Home » Off the Green »Rubriche » Non c’è più tempo per perdere tempo:

Non c’è più tempo per perdere tempo

ottobre 28, 2014 Off the Green, Rubriche

Nel leggere il comunicato stampa del Festival della Scienza 2014 di Genova mi è venuto voglia di emigrare all’estero. Non so dove, ma in qualsiasi paese del mondo dove, per gli scienziati e le pubbliche amministrazioni, il Tempo sia una risorsa così realmente preziosa per agire da non doverci dedicare l’edizione di un festival – tanto più di questi tempi.

Sentite cosa dice il programma: “C’è un tempo proprietà della coscienza, che definisce presente, passato e futuro, e un tempo della scienza, successione di istanti e simultaneità, che non trascorre, ma semplicemente è. Il tempo è talmente evidente da essere materia quotidiana sia dello scienziato che del filosofo: entrambi non hanno ancora raggiunto risposte definitive sulla sua natura. Agostino del tempo diceva: ‘cos’è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede lo so; se voglio spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so‘ [...] In definitiva, con tutte le accezioni che ha conquistato, il tempo è trasversale ed eternamente moderno: ecco perché l’abbiamo scelto come tema per questa edizione del nostro Festival...”.

Giuro che sono senza parole, non so se spaccare una sedia, unirmi ai genovesi incazzati che nei giorni scorsi volevano la pelle del sindaco, passare dalla parte di quelli che vorrebbero eliminare i finanziamenti alla cultura o scrivere una lettera agli organizzatori. Stiamo parlando di un festival a Genova… Non una città qualsiasi, ma quella città che ormai ogni anno viene travolta da bombe d’acqua devastanti, frutto di una cementificazione selvaggia che porta morti, feriti e devastazioni a case private e negozi per milioni di euro. E gli scienziati, invece di mettere la loro scienza al servizio, di cosa parlano? Del Tempo… Sembra la scena dell’orchestrina che suona mentre il Titanic affonda. Direte voi: “ma il programma si decide un anno prima, come potevano sapere…”. Certo, come potevano sapere, non è mai successo prima… E poi “mica si può sempre parlare di ambiente, salute e cambiamenti climatici, che palle!”. Per fortuna che nelle precedenti undici edizioni hanno parlato di: Oltre, Esplorazione, Frontiere, Scoperta, Curiosità, Diversità (l’evento clou 2008 non era la tutela della biodiversità, ma “la prima esecuzione mondiale di Something Connected With Energy, opera inedita di Michael Nyman ispirata ai temi dell’energia e scritta dal compositore britannico appositamente per il Festival nell’ambito di un progetto multimediale prodotto da ERG”, la compagnia petrolifera), Futuro (non quello della città – che interessa solo ai cittadini – ma di tante altre belle cose che piacciono agli scienziati, dai buchi neri, ai virus ecc.), Orizzonti, 150 e Oltre, Immaginazione, Bellezza... E quest’anno: il Tempo, non quello meteorologico – che poteva avere ancora un senso – ma quello cronologico!

Non ce l’ho con il Festival e nemmeno con il Tempo (figuriamoci, da laureato in filosofia ho passato le sere su Essere e Tempo di Heidegger), ma – porco boia (direbbe Bersani) – non riusciamo a impiegarlo meglio in un momento di crisi come questo? Credo di condividere, con molti Italiani, la sensazione frustrante che non si stia facendo veramente nulla di concreto, in nessun ambito, per risolvere i problemi più urgenti (quelli di importanza vitale), per uscire dal pantano. La politica non risolve, gli amministratori si sottraggono alle responsabilità, le imprese non investono, i risparmiatori non spendono, gli organizzatori di festival non osano… Lo stallo totale. E gli scienziati? Al convegno dei medici ambientali di ISDE, ad Arezzo, ho avuto, nei giorni scorsi, una triste conferma: un’ampia e compiacente fetta della comunità scientifica cosa fa di fronte al problema dei pesticidi e dei tumori? Prende tempo (ancora), con la giustificazione che “servono più prove”, “non ci sono sufficienti evidenze della correlazione” ecc ecc. Intanto la gente muore, perché il cancro non aspetta tempo.

Basta, basta, basta. Abbiamo tutte le ricerche e i dati che servono: sull’inquinamento, sui cambiamenti climatici, sui danni dell’agricoltura convenzionale, su ogni possibile questione prioritaria di salute e di ambiente. E non è certo mancato il tempo per studiare i fenomeni e le soluzioni. Ora bisogna comunicarli con chiarezza alla gente (invece di distrarla con altro) e agire. E smetterla di perdere tempo.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende