Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nel nuovo quadro finanziario dell’UE, la sfida climatica ed energetica:

Nel nuovo quadro finanziario dell’UE, la sfida climatica ed energetica

giugno 6, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Crisi economica, crescita delle economie emergenti, una società sostenibile, un’economia efficiente, la lotta ai cambiamenti climatici, le sfide demografiche, la lotta alla povertà, le minacce delle calamità naturali, terrorismo e  criminalità organizzata, sono le nuove sfide dell’Europa.

Alla plenaria del Parlamento Europeo di martedì 7 giugno si cercherà di dare una risposta a questi temi che la UE dovrà affrontare con il “Nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP)”. Il piano dovrà definire le priorità politiche del Parlamento dopo il 2013, sia in termini legislativi che di bilancio. Inoltre dovrà valutare le risorse finanziarie necessarie all’Unione Europea per conseguire i propri obiettivi e attuare le rispettive politiche nel periodo dal 1° gennaio 2014, stabilendo  la durata del prossimo QFP.

Considerando che la strategia si basa su cinque obiettivi principali ossia promuovere l’occupazione, offrire migliori condizioni per l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo, raggiungere gli obiettivi in materia di cambiamento climatico ed energia, migliorare i livelli d’istruzione e promuovere l’integrazione sociale, in particolare tramite la riduzione della povertà, si ritiene che le sfide che si prospettano riguardino ambiti in cui l’Unione Europea può dimostrare il suo valore aggiunto.

La sfida climatica e la sfida delle risorse sono due elementi che i parlamentari tengono sotto stretto esame. Nel documento si esprime preoccupazione per il fatto che l’espansione della popolazione del pianeta da 6 a 9 miliardi di persone accentuerà la concorrenza mondiale per le risorse naturali ed eserciterà ulteriori pressioni sull’ambiente, sia a livello globale che locale. La domanda di prodotti alimentari aumenterà probabilmente del 70% entro il 2050, l’utilizzo e la gestione inefficaci e non sostenibili delle materie prime e dei prodotti di base espongono i cittadini a una concorrenza dannosa tra alimentazione, conservazione della natura e produzione energetica, nonché a costosi aumenti dei prezzi. Inoltre si richiama l’attenzione sul crescente consumo di energia a livello mondiale e sul fatto che la dipendenza dalle importazioni di energia è destinata a crescere, con l’importazione da parte dell’Unione, entro il 2050, di quasi due terzi del proprio fabbisogno, se le attuali politiche energetiche non verranno opportunamente modificate e se l’Unione e gli Stati membri non intensificheranno gli sforzi per sviluppare le proprie fonti energetiche e per realizzare il proprio potenziale di efficienza energetica.

La Ue è favorevole all’idea che la totalità dei finanziamenti dell’Unione debba comportare un miglioramento delle condizioni generali dell’ambiente in Europa grazie a una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Tutto si dovrà basare sulla gestione delle risorse naturali e sviluppo sostenibile. In primis: politica agricola comune, ambiente, cambiamento climatico, efficienza delle risorse, pesca ed energia. Nel documento preparatorio si chiede anche che la quota destinata all’energia nel prossimo QFP debba aumentare; che le tecnologie per le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica e il risparmio energetico debbano rappresentare priorità chiave e ricevere un aumento adeguato dei finanziamenti dall’Unione.

Per il prossimo QFP il mix proposto è dunque: crescita intelligente, sostenibile e inclusiva (Europa 2020); conoscenza per la crescita e l’occupazione; sviluppo sostenibile; coesione per la crescita e l’occupazione; cittadinanza, europa globale, governance finanziaria, amministrazione. Queste le sfide del futuro.

 Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende