Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Nella bocca della montagna: Orlando sul monte Tre Denti:

Nella bocca della montagna: Orlando sul monte Tre Denti

maggio 20, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Ogni tanto la montagna – sempre distante dalle umane piccolezze – si diverte ad assomigliarci e imita i contorni nascosti che abitano le nostre bocche:  le forme dei denti. Da qui tutto un repertorio di nomi suggestivi: denti della Vecchia, denti del Gigante, Tre Denti, e chissà quanti altri ancora potrebbero comporre la mappa di questa bizzarra odontoiatrìa montana.

In quelle zone della provincia del Piemonte tra Torino e Pinerolo dove  ancora si possono percepire i ritmi di una vita secondo lentezza, al confine tra i comuni di Cumiana e Cantalupa, non passa inosservato fra i rilievi delle  Alpi del Monginevro il Tre Denti, il monte emblematico che rapisce gli occhi e gli spiriti, seppur coi suoi modesti  1.360 metri e rotti. Questione di dentatura: dalla piazza del mercato di Cumiana si vedono distintamente i tre dentini che costituiscono le cime venerabili del monticciolo.

Il Monte Tre Denti regala al viandante un lungo respiro, immerso com’è nel Parco Naturale del Monte Tre Denti e del Freidour (1445 m), e un’ascensione alla vetta (anzi alle vette) facile e incantevole, tra il volo dei falchi pellegrini e una vegetazione sottostante esplosiva, vicina a quella di certi paesaggi andini.

Dal paese di Cumiana, si attraversano borgate , scandite da chiese e vigne, croci e madonne, fino all’ultima borgata, detta Bastianoni, già a ottocentotrenta metri sul livello del mare.
La borgata è una casa di pietra sbrecciata, dalle finestre come occhi sul passato e un tetto di lose.

Accade ogni tanto in montagna di trovarsi più o meno simbolicamente davanti a un limite, uno spartiacque, una porta d’accesso a un altro mondo, un altro ritmo, un altro ruolo per i passi invadenti dell’uomo.  In questo caso, quella porta – neanche più inchiodata ai suoi cardini – è qui, a borgata Bastianoni.

Un’indicazione nascosta suggerisce la via maestra verso il Tre Denti.
Prima di ramificarsi in trivio, il  sentiero conduce all’interno del Parco Naturale di interesse provinciale del Monte Tre Denti e del Freidour, una delle aree naturali protette della Regione Piemonte, estesa per più di ottocento ettari di territorio, a un dislivello compreso tra i 500 metri delle zone più basse e i 1445 m del monte Feidour.

Il Parco Naturale custodisce una vegetazione arborea rigogliosa.
Oltre al consueto castagno, il faggio che storicamente ha rappresentato insieme con il frassino il legno principe per la tradizione del trasporto di legname.
E poi querce, betulle, e anche pino silvestre e robinie.
Il bosco è fitto ma non mancano specie anche rare di vegetazione erbacea, come il Giglio di San Giovanni, robusto e aranciato,  il giglio martagone, le campanule e il fior di stecco, più diffuso perché cresce su arbusti di forma cespugliosa che riescono a formarsi anche nelle zone coperte del bosco.
Da quei cespugli e dalle fronde degli alberi arrivano i più svariati fruscii e trilli, strida e scalpiccii: il mondo animale fa il suo corso, parallelo a quello degli escursionisti.
Il parco è frequentato nelle parti più boscose da cinghiali, gufi, picchi rossi, caprioli e camosci.

Ma la presenza animale più vivida viene segnalata da un cartello appeso alla palizzata d’ingresso del Parco Naturale: “Sono state smarrite tre mucche dalle parti del Freidour. Una grigia, una marrone e una terza pezzata rossa.”
Una volta a teatro vidi uno spettacolo bellissimo che si chiamava Mucche Ballerine. Protagoniste tre mucche, che riuscivano a testimoniare dal loro punto di vista la lotta di resistenza all’occupazione nazista.
E adesso queste povere mucchette smarrite. Spero che si siano almeno messe d’accordo come quelle là.

Dal sentiero David Bertrand (007), si segue il sentiero 005 (Monte Tre Denti) fino alla fonte del Pieu,sorgente
del Chisòla.
La pendenza non molla mai o quasi, ma il passo è accompagnato dal riparo e dal fresco del bosco.
Dopo la fontana,  il sentiero che devia a sinistra arriva dritto al Tre Denti; quello che continua dritto va in direzione Freidour.
Il tratto di mezza costa fino alle cime è fresco, incantatorio, sicuro.

Fuori del bosco spiccano i Tre Denti, che dalla radice del monte si staccano come piccoli parallelepipedi verso il cielo. Gli ultimi metri di dislivello sono assistiti da corde e scalini ferrati.
Ecco il Dente Occidentale (1365 metri), il più alto dei tre: regge sulla propria cuspide la Madonnina, una piccola statua di ferro assicurata ad un traliccio di sostegno.
Il Dente Occidentale fronteggia il Dente Orientale, cui si giunge passando per un piccolo rilievo intermedio: lo Sperone Dimenticato.

Le due alture si guardano, si osservano e specchiano le testimonianze coraggiose della Devozione: sul Dente
Orientale (1342 metri) si aggrappa miracolosamente la piccola cappelletta della Madonna della Neve.
All’interno della cappella, centinaia e centinaia di testimonianze. Talvolta pensieri di Fede, altre volte piccole vicende che hanno caratterizzata la scalata al monte di questi o di quelli. Tutti raccolti intorno ai segni tra più strabilianti del credere umano: quelli che sfidano le altezze delle montagne.

Però qualcosa non torna: c’è un dente occidentale e uno orientale. E in mezzo uno sperone dimenticato. Ma dov’è finito il terzo dente? Ah, eccolo là, più a Nord. Senza segni, cimeli, o monumenti del sentimento umano. Praticamente un dente devitalizzato.
A sei metri da me, si posa sul tetto della cappelletta il falco pellegrino, a silenziare ogni pensiero.
Il tempo di accorgermi di essere completamente senza fiato e il falcone è già ripartito lungo le piste del cielo.

Orlando Manfredi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

agosto 21, 2018

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

Il film documentario di Patagonia, “Blue Heart” – disponibile a partire da oggi, 21 agosto 2018, in tutto il mondo, su piattaforme di streaming come iTunes, Amazon Video, Google Play e Sony PlayStation – racconta della lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale sul potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa [...]

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende