di Lisbona per rafforzare la volontà popolare. Il prossimo leader dell’UE sarà, infatti, determinato, con ogni probabilità, dal gruppo che otterrà i maggiori seggi all’Europarlamento. Quindi, anche se il Consiglio avrà modo di partecipare alla scelta, la nuova procedura dovrebbe delineare un Presidente con il ruolo di primus inter pares, impegnato a difendere la supremazia europea e allo stesso tempo a riguadagnare la fiducia di cittadini e Stati nazionali, entrambi sempre più riluttanti ad accettare le decisioni di burocrati considerati distanti dalle esigenze della comunità.

Al primo giro nessun leader è risultato così convincente da emergere nettamente sugli avversari. Tuttavia, se di vittoria si deve parlare, forse è all’Europa intera a cui ci si deve riferire. Diretta in 28 paesi, traduzione in 13 lingue, 1.000 tweet di commento al minuto con l’hashtag #Eudebate2014. “È veramente la prima volta nella storia dell’Unione Europea che dei candidati alla presidenza della Commissione Europea si fanno conoscere, spiegano cosa vogliono fare, confrontano le loro idee politiche: gli elettori potranno fare una scelta”, ha dichiarato Jean Quatremer, uno dei mediatori del dibattito esprimendo il proprio entusiasmo nei confronti dell’evento. Quella di lunedì scorso, tuttavia, non sarà l’unica occasione per ascoltare le parole dei candidati. Una ricca serie di appuntamenti attende i duellanti in giro per l’Europa. Si continua l’8 maggio a Berlino con il faccia a faccia  Juncker-Schulz. Il 9, invece, sarà Firenze ad ospitare un dibattito simile al primo – con il solo cambio nelle fila dei Verdi che schierano José Bové al posto di Ska Keller – in diretta su Rai News 24 dalle 18:30 alle 20:00. Il 15 maggio, infine, tutti i contendenti – compreso  Alexis Tsipras – saranno al Parlamento Europeo.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende