Home » Rubriche »Very Important Planet » “Nemmeno Harry Potter può migliorare l’aria”. Intervista a Luca Bono:

“Nemmeno Harry Potter può migliorare l’aria”. Intervista a Luca Bono

settembre 14, 2012 Rubriche, Very Important Planet

 

Il suo magico mondo è racchiuso in due mani. Nelle lunghe notti in cui resta sveglio per lavoro, lo accompagnano quattro colombe e un pappagallino, complici dei suoi superpoteri e amici di meraviglie mozzafiato. Ecco a voi l’Harry Potter italiano. Luca Bono ha appena 20 anni, di Pino Torinese, è già “campione italiano di magia”, famoso in mezza Europa, rivelazione anche dei mondiali dello scorso mese a Blackpool, in Inghilterra, dove si è aggiudicato il 13° posto su 50 della sua categoria.

D) Luca, quando hai cominciato?

R) Cinque anni fa. Prima di fare il mago correvo sui go kart, ma ho avuto un brutto incidente. Ho trascorso molto tempo in ospedale e mio fratello, appassionato di prestidigitazione, ha iniziato a trasmettermi la passione, con l’intenzione di intrattenermi. All’inizio il gioco era quello di scoprire il trucco, come accade a qualunque profano si avvicini a questo mondo. Poi è diventata una scelta seria e mi sono iscritto al Circolo della Magia a Torino, sotto l’egida di Marco Aimone e Tiziano Berardi, e ovviamente di Arturo Brachetti, che è diventato il mio direttore artistico.

D) Chi è il tuo modello di mago?

R) Arturo è Arturo. Mi forma sull’arte e sul teatro, è aperto mentalmente e ha scelto di non concentrarsi solo ed esclusivamente sulla magia. C’è anche un buon numero di maghi stranieri, come il mito Lance Burton, a cui rubo trucchi, metodi, dettagli infiniti. Burton ha lavorato per 20 anni Las Vegas, nell’82 ha vinto a Losanna il primo premio mondiale, con un numero con le colombe che ha fatto scuola e ha poi continuato a lavorare lì, ottenendo risultati di grandissimo livello. Da tutti traggo una piccola idea, ma alcuni di loro restano inarrivabili.

D) Campione giovanissimo, un successo folgorante. Domani andrai in onda, in prima serata, su France2 e in replica su TV5 Europa sabato 22 a “Le plus grand cabaret du monde”, un programma che fa ascolti da capogiro in Francia, seguito da circa 5 milioni di persone per serata. Ci sarà pure un trucco?

R) Esercizio, passione. Lavoro continuamente, di notte, perché le idee mi vengono meglio e ho meno distrazioni. Il mio obiettivo è divertire il pubblico, non sono di quei maghi che si esercitano solo per stupire gli altri maghi e vincere le competizioni. Quella con lo spettatore non deve essere una sfida, non devi mai invogliarlo solo a voler scoprire il meccanismo che ti porta a illuderlo, devi accontentarlo, saziare la loro meraviglia, meglio se con una storia di qualche minuto che li lasci a bocca aperta. Credo sia questo che mi ha portato fortuna ai mondiali, dove il mio obiettivo non era il podio, ma guadagnare contatti e contratti internazionali. Sono abbastanza soddisfatto dei “ganci” ottenuti. Grazie alla partecipazione sono appena stato, appunto, a Parigi a registrare un numero per questa trasmissione.

D) Quali sono i tuoi cavalli di battaglia in scena?

R) La manipolazione, con le carte o le palline, e le colombe che appaiono. Ma sto iniziando a lavorare sempre più su altri ambiti. Sto inventando una nuova routine, una serie di effetti più originali.

D) Ci anticipi qualcosa?

R) C’è un numero vecchissimo, in cui il mago prende un arancio, un limone, un uovo e un canarino. Con abilità fa scomparire il canarino. Lo stesso fa con l’uovo, poi con il limone. Dove siano andati, non si sa. Ma con l’arancio no, non ci riesce. Allora decide di tagliarlo a metà, e dentro ci trova il limone, dentro il limone l’uovo e dentro l’uovo l’uccellino.

D) Incredibile…

R) Questione di magia. Ho deciso di riadattare il trucco usando il mio pappagallino Otto. Ho fuso insieme diversi metodi di sparizione, per crearne uno nuovo.

D) Ci hai già confessato che per te l’orario di lavoro inizia quando calano le tenebre. Ma com’è la tua giornata tipo?

R) Mi piace alzarmi con calma, verso le 10,30. Se mi devo alzare presto mi sento uno zombie. Quando c’è il sole mi esercito, ma non troppo. Faccio tutto ciò che fa un ragazzo della mia età, come andare a giocare a calcetto e via dicendo. Poi vado al Circolo della Magia. Se invece ho spettacoli la sera, poi torno a casa e approfitto del buio per continuare a provare e provare i numeri nuovi.

D) Dove vivi?

R) A Pino Torinese, vicino a Torino, ottima posizione per essere in città in un attimo, ma stare nel verde e non nello smog.

D) Mi hai stregato e non ti ho chiesto nulla di ambiente e natura! Preferisci il mare o montagna?

R) Assolutamente mare d’estate. Per me andare in montagna è una tortura: è come essere al mare perché fa caldo, ma non c’è l’acqua. Da quando sono piccolo vado a Imperia con la famiglia. Il sogno naturalistico, certo, sarebbe dedicarmi un po’ di tempo nelle varie isolette sperdute del Pacifico, per staccare un po’ la testa, il più possibile lontano dal mondo e da internet, e pensare solo alla magia.

D) Se dovessi usare i tuoi superpoteri per fare un miracolo dedicato alla natura e al paesaggio, quale sceglieresti?

R) Eliminerei lo smog, ma non so quanto potrebbe aiutarmi la magia. Non è tanto questione di miracoli. Da mago ho tanti vantaggi, per esempio essendo timido conquisto meglio le ragazze. Ma a Torino mi chiedo perché non riusciamo a sviluppare auto meno inquinanti, alimentate non a benzina. Certo, abbiamo la metro, ma è inevitabilmente più comoda la macchina, che però sporca l’aria, e si sente! Più che trucchi ci vorrebbero investimenti industriali, ma noi maghi su questo possiamo fare poco.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende