Home » Campioni d'Italia »Rubriche » NOE, il Comando dei Carabinieri che tutela l’ambiente:

NOE, il Comando dei Carabinieri che tutela l’ambiente

ottobre 12, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Scorie tossiche interrate in campi agricoli. Rifiuti pericolosi smaltiti in cave senza nessun trattamento. Falde acquifere inquinate. In “Gomorra”, Roberto Saviano ha raccontato benissimo questa emergenza invisibile, nascosta sotto terra. E se molti casi di traffico illecito di rifiuti, nella terra dei Casalesi e non solo, sono stati scoperti, è grazie al Comando Carabinieri per la Tutela dell’ambiente, meglio conosciuti con la vecchia denominazione di Noe.

Il nostro Paese è stato il primo in Europa a istituire una forza che avesse come compito dedicato l’applicazione della normativa ambientale. Il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri è nato nel 1986, con una legge che istituiva anche il Ministero dell’Ambiente, alle cui dipendenze funzionali lavora il reparto dell’Arma. All’inizio si trattava di una struttura centralizzata. Nel 2001, poi, cambiano il nome e l’organizzazione, potenziata e calibrata su base interprovinciale: oggi, accanto alla sezione centrale di Roma, ci sono altri 29 nuclei sparsi in tutta Italia, per un totale di circa 400 persone impegnate nelle attività di «vigilanza, prevenzione e repressione delle violazioni compiute in materia ambientale». Compiti molto ampi e impegnativi, che si traducono - spiega il Capitano Alessandro Pulcri, comandante della Sezione operativa centrale – in indagini su casi di abusivismo edilizio, inquinamento acustico, idrico, atmosferico e traffico illecito di rifiuti, materia principale del reparto, che va dalla produzione allo smaltimento degli scarti. «Abbiamo competenze specifiche, ma collaboriamo sempre con altre forze, compresa la polizia locale. A noi arrivano i casi più rilevanti, quelli che richiedono profonde capacità investigative, visto che una delle caratteristiche dell’Arma dei Carabinieri è proprio la competenza nel settore della polizia giudiziaria».

Ma qual è, nella lunga storia del reparto, l’operazione più importante, il colpo grosso da ricordare? «La madre di tutte le operazioni – continua il Capitano Pulcri – è stata Cassiopea, conclusa una decina di anni fa. Al di là degli esiti processuali (i reati contestati sono caduti in prescrizione, ndr), l’operazione ha consentito di alzare un velo sugli interessi della criminalità organizzata nel settore del traffico illecito dei rifiuti pericolosi. Ed è stata anche l’occasione per comprendere le dinamiche criminali utilizzate per i traffici illeciti, tutt’ora usate». Con Cassiopea, infatti, i Carabinieri misero le mani su una storia che chi ha letto Gomorra avrà l’impressione di conoscere già: «Società legate alla camorra proponevano alle aziende del Nord soluzioni per lo smaltimento dei rifiuti industriali, a prezzi imbattibili. Il modus operandi prevedeva la falsificazione dei documenti legati alla filiera di gestione, dal trasporto al trattamento, determinando di fatto lo sversamento dei rifiuti in terreni agricoli o cave dismesse della Campania».

Dopo sono venute altre operazioni come Re Mida (nome nato dal vanto di uno degli indagati di poter trasformare l’immondizia in oro): «Nel corso di quelle indagini, concluse nel 2005, scoprimmo un traffico illecito di fanghi di depurazione e terre provenienti da bonifiche, rifiuti altamente pericolosi contenenti idrocarburi e metalli pesanti che venivano smaltiti in una cava del Casertano». Ma le rotte di scarti e immondizia, spiega il Capitano Pulcri, «nel tempo sono cambiate, non sono più solo Nord-Sud. Sono in qualche modo divenute trasversali, coinvolgendo tutte le aree geografiche italiane e talvolta andando anche oltre i confini nazionali». Ne sono la prova operazioni come Sacher Compost e Ragnatela. La prima, conclusa nel 2006, scoprì «un impianto di compostaggio in Friuli alimentato illecitamente, dove confluivano, oltre a rifiuti organici , anche fanghi di depurazione e alghe del porto di Grado, contenenti un’alta concentrazione di idrocarburi e metalli pesanti. Il compost veniva poi usato come fertilizzante da aziende agricole venete. Nei terreni di una di queste è stato isolato un batterio pericoloso, proveniente da quei fanghi smaltiti in modo illecito». La seconda operazione, del 2010, ha invece indagato su «un traffico di rifiuti provenienti da un sito di bonifica in provincia di Napoli, che venivano portati in un impianto di trattamento per rifiuti pericolosi nelle Marche. Qui, però, non venivano trattati in modo adeguato e un laboratorio compiacente falsificava tutti i documenti».

I traffici illeciti non si limitano ai rifiuti pericolosi, e a volte un reato ambientale può nascondersi dietro “paraventi” che mai farebbero pensare a qualcosa di illegale: «A febbraio scorso, a Firenze, abbiamo concluso un’operazione sugli abiti usati, quelli che vengono messi nei cassonetti gestiti da associazioni benefiche. Quei vestiti vengono legittimamente venduti dalle associazioni, del tutto estranee al traffico illecito, che usano il ricavato per opere di volontariato. Chi li acquista, prima di reimmetterli sul mercato dell’usato, dovrebbe prima trattarli e igienizzarli. Con la nostra operazione, abbiamo scoperto una società che li vendeva senza sottoporli a nessun trattamento».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende