Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nel nuovo quadro finanziario dell’UE, la sfida climatica ed energetica:

Nel nuovo quadro finanziario dell’UE, la sfida climatica ed energetica

giugno 6, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Crisi economica, crescita delle economie emergenti, una società sostenibile, un’economia efficiente, la lotta ai cambiamenti climatici, le sfide demografiche, la lotta alla povertà, le minacce delle calamità naturali, terrorismo e  criminalità organizzata, sono le nuove sfide dell’Europa.

Alla plenaria del Parlamento Europeo di martedì 7 giugno si cercherà di dare una risposta a questi temi che la UE dovrà affrontare con il “Nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP)”. Il piano dovrà definire le priorità politiche del Parlamento dopo il 2013, sia in termini legislativi che di bilancio. Inoltre dovrà valutare le risorse finanziarie necessarie all’Unione Europea per conseguire i propri obiettivi e attuare le rispettive politiche nel periodo dal 1° gennaio 2014, stabilendo  la durata del prossimo QFP.

Considerando che la strategia si basa su cinque obiettivi principali ossia promuovere l’occupazione, offrire migliori condizioni per l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo, raggiungere gli obiettivi in materia di cambiamento climatico ed energia, migliorare i livelli d’istruzione e promuovere l’integrazione sociale, in particolare tramite la riduzione della povertà, si ritiene che le sfide che si prospettano riguardino ambiti in cui l’Unione Europea può dimostrare il suo valore aggiunto.

La sfida climatica e la sfida delle risorse sono due elementi che i parlamentari tengono sotto stretto esame. Nel documento si esprime preoccupazione per il fatto che l’espansione della popolazione del pianeta da 6 a 9 miliardi di persone accentuerà la concorrenza mondiale per le risorse naturali ed eserciterà ulteriori pressioni sull’ambiente, sia a livello globale che locale. La domanda di prodotti alimentari aumenterà probabilmente del 70% entro il 2050, l’utilizzo e la gestione inefficaci e non sostenibili delle materie prime e dei prodotti di base espongono i cittadini a una concorrenza dannosa tra alimentazione, conservazione della natura e produzione energetica, nonché a costosi aumenti dei prezzi. Inoltre si richiama l’attenzione sul crescente consumo di energia a livello mondiale e sul fatto che la dipendenza dalle importazioni di energia è destinata a crescere, con l’importazione da parte dell’Unione, entro il 2050, di quasi due terzi del proprio fabbisogno, se le attuali politiche energetiche non verranno opportunamente modificate e se l’Unione e gli Stati membri non intensificheranno gli sforzi per sviluppare le proprie fonti energetiche e per realizzare il proprio potenziale di efficienza energetica.

La Ue è favorevole all’idea che la totalità dei finanziamenti dell’Unione debba comportare un miglioramento delle condizioni generali dell’ambiente in Europa grazie a una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Tutto si dovrà basare sulla gestione delle risorse naturali e sviluppo sostenibile. In primis: politica agricola comune, ambiente, cambiamento climatico, efficienza delle risorse, pesca ed energia. Nel documento preparatorio si chiede anche che la quota destinata all’energia nel prossimo QFP debba aumentare; che le tecnologie per le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica e il risparmio energetico debbano rappresentare priorità chiave e ricevere un aumento adeguato dei finanziamenti dall’Unione.

Per il prossimo QFP il mix proposto è dunque: crescita intelligente, sostenibile e inclusiva (Europa 2020); conoscenza per la crescita e l’occupazione; sviluppo sostenibile; coesione per la crescita e l’occupazione; cittadinanza, europa globale, governance finanziaria, amministrazione. Queste le sfide del futuro.

 Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende