Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nel nuovo quadro finanziario dell’UE, la sfida climatica ed energetica:

Nel nuovo quadro finanziario dell’UE, la sfida climatica ed energetica

giugno 6, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Crisi economica, crescita delle economie emergenti, una società sostenibile, un’economia efficiente, la lotta ai cambiamenti climatici, le sfide demografiche, la lotta alla povertà, le minacce delle calamità naturali, terrorismo e  criminalità organizzata, sono le nuove sfide dell’Europa.

Alla plenaria del Parlamento Europeo di martedì 7 giugno si cercherà di dare una risposta a questi temi che la UE dovrà affrontare con il “Nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP)”. Il piano dovrà definire le priorità politiche del Parlamento dopo il 2013, sia in termini legislativi che di bilancio. Inoltre dovrà valutare le risorse finanziarie necessarie all’Unione Europea per conseguire i propri obiettivi e attuare le rispettive politiche nel periodo dal 1° gennaio 2014, stabilendo  la durata del prossimo QFP.

Considerando che la strategia si basa su cinque obiettivi principali ossia promuovere l’occupazione, offrire migliori condizioni per l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo, raggiungere gli obiettivi in materia di cambiamento climatico ed energia, migliorare i livelli d’istruzione e promuovere l’integrazione sociale, in particolare tramite la riduzione della povertà, si ritiene che le sfide che si prospettano riguardino ambiti in cui l’Unione Europea può dimostrare il suo valore aggiunto.

La sfida climatica e la sfida delle risorse sono due elementi che i parlamentari tengono sotto stretto esame. Nel documento si esprime preoccupazione per il fatto che l’espansione della popolazione del pianeta da 6 a 9 miliardi di persone accentuerà la concorrenza mondiale per le risorse naturali ed eserciterà ulteriori pressioni sull’ambiente, sia a livello globale che locale. La domanda di prodotti alimentari aumenterà probabilmente del 70% entro il 2050, l’utilizzo e la gestione inefficaci e non sostenibili delle materie prime e dei prodotti di base espongono i cittadini a una concorrenza dannosa tra alimentazione, conservazione della natura e produzione energetica, nonché a costosi aumenti dei prezzi. Inoltre si richiama l’attenzione sul crescente consumo di energia a livello mondiale e sul fatto che la dipendenza dalle importazioni di energia è destinata a crescere, con l’importazione da parte dell’Unione, entro il 2050, di quasi due terzi del proprio fabbisogno, se le attuali politiche energetiche non verranno opportunamente modificate e se l’Unione e gli Stati membri non intensificheranno gli sforzi per sviluppare le proprie fonti energetiche e per realizzare il proprio potenziale di efficienza energetica.

La Ue è favorevole all’idea che la totalità dei finanziamenti dell’Unione debba comportare un miglioramento delle condizioni generali dell’ambiente in Europa grazie a una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Tutto si dovrà basare sulla gestione delle risorse naturali e sviluppo sostenibile. In primis: politica agricola comune, ambiente, cambiamento climatico, efficienza delle risorse, pesca ed energia. Nel documento preparatorio si chiede anche che la quota destinata all’energia nel prossimo QFP debba aumentare; che le tecnologie per le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica e il risparmio energetico debbano rappresentare priorità chiave e ricevere un aumento adeguato dei finanziamenti dall’Unione.

Per il prossimo QFP il mix proposto è dunque: crescita intelligente, sostenibile e inclusiva (Europa 2020); conoscenza per la crescita e l’occupazione; sviluppo sostenibile; coesione per la crescita e l’occupazione; cittadinanza, europa globale, governance finanziaria, amministrazione. Queste le sfide del futuro.

 Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende