Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nella Plenaria di Strasburgo il duro match tra Parlamento e Commissione UE:

Nella Plenaria di Strasburgo il duro match tra Parlamento e Commissione UE

giugno 15, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

È stata una Plenaria che si potrebbe definire ricca di colpi di scena quella appena trascorsa. L’aula di Strasburgo ha visto nell’ordine: il voto sul Trattato Transatlantico (TTIP) rimandato, la proposta della Commissione sulla possibilità per gli Stati di scegliere se utilizzare o meno prodotti OGM rispedita al mittente e il rapporto sulla sicurezza energetica UE respinto. Ma ecco nell’ordine i fatti.

Un gruppo di attivisti della rete che si batte contro l’accordo di libero scambio tra Europa e Stati Uniti, alla vigilia del voto aveva messo in piedi un’istallazione all’esterno del Parlamento Europeo, per affermare che il TTIP sarà il cane da guardia delle multinazionali, prevedendo, forse senza saperlo, ciò che di lì a poche ore sarebbe successo.

Il Presidente Martin Schulz, infatti, in accordo con il Presidente della Commissione Commercio Internazionale e relatore del testo sul TTIP Bernd Lange, ha deciso di rimandare il voto e anche le successive discussioni sul Trattato. Dal punto di vista tecnico, la scelta è stata motivata dall’eccessiva quantità di emendamenti e richieste di voto separato, in tutto circa 200. Un numero alto, ma non impossibile da affrontare.

Pare, invece, che tutto sia da imputare all’emendamento socialista sull’Investor State Dispute Settlement (ISDS), gli arbitrati per risolvere controversie tra le multinazionali e gli Stati dove queste investono. Il timore è che inserendo questo meccanismo nei trattati si finisca per favorire le grandi aziende che possono sfidare i governi in tribunali ad hoc se questi approvano leggi che ledono i loro profitti. Per questo i socialisti propongono una soluzione permanente senza utilizzare il sistema privato. Presentato da Lange e supportato dall’S&D, l’emendamento sembra stesse raccogliendo consensi anche tra i popolari, rischiando così di spaccare il gruppo. E mettendo, in questo modo, a rischio la possibilità di far approvare la relazione nel suo insieme.

La faccenda la si può guardare da più lati. I sostenitori del TTIP al Parlamento hanno capito di non avere più la maggioranza per approvarne le linee guida e hanno deciso di rinviare il voto. Schulz, dicono i sostenitori di questa tesi, abusa della sua autorità rimandando un voto che divide i due grandi gruppi, il PPE e l’S&D. Il voto è stato rimandato proprio perché considerato di grande importanza e la risoluzione è l’unico strumento che il Parlamento ha per intervenire nei negoziati e influenzarli.

Qualunque sia l’interpretazione di quanto accaduto, una cosa è certa: la partita non è per nulla chiusa e le discussioni attorno al TTIP promettono ancora sorprese. Inoltre, la mobilitazione dei cittadini, grazie a due milioni di firme raccolte e alla pressione diretta della società civile sui Parlamentari Europei, ha certamente giocato un ruolo fondamentale nel rafforzare le spaccature.

Mentre a Strasburgo si consumava tutto ciò, dal G7 in Germania, sull’argomento arrivavano precise indicazioni. I leader, infatti, hanno chiesto un cambio di marcia nelle discussioni sull’accordo di libero scambio tra UE e USA. Nella dichiarazione finale del vertice si ricorda che l’obiettivo è arrivare a finalizzare l’intesa il prima possibile, preferibilmente entro la fine dell’anno. Del tutto ottimista la Cancelliera tedesca, Angela Merkel. La quale ha sottolineato l’importanza dell’accordo in termini di crescita e posti di lavoro non nascondendo, tuttavia, l’esistenza di alcune difficoltà, soprattutto a livello legale. Niente di insormontabile, ha sottolineato la Cancelliera, secondo la quale c’è la possibilità di arrivare ad un accordo. Osteggiato, per la verità anche da una parte del Congresso USA, che ha già affossato l’altro trattato con l’area del Pacifico, il TPP.

Sul fronte OGM, invece, la proposta della Commissione Europea non ha soddisfatto gli Eurodeputati, motivo per cui è stata rigettata. Si tratta della modifica all’attuale regime UE di autorizzazione dei prodotti geneticamente modificati che lascerebbe liberi gli Stati membri di decidere se utilizzare o meno nel loro Paese prodotti a base di OGM. Relatore era il Presidente della Commissione Ambiente Giovanni La Via, il quale ha avuto il compito di rispedire al mittente il testo redatto dall’Esecutivo UE. Le ragioni risiedono principalmente nel rischio di segmentazione del mercato unico. Gli Eurodeputati, infatti, sono convinti che se si lascierà a ogni Stato membro la libertà di vietare o meno la circolazione sul proprio territorio di un prodotto biotech autorizzato dall’UE, si formerà un mercato unico a macchia di leopardo. Se anche i governi in Consiglio seguiranno la stessa strada del Parlamento la Commissione sarà obbligata a ritirare il testo.

L’Europarlamento ha, infine, respinto la relazione riguardante la Comunicazione sulla Sicurezza Energetica dell’Unione Europea, che conteneva alcuni richiami a combustibili fossili, rigassificatori, trivellazioni, nuovi gasdotti ed energia nucleare per rendere il Continente sempre più “autonomo” dal punto di vista energetico. Durante l’esame del provvedimento é emerso, tra l’altro, che la maggioranza dell’Europarlamento è favorevole ad una moratoria sul fracking nell’UE.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende