Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Nesocell, l’isolante dagli scarti di cartiera che costa meno del polistirolo:

Nesocell, l’isolante dagli scarti di cartiera che costa meno del polistirolo

marzo 18, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Non è soltanto yogico il detto secondo il quale è bene trasformare un problema in esperienza e risorsa. Vale anche in azienda. Ed è proprio da un problema che è nato un prodotto di eccellenza Made in Italy: l’isolante di fiocchi di cellulosa Nesocell.

“L’idea è nata una sera a cena – spiega Francesco Vinci, responsabile commerciale – quando l’Ing. Davide Contu, direttore di una cartiera, si lamentava con Andrea Cavaleri, ricercatore universitario, dell’alto costo dello smaltimento in discarica della cellulosa d’avanzo. A quella conversazione è seguita la spedizione di due sacchi di scarti al Politecnico, qualche studio sul materiale e sul trattamento più adeguato e sostenibile”, e quello che era il rifiuto è diventato materiale d’avanguardia.

L’isolante Nesocell, che detiene due brevetti internazionali per il prodotto e per il processo, si distingue dagli altri innanzitutto per la purezza degli scarti, che vengono lavorati puliti (il materiale isolante solitamente è prodotto triturando il macero di quotidiani, riviste e altre carte che  contengono già inchiostri, colle, patine e lavorati con additivi in polvere) direttamente in cartiera e in umido, mescolando in acqua le sostanze additive, che, aggiunte in fase liquida, rivestono le singole fibre in maniera più regolare e omogenea rendendo il materiale ancora più efficiente e performante. “Inoltre – continua Vinci – per abbassare al minimo il livello di nocività della fibra la lavorazione messa a punto da Nesocell utilizza la poltiglia bordolese come biocida e l’idrossido di alluminio per aumentare la resistenza al fuoco. Senza contare che la produzione è per noi a km.0, visto che il materiale di scarto ci arriva da due cartiere piemontesi, una delle quali è proprio a pochi chilometri dallo stabilimento”.

Ideato sotto il nome di CelluFLOC, il progetto è stato lanciato con lo scopo di riutilizzare scarti industriali del settore cartario per produrre isolanti termici ed acustici fortemente innovativi, e ha ottenuto diversi riconoscimenti prestigiosi, come la vittoria della StartCUP Piemonte 2009, a seguito dei quali è stata costituita la società Nesocell Srl, Spin-off del Politecnico di Torino con sede nell’Incubatore di Imprese Innovative I3P del Politecnico. Grazie ad un finanziamento europeo dall’estate 2010 è partita la produzione nello stabilimento di Balangero (TO), che “alla fine del 2011 ha raggiunto livelli industriali – commenta Vinci- con un buon giro d’affari. In Italia Nesocell vende a privati, imprese edili e studi di architetti e ingegneri; ora siamo in attesa della marcatura CE per lanciarci anche sul mercato europeo”.

Così, a fronte di un importante opera di recupero degli scarti, di riduzione di costi e dell’impatto ambientale delle produzioni cartiere, si ha un prodotto efficiente, sicuro e di qualità. I fiocchi Nesocell vantano un elevato potere isolante comparabile con gli isolanti sintetici più performanti (k=0,038 W/mK), un alto potere traspirante (μ=1,2) e un’elevata capacità termica (cp=2150 J/kgK). Il prodotto è inoltre autoestinguente, inattaccabile da muffe, batteri, roditori, insetti, resistente all’umidità e ha un impatto ambientale negativo, visto che le emissioni di CO2 risparmiate durante la vita del prodotto sono superiori a quelle immesse in ambiente per produrlo. Tutto in bioedilizia, con un terzo del costo rispetto ai pannelli in polistirolo comunemente utilizzati in edilizia.

L’isolante – che limita lo sfasamento termico, riducendo anche in estate l’esigenza di climatizzazione - oggi è lavorato in forma sfusa, ottimale per il riempimento di intercapedini e di camere d’aria di tetti e tamponature, soluzione comoda per le ristrutturazioni di edifici recenti, visto che nel Nord Italia a partire dagli anni ’50 in poi la muratura a cassa vuota è stata una delle tecniche maggiormente utilizzate per la realizzazione degli immobili, e per interventi di coibentazione poco invasivi.

Nuovi studi in corso? “Si, stiamo lavorando con diversi partner sul procedimento di lavorazione e sulla predisposizione di pannelli isolanti, più comodi per la nuova costruzione. Poi ci sono altre idee ma è ancora presto per parlarne”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende