Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Non facciamo di tutta l’erba un fascio”. La canapa secondo Francesco, creatore di “Inflorescenze”:

“Non facciamo di tutta l’erba un fascio”. La canapa secondo Francesco, creatore di “Inflorescenze”

giugno 12, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

La recente sentenza della cassazione sulla cosiddetta “cannabis light” ha riaperto, in maniera potente e inaspettata, la discussione sugli usi e il commercio della canapa, una pianta dalle proprietà eccezionali, che sembrava aver trovato un suo inquadramento normativo alla fine del 2016, dopo un lungo iter. Ora, dopo l’esplosione del caso sui media e la confusione generata, l’intero settore è in fibrillazione e molti operatori si sono dati appuntamento, ieri a Roma, per protestare davanti all’ingresso del Ministero dello Sviluppo Economico. Già, perché – per chi non lo avesse ancora capito – quella della canapa è una filiera produttiva che coinvolge agricoltori, imprenditori, commercianti e non quattro ragazzetti che vogliono “farsi le canne”, come nella vulgata di qualche cronista e politico.

Francesco Iacobazzi, a cui dedichiamo questa (meritata) puntata di “Campioni d’Italia“, è l’esempio di un imprenditore che, ben lontano dallo strizzare l’occhio al mondo delle “droghe leggere”, ha investito tempo, capacità manageriali e risorse economiche per avviare un confronto serio con ricercatori universitari, medici, agricoltori, sui benefici della canapa in termini di salute e benessere e selezionare solo le migliori produzioni biologiche.

Francesco, per intenderci, non è quel tipo lì, né nel look né nell’allestimento del suo primo punto vendita a Torino: niente barba da santone, nessuna concessione al new age, banditi i nomi strani e psichedelici per i prodotti. Arriva da 25 anni di consulenza aziendale per Accenture. Un manager più abituato a giacca, cravatta e incontri internazionali che al peace & love dell’immaginario collettivo più banale. Demonizzare la canapa, secondo Francesco, vorrebbe dire privare milioni di persone di rimedi naturali contro l’ansia, i dolori provocati dalle infiammazioni, l’insonnia cronica.

Anche se ha cambiato lavoro c’è un filo conduttore nell’approccio del fondatore di Inflorescenze: “Mi sono sempre sempre occupato di innovazione e ho continuato a seguire questo vizio. Ho visto che c’era qualcosa di nuovo, ho studiato in modo approfondito il fenomeno e ho avviato l’attività nel marzo 2018. Un’azienda orientata al benessere”.

Francesco cerca di mettere un po’di ordine nella confusione mediatica utilizzando anche i social network e, in particolare, l’immediatezza di You Tube, dove ha caricato alcuni video informativi. ”I giudici dicono che la vendita è possibile per prodotti che siano privi di efficacia drogante“, che si traduce in una percentuale di THC sotto lo 0,5%. Chiarissimo, ma non facile da far capire in un mondo dove il proibizionismo regna da oltre sessanta anni, condizionato da calcoli politici che non permettono di valutare serenamente i lati positivi dell’uso “terapeutico” della canapa.

Inflorescenze lavora a fondo sulla selezione dei fornitori della materia prima: “Solo da canapa coltivata in campo, non quella indoor delle serre, dove si controlla il livello del principio attivo, il THC. Le nostre forniture provengono da quei 500 ettari delle aziende agricole più rigorose, che hanno scelto la canapa sativa per prodotti alimentari: semi, farina ecc. I semi, tra l’altro, hanno proprietà eccezionali, ripuliscono dal colesterolo il nostro corpo, è come mangiare del pesce azzurro!”. “Cerco e propongo fiori – prosegue Francesco – con un significativo contenuto di CBD (cannabidiolo, NdR), la sostanza in grado di dare benessere e alleviare disturbi come insonnia, ansia, infiammazioni e dolori”. Oltre ai fiori per decotti - studiati in collaborazione con alcune storiche erboristerie torinesi – l’altro prodotto della selezione è l’olio di semi di canapa, “immediato e facile da usare contro l’insonnia cronica, soprattutto nella concentrazione al 15% di CBD”.

Ma qual è il ritratto dell’acquirente-tipo della canapa di Inflorescenze? “I miei clienti – racconta Francesco – sono persone con un livello culturale medio alto, specialmente donne, dai 35 anni in su. Tutte persone che presentano qualche disturbo e vogliono abbandonare il farmaco per un rimedio naturale. Ci sono anche tante persone che, nei decorsi post operatori, invece di assumere dei medicinali antinfiammatori ricorrono alla canapa”. “Le persone molto anziane o chi non è abituato e leggere le informazioni in modo critico, associano invece il prodotto alla marijuana, ma è un’associazione sbagliata e fuorviante. E’ bene chiarire che la canapa sativa, quando proviene dalle varietà certificate dall’Unione Europea, contiene una percentuale irrilevante di THC, normalmente non superiore allo 0,2%. Queste varietà non hanno nulla a che vedere con la canapa indica, cioè la marijuana, mentre grazie alla presenza del CBD presentano importanti proprietà benefiche”.

“La canapa – conclude simpaticamente Iacobazzi – viene anche chiamata il maiale verde, perché non si butta via niente! Gli utilizzi sono i più vari, oltre agli oli essenziali ci sono la cosmesi, gli alimenti, i biocombustibili, la bioplastica, la bioedilizia”. Ce n’è abbastanza, insomma, per rendersi conto che la discussione irruenta e ideologizzata degli ultimi giorni meriterebbe, forse, una riflessione più attenta e approfondita, su basi scientifiche e non politiche.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende