Home » Off the Green »Rubriche » Non c’è più tempo per perdere tempo:

Non c’è più tempo per perdere tempo

ottobre 28, 2014 Off the Green, Rubriche

Nel leggere il comunicato stampa del Festival della Scienza 2014 di Genova mi è venuto voglia di emigrare all’estero. Non so dove, ma in qualsiasi paese del mondo dove, per gli scienziati e le pubbliche amministrazioni, il Tempo sia una risorsa così realmente preziosa per agire da non doverci dedicare l’edizione di un festival – tanto più di questi tempi.

Sentite cosa dice il programma: “C’è un tempo proprietà della coscienza, che definisce presente, passato e futuro, e un tempo della scienza, successione di istanti e simultaneità, che non trascorre, ma semplicemente è. Il tempo è talmente evidente da essere materia quotidiana sia dello scienziato che del filosofo: entrambi non hanno ancora raggiunto risposte definitive sulla sua natura. Agostino del tempo diceva: ‘cos’è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede lo so; se voglio spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so‘ [...] In definitiva, con tutte le accezioni che ha conquistato, il tempo è trasversale ed eternamente moderno: ecco perché l’abbiamo scelto come tema per questa edizione del nostro Festival...”.

Giuro che sono senza parole, non so se spaccare una sedia, unirmi ai genovesi incazzati che nei giorni scorsi volevano la pelle del sindaco, passare dalla parte di quelli che vorrebbero eliminare i finanziamenti alla cultura o scrivere una lettera agli organizzatori. Stiamo parlando di un festival a Genova… Non una città qualsiasi, ma quella città che ormai ogni anno viene travolta da bombe d’acqua devastanti, frutto di una cementificazione selvaggia che porta morti, feriti e devastazioni a case private e negozi per milioni di euro. E gli scienziati, invece di mettere la loro scienza al servizio, di cosa parlano? Del Tempo… Sembra la scena dell’orchestrina che suona mentre il Titanic affonda. Direte voi: “ma il programma si decide un anno prima, come potevano sapere…”. Certo, come potevano sapere, non è mai successo prima… E poi “mica si può sempre parlare di ambiente, salute e cambiamenti climatici, che palle!”. Per fortuna che nelle precedenti undici edizioni hanno parlato di: Oltre, Esplorazione, Frontiere, Scoperta, Curiosità, Diversità (l’evento clou 2008 non era la tutela della biodiversità, ma “la prima esecuzione mondiale di Something Connected With Energy, opera inedita di Michael Nyman ispirata ai temi dell’energia e scritta dal compositore britannico appositamente per il Festival nell’ambito di un progetto multimediale prodotto da ERG”, la compagnia petrolifera), Futuro (non quello della città – che interessa solo ai cittadini – ma di tante altre belle cose che piacciono agli scienziati, dai buchi neri, ai virus ecc.), Orizzonti, 150 e Oltre, Immaginazione, Bellezza... E quest’anno: il Tempo, non quello meteorologico – che poteva avere ancora un senso – ma quello cronologico!

Non ce l’ho con il Festival e nemmeno con il Tempo (figuriamoci, da laureato in filosofia ho passato le sere su Essere e Tempo di Heidegger), ma – porco boia (direbbe Bersani) – non riusciamo a impiegarlo meglio in un momento di crisi come questo? Credo di condividere, con molti Italiani, la sensazione frustrante che non si stia facendo veramente nulla di concreto, in nessun ambito, per risolvere i problemi più urgenti (quelli di importanza vitale), per uscire dal pantano. La politica non risolve, gli amministratori si sottraggono alle responsabilità, le imprese non investono, i risparmiatori non spendono, gli organizzatori di festival non osano… Lo stallo totale. E gli scienziati? Al convegno dei medici ambientali di ISDE, ad Arezzo, ho avuto, nei giorni scorsi, una triste conferma: un’ampia e compiacente fetta della comunità scientifica cosa fa di fronte al problema dei pesticidi e dei tumori? Prende tempo (ancora), con la giustificazione che “servono più prove”, “non ci sono sufficienti evidenze della correlazione” ecc ecc. Intanto la gente muore, perché il cancro non aspetta tempo.

Basta, basta, basta. Abbiamo tutte le ricerche e i dati che servono: sull’inquinamento, sui cambiamenti climatici, sui danni dell’agricoltura convenzionale, su ogni possibile questione prioritaria di salute e di ambiente. E non è certo mancato il tempo per studiare i fenomeni e le soluzioni. Ora bisogna comunicarli con chiarezza alla gente (invece di distrarla con altro) e agire. E smetterla di perdere tempo.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

marzo 26, 2020

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

In tempi di restrizioni alla mobilità delle persone e chiusure di esercizi commerciali dovute all’emergenza coronavirus, l’e-commerce sembra essere l’unica modalità per non bloccare totalmente l’economia e le vendite, soprattutto di prodotti non alimentari. Da qui l’idea di due società piemontesi di lanciare il primo “franchising online” in Italia, per offrire a studenti, famiglie e commercianti una [...]

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

marzo 25, 2020

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

Dopo il successo della prima edizione torna il Premio Mani Tese per il giornalismo investigativo e sociale, di cui sono ufficialmente aperte le candidature. Il Premio Mani Tese intende sostenere la produzione di inchieste originali su tematiche concernenti gli impatti dell’attività di impresa sui diritti umani e sull’ambiente, in Italia o nei Paesi terzi in cui [...]

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

marzo 18, 2020

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

La Giornata Mondiale del Riciclo del 18 marzo 2020 si apre con una nota di ottimismo. «Secondo le prime stime CONAI, nel 2019 l’Italia ha avviato a riciclo il 71,2% dei rifiuti da imballaggio, una quantità superiore a 9 milioni e mezzo di tonnellate. Se pensiamo che la richiesta dell’Europa è quella di raggiungere il 65% entro [...]

500 elettrica, la prima volta di Fiat

marzo 4, 2020

500 elettrica, la prima volta di Fiat

E’ stata presentata oggi a Milano, in anteprima mondiale, la Nuova 500, la prima vettura di FCA nata full electric, che si preannuncia per il marchio Fiat del gruppo, una nuova rivoluzione, dopo quella che negli anni Sessanta ha reso la mobilità a motore alla portata di tutti. Adesso però, spiegano dal quartier generale Fiat, “It’s [...]

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

marzo 3, 2020

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

L’edizione 2020 del Bando CONAI per l’eco-design degli imballaggi è stata annunciata lo scorso 28 febbraio, con l’obiettivo di stimolare una sfida verso una maggiore sostenibilità ambientale. Le aziende italiane si dovranno infatti confrontare a colpi di miglioramento dei propri imballaggi, rivisti in chiave di economia circolare. Nel 2019 i casi virtuosi presentati e ammessi sono [...]

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

febbraio 24, 2020

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

Sono risultati impressionanti quelli dell’inchiesta condotta da Altroconsumo insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee e pubblicati sul numero di marzo della propria rivista: la maggior parte dei prodotti per bambini, ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di e-commerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. L’analisi [...]

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende