Home » Rubriche »Very Important Planet » “Non bere, non fumare, jogging alle 7,30″. Comandamenti per chi ha Fisico:

“Non bere, non fumare, jogging alle 7,30″. Comandamenti per chi ha Fisico

dicembre 10, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Una delle creazioni di Cristina FerrariSignora dello charme in bikini, dà il suo imprinting alle spiagge più chic, dalla Costa Azzurra alla Sicilia. Se si parla di moda-mare Cristina Ferrari, la stilista veneta di nascita e torinese d’adozione che ha inventato il marchio Fisico, è un punto fermo nell’estate di chi si può permettere di non rinunciare all’eleganza nemmeno sul bagnasciuga. Nonostante si dispiaccia di non fare una vita “molto ecologica”, sempre in moto tra impegni, appuntamenti e “su tre linee telefoniche contemporaneamente (ma come facevamo quando non esistevano questi micidiali cellulari?!)”, la sua ambizione è di “condurre una vita salutista”: sport e dieta, prima di tutto.

D) A che ora inizia la sua giornata?

R) Alle 7,30 vado a correre. Tre volte a settimana faccio jogging, anche al Valentino. Il mattino presto è il tempo che tengo per me. A volte sostituisco lo sport con dei massaggi. Poi colazione, seguendo una dieta. E poi mi immergo nel tran tran quotidiano.

D) Lei vive a Torino. La trova una città a dimensione umana?

R) La adoro. Ci lavoro benissimo. Torino ti dà respiro. Non so se vede l’arco alpino che si vede oggi in lontananza…

D) Purtoppo però le statistiche indicano che è una delle più inquinate della Penisola…

R) Sarà vero, ma io la trovo meravigliosa, qui mi ricreo. Ha spazi ampi e tutto funziona. Parcheggi, ti muovi senza troppi problemi. Niente a che vedere con Milano, anche se ci manca il dinamismo lavorativo di cui invece gode il capoluogo lombardo.

D) Il centro urbano che vince la maglia nera in Italia per qualità della vita a suo parere qual è?

R) Appunto Milano. “Inciuciata”, stretta, “sgnaccata”. Troppo piccola per quel che promette di offrire.

D) C’è un luogo metropolitano che è il suo paradiso nel mondo?

R) New York. Vado d’accordissimo con gli americani per mentalità e stile di vita, apprezzo l’entusiasmo della gente, il rispetto totale per le regole che qua manca completamente. Vai nella Grande Mela e vedi manager in scarpe da ginnastica che vanno a correre nei parchi. Sarà il popolo dei contrasti, l’America, che spende poco in alcolici e molto in armi, ma io mi trovo bene tra i suoi abitanti. Insomma, lì sono felice. Tra i paesi anglosassoni, non posso dire lo stesso di Londra, che è invece un popolo di grandi urbiaconi.

D) La sua azienda ha mai intrapreso campagne di sostegno all’ambiente?

R) Quindici anni fa, quando ho inventato i costumi Fisico a Panarea, posso dire di essere stata l’antesignana delle borse eco-compatibili in canapa riciclabile. Portavano la scritta: “Fisico salva la natura”. Poi quell’esperienza è finita. Oggi posso dire che tutte le mie tinture sono certificate, non inquinanti, e rispondono a precisi criteri di naturalezza. Diciamo che i tempi di crisi non sono proprio i migliori per avviare sperimentazioni e rivoluzioni “verdi” della produzione.

D) L’eco-design è dunque più un mito che altro? Difficile da realizzare e non particolarmente redditizio?

R) Le realtà aziendali che realizzano prodotti con fibre completamente naturali sono di nicchia. Questi tessuti costano troppo e pochi se li possono permettere. Quel che servirebbe è una legislazione più chiara e severa da parte del Ministero, che imponesse linee guida nella scelta delle tinture, del tipo il nero puoi usarlo solo se derivato da certi prodotti, e così il blu ecc per gli altri colori.

D) Crede che siano più urgenti nuove e più efficaci politiche ambientali o una vera sensibilizzazione ecologica che parta da ciascuno di noi?

R) Confido molto nei gesti che ognuno di noi può fare per risparmiare, ad esempio, energia elettrica, ma non solo. Lo insegno ai miei figli, bisognerebbe trasmetterlo nelle scuole sempre di più: chiudere l’acqua, spegnere le luci, non gettare le cicche per terra già sono segnali per combattere la tendenza al consumismo più totale a cui sono abituate le nuove generazioni.

D) Che temperatura tiene abitualmente in casa?

R) Sarò sincera, questo è l’unico punto debole del mio piano di attenzione quotidiana per l’ambiente. Sono freddolosa e a casa mia tengo il termometro a non meno di 21 gradi.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende