Home » Campioni d'Italia »Rubriche » NOE, il Comando dei Carabinieri che tutela l’ambiente:

NOE, il Comando dei Carabinieri che tutela l’ambiente

ottobre 12, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Scorie tossiche interrate in campi agricoli. Rifiuti pericolosi smaltiti in cave senza nessun trattamento. Falde acquifere inquinate. In “Gomorra”, Roberto Saviano ha raccontato benissimo questa emergenza invisibile, nascosta sotto terra. E se molti casi di traffico illecito di rifiuti, nella terra dei Casalesi e non solo, sono stati scoperti, è grazie al Comando Carabinieri per la Tutela dell’ambiente, meglio conosciuti con la vecchia denominazione di Noe.

Il nostro Paese è stato il primo in Europa a istituire una forza che avesse come compito dedicato l’applicazione della normativa ambientale. Il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri è nato nel 1986, con una legge che istituiva anche il Ministero dell’Ambiente, alle cui dipendenze funzionali lavora il reparto dell’Arma. All’inizio si trattava di una struttura centralizzata. Nel 2001, poi, cambiano il nome e l’organizzazione, potenziata e calibrata su base interprovinciale: oggi, accanto alla sezione centrale di Roma, ci sono altri 29 nuclei sparsi in tutta Italia, per un totale di circa 400 persone impegnate nelle attività di «vigilanza, prevenzione e repressione delle violazioni compiute in materia ambientale». Compiti molto ampi e impegnativi, che si traducono - spiega il Capitano Alessandro Pulcri, comandante della Sezione operativa centrale – in indagini su casi di abusivismo edilizio, inquinamento acustico, idrico, atmosferico e traffico illecito di rifiuti, materia principale del reparto, che va dalla produzione allo smaltimento degli scarti. «Abbiamo competenze specifiche, ma collaboriamo sempre con altre forze, compresa la polizia locale. A noi arrivano i casi più rilevanti, quelli che richiedono profonde capacità investigative, visto che una delle caratteristiche dell’Arma dei Carabinieri è proprio la competenza nel settore della polizia giudiziaria».

Ma qual è, nella lunga storia del reparto, l’operazione più importante, il colpo grosso da ricordare? «La madre di tutte le operazioni – continua il Capitano Pulcri – è stata Cassiopea, conclusa una decina di anni fa. Al di là degli esiti processuali (i reati contestati sono caduti in prescrizione, ndr), l’operazione ha consentito di alzare un velo sugli interessi della criminalità organizzata nel settore del traffico illecito dei rifiuti pericolosi. Ed è stata anche l’occasione per comprendere le dinamiche criminali utilizzate per i traffici illeciti, tutt’ora usate». Con Cassiopea, infatti, i Carabinieri misero le mani su una storia che chi ha letto Gomorra avrà l’impressione di conoscere già: «Società legate alla camorra proponevano alle aziende del Nord soluzioni per lo smaltimento dei rifiuti industriali, a prezzi imbattibili. Il modus operandi prevedeva la falsificazione dei documenti legati alla filiera di gestione, dal trasporto al trattamento, determinando di fatto lo sversamento dei rifiuti in terreni agricoli o cave dismesse della Campania».

Dopo sono venute altre operazioni come Re Mida (nome nato dal vanto di uno degli indagati di poter trasformare l’immondizia in oro): «Nel corso di quelle indagini, concluse nel 2005, scoprimmo un traffico illecito di fanghi di depurazione e terre provenienti da bonifiche, rifiuti altamente pericolosi contenenti idrocarburi e metalli pesanti che venivano smaltiti in una cava del Casertano». Ma le rotte di scarti e immondizia, spiega il Capitano Pulcri, «nel tempo sono cambiate, non sono più solo Nord-Sud. Sono in qualche modo divenute trasversali, coinvolgendo tutte le aree geografiche italiane e talvolta andando anche oltre i confini nazionali». Ne sono la prova operazioni come Sacher Compost e Ragnatela. La prima, conclusa nel 2006, scoprì «un impianto di compostaggio in Friuli alimentato illecitamente, dove confluivano, oltre a rifiuti organici , anche fanghi di depurazione e alghe del porto di Grado, contenenti un’alta concentrazione di idrocarburi e metalli pesanti. Il compost veniva poi usato come fertilizzante da aziende agricole venete. Nei terreni di una di queste è stato isolato un batterio pericoloso, proveniente da quei fanghi smaltiti in modo illecito». La seconda operazione, del 2010, ha invece indagato su «un traffico di rifiuti provenienti da un sito di bonifica in provincia di Napoli, che venivano portati in un impianto di trattamento per rifiuti pericolosi nelle Marche. Qui, però, non venivano trattati in modo adeguato e un laboratorio compiacente falsificava tutti i documenti».

I traffici illeciti non si limitano ai rifiuti pericolosi, e a volte un reato ambientale può nascondersi dietro “paraventi” che mai farebbero pensare a qualcosa di illegale: «A febbraio scorso, a Firenze, abbiamo concluso un’operazione sugli abiti usati, quelli che vengono messi nei cassonetti gestiti da associazioni benefiche. Quei vestiti vengono legittimamente venduti dalle associazioni, del tutto estranee al traffico illecito, che usano il ricavato per opere di volontariato. Chi li acquista, prima di reimmetterli sul mercato dell’usato, dovrebbe prima trattarli e igienizzarli. Con la nostra operazione, abbiamo scoperto una società che li vendeva senza sottoporli a nessun trattamento».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende