Home » Campioni d'Italia »Rubriche » NextDoorHelp: la piattaforma online per non sprecare il cibo:

NextDoorHelp: la piattaforma online per non sprecare il cibo

ottobre 22, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

“È nato tutto nell’agosto di due anni fa da una mia esperienza personale”, afferma Daniele Merola, ingegnere leccese ideatore del progetto NextDoorHelp. “Era tempo di vacanze e il giorno prima della partenza mi sono accorto di avere il frigorifero pieno di cibo che sarebbe andato a male durante la mia assenza. Così ho chiamato un amico – che poi è diventato uno dei realizzatori del progetto – abbiamo fatto una cena e si è portato a casa tutto quello che è avanzato. Il giorno dopo in stazione, parlando con altri amici, mi sono accorto che tanti di loro avevano il frigo ancora pieno a poche ore dalla partenza”.

Così Daniele, insieme agli altri due amici ingegneri informatici, Emiliano Marzo, pugliese, e Fabio Gagliano, siciliano, ha messo in piedi una piattaforma per lo scambio di cibo e contro lo spreco alimentare, lanciata on line tra marzo e aprile 2013. Un sito semplice in cui si incontrano offerta e domanda di cibo ma anche altro, come mobili, vestiti, giochi. E soprattutto si incontrano persone. Ci si registra sul sito e si inserisce il proprio annuncio, che viene geolocalizzato e reso visibile agli altri iscritti. Una volta messe in contatto le esigenze e le utenze, lo scambio avviene personalmente e direttamente tra le persone, che si contattano e incontrano. “In un periodo di virtualismi e social, uno dei punti forti del nostro progetto è proprio l’incontro e lo scambio fisico tra gli iscritti. La piattaforma crea una rete che però è alimentata poi dalle relazioni tra persone attraverso lo scambio”.

Inizialmente l’iniziativa è stata diffusa dai tre ideatori proprio tramite i social network, ma la comunicazione era da perfezionare (“noi abbiamo creato la struttura informatica, ma a livello comunicativo il progetto era un po’ carente”, continua Daniele) e proprio qui è entrata in gioco Slow Food con Francesco Mele, responsabile “Lotta agli sprechi”, e la condotta di Torino, coordinata dalla giovane Elisabetta Redavid, che ha incluso NextDoorHelp nei suoi obiettivi contro lo spreco.

Uno dei principali obiettivi di Slow Food è quello di ridurre gli sprechi, più che di raccoglierli o trasformarli – spiega  Giulia Friedrich, che collabora con la condotta torinese nelle attività di formazione e sensibilizzazione - ed è stato deciso di partecipare attivamente al progetto per il suo approccio innovativo al problema”. Da uno scambio con i ragazzi che hanno creato la piattaforma si è capito che la debolezza stava proprio nel comunicare le volontà e gli obiettivi di NextDoorHelp e nel convincere le persone a scambiare cibo oltre che vestiti e accessori, “pratica che in Italia, rispetto ad altri paesi europei, fa fatica a decollare per una questione di sfiducia e di cultura”.

La condotta di Torino promuove ora il progetto attraverso le sue iniziative, distribuendo volantini e raccontando l’iniziativa nelle scuole e negli incontri dedicati alla lotta contro gli sprechi alimentari. “Saremo presenti con uno stand al Salone Internazionale del Gusto dal 23 al 27 ottobre, al Lingotto Fiere di Torino– raccontano Daniele e Giulia- proprio per dare visibilità a questo modo facile e accessibile di scambiarsi cibo tra vicini e non buttarlo” e in questa occasione verrà lanciata la parte mobile, in fase di ultimazione.

Un’idea che nasce da un problema reale e poi la proposta di una soluzione concreta che non comporta spese o impegni particolari: semplicemente tramite un sistema informatico si facilita quello che già avviene, informalmente, da sempre tra amici, amiche, parenti e vicini di casa.“È un progetto su cui abbiamo investito molto del nostro tempo – conclude Daniele – molte nottate”. E tutto a livello volontario, per portare avanti un’idea e un grande impegno. Slow Food infatti partecipa lavorando sulla comunicazione, ma il progetto NextDoorHelp non è stato finanziato ancora in nessun modo da nessun ente (alcuni contatti sono stati avviati di recente con la nuova piattaforma di crowdfunding Greenfunding.it).

Progetti per il futuro? “Stiamo cercando di perfezionare ancora la parte tecnica per l’accesso tramite telefonino e continuiamo a lavorare insieme a Slow Food per la promozione della piattaforma per lo scambio degli alimenti. Per il momento continuiamo a dedicare il nostro tempo e le nostre competenze a questa idea in cui abbiamo creduto e crediamo molto”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende