Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nella Plenaria di Strasburgo il duro match tra Parlamento e Commissione UE:

Nella Plenaria di Strasburgo il duro match tra Parlamento e Commissione UE

giugno 15, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

È stata una Plenaria che si potrebbe definire ricca di colpi di scena quella appena trascorsa. L’aula di Strasburgo ha visto nell’ordine: il voto sul Trattato Transatlantico (TTIP) rimandato, la proposta della Commissione sulla possibilità per gli Stati di scegliere se utilizzare o meno prodotti OGM rispedita al mittente e il rapporto sulla sicurezza energetica UE respinto. Ma ecco nell’ordine i fatti.

Un gruppo di attivisti della rete che si batte contro l’accordo di libero scambio tra Europa e Stati Uniti, alla vigilia del voto aveva messo in piedi un’istallazione all’esterno del Parlamento Europeo, per affermare che il TTIP sarà il cane da guardia delle multinazionali, prevedendo, forse senza saperlo, ciò che di lì a poche ore sarebbe successo.

Il Presidente Martin Schulz, infatti, in accordo con il Presidente della Commissione Commercio Internazionale e relatore del testo sul TTIP Bernd Lange, ha deciso di rimandare il voto e anche le successive discussioni sul Trattato. Dal punto di vista tecnico, la scelta è stata motivata dall’eccessiva quantità di emendamenti e richieste di voto separato, in tutto circa 200. Un numero alto, ma non impossibile da affrontare.

Pare, invece, che tutto sia da imputare all’emendamento socialista sull’Investor State Dispute Settlement (ISDS), gli arbitrati per risolvere controversie tra le multinazionali e gli Stati dove queste investono. Il timore è che inserendo questo meccanismo nei trattati si finisca per favorire le grandi aziende che possono sfidare i governi in tribunali ad hoc se questi approvano leggi che ledono i loro profitti. Per questo i socialisti propongono una soluzione permanente senza utilizzare il sistema privato. Presentato da Lange e supportato dall’S&D, l’emendamento sembra stesse raccogliendo consensi anche tra i popolari, rischiando così di spaccare il gruppo. E mettendo, in questo modo, a rischio la possibilità di far approvare la relazione nel suo insieme.

La faccenda la si può guardare da più lati. I sostenitori del TTIP al Parlamento hanno capito di non avere più la maggioranza per approvarne le linee guida e hanno deciso di rinviare il voto. Schulz, dicono i sostenitori di questa tesi, abusa della sua autorità rimandando un voto che divide i due grandi gruppi, il PPE e l’S&D. Il voto è stato rimandato proprio perché considerato di grande importanza e la risoluzione è l’unico strumento che il Parlamento ha per intervenire nei negoziati e influenzarli.

Qualunque sia l’interpretazione di quanto accaduto, una cosa è certa: la partita non è per nulla chiusa e le discussioni attorno al TTIP promettono ancora sorprese. Inoltre, la mobilitazione dei cittadini, grazie a due milioni di firme raccolte e alla pressione diretta della società civile sui Parlamentari Europei, ha certamente giocato un ruolo fondamentale nel rafforzare le spaccature.

Mentre a Strasburgo si consumava tutto ciò, dal G7 in Germania, sull’argomento arrivavano precise indicazioni. I leader, infatti, hanno chiesto un cambio di marcia nelle discussioni sull’accordo di libero scambio tra UE e USA. Nella dichiarazione finale del vertice si ricorda che l’obiettivo è arrivare a finalizzare l’intesa il prima possibile, preferibilmente entro la fine dell’anno. Del tutto ottimista la Cancelliera tedesca, Angela Merkel. La quale ha sottolineato l’importanza dell’accordo in termini di crescita e posti di lavoro non nascondendo, tuttavia, l’esistenza di alcune difficoltà, soprattutto a livello legale. Niente di insormontabile, ha sottolineato la Cancelliera, secondo la quale c’è la possibilità di arrivare ad un accordo. Osteggiato, per la verità anche da una parte del Congresso USA, che ha già affossato l’altro trattato con l’area del Pacifico, il TPP.

Sul fronte OGM, invece, la proposta della Commissione Europea non ha soddisfatto gli Eurodeputati, motivo per cui è stata rigettata. Si tratta della modifica all’attuale regime UE di autorizzazione dei prodotti geneticamente modificati che lascerebbe liberi gli Stati membri di decidere se utilizzare o meno nel loro Paese prodotti a base di OGM. Relatore era il Presidente della Commissione Ambiente Giovanni La Via, il quale ha avuto il compito di rispedire al mittente il testo redatto dall’Esecutivo UE. Le ragioni risiedono principalmente nel rischio di segmentazione del mercato unico. Gli Eurodeputati, infatti, sono convinti che se si lascierà a ogni Stato membro la libertà di vietare o meno la circolazione sul proprio territorio di un prodotto biotech autorizzato dall’UE, si formerà un mercato unico a macchia di leopardo. Se anche i governi in Consiglio seguiranno la stessa strada del Parlamento la Commissione sarà obbligata a ritirare il testo.

L’Europarlamento ha, infine, respinto la relazione riguardante la Comunicazione sulla Sicurezza Energetica dell’Unione Europea, che conteneva alcuni richiami a combustibili fossili, rigassificatori, trivellazioni, nuovi gasdotti ed energia nucleare per rendere il Continente sempre più “autonomo” dal punto di vista energetico. Durante l’esame del provvedimento é emerso, tra l’altro, che la maggioranza dell’Europarlamento è favorevole ad una moratoria sul fracking nell’UE.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende