Home » Rubriche »Very Important Planet » “Non bere, non fumare, jogging alle 7,30″. Comandamenti per chi ha Fisico:

“Non bere, non fumare, jogging alle 7,30″. Comandamenti per chi ha Fisico

dicembre 10, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Una delle creazioni di Cristina FerrariSignora dello charme in bikini, dà il suo imprinting alle spiagge più chic, dalla Costa Azzurra alla Sicilia. Se si parla di moda-mare Cristina Ferrari, la stilista veneta di nascita e torinese d’adozione che ha inventato il marchio Fisico, è un punto fermo nell’estate di chi si può permettere di non rinunciare all’eleganza nemmeno sul bagnasciuga. Nonostante si dispiaccia di non fare una vita “molto ecologica”, sempre in moto tra impegni, appuntamenti e “su tre linee telefoniche contemporaneamente (ma come facevamo quando non esistevano questi micidiali cellulari?!)”, la sua ambizione è di “condurre una vita salutista”: sport e dieta, prima di tutto.

D) A che ora inizia la sua giornata?

R) Alle 7,30 vado a correre. Tre volte a settimana faccio jogging, anche al Valentino. Il mattino presto è il tempo che tengo per me. A volte sostituisco lo sport con dei massaggi. Poi colazione, seguendo una dieta. E poi mi immergo nel tran tran quotidiano.

D) Lei vive a Torino. La trova una città a dimensione umana?

R) La adoro. Ci lavoro benissimo. Torino ti dà respiro. Non so se vede l’arco alpino che si vede oggi in lontananza…

D) Purtoppo però le statistiche indicano che è una delle più inquinate della Penisola…

R) Sarà vero, ma io la trovo meravigliosa, qui mi ricreo. Ha spazi ampi e tutto funziona. Parcheggi, ti muovi senza troppi problemi. Niente a che vedere con Milano, anche se ci manca il dinamismo lavorativo di cui invece gode il capoluogo lombardo.

D) Il centro urbano che vince la maglia nera in Italia per qualità della vita a suo parere qual è?

R) Appunto Milano. “Inciuciata”, stretta, “sgnaccata”. Troppo piccola per quel che promette di offrire.

D) C’è un luogo metropolitano che è il suo paradiso nel mondo?

R) New York. Vado d’accordissimo con gli americani per mentalità e stile di vita, apprezzo l’entusiasmo della gente, il rispetto totale per le regole che qua manca completamente. Vai nella Grande Mela e vedi manager in scarpe da ginnastica che vanno a correre nei parchi. Sarà il popolo dei contrasti, l’America, che spende poco in alcolici e molto in armi, ma io mi trovo bene tra i suoi abitanti. Insomma, lì sono felice. Tra i paesi anglosassoni, non posso dire lo stesso di Londra, che è invece un popolo di grandi urbiaconi.

D) La sua azienda ha mai intrapreso campagne di sostegno all’ambiente?

R) Quindici anni fa, quando ho inventato i costumi Fisico a Panarea, posso dire di essere stata l’antesignana delle borse eco-compatibili in canapa riciclabile. Portavano la scritta: “Fisico salva la natura”. Poi quell’esperienza è finita. Oggi posso dire che tutte le mie tinture sono certificate, non inquinanti, e rispondono a precisi criteri di naturalezza. Diciamo che i tempi di crisi non sono proprio i migliori per avviare sperimentazioni e rivoluzioni “verdi” della produzione.

D) L’eco-design è dunque più un mito che altro? Difficile da realizzare e non particolarmente redditizio?

R) Le realtà aziendali che realizzano prodotti con fibre completamente naturali sono di nicchia. Questi tessuti costano troppo e pochi se li possono permettere. Quel che servirebbe è una legislazione più chiara e severa da parte del Ministero, che imponesse linee guida nella scelta delle tinture, del tipo il nero puoi usarlo solo se derivato da certi prodotti, e così il blu ecc per gli altri colori.

D) Crede che siano più urgenti nuove e più efficaci politiche ambientali o una vera sensibilizzazione ecologica che parta da ciascuno di noi?

R) Confido molto nei gesti che ognuno di noi può fare per risparmiare, ad esempio, energia elettrica, ma non solo. Lo insegno ai miei figli, bisognerebbe trasmetterlo nelle scuole sempre di più: chiudere l’acqua, spegnere le luci, non gettare le cicche per terra già sono segnali per combattere la tendenza al consumismo più totale a cui sono abituate le nuove generazioni.

D) Che temperatura tiene abitualmente in casa?

R) Sarò sincera, questo è l’unico punto debole del mio piano di attenzione quotidiana per l’ambiente. Sono freddolosa e a casa mia tengo il termometro a non meno di 21 gradi.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende