Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Non bruciamo il futuro”: Rossano Ercolini racconta la sua battaglia ambientalista:

“Non bruciamo il futuro”: Rossano Ercolini racconta la sua battaglia ambientalista

maggio 6, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per il suo impegno contro gli inceneritori e per promuovere azioni di riduzione dei rifiuti, Rossano Ercolini ha vinto l’anno scorso il Goldman Environmental Prize, che dal 1989 premia coloro che si sono distinti per le loro battaglie ambientali e hanno ispirato la gente comune ad agire. Dopo anni di battaglie, infatti, alla fine le sue ragioni hanno avuto la meglio e nel 2007 il comune di Capannori (Lucca), dove vive Ercolini, è stato il primo in Italia a adottare la strategia Rifiuti Zero, diventando in poco tempo il centro di un movimento straordinariamente vitale che, da Napoli a Milano, coinvolge ora sempre più cittadini e tanti amministratori. Una battaglia decennale contro poteri forti, unita a una lunga attività di educatore, che Ercolini, oggi presidente di Zero Waste Europe, ha raccontato nel libro “Non bruciamo il futuro“, recentemente pubblicato da Garzanti. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto  del volume, che sarà presentato da Rossano Ercolini al Salone del libro di Torino domenica 11 maggio (Arena Bookstock, ore 16,30).

«Hello, Mr Ercolini? Here is the Goldman Foundation from San Francisco… You are the winner of the 2013 Environmental Prize!»

Questa telefonata mi raggiunge a fine ottobre 2012, mentre è terminata da poco la ricreazione pomeridiana nella scuola elementare a tempo pieno di Marlia, in provincia di Lucca, dove insegno da anni. Sta per iniziare la lezione di geografia nella mia 5 A con 27 bambini molto vivaci, e ancora non ho spento il mio cellulare. I bambini mi sentono parlare in inglese e si mettono a ridere, circondandomi e domandandomi insistentemente chi mi stia telefonando. Non è facilissimo districarsi in quell’allegra confusione, ma accorciando la telefonata il prima possibile riesco nell’intento. Non ho nemmeno il tempo di capire fino in fondo l’accaduto che subito i bambini vogliono sapere, e mi tempestano di domande. È proprio allora, mentre lo racconto a loro, che anch’io mi rendo conto del senso della telefonata. Quando riferisco che al telefono c’era una signora di San Francisco, Elizabeth Rose, una mia simpaticissima alunna originaria proprio della Baia mi chiede: «Che cosa voleva?» Io stesso incredulo, rispondo: «Ho vinto un importantissimo premio internazionale per il mio impegno a favore dell’ambiente e di Rifiuti Zero.» «E quanto hai vinto?» mi domandano senza tanta diplomazia. «Ho vinto 150.000 dollari!», rispondo. «Ma allora ora sei ricco!», ribattono. Finalmente riesco a calmarli rendendoli complici del mio segreto: la «signora di San Francisco» mi ha invitato a non rivelare nulla fino al 15 aprile del 2013, e lo stesso dovranno fare loro.

Quella che segue sarà per loro una lezione diversa. Anzi, più che una lezione, una conversazione su come ognuno di noi, anche se pensa di essere solamente una piccola formichina, può arrivare a smuovere le montagne se ci mette impegno e si unisce agli altri.

I bambini non hanno capito un granché di quello è successo, e a dirla tutta neanch’io! Lo stupore regna sovrano dentro di me. Mi sorprende e mi esalta pen sare che esista una sorta di Grande Fratello che attraverso il suo occhio globale mi ha seguito nel corso di tutti questi anni di impegno. Certo, la percezione che in Italia il movimento Rifiuti Zero fosse cresciuto impetuosamente c’era tutta; così come in me la consapevolezza di aver dato, in questa vicenda, un contributo personale importante e forse decisivo. Ma che addirittura qualcuno dall’altro capo del mondo avesse segui to la mia storia è una sensazione piacevole ma che non riesco bene a comprendere. Comincia a frullarmi per la testa che quella chiamata abbia cambiato improvvisamente la mia forza e il mio ruolo. Ora mi sento un gigante, e pensando alle mie battaglie in corso già m’immagino progressi portentosi.

Sono immensamente felice per me stesso perché adesso, ancora con maggiore slancio, potrò gettarmi a capofitto nella lotta per promuovere Rifiuti Zero in Italia e in Europa. Già, perché tra i sei vincitori del premio io rappresento tutto il vecchio continente. È come se il mio mondo di colpo si dischiudesse a un universo molto più vasto nel quale vengo catapultato come in una sorta di viaggio spaziale. Io sono abituato a parlare per immagini per comunicare ai bambini, e il mio stato d’animo lo posso allora rappresentare come quello di un fiume quando dopo un lungo percorso arriva a trovare lo sbocco al mare.

In quel preciso istante, il fiume raggiunge lo scopo del suo lunghissimo viaggio. In quel momento rivede, come in un flash, la sorgente da cui è zampillato, ripercorre le rapide del ruscello e del torrente immersi nel paesaggio di montagna, si gusta la calma un po’ piatta ma rigogliosa della pianura. Tutto questo ha avuto senso perché c’era da raggiungere il mare e ora è lì davanti. E poi, finalmente, il fiume sfocerà e diventerà parte integrante di quello stesso mare!

È una sensazione estatica, un concentrato di emozioni in cui lo spazio e il tempo sprofondano nella pienezza che si avverte quando si può andare oltre i propri limiti. Insomma, un vero shock molto piacevole, una botta di adrenalina rigenerante che mi fa passare davanti agli occhi, come una sorta di flashback, tutti i momenti salienti dell’inizio di un racconto che potrebbe essere intitolato Non bruciamo il futuro. A pensarci bene, forse tutto ha avuto inizio con un’altra telefonata.

Rossano Ercolini*

* Maestro elementare, vive a Capannori (Lucca). È presidente dell’associazione Zero Waste Europe e coordinatore del Centro di Ricerca Rifiuti Zero. Nell’aprile del 2013 ha ricevuto il Goldman Environmental Prize, il maggior riconoscimento mondiale sui temi della sostenibilità e dell’ambientalismo. Non bruciamo il futuro è il suo primo libro.


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende