Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Nelle “Confessioni Ultime” di Corona l’incapacità contemporanea di leggere il libro della natura:

Nelle “Confessioni Ultime” di Corona l’incapacità contemporanea di leggere il libro della natura

novembre 11, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Alpinista, scrittore, scultore e, in ogni veste, sempre grande amante della montagna. Nel suo ultimo libro, “Confessioni Ultime. Una meditazione sulla vita, la natura, il silenzio, la libertà“, da poco pubblicato da Chiarelettere, Mauro Corona riflette a ruota libera sui temi a lui più cari. Il volume è il diario intimo di “un sognatore”. Un autoritratto che richiama, in alcuni passaggi, l’indimenticabile tradizione degli scritti morali e si trasforma con impennate improvvise in un personalissimo sfogo sull’attualità e la politica. Suoni e basta, le parole hanno perso consistenza, volume, spessore, e con loro la vita. Libertà, silenzio, memoria, corpo, fatica, invidia, orgoglio, competizione, amore, amicizia, dolore, morte, Dio e la fede. In queste meditazioni trovano spazio anche la montagna e la natura, da sempre “compagne di vita” dell’autore. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del quarto capitolo, intitolato “Il corpo e la mente”, in cui Corona riflette sull’incapacità dell’uomo contemporaneo di leggere il libro della natura: per questo si continua a costruire dove non si dovrebbe, noncuranti dei rischi e dei pericoli.

Il corpo è come una montagna, lo devi leggere. Se io vedo un ghiaione sotto una parete capisco che la montagna mi sta dicendo: «Guarda che qui sono friabile». La montagna mi presenta il suo libro aperto. Ma noi non allunghiamo più la mano verso gli scaffali di questa biblioteca che è la natura, per aprire i volumi che ha scritto. Allo stesso modo ci dimentichiamo il corpo, non leggiamo più quello che ogni giorno ci scrive. Se ho un’unghia nera vuol dire che ho preso un colpo e devo curarmi. Tutto nell’esistenza è scrittura, e noi dobbiamo essere attenti a leggere queste scritture che ci lascia la natura, questi archivi di ciò che è successo nei millenni.

Alluvioni, terremoti, maremoti, valanghe. La natura ha scritto. Qui hanno tirato su un paese nuovo. Là, dal monte Certen, dove secoli fa scendeva una valanga enorme e andava a finire nel Vajont. E quella opposta, dal monte Borgà, lo stesso finiva laggiù. Si baciavano, diceva la vecchia guida Gioacchino Filippin. Ora, chi ha detto che in quel posto lì, dove hanno costruito il paese nuovo, non torni la valanga? Chi l’ha detto? E invece gli uomini ci hanno costruito. Se nei secoli dei secoli nessuno aveva costruito nulla lì, neanche un pollaio, un motivo c’era. Sapevamo ancora leggere la scrittura della montagna, della natura, del corpo. Andiamo a tirar giù dalla biblioteca il volume che riguarda questa zona e leggiamolo, dirà che lì non ci hanno mai costruito niente. Adesso ci hanno costruito.

Dovessero tornare, e torneranno, le nevicate di un tempo, perché tutto è ciclico, quelle case lì verranno spazzate via, e poi si piangerà qualcosa e qualcuno, i morti. Giù al Piave è lo stesso. Nel ’66, a novembre, con le alluvioni, il Piave era largo un chilometro, era alto quattro-cinque metri. Lì, chi ha detto che non torni più un’alluvione come quella del ’66? Tornerà di sicuro. E invece proprio lì hanno costruito tutta una zona industriale e le case. Le hanno costruite perché non è stato preso dalla biblioteca il libro che raccontava come erano andate le cose. La natura si muove e si comporta, scrive, noi dobbiamo saper leggere.

Per i nostri corpi vale la stessa legge. Noi siamo all’età della pietra del nostro corpo. Basterebbe sentire. Il corpo ti lancia messaggi, anche l’anticipo di malattie fatali. La scienza ha scoperto che i cani le sentono prima. Il mio corpo emana qualcosa, prima di ammalarmi, e dove c’è già latente il male il cane lo sente. Lo hanno scoperto di recente, ci sono dei cani addestrati per individuare molto prima degli apparecchi quello che ci sta accadendo. Il cane sente la malattia che sta per arrivare al padrone. Se il cane, che ha il senso più affinato, lo percepisce, vuol dire che il mio corpo gli sta mandando un messaggio. Sta parlando, e mentre ci parla spesso noi non sentiamo e continuiamo per la nostra strada. Non perché siamo tonti, è perché abbiamo fretta, dobbiamo consumare giorni e ore. Va così oggi, mica che io punti il dito, oggi va così e basta. Ma ci sarà una saturazione, e l’uomo precipiterà di nuovo e tornerà a riappropriarsi dei ritmi naturali e a leggere la scrittura del proprio corpo.

Mauro Corona*

* Nato a Erto (Pordenone) nel 1950, è autore di numerosi libri, tra i quali “Il volo della martora”; “Le voci del bosco”; “Finché il cuculo canta”; “Gocce di resina”; “La montagna”; “Nel legno e nella pietra”; “Vajont: quelli del dopo”; “La fine del mondo storto” (premio Bancarella 2011); “La voce degli uomini freddi” (finalista premio Campiello 2014); e delle raccolte di fiabe “Storie del bosco antico” e “Torneranno le quattro stagioni”. Nel 2013 per Chiarelettere ha pubblicato “Confessioni ultime” (con un dvd di Giorgio Fornoni).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende