Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Nel classico di Portmann i segreti delle forme degli animali:

Nel classico di Portmann i segreti delle forme degli animali

luglio 2, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del quinto capitolo di “La forma degli animali“, di Adolf Portmann. Il saggio è l’opera più celebre dello zoologo svizzero scomparso nel 1982, e viene ripubblicato dopo molti anni in Italia da Raffaello Cortina Editore.  Il libro indaga il significato della morfoglogia animale: che senso hanno le striature delle zebre, la criniera del leone, gli ocelli della coda del pavone e le mirabili geometrie delle conchiglie dei molluschi? E come mai parliamo dello “spettacolo” della natura, come se ci trovassimo di fronte a un’inarrivabile opera d’arte? L’estratto del capitolo qui sotto è dedicato a “I molluschi e le loro conchiglie”.

Abbiamo visto che la configurazione dei vertebrati è sottoposta a determinate regole, e lo stesso vale per qualunque gruppo di forme animali affini che presenti al suo interno notevoli divergenze nel grado di differenziazione. Prendiamo per esempio il phylum dei molluschi, che manifesta tali divergenze e ha inoltre un’organizzazione estremamente diversa dalla nostra; la digressione ci consentirà di occuparci anche dei loro gusci, una delle più sorprendenti formazioni degli animali che ha attirato da tempo l’interesse dei collezionisti, al punto che alcuni vecchi “cabinet di conchiglie” rappresentano il nucleo originario dei moderni musei di storia naturale.

Il mollusco vero e proprio è per noi certamente più importante di ciò che produce, ma le conchiglie sono così belle e variegate e hanno un rapporto tanto particolare con gli animali al loro interno che non possiamo non prendere in esame anche questi involucri che, pur essendo privi di vita, dalla vita sono stati formati. Il guscio dei molluschi è il risultato di una piega cutanea che avvolge il corpo nella sua interezza, come un mantello, o almeno ne ricopre gran parte, nascondendo il sacco viscerale. La parte più importante di questo “mantello” è il margine, che produce una secrezione ghiandolare in grado di costruire, a partire da sostanze organiche, la matrice della conchiglia, sulla quale vengono poi depositate notevoli quantità di sostanze minerarie (per lo più sali di calcio). La parte esterna del mantello contribuisce anch’essa alla formazione del guscio, e in particolare del suo liscio strato interno.

La forma della conchiglia dei molluschi deriva dalla sua particolare modalità di sviluppo. Strutture solide come le nostre ossa crescono grazie a una continua e simultanea trasformazione, restando armonicamente disposte nella massa crescente del corpo. Tutt’altro discorso, invece, per il guscio dei molluschi, che si accresce soltanto lungo una zona marginale e non può quindi semplicemente adattarsi all’incremento della massa corporea globale. L’adattamento è reso invece possibile dall’aggiunta di nuovi strati, sempre più grandi: il guscio è un’opera del tempo in cui tutte le tappe dello sviluppo rimangono chiaramente visibili. L’accrescimento viene regolato dalla crescita del margine del mantello, dalla sua forma e dal tipo di secrezione. La forma è determinata una volta per tutte dai caratteri peculiari della specie, che sono ereditari. È così che sorgono forme geometriche ben definite che mettono in luce un gran numero di leggi matematiche, cui gli scienziati hanno da tempo rivolto il loro interesse. Le conchiglie più semplici, in cui il margine del mantello avvolge l’animale come un anello, hanno forma di scodella o di coppa: è il caso delle patelle attaccate agli scogli.

Che aspetto avevano le conchiglie dei primi molluschi? Si tratta di una questione assai dibattuta, ma quel che è certo è che i gusci delle patelle non sono i più antichi. Un altro abitante degli scogli, che gli zoologi chiamano “chitone”, mostra al suo interno alcuni tratti distintivi di uno stile costruttivo molto antico; pur con qualche esitazione, c’è stato allora chi ha proposto di considerare il guscio del chitone – formato da otto parti separate – come il tipo originario. Da alcuni anni, però, sull’intera questione è stata inaspettatamente gettata nuova luce. Nel 1952 la nave da ricerca Galathea, battente bandiera danese, ha recuperato a una profondità di quasi quattromila metri alcuni molluschi muniti di guscio che rappresentano – come dimostrato da approfondite indagini successive – un nuovo gruppo molto primitivo.

Il nome scelto per questo nuovo mollusco è Neopilina, in omaggio al fatto che il suo guscio appare sorprendentemente simile a quello di un altro organismo, Pilina, fossile rinvenuto fra gli strati geologici più antichi. Il nuovo Pilina emerso dagli abissi ha un guscio del diametro di circa tre centimetri, rialzato verso la testa e inclinato in avanti. L’intera struttura è così primitiva che possiamo dare per certo che i primi molluschi muniti di guscio si portassero in giro una casa di questo tipo .

In alcuni antichi cefalopodi il guscio si accresceva su tutti i lati, allungandosi a mo’ di cono; in altri, invece, l’accrescimento risultava maggiore su un lato del mantello, e il guscio si avvolgeva come una spirale regolare sopra la testa (con le volute che procedevano in direzione opposta rispetto a quelle delle nostre lumache acquatiche!). Ma l’accrescimento può anche limitarsi a una parte del margine del mantello: poiché questa parte, di solito, è asimmetrica rispetto all’asse del corpo, la superficie in crescita si dispone a spirale. L’accrescimento del guscio su un unico lato del margine del mantello cela in realtà numerosi e difficili problemi, essendo correlato alla particolare torsione del sacco viscerale tipica di molte chiocciole e all’asimmetria di singoli organi riscontrabile assai di frequente nei molluschi. Torsione e asimmetria possono manifestarsi indipendentemente l’una dall’altra oppure insieme, e ciò ha procurato parecchi grattacapi agli zoologi che si sono occupati della forma delle chiocciole.

Adolf Portmann

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende