Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Nelle “Confessioni Ultime” di Corona l’incapacità contemporanea di leggere il libro della natura:

Nelle “Confessioni Ultime” di Corona l’incapacità contemporanea di leggere il libro della natura

novembre 11, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Alpinista, scrittore, scultore e, in ogni veste, sempre grande amante della montagna. Nel suo ultimo libro, “Confessioni Ultime. Una meditazione sulla vita, la natura, il silenzio, la libertà“, da poco pubblicato da Chiarelettere, Mauro Corona riflette a ruota libera sui temi a lui più cari. Il volume è il diario intimo di “un sognatore”. Un autoritratto che richiama, in alcuni passaggi, l’indimenticabile tradizione degli scritti morali e si trasforma con impennate improvvise in un personalissimo sfogo sull’attualità e la politica. Suoni e basta, le parole hanno perso consistenza, volume, spessore, e con loro la vita. Libertà, silenzio, memoria, corpo, fatica, invidia, orgoglio, competizione, amore, amicizia, dolore, morte, Dio e la fede. In queste meditazioni trovano spazio anche la montagna e la natura, da sempre “compagne di vita” dell’autore. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del quarto capitolo, intitolato “Il corpo e la mente”, in cui Corona riflette sull’incapacità dell’uomo contemporaneo di leggere il libro della natura: per questo si continua a costruire dove non si dovrebbe, noncuranti dei rischi e dei pericoli.

Il corpo è come una montagna, lo devi leggere. Se io vedo un ghiaione sotto una parete capisco che la montagna mi sta dicendo: «Guarda che qui sono friabile». La montagna mi presenta il suo libro aperto. Ma noi non allunghiamo più la mano verso gli scaffali di questa biblioteca che è la natura, per aprire i volumi che ha scritto. Allo stesso modo ci dimentichiamo il corpo, non leggiamo più quello che ogni giorno ci scrive. Se ho un’unghia nera vuol dire che ho preso un colpo e devo curarmi. Tutto nell’esistenza è scrittura, e noi dobbiamo essere attenti a leggere queste scritture che ci lascia la natura, questi archivi di ciò che è successo nei millenni.

Alluvioni, terremoti, maremoti, valanghe. La natura ha scritto. Qui hanno tirato su un paese nuovo. Là, dal monte Certen, dove secoli fa scendeva una valanga enorme e andava a finire nel Vajont. E quella opposta, dal monte Borgà, lo stesso finiva laggiù. Si baciavano, diceva la vecchia guida Gioacchino Filippin. Ora, chi ha detto che in quel posto lì, dove hanno costruito il paese nuovo, non torni la valanga? Chi l’ha detto? E invece gli uomini ci hanno costruito. Se nei secoli dei secoli nessuno aveva costruito nulla lì, neanche un pollaio, un motivo c’era. Sapevamo ancora leggere la scrittura della montagna, della natura, del corpo. Andiamo a tirar giù dalla biblioteca il volume che riguarda questa zona e leggiamolo, dirà che lì non ci hanno mai costruito niente. Adesso ci hanno costruito.

Dovessero tornare, e torneranno, le nevicate di un tempo, perché tutto è ciclico, quelle case lì verranno spazzate via, e poi si piangerà qualcosa e qualcuno, i morti. Giù al Piave è lo stesso. Nel ’66, a novembre, con le alluvioni, il Piave era largo un chilometro, era alto quattro-cinque metri. Lì, chi ha detto che non torni più un’alluvione come quella del ’66? Tornerà di sicuro. E invece proprio lì hanno costruito tutta una zona industriale e le case. Le hanno costruite perché non è stato preso dalla biblioteca il libro che raccontava come erano andate le cose. La natura si muove e si comporta, scrive, noi dobbiamo saper leggere.

Per i nostri corpi vale la stessa legge. Noi siamo all’età della pietra del nostro corpo. Basterebbe sentire. Il corpo ti lancia messaggi, anche l’anticipo di malattie fatali. La scienza ha scoperto che i cani le sentono prima. Il mio corpo emana qualcosa, prima di ammalarmi, e dove c’è già latente il male il cane lo sente. Lo hanno scoperto di recente, ci sono dei cani addestrati per individuare molto prima degli apparecchi quello che ci sta accadendo. Il cane sente la malattia che sta per arrivare al padrone. Se il cane, che ha il senso più affinato, lo percepisce, vuol dire che il mio corpo gli sta mandando un messaggio. Sta parlando, e mentre ci parla spesso noi non sentiamo e continuiamo per la nostra strada. Non perché siamo tonti, è perché abbiamo fretta, dobbiamo consumare giorni e ore. Va così oggi, mica che io punti il dito, oggi va così e basta. Ma ci sarà una saturazione, e l’uomo precipiterà di nuovo e tornerà a riappropriarsi dei ritmi naturali e a leggere la scrittura del proprio corpo.

Mauro Corona*

* Nato a Erto (Pordenone) nel 1950, è autore di numerosi libri, tra i quali “Il volo della martora”; “Le voci del bosco”; “Finché il cuculo canta”; “Gocce di resina”; “La montagna”; “Nel legno e nella pietra”; “Vajont: quelli del dopo”; “La fine del mondo storto” (premio Bancarella 2011); “La voce degli uomini freddi” (finalista premio Campiello 2014); e delle raccolte di fiabe “Storie del bosco antico” e “Torneranno le quattro stagioni”. Nel 2013 per Chiarelettere ha pubblicato “Confessioni ultime” (con un dvd di Giorgio Fornoni).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende