Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Nero come un buco nero”: nonno Gino alla scoperta dei misteri dell’Universo:

“Nero come un buco nero”: nonno Gino alla scoperta dei misteri dell’Universo

agosto 27, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

È estate, il sole illumina il cielo, la spiaggia è infuocata: una giornata di giochi al mare e tuffi in acqua si trasforma per Bernardo, Gregorio e i loro due amici in un’avventura inaspettata, alla scoperta dei segreti dei buchi neri, gli strani oggetti celesti che nessuno ha mai visto ma che senza dubbio esistono. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del libro “Nero come un buco nero“, di Elena Ioli, da poco pubblicato dalla casa editrice Dedalo. Il volume è destinato a tutti i lettori, piccoli e adulti, interessati a saperne di più sugli oggetti più affascinanti e mi­steriosi dell’Universo. Nel libro il nonno Gino, professore di astronomia in pensione, fa da guida all’esplorazione dell’interno di un buco nero, spiega perché sono neri, perché non sono dei buchi, come sono nati e come si pensa che moriranno. E persino cosa c’è dall’altra parte di un buco nero.

Federica – Cos’è una teoria?

Nonno Gino – Una teoria è un po’ come l’insieme delle regole di un gioco, il gioco della scienza. Albert Einstein, uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi, ha proposto la teoria della relatività, per cercare di spiegare meglio cosa sono lo spazio e il tempo, e come si comportano. Per esempio, dice che il tempo è relativo, cioè non scorre allo stesso modo per tutti, ma è come un elastico: si allunga o si accorcia a seconda della velocità di chi lo misura… Pensate che secondo un detto che risale al 1919, «nel mondo solo tre persone capiscono la relatività».

Bernardo – Tutto chiaro! Ehm, a parte me e Ainstein (o come si chiama), chi è il terzo?

Gli altri sghignazzano, Corrado urla «Io!», anche se non sta ascoltando la conversazione, perché è tutto intento a scavare una buca profonda e ogni tanto chiede che qualcuno vada ad aiutarlo…

Nonno Gino – Quante domande bambini, non c’è mai abbastanza tempo!

Gregorio, che lo ascolta rapito, replica – Se potessimo fare una magia e salire su un’astronave velocissima, il tempo passerebbe più lentamente e ce ne avanzerebbe un po’ per continuare ad ascoltarti, nonno…

Federica – Ma oggi c’è qualcuno che dubita che i buchi neri esistano?

Nonno Gino – No, oggi tutti accettano il fatto che i buchi neri abbiano il loro posto in astronomia. Sono gli oggetti più misteriosi, proprio perché impossibili da osservare direttamente, e i più autorevoli rappresentanti di un Universo violento.

Bernardo, che quando pensa a una cosa ha sempre bisogno di immaginarsela, si inserisce nella discussione ed esclama – Aspetta un attimo, nonno. Finora ci hai raccontato che nell’Universo ci sono tanti oggetti, e i più bizzarri sono proprio i nostri buchi neri. Ci hai detto come deve essere una stella per diventare un buco nero, ci hai detto che nessuno lo può vedere come io adesso vedo il mare, la spiaggia e i miei amici. Ma qualcuno ha scoperto come è fatto un buco nero? Cioè dove va a finire tutto quello che entra nel buco nero?

Federica – Forse c’è un buco nero invisibile anche nella lavatrice, che risucchia i calzini: è lui il responsabile di tutti quelli spaiati!

Gli altri sghignazzano divertiti.

Nonno Gino – Non è semplice descrivere con le parole qualcosa che nessuno ha mai visto, anzi, che nessuno potrà mai vedere. Gli astronomi rappresentano un buco nero così:

Al centro c’è una cosa che gli scienziati chiamano singolarità: questa parola difficile indica un punto con una densità quasi infinita.

Federica – Densità infinita? Come quando per tornare a casa da scuola siamo in troppi dentro l’autobus, tutti stretti in piedi e non c’è spazio nemmeno per allargare le braccia? La mamma dice che siamo stipati «come sardine in scatola»!

Nonno Gino – Brava, sì, e a dire il vero ancora più stretti di così! Questa misteriosa singolarità è racchiusa nel disegno da un’immaginaria superficie sferica chiamata orizzonte degli eventi. Se qualcosa o qualcuno supera l’orizzonte degli eventi sarà catturato per sempre dal buco nero…

Bernardo – Sì, ma quanto è grande questa sfera?

Nonno Gino – Beh, dipende dalla massa del buco nero: tanto più grande è la massa del buco nero, tanto più grande è il raggio dell’orizzonte. Per darvi un’idea, facciamo un esperimento mentale, fatto cioè con la mente anziché in laboratorio, di quelli che piacevano tanto ad Einstein: pensiamo a una situazione che non possiamo sperimentare. Se potessimo comprimere il Sole fino a farlo diventare un buco nero, il suo orizzonte avrebbe un raggio di circa 3 kilometri. Se invece la massa del buco nero fosse 100 volte quella del Sole, anche il raggio del suo orizzonte sarebbe 100 volte più grande, cioè 300 kilometri. Dal canto suo, la Terra, se fosse compressa fino a diventare un buco nero, avrebbe un raggio di meno di 1 centimetro, vi ricordate?

Bernardo sta cercando di immaginare punti di densità infinita, circondati da superfici che sarebbe meglio non oltre-passare… Ma se poi qualcosa o qualcuno fa un salto al di là dell’orizzonte, cosa potrà mai succedere?

Bernardo – Nonno, ma se un astronauta superasse l’orizzonte degli eventi, cosa succederebbe? Sarebbe polverizzato?

Nonno Gino – Per cercare di spiegarvelo, proverò a usare un’analogia, cioè a fare un confronto. L’analogia è utile, quando non vogliamo usare le formule matematiche!

Federica – Esatto, siamo in vacanza, niente matematica!

Nonno Gino – Allora vi propongo un’analogia che circola fra i fisici teorici, quelli che oggi studiano i buchi neri. Sapete, i fisici, anche se non hanno problemi a lavorare con le formule e le equazioni (è il loro lavoro!) hanno bisogno, come tutti noi, di immaginare le cose, anche le più astratte e difficili che studiano. Provate a immaginare un lago, dove vivono tanti pesciolini. Il lago è un bel posto in cui vivere: l’acqua non è troppo fredda, è normalmente calma, non ci sono grossi predatori che danno del filo da torcere ai pesciolini. Però… al centro del lago c’è un grosso pericolo: un buco attraverso il quale l’acqua va a finire in una grotta sotterranea dove si trovano delle rocce aguzze e taglienti. Quando il pesciolino oltrepassa un punto, che chiameremo «punto di non ritorno», per lui non c’è scampo: non potrà mai risalire la corrente che lo trascinerà inesorabilmente verso le rocce.

Gregorio – Ho capito, il pesciolino è come l’astronauta, il buco nel lago è il buco nero, il punto di non ritorno è l’orizzonte degli eventi e le rocce mortali rappresentano la singolarità!

Nonno Gino – Ecco svelati tutti gli attori sulla scena dell’analogia. Come lo sfortunato pesciolino, un astronauta in caduta in un buco nero verrà risucchiato verso la singolarità, e qui sarà schiacciato e compresso con una forza e una pressione infinite.

Gregorio – Ma prima di questa ingloriosa fine, passerà un po’ di tempo, no? Cioè, cosa gli succede quando supera l’orizzonte e prima di…

Bernardo – Sfracellarsi sulle rocce?

Gregorio – E… satto…

Nonno Gino – Quello che accadrebbe a un astronauta dentro un buco nero possiamo solo immaginarlo. Dal momento che nulla e nessuno può fare ritorno da quel luogo, non è possibile mandare qualcuno in esplorazione e sperare che torni a raccontarci cosa ha visto. La forza di gravità vicino all’orizzonte degli eventi è così intensa che, immaginando di cadere nel buco a testa in giù, la testa sarebbe sottoposta a una forza molto, molto maggiore di quella che attrae i piedi, e l’astronauta in un certo senso sarebbe stirato come uno spaghetto… Ma in realtà le cose sono ancora molto, molto più complicate. Secondo uno scienziato che ha studiato i buchi neri per tutta la sua vita, una delle domande più difficili è proprio: «Che cosa accade a qualcuno che oltrepassa l’orizzonte degli eventi?». E, aggiunge, «qualunque sia la vostra risposta, è probabilmente sbagliata».

Bernardo – Io, da grande, lo scoprirò. Anzi ragazzi, lo scopriremo insieme, ci state? C’è un unico problema: chi andrà in missione verso il buco nero?

I quattro amici si guardano in silenzio, l’aria un po’ smarrita di chi insegue col pensiero l’immagine di luoghi e situazioni lontanissimi da tutto ciò che conoscono. Un gabbiano in planata emette un grido stridulo che distoglie Gregorio dai suoi pensieri.

Gregorio – Ma come facciamo a vedere qualcosa che non si può vedere?

Il nonno Gino sorride e inizia a raccontare…

Nonno Gino – Credo che abbiate capito, ragazzi miei, che il nostro Universo non solo è più strano e complicato di quanto immaginiamo, ma è più strano di quanto possiamo immaginare! Ed è teatro di situazioni molto violente…

Corrado, simulando una mossa di kung fu – Cosa vuoi dire? Gli oggetti celesti fanno a botte?

Nonno Gino – Beh, in un certo senso sì. L’Universo è violento perché le stelle spesso muoiono in modo traumatico, perché avvengono esplosioni incredibili, perché ci sono oggetti densissimi che catturano tutto quello che gli passa molto vicino.

Elena Ioli*

* Insegna fisica nelle scuole di secondo grado ed è autrice di manuali di fisica per la scuola. Ha studiato i buchi neri all’Università di Bo­logna e all’École Normale Supérieure di Parigi.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende