Home » Bollettino Europa »Rubriche » NPE e moda: l’Europa vieta la tintura killer degli ecosistemi acquatici:

NPE e moda: l’Europa vieta la tintura killer degli ecosistemi acquatici

luglio 27, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno deciso all’unanimità di vietare il nonifenolo etossilato (NPE), una sostanza chimica tossica presente nei capi di abbigliamento e responsabile dell’inquinamento idrico e dell’alterazione degli ecosistemi acquatici. Per essere venduti, gli indumenti non potranno contenere una concentrazione del composto organico maggiore dello 0,01%.

Il bando, in realtà esisteva già da più di 10 anni, ma la legislazione europea portava in seno una evidente contraddizione. L’impiego di NPE era vietato solo negli articoli prodotti all’interno dell’UE, lo stesso non valeva per le importazioni. Si generava così una sorta di doppio standard o di “scorciatoia commerciale“. Sul mercato europeo, infatti, potevano comunque arrivare prodotti finiti contenenti tale sostanza, purché realizzati altrove. Un buco normativo che permetteva, di fatto, di aggirare il divieto generando concorrenza sleale ma mettendo soprattutto a rischio la salute dell’ambiente.

L’NPE, infatti, nell’industria tessile è utilizzato soprattutto nella tintura delle fibre, per renderle più vivide e sgargianti, ma inquina le acque e ne compromette gravemente gli ecosistemi.

Quando si lava un capo d’abbigliamento di questo tipo, appena comprato, vengono rilasciate nell’ambiente una serie di sostanze tossiche che, una volta disperse in acqua, non vengono trattenute dai sistemi di depurazione. Tra queste sostanze c’è il nonilfenolo etossilato. L’NPE degrada poi in altre sostanze: tra queste vi è il nonifenolo (NP), che si accumula nei pesci e che, anche a basse concentrazioni, interferisce con il loro sistema endocrino, danneggiandone la fertilità, la crescita e lo sviluppo sessuale. Per quanto riguarda invece gli esseri umani uno studio pubblicato dall’Agenzia dell’Ambiente danese ha concluso che la presenza di NPE nei vestiti non dovrebbe comportare rischi per la salute umana. I condizionali sono sempre d’obbligo.

La scelta unanime dell’UE, attesa da tempo e anticipata dalla Svezia nel 2013, è stata sostenuta dagli scienziati presso l’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche (ECHA). E segna quindi  un importante punto a favore di una maggiore sostenibilità nel mondo della moda. Una moda che, spesso, rende i consumatori complici inconsapevoli dell’inquinamento delle risorse naturali. Anche perché si tratta, in questo caso, di una sostanza per niente residuale nella catena produttiva degli abiti. Già nel 2011, infatti, un report di Greenpeace, dal titolo Dirty Laundry 2: Hung out to dry, aveva individuato la presenza di NPE in due terzi dei capi di abbigliamento testati, tra cui articoli di famossissime marche come Adidas, Nike, Lacoste e Ralph Lauren.

“Per i Paesi produttori, come la Cina, di cui l’Europa è da oltre un decennio il maggiore partner commerciale, l’esportazione verso il mercato UE dei propri prodotti tessili è fondamentale e il tempo per eliminare gradualmente l’NPE stringe”, ha commentato Yixiu Wu, attivista di Greenpeace responsabile della campagna Detox per il Sud-Est asiatico. La quale ha aggiunto: “L’industria tessile cinese ha bisogno di progredire nell’identificare e mettere al bando dai propri prodotti le sostanze chimiche nocive, altrimenti finirà per perdere un mercato chiave”.

La restrizione non sarà, tuttavia, valida per i beni riciclati o di seconda mano, visto che si suppone che la concentrazione di questa sostanza sia minima a causa dei numerosi lavaggi nel corso del tempo. Inoltre, le aziende produttrici hanno evidenziato che rispettare le restrizioni per l’NPE sarà difficile perché questa sostanza è onnipresente nella catena di fornitura e ha numerosi impieghi.

La Commissione Europea dovrebbe approvare e formalizzare il divieto nelle prossime settimane. Se sarà così, la messa al bando dell’NPE avrà effetto entro 5 anni, per dare tempo ai brand del mondo della moda di mettersi in regola.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende