Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Nel classico di Portmann i segreti delle forme degli animali:

Nel classico di Portmann i segreti delle forme degli animali

luglio 2, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del quinto capitolo di “La forma degli animali“, di Adolf Portmann. Il saggio è l’opera più celebre dello zoologo svizzero scomparso nel 1982, e viene ripubblicato dopo molti anni in Italia da Raffaello Cortina Editore.  Il libro indaga il significato della morfoglogia animale: che senso hanno le striature delle zebre, la criniera del leone, gli ocelli della coda del pavone e le mirabili geometrie delle conchiglie dei molluschi? E come mai parliamo dello “spettacolo” della natura, come se ci trovassimo di fronte a un’inarrivabile opera d’arte? L’estratto del capitolo qui sotto è dedicato a “I molluschi e le loro conchiglie”.

Abbiamo visto che la configurazione dei vertebrati è sottoposta a determinate regole, e lo stesso vale per qualunque gruppo di forme animali affini che presenti al suo interno notevoli divergenze nel grado di differenziazione. Prendiamo per esempio il phylum dei molluschi, che manifesta tali divergenze e ha inoltre un’organizzazione estremamente diversa dalla nostra; la digressione ci consentirà di occuparci anche dei loro gusci, una delle più sorprendenti formazioni degli animali che ha attirato da tempo l’interesse dei collezionisti, al punto che alcuni vecchi “cabinet di conchiglie” rappresentano il nucleo originario dei moderni musei di storia naturale.

Il mollusco vero e proprio è per noi certamente più importante di ciò che produce, ma le conchiglie sono così belle e variegate e hanno un rapporto tanto particolare con gli animali al loro interno che non possiamo non prendere in esame anche questi involucri che, pur essendo privi di vita, dalla vita sono stati formati. Il guscio dei molluschi è il risultato di una piega cutanea che avvolge il corpo nella sua interezza, come un mantello, o almeno ne ricopre gran parte, nascondendo il sacco viscerale. La parte più importante di questo “mantello” è il margine, che produce una secrezione ghiandolare in grado di costruire, a partire da sostanze organiche, la matrice della conchiglia, sulla quale vengono poi depositate notevoli quantità di sostanze minerarie (per lo più sali di calcio). La parte esterna del mantello contribuisce anch’essa alla formazione del guscio, e in particolare del suo liscio strato interno.

La forma della conchiglia dei molluschi deriva dalla sua particolare modalità di sviluppo. Strutture solide come le nostre ossa crescono grazie a una continua e simultanea trasformazione, restando armonicamente disposte nella massa crescente del corpo. Tutt’altro discorso, invece, per il guscio dei molluschi, che si accresce soltanto lungo una zona marginale e non può quindi semplicemente adattarsi all’incremento della massa corporea globale. L’adattamento è reso invece possibile dall’aggiunta di nuovi strati, sempre più grandi: il guscio è un’opera del tempo in cui tutte le tappe dello sviluppo rimangono chiaramente visibili. L’accrescimento viene regolato dalla crescita del margine del mantello, dalla sua forma e dal tipo di secrezione. La forma è determinata una volta per tutte dai caratteri peculiari della specie, che sono ereditari. È così che sorgono forme geometriche ben definite che mettono in luce un gran numero di leggi matematiche, cui gli scienziati hanno da tempo rivolto il loro interesse. Le conchiglie più semplici, in cui il margine del mantello avvolge l’animale come un anello, hanno forma di scodella o di coppa: è il caso delle patelle attaccate agli scogli.

Che aspetto avevano le conchiglie dei primi molluschi? Si tratta di una questione assai dibattuta, ma quel che è certo è che i gusci delle patelle non sono i più antichi. Un altro abitante degli scogli, che gli zoologi chiamano “chitone”, mostra al suo interno alcuni tratti distintivi di uno stile costruttivo molto antico; pur con qualche esitazione, c’è stato allora chi ha proposto di considerare il guscio del chitone – formato da otto parti separate – come il tipo originario. Da alcuni anni, però, sull’intera questione è stata inaspettatamente gettata nuova luce. Nel 1952 la nave da ricerca Galathea, battente bandiera danese, ha recuperato a una profondità di quasi quattromila metri alcuni molluschi muniti di guscio che rappresentano – come dimostrato da approfondite indagini successive – un nuovo gruppo molto primitivo.

Il nome scelto per questo nuovo mollusco è Neopilina, in omaggio al fatto che il suo guscio appare sorprendentemente simile a quello di un altro organismo, Pilina, fossile rinvenuto fra gli strati geologici più antichi. Il nuovo Pilina emerso dagli abissi ha un guscio del diametro di circa tre centimetri, rialzato verso la testa e inclinato in avanti. L’intera struttura è così primitiva che possiamo dare per certo che i primi molluschi muniti di guscio si portassero in giro una casa di questo tipo .

In alcuni antichi cefalopodi il guscio si accresceva su tutti i lati, allungandosi a mo’ di cono; in altri, invece, l’accrescimento risultava maggiore su un lato del mantello, e il guscio si avvolgeva come una spirale regolare sopra la testa (con le volute che procedevano in direzione opposta rispetto a quelle delle nostre lumache acquatiche!). Ma l’accrescimento può anche limitarsi a una parte del margine del mantello: poiché questa parte, di solito, è asimmetrica rispetto all’asse del corpo, la superficie in crescita si dispone a spirale. L’accrescimento del guscio su un unico lato del margine del mantello cela in realtà numerosi e difficili problemi, essendo correlato alla particolare torsione del sacco viscerale tipica di molte chiocciole e all’asimmetria di singoli organi riscontrabile assai di frequente nei molluschi. Torsione e asimmetria possono manifestarsi indipendentemente l’una dall’altra oppure insieme, e ciò ha procurato parecchi grattacapi agli zoologi che si sono occupati della forma delle chiocciole.

Adolf Portmann

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende