Home » Rubriche »Very Important Planet » “NO OGM. La terra è nostra!”, la canzone di Luca Bassanese contro l’agricoltura biotech:

“NO OGM. La terra è nostra!”, la canzone di Luca Bassanese contro l’agricoltura biotech

novembre 28, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Dalle battaglie per la gestione pubblica dell’acqua a quelle contro l’uso degli OGM in agricoltura, fino al sostegno per la tutela delle specie marine. Luca Bassanese, cantautore e scrittore, unisce da sempre, nel suo lavoro, arte e impegno in modo indissolubile.  Il suo ultimo progetto è il brano ”NO O.G.M. La terra è nostra!“, con relativo video, realizzati insieme a Jacopo Fo e al Coro delle Mondine di Bentivoglio, prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta discografica. ”Pazzi sono gli uomini/che giocano a modificare/millenni di vita/sul pianeta/biotecnologia industriale…Togliete le mani dalla terra/la terra non è vostra/giù le mani dalla terra/giù le vostre mani!”, recita la canzone. Vincitore nel 2004 del Premio Recanati Musicultura, l’anno scorso Bassanese è stato insignito di un Attestato di Merito per l’Impegno Civile (Premio Nazionale “Marcello Torre”). La sua, dice, è una canzone di proposta più che di protesta e spiega: “Credo che il concetto di impegno nell’arte sia soltanto la necessità umana di osservare e cercare costantemente una verità, una via, un luogo ideale nel quale sarebbe bello vivere ed esistere”.

D) Luca, hai appena lanciato insieme a Jacopo Fo e il Coro delle Mondine un “grido” contro gli OGM. Com’è nato?

R) E’ nato dall’esigenza di alimentare il dibattito anche fuori dagli ambienti accademici, dal momento che questo tema riguarda tutta la popolazione. Assieme al compositore, musicista Stefano Florio abbiamo scritto il brano “NO O.G.M. la terra è nostra!” e proposto di condividerlo a Jacopo Fo, da sempre attivista per la difesa della terra e al Coro delle Mondine di Bentivoglio, perché storiche sostenitrici di battaglie per i diritti civili e del lavoro, entrambi hanno accettato con entusiasmo ed impegno portando un vento di energia e bellezza!

D) “Togliete le mani dalla terra, la terra non è vostra” cantate nella canzone. Da cantautore da sempre impegnato a favore di molte cause ambientali, quali rischi vedi dietro gli organismi geneticamente modificati?

R) Oltre al dibattito aperto nella comunità scientifica che evidenzia degli aspetti inquietanti, il problema si pone ancor prima dietro all’industrializzazione degli O.G.M., dietro quell’economia dell’insostenibilità purtroppo specchio di una società mercificata, sul monopolio delle sementi, la mancanza di studi, prove e test di almeno vent’anni e l’impossibilità di coltivare O.G.M. senza contaminare l’ambiente naturale e agricolo. Oltretutto oramai è sfatato anche il mito che gli O.G.M. risolverebbero la fame nel mondo dal momento che i costi per la produzione e l’acquisto delle sementi sarebbero insostenibili per i paesi poveri. Capisco che per chi studia e ci lavora può essere un business ma è arrivato il momento di parlare di sostenibilità ambientale, sociale, politica ed economica senza mediazioni.

D) Secondo te sul tema c’è abbastanza informazione che permetta ai cittadini di farsi un’opinione?

R) Su questo tema penso che ci sarà molto da fare in tutti i campi perché riguarda la salute, il futuro, la terra, la nostra stessa esistenza ed il suo senso più profondo. L’informazione dev’essere trasversale ed ognuno in base al proprio ruolo può e deve contribuire al dibattito, nel nostro caso anche attraverso una canzone. Nonostante l’importanza del tema al momento l’informazione è relegata all’attivismo ambientalista da una parte che cerca di fare il più possibile e all’industrializzazione delle sementi dall’altra. Credo che si debba allargare a tutti i media per sensibilizzare al meglio la popolazione.

D) Oltre agli OGM, tu sei impegnato a favore dell’acqua pubblica, la salvaguardia delle specie marine in via di estinzione, contro lo scempio del paesaggio. Dove vedi oggi le più gravi emergenze ambientali?

R) Siamo parte stessa dell’ambiente che ci circonda e se non capiamo profondamente che ciò che ci viene chiesto è semplicemente di essere i custodi della terra e non i padroni del mondo, l’emergenza più grande restiamo sempre noi, esseri umani, donne e uomini in stretta relazione con la madre terra.

D) L’anno scorso hai ricevuto un attestato di merito per l’impegno civile nell’ambito del premio Marcello Torre. E’ difficile far convivere insieme arte e impegno civile?

R) Quando scrivi una canzone lo fai prima di tutto per necessità, è l’istinto che ti porta a raccontare il mondo che ti circonda e se provi a guardare con occhi aperti il mondo ritrovi solitudine, indifferenza ma fortunatamente anche tanto stupore e meraviglia. Credo che il concetto di impegno nell’arte sia soltanto la necessità umana di osservare e cercare costantemente una verità, una via, un luogo ideale nel quale sarebbe bello vivere ed esistere.

D) Che reazione vedi nelle persone? C’è interesse verso una musica di denuncia e sensibilizzazione?

R) Se posso definirla, la mia è prima di tutto una canzone di proposta più che di protesta. Cerco di porre delle questioni importanti nei testi, di portare ad un dibattito, ad un ragionamento. La cosa più importante per me è quando le mie canzoni vengono utilizzate nelle scuole e per questo ringrazio i presidi, le maestre, gli insegnanti che mi scrivono e così quando posso vado di persona negli istituti ad incontrare i bambini e ragazzi, ad ascoltare le loro voci.

D) Perché secondo te oggi in Italia si assiste a un silenzio abbastanza generalizzato di artisti e intellettuali, con pochissimi artisti che prendono posizione?

R) Perché viviamo in un mercato della musica di ottima fattura O.G.M…

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende