Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Nesocell, l’isolante dagli scarti di cartiera che costa meno del polistirolo:

Nesocell, l’isolante dagli scarti di cartiera che costa meno del polistirolo

marzo 18, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Non è soltanto yogico il detto secondo il quale è bene trasformare un problema in esperienza e risorsa. Vale anche in azienda. Ed è proprio da un problema che è nato un prodotto di eccellenza Made in Italy: l’isolante di fiocchi di cellulosa Nesocell.

“L’idea è nata una sera a cena – spiega Francesco Vinci, responsabile commerciale – quando l’Ing. Davide Contu, direttore di una cartiera, si lamentava con Andrea Cavaleri, ricercatore universitario, dell’alto costo dello smaltimento in discarica della cellulosa d’avanzo. A quella conversazione è seguita la spedizione di due sacchi di scarti al Politecnico, qualche studio sul materiale e sul trattamento più adeguato e sostenibile”, e quello che era il rifiuto è diventato materiale d’avanguardia.

L’isolante Nesocell, che detiene due brevetti internazionali per il prodotto e per il processo, si distingue dagli altri innanzitutto per la purezza degli scarti, che vengono lavorati puliti (il materiale isolante solitamente è prodotto triturando il macero di quotidiani, riviste e altre carte che  contengono già inchiostri, colle, patine e lavorati con additivi in polvere) direttamente in cartiera e in umido, mescolando in acqua le sostanze additive, che, aggiunte in fase liquida, rivestono le singole fibre in maniera più regolare e omogenea rendendo il materiale ancora più efficiente e performante. “Inoltre – continua Vinci – per abbassare al minimo il livello di nocività della fibra la lavorazione messa a punto da Nesocell utilizza la poltiglia bordolese come biocida e l’idrossido di alluminio per aumentare la resistenza al fuoco. Senza contare che la produzione è per noi a km.0, visto che il materiale di scarto ci arriva da due cartiere piemontesi, una delle quali è proprio a pochi chilometri dallo stabilimento”.

Ideato sotto il nome di CelluFLOC, il progetto è stato lanciato con lo scopo di riutilizzare scarti industriali del settore cartario per produrre isolanti termici ed acustici fortemente innovativi, e ha ottenuto diversi riconoscimenti prestigiosi, come la vittoria della StartCUP Piemonte 2009, a seguito dei quali è stata costituita la società Nesocell Srl, Spin-off del Politecnico di Torino con sede nell’Incubatore di Imprese Innovative I3P del Politecnico. Grazie ad un finanziamento europeo dall’estate 2010 è partita la produzione nello stabilimento di Balangero (TO), che “alla fine del 2011 ha raggiunto livelli industriali – commenta Vinci- con un buon giro d’affari. In Italia Nesocell vende a privati, imprese edili e studi di architetti e ingegneri; ora siamo in attesa della marcatura CE per lanciarci anche sul mercato europeo”.

Così, a fronte di un importante opera di recupero degli scarti, di riduzione di costi e dell’impatto ambientale delle produzioni cartiere, si ha un prodotto efficiente, sicuro e di qualità. I fiocchi Nesocell vantano un elevato potere isolante comparabile con gli isolanti sintetici più performanti (k=0,038 W/mK), un alto potere traspirante (μ=1,2) e un’elevata capacità termica (cp=2150 J/kgK). Il prodotto è inoltre autoestinguente, inattaccabile da muffe, batteri, roditori, insetti, resistente all’umidità e ha un impatto ambientale negativo, visto che le emissioni di CO2 risparmiate durante la vita del prodotto sono superiori a quelle immesse in ambiente per produrlo. Tutto in bioedilizia, con un terzo del costo rispetto ai pannelli in polistirolo comunemente utilizzati in edilizia.

L’isolante – che limita lo sfasamento termico, riducendo anche in estate l’esigenza di climatizzazione - oggi è lavorato in forma sfusa, ottimale per il riempimento di intercapedini e di camere d’aria di tetti e tamponature, soluzione comoda per le ristrutturazioni di edifici recenti, visto che nel Nord Italia a partire dagli anni ’50 in poi la muratura a cassa vuota è stata una delle tecniche maggiormente utilizzate per la realizzazione degli immobili, e per interventi di coibentazione poco invasivi.

Nuovi studi in corso? “Si, stiamo lavorando con diversi partner sul procedimento di lavorazione e sulla predisposizione di pannelli isolanti, più comodi per la nuova costruzione. Poi ci sono altre idee ma è ancora presto per parlarne”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende