Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Non solo reddito. La GDO secondo EcorNaturaSì:

Non solo reddito. La GDO secondo EcorNaturaSì

ottobre 9, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando è nata, nel 1992, trovare i prodotti biologici non era semplice: i negozi specializzati erano pochi e anche i produttori non abbondavano. L’alimentazione bio negli anni ’90 era forse uno di quei casi in cui i consumatori sono più avanti del mercato, ed è stata questa domanda rimasta insoddisfatta a decretare il successo di NaturaSì, operatore della grande distribuzione di prodotti biologici e biodinamici che nel 2009 si è fuso con Ecor, la maggiore società di distribuzione specializzata fondata nel 1987.

Oggi l’azienda conta quasi 400 punti vendita tra supermercati a marchio NaturaSì (101 in Italia e 2 in Spagna, presenti nelle città) e negozi Cuorebio (290 associati, situati soprattutto nei piccoli centri), oltre ad alcuni ristoranti e gelaterie. Altri supermarket sono in fase di apertura a Roma e Milano. Il fatturato è di circa 200 milioni di euro.

Un’attività cresciuta di pari passo con l’aumento dei consumi di prodotti biologici, che non conoscono crisi. Basta dare uno sguardo ai risultati dell’ultimo Osservatorio SANA curato da Nomisma, diffusi un mese fa. Secondo l’indagine realizzata tra i titolari di negozi specializzati, “le vendite bio (food e non-food) nel canale specializzato sono cresciute a doppia cifra tra il 2010 e 2012 (+13,6% in due anni)”. Le previsioni per le vendite 2013 segnalano ancora una volta un trend positivo (+6,9% rispetto al 2012), con un tasso di crescita medio annuo previsto dagli operatori di oltre il 7% da qui al 2015. “Ecor si è espansa pian piano fino a superare i mille negozi serviti in Italia, NaturaSì è nata da subito come franchising, con l’idea di servire i consumatori che non riuscivano a trovare i prodotti biologici nei negozi tradizionali”, spiega Edoardo Freddi, responsabile marketing dell’azienda.

A differenza della grande distribuzione di prodotti convenzionali, basata su una filiera in cui il produttore – e in particolare l’agricoltore – è l’anello debole della catena, EcorNaturaSì ha scelto di porre maggiore attenzione a questo aspetto. “Si è partiti con l’idea di non fare dell’economia e del guadagno l’unico valore. La qualità del cibo, la salute, la fertilità della terra e la protezione dell’ambiente sono beni altrettanto importanti da tenere in considerazione quando si fa impresa. Considerazioni che oggi sono più diffuse, ma che venti anni fa non erano per niente ovvie”. Partendo da questa base, continua Freddi, “si è puntato fin dall’inizio a remunerare i fornitori con il giusto prezzo: in questi due decenni abbiamo costruito un rapporto diretto con i produttori, molti lavorano con noi fin dall’inizio”.

Oggi i fornitori sono in tutto oltre 200. Tra questi c’è anche la Fattoria Di Vaira di Petacciato, in provincia di Campobasso:  partecipata dal gruppo e da molti negozi, oltre che da diversi semplici consumatori, l’azienda ha 500 ettari coltivati a metodo biodinamico, ma non si ferma alla produzione. “Si cerca anche di far passare una cultura del cibo e dell’ambiente alle persone, per esempio attraverso corsi di cucina e formazione sul biodinamico. C’è anche un centro di sperimentazione, in cui si fanno prove e studi anche sul benessere degli animali”.

Dalla ricerca di un rapporto più diretto con i produttori, unita alla consapevolezza che i consumatori cercano sempre più non solo prodotti sani, ma anche relazioni (se non di persona, almeno immaginate), nascono diversi altri progetti. Tra questi, il marchio Terre di Ecor, che punta sulla tracciabilità e sul racconto delle storie dei produttori, in modo da rendere la spesa al supermercato un po’ meno impersonale. “Sono tutti produttori che hanno aderito a un disciplinare di qualità e che hanno deciso di aprire le porte alle visite dei consumatori in ogni momento, anche senza preavviso”, aggiunge Freddi. O, ancora, il lavoro per la creazione di filiere: la prima a essere stata lanciata è quella della pasta  Ecor, che “fa conoscere da vicino il percorso compiuto dal grano, dalla coltivazione, alla produzione, sino ad arrivare sotto forma di pasta alla tavola, in modo trasparente. Allo stesso modo stiamo lavorando alla creazione di filiere dello zucchero, del pomodoro e del latte”. L’ortofrutta è invece al centro di Buoni dentro, un’iniziativa in cui “invitiamo il consumatore ad acquistare ortaggi non perfetti esteriormente, per esempio carote piccole o melanzane un po’ striate dal vento, ad un prezzo più conveniente”. Oltre alla tracciabilità, nei punti vendita si promuovono anche i prodotti bio locali, ma “facendo passare il concetto che parlare di chilometro zero nel convenzionale è un’ipocrisia, perché la filiera corta non implica assolutamente che il prodotto sia sano”.

Domenica prossima 26 aziende aderenti ospiteranno “Seminare il futuro”, in cui adulti e bambini potranno partecipare alla semina: un’iniziativa, anche questa, “per promuovere un rapporto diretto tra consumatori e produttori, far conoscere come funziona un’azienda agricola, riflettere sull’importanza di una terra fertile”. E proprio ai semi saranno dedicate le prossime attività dell’azienda: “Stiamo lavorando per promuovere l’uso di sementi non ibride, che purtroppo si sono diffuse anche nel biologico. E’ importante che gli agricoltori producano i semi da soli, in modo anche da selezionare le varietà più resistenti”. Sugli scaffali dei supermercati NaturaSì sono già tornare cereali e legumi dimenticati, e altri, grazie al recupero dei semi, potranno ricomparire.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende