Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Non facciamo di tutta l’erba un fascio”. La canapa secondo Francesco, creatore di “Inflorescenze”:

“Non facciamo di tutta l’erba un fascio”. La canapa secondo Francesco, creatore di “Inflorescenze”

giugno 12, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

La recente sentenza della cassazione sulla cosiddetta “cannabis light” ha riaperto, in maniera potente e inaspettata, la discussione sugli usi e il commercio della canapa, una pianta dalle proprietà eccezionali, che sembrava aver trovato un suo inquadramento normativo alla fine del 2016, dopo un lungo iter. Ora, dopo l’esplosione del caso sui media e la confusione generata, l’intero settore è in fibrillazione e molti operatori si sono dati appuntamento, ieri a Roma, per protestare davanti all’ingresso del Ministero dello Sviluppo Economico. Già, perché – per chi non lo avesse ancora capito – quella della canapa è una filiera produttiva che coinvolge agricoltori, imprenditori, commercianti e non quattro ragazzetti che vogliono “farsi le canne”, come nella vulgata di qualche cronista e politico.

Francesco Iacobazzi, a cui dedichiamo questa (meritata) puntata di “Campioni d’Italia“, è l’esempio di un imprenditore che, ben lontano dallo strizzare l’occhio al mondo delle “droghe leggere”, ha investito tempo, capacità manageriali e risorse economiche per avviare un confronto serio con ricercatori universitari, medici, agricoltori, sui benefici della canapa in termini di salute e benessere e selezionare solo le migliori produzioni biologiche.

Francesco, per intenderci, non è quel tipo lì, né nel look né nell’allestimento del suo primo punto vendita a Torino: niente barba da santone, nessuna concessione al new age, banditi i nomi strani e psichedelici per i prodotti. Arriva da 25 anni di consulenza aziendale per Accenture. Un manager più abituato a giacca, cravatta e incontri internazionali che al peace & love dell’immaginario collettivo più banale. Demonizzare la canapa, secondo Francesco, vorrebbe dire privare milioni di persone di rimedi naturali contro l’ansia, i dolori provocati dalle infiammazioni, l’insonnia cronica.

Anche se ha cambiato lavoro c’è un filo conduttore nell’approccio del fondatore di Inflorescenze: “Mi sono sempre sempre occupato di innovazione e ho continuato a seguire questo vizio. Ho visto che c’era qualcosa di nuovo, ho studiato in modo approfondito il fenomeno e ho avviato l’attività nel marzo 2018. Un’azienda orientata al benessere”.

Francesco cerca di mettere un po’di ordine nella confusione mediatica utilizzando anche i social network e, in particolare, l’immediatezza di You Tube, dove ha caricato alcuni video informativi. ”I giudici dicono che la vendita è possibile per prodotti che siano privi di efficacia drogante“, che si traduce in una percentuale di THC sotto lo 0,5%. Chiarissimo, ma non facile da far capire in un mondo dove il proibizionismo regna da oltre sessanta anni, condizionato da calcoli politici che non permettono di valutare serenamente i lati positivi dell’uso “terapeutico” della canapa.

Inflorescenze lavora a fondo sulla selezione dei fornitori della materia prima: “Solo da canapa coltivata in campo, non quella indoor delle serre, dove si controlla il livello del principio attivo, il THC. Le nostre forniture provengono da quei 500 ettari delle aziende agricole più rigorose, che hanno scelto la canapa sativa per prodotti alimentari: semi, farina ecc. I semi, tra l’altro, hanno proprietà eccezionali, ripuliscono dal colesterolo il nostro corpo, è come mangiare del pesce azzurro!”. “Cerco e propongo fiori – prosegue Francesco – con un significativo contenuto di CBD (cannabidiolo, NdR), la sostanza in grado di dare benessere e alleviare disturbi come insonnia, ansia, infiammazioni e dolori”. Oltre ai fiori per decotti - studiati in collaborazione con alcune storiche erboristerie torinesi – l’altro prodotto della selezione è l’olio di semi di canapa, “immediato e facile da usare contro l’insonnia cronica, soprattutto nella concentrazione al 15% di CBD”.

Ma qual è il ritratto dell’acquirente-tipo della canapa di Inflorescenze? “I miei clienti – racconta Francesco – sono persone con un livello culturale medio alto, specialmente donne, dai 35 anni in su. Tutte persone che presentano qualche disturbo e vogliono abbandonare il farmaco per un rimedio naturale. Ci sono anche tante persone che, nei decorsi post operatori, invece di assumere dei medicinali antinfiammatori ricorrono alla canapa”. “Le persone molto anziane o chi non è abituato e leggere le informazioni in modo critico, associano invece il prodotto alla marijuana, ma è un’associazione sbagliata e fuorviante. E’ bene chiarire che la canapa sativa, quando proviene dalle varietà certificate dall’Unione Europea, contiene una percentuale irrilevante di THC, normalmente non superiore allo 0,2%. Queste varietà non hanno nulla a che vedere con la canapa indica, cioè la marijuana, mentre grazie alla presenza del CBD presentano importanti proprietà benefiche”.

“La canapa – conclude simpaticamente Iacobazzi – viene anche chiamata il maiale verde, perché non si butta via niente! Gli utilizzi sono i più vari, oltre agli oli essenziali ci sono la cosmesi, gli alimenti, i biocombustibili, la bioplastica, la bioedilizia”. Ce n’è abbastanza, insomma, per rendersi conto che la discussione irruenta e ideologizzata degli ultimi giorni meriterebbe, forse, una riflessione più attenta e approfondita, su basi scientifiche e non politiche.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende