Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Non solo reddito. La GDO secondo EcorNaturaSì:

Non solo reddito. La GDO secondo EcorNaturaSì

ottobre 9, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando è nata, nel 1992, trovare i prodotti biologici non era semplice: i negozi specializzati erano pochi e anche i produttori non abbondavano. L’alimentazione bio negli anni ’90 era forse uno di quei casi in cui i consumatori sono più avanti del mercato, ed è stata questa domanda rimasta insoddisfatta a decretare il successo di NaturaSì, operatore della grande distribuzione di prodotti biologici e biodinamici che nel 2009 si è fuso con Ecor, la maggiore società di distribuzione specializzata fondata nel 1987.

Oggi l’azienda conta quasi 400 punti vendita tra supermercati a marchio NaturaSì (101 in Italia e 2 in Spagna, presenti nelle città) e negozi Cuorebio (290 associati, situati soprattutto nei piccoli centri), oltre ad alcuni ristoranti e gelaterie. Altri supermarket sono in fase di apertura a Roma e Milano. Il fatturato è di circa 200 milioni di euro.

Un’attività cresciuta di pari passo con l’aumento dei consumi di prodotti biologici, che non conoscono crisi. Basta dare uno sguardo ai risultati dell’ultimo Osservatorio SANA curato da Nomisma, diffusi un mese fa. Secondo l’indagine realizzata tra i titolari di negozi specializzati, “le vendite bio (food e non-food) nel canale specializzato sono cresciute a doppia cifra tra il 2010 e 2012 (+13,6% in due anni)”. Le previsioni per le vendite 2013 segnalano ancora una volta un trend positivo (+6,9% rispetto al 2012), con un tasso di crescita medio annuo previsto dagli operatori di oltre il 7% da qui al 2015. “Ecor si è espansa pian piano fino a superare i mille negozi serviti in Italia, NaturaSì è nata da subito come franchising, con l’idea di servire i consumatori che non riuscivano a trovare i prodotti biologici nei negozi tradizionali”, spiega Edoardo Freddi, responsabile marketing dell’azienda.

A differenza della grande distribuzione di prodotti convenzionali, basata su una filiera in cui il produttore – e in particolare l’agricoltore – è l’anello debole della catena, EcorNaturaSì ha scelto di porre maggiore attenzione a questo aspetto. “Si è partiti con l’idea di non fare dell’economia e del guadagno l’unico valore. La qualità del cibo, la salute, la fertilità della terra e la protezione dell’ambiente sono beni altrettanto importanti da tenere in considerazione quando si fa impresa. Considerazioni che oggi sono più diffuse, ma che venti anni fa non erano per niente ovvie”. Partendo da questa base, continua Freddi, “si è puntato fin dall’inizio a remunerare i fornitori con il giusto prezzo: in questi due decenni abbiamo costruito un rapporto diretto con i produttori, molti lavorano con noi fin dall’inizio”.

Oggi i fornitori sono in tutto oltre 200. Tra questi c’è anche la Fattoria Di Vaira di Petacciato, in provincia di Campobasso:  partecipata dal gruppo e da molti negozi, oltre che da diversi semplici consumatori, l’azienda ha 500 ettari coltivati a metodo biodinamico, ma non si ferma alla produzione. “Si cerca anche di far passare una cultura del cibo e dell’ambiente alle persone, per esempio attraverso corsi di cucina e formazione sul biodinamico. C’è anche un centro di sperimentazione, in cui si fanno prove e studi anche sul benessere degli animali”.

Dalla ricerca di un rapporto più diretto con i produttori, unita alla consapevolezza che i consumatori cercano sempre più non solo prodotti sani, ma anche relazioni (se non di persona, almeno immaginate), nascono diversi altri progetti. Tra questi, il marchio Terre di Ecor, che punta sulla tracciabilità e sul racconto delle storie dei produttori, in modo da rendere la spesa al supermercato un po’ meno impersonale. “Sono tutti produttori che hanno aderito a un disciplinare di qualità e che hanno deciso di aprire le porte alle visite dei consumatori in ogni momento, anche senza preavviso”, aggiunge Freddi. O, ancora, il lavoro per la creazione di filiere: la prima a essere stata lanciata è quella della pasta  Ecor, che “fa conoscere da vicino il percorso compiuto dal grano, dalla coltivazione, alla produzione, sino ad arrivare sotto forma di pasta alla tavola, in modo trasparente. Allo stesso modo stiamo lavorando alla creazione di filiere dello zucchero, del pomodoro e del latte”. L’ortofrutta è invece al centro di Buoni dentro, un’iniziativa in cui “invitiamo il consumatore ad acquistare ortaggi non perfetti esteriormente, per esempio carote piccole o melanzane un po’ striate dal vento, ad un prezzo più conveniente”. Oltre alla tracciabilità, nei punti vendita si promuovono anche i prodotti bio locali, ma “facendo passare il concetto che parlare di chilometro zero nel convenzionale è un’ipocrisia, perché la filiera corta non implica assolutamente che il prodotto sia sano”.

Domenica prossima 26 aziende aderenti ospiteranno “Seminare il futuro”, in cui adulti e bambini potranno partecipare alla semina: un’iniziativa, anche questa, “per promuovere un rapporto diretto tra consumatori e produttori, far conoscere come funziona un’azienda agricola, riflettere sull’importanza di una terra fertile”. E proprio ai semi saranno dedicate le prossime attività dell’azienda: “Stiamo lavorando per promuovere l’uso di sementi non ibride, che purtroppo si sono diffuse anche nel biologico. E’ importante che gli agricoltori producano i semi da soli, in modo anche da selezionare le varietà più resistenti”. Sugli scaffali dei supermercati NaturaSì sono già tornare cereali e legumi dimenticati, e altri, grazie al recupero dei semi, potranno ricomparire.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende