Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Nelle “Confessioni Ultime” di Corona l’incapacità contemporanea di leggere il libro della natura:

Nelle “Confessioni Ultime” di Corona l’incapacità contemporanea di leggere il libro della natura

novembre 11, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Alpinista, scrittore, scultore e, in ogni veste, sempre grande amante della montagna. Nel suo ultimo libro, “Confessioni Ultime. Una meditazione sulla vita, la natura, il silenzio, la libertà“, da poco pubblicato da Chiarelettere, Mauro Corona riflette a ruota libera sui temi a lui più cari. Il volume è il diario intimo di “un sognatore”. Un autoritratto che richiama, in alcuni passaggi, l’indimenticabile tradizione degli scritti morali e si trasforma con impennate improvvise in un personalissimo sfogo sull’attualità e la politica. Suoni e basta, le parole hanno perso consistenza, volume, spessore, e con loro la vita. Libertà, silenzio, memoria, corpo, fatica, invidia, orgoglio, competizione, amore, amicizia, dolore, morte, Dio e la fede. In queste meditazioni trovano spazio anche la montagna e la natura, da sempre “compagne di vita” dell’autore. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del quarto capitolo, intitolato “Il corpo e la mente”, in cui Corona riflette sull’incapacità dell’uomo contemporaneo di leggere il libro della natura: per questo si continua a costruire dove non si dovrebbe, noncuranti dei rischi e dei pericoli.

Il corpo è come una montagna, lo devi leggere. Se io vedo un ghiaione sotto una parete capisco che la montagna mi sta dicendo: «Guarda che qui sono friabile». La montagna mi presenta il suo libro aperto. Ma noi non allunghiamo più la mano verso gli scaffali di questa biblioteca che è la natura, per aprire i volumi che ha scritto. Allo stesso modo ci dimentichiamo il corpo, non leggiamo più quello che ogni giorno ci scrive. Se ho un’unghia nera vuol dire che ho preso un colpo e devo curarmi. Tutto nell’esistenza è scrittura, e noi dobbiamo essere attenti a leggere queste scritture che ci lascia la natura, questi archivi di ciò che è successo nei millenni.

Alluvioni, terremoti, maremoti, valanghe. La natura ha scritto. Qui hanno tirato su un paese nuovo. Là, dal monte Certen, dove secoli fa scendeva una valanga enorme e andava a finire nel Vajont. E quella opposta, dal monte Borgà, lo stesso finiva laggiù. Si baciavano, diceva la vecchia guida Gioacchino Filippin. Ora, chi ha detto che in quel posto lì, dove hanno costruito il paese nuovo, non torni la valanga? Chi l’ha detto? E invece gli uomini ci hanno costruito. Se nei secoli dei secoli nessuno aveva costruito nulla lì, neanche un pollaio, un motivo c’era. Sapevamo ancora leggere la scrittura della montagna, della natura, del corpo. Andiamo a tirar giù dalla biblioteca il volume che riguarda questa zona e leggiamolo, dirà che lì non ci hanno mai costruito niente. Adesso ci hanno costruito.

Dovessero tornare, e torneranno, le nevicate di un tempo, perché tutto è ciclico, quelle case lì verranno spazzate via, e poi si piangerà qualcosa e qualcuno, i morti. Giù al Piave è lo stesso. Nel ’66, a novembre, con le alluvioni, il Piave era largo un chilometro, era alto quattro-cinque metri. Lì, chi ha detto che non torni più un’alluvione come quella del ’66? Tornerà di sicuro. E invece proprio lì hanno costruito tutta una zona industriale e le case. Le hanno costruite perché non è stato preso dalla biblioteca il libro che raccontava come erano andate le cose. La natura si muove e si comporta, scrive, noi dobbiamo saper leggere.

Per i nostri corpi vale la stessa legge. Noi siamo all’età della pietra del nostro corpo. Basterebbe sentire. Il corpo ti lancia messaggi, anche l’anticipo di malattie fatali. La scienza ha scoperto che i cani le sentono prima. Il mio corpo emana qualcosa, prima di ammalarmi, e dove c’è già latente il male il cane lo sente. Lo hanno scoperto di recente, ci sono dei cani addestrati per individuare molto prima degli apparecchi quello che ci sta accadendo. Il cane sente la malattia che sta per arrivare al padrone. Se il cane, che ha il senso più affinato, lo percepisce, vuol dire che il mio corpo gli sta mandando un messaggio. Sta parlando, e mentre ci parla spesso noi non sentiamo e continuiamo per la nostra strada. Non perché siamo tonti, è perché abbiamo fretta, dobbiamo consumare giorni e ore. Va così oggi, mica che io punti il dito, oggi va così e basta. Ma ci sarà una saturazione, e l’uomo precipiterà di nuovo e tornerà a riappropriarsi dei ritmi naturali e a leggere la scrittura del proprio corpo.

Mauro Corona*

* Nato a Erto (Pordenone) nel 1950, è autore di numerosi libri, tra i quali “Il volo della martora”; “Le voci del bosco”; “Finché il cuculo canta”; “Gocce di resina”; “La montagna”; “Nel legno e nella pietra”; “Vajont: quelli del dopo”; “La fine del mondo storto” (premio Bancarella 2011); “La voce degli uomini freddi” (finalista premio Campiello 2014); e delle raccolte di fiabe “Storie del bosco antico” e “Torneranno le quattro stagioni”. Nel 2013 per Chiarelettere ha pubblicato “Confessioni ultime” (con un dvd di Giorgio Fornoni).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende