Home » Bollettino Europa »Rubriche » NPE e moda: l’Europa vieta la tintura killer degli ecosistemi acquatici:

NPE e moda: l’Europa vieta la tintura killer degli ecosistemi acquatici

luglio 27, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno deciso all’unanimità di vietare il nonifenolo etossilato (NPE), una sostanza chimica tossica presente nei capi di abbigliamento e responsabile dell’inquinamento idrico e dell’alterazione degli ecosistemi acquatici. Per essere venduti, gli indumenti non potranno contenere una concentrazione del composto organico maggiore dello 0,01%.

Il bando, in realtà esisteva già da più di 10 anni, ma la legislazione europea portava in seno una evidente contraddizione. L’impiego di NPE era vietato solo negli articoli prodotti all’interno dell’UE, lo stesso non valeva per le importazioni. Si generava così una sorta di doppio standard o di “scorciatoia commerciale“. Sul mercato europeo, infatti, potevano comunque arrivare prodotti finiti contenenti tale sostanza, purché realizzati altrove. Un buco normativo che permetteva, di fatto, di aggirare il divieto generando concorrenza sleale ma mettendo soprattutto a rischio la salute dell’ambiente.

L’NPE, infatti, nell’industria tessile è utilizzato soprattutto nella tintura delle fibre, per renderle più vivide e sgargianti, ma inquina le acque e ne compromette gravemente gli ecosistemi.

Quando si lava un capo d’abbigliamento di questo tipo, appena comprato, vengono rilasciate nell’ambiente una serie di sostanze tossiche che, una volta disperse in acqua, non vengono trattenute dai sistemi di depurazione. Tra queste sostanze c’è il nonilfenolo etossilato. L’NPE degrada poi in altre sostanze: tra queste vi è il nonifenolo (NP), che si accumula nei pesci e che, anche a basse concentrazioni, interferisce con il loro sistema endocrino, danneggiandone la fertilità, la crescita e lo sviluppo sessuale. Per quanto riguarda invece gli esseri umani uno studio pubblicato dall’Agenzia dell’Ambiente danese ha concluso che la presenza di NPE nei vestiti non dovrebbe comportare rischi per la salute umana. I condizionali sono sempre d’obbligo.

La scelta unanime dell’UE, attesa da tempo e anticipata dalla Svezia nel 2013, è stata sostenuta dagli scienziati presso l’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche (ECHA). E segna quindi  un importante punto a favore di una maggiore sostenibilità nel mondo della moda. Una moda che, spesso, rende i consumatori complici inconsapevoli dell’inquinamento delle risorse naturali. Anche perché si tratta, in questo caso, di una sostanza per niente residuale nella catena produttiva degli abiti. Già nel 2011, infatti, un report di Greenpeace, dal titolo Dirty Laundry 2: Hung out to dry, aveva individuato la presenza di NPE in due terzi dei capi di abbigliamento testati, tra cui articoli di famossissime marche come Adidas, Nike, Lacoste e Ralph Lauren.

“Per i Paesi produttori, come la Cina, di cui l’Europa è da oltre un decennio il maggiore partner commerciale, l’esportazione verso il mercato UE dei propri prodotti tessili è fondamentale e il tempo per eliminare gradualmente l’NPE stringe”, ha commentato Yixiu Wu, attivista di Greenpeace responsabile della campagna Detox per il Sud-Est asiatico. La quale ha aggiunto: “L’industria tessile cinese ha bisogno di progredire nell’identificare e mettere al bando dai propri prodotti le sostanze chimiche nocive, altrimenti finirà per perdere un mercato chiave”.

La restrizione non sarà, tuttavia, valida per i beni riciclati o di seconda mano, visto che si suppone che la concentrazione di questa sostanza sia minima a causa dei numerosi lavaggi nel corso del tempo. Inoltre, le aziende produttrici hanno evidenziato che rispettare le restrizioni per l’NPE sarà difficile perché questa sostanza è onnipresente nella catena di fornitura e ha numerosi impieghi.

La Commissione Europea dovrebbe approvare e formalizzare il divieto nelle prossime settimane. Se sarà così, la messa al bando dell’NPE avrà effetto entro 5 anni, per dare tempo ai brand del mondo della moda di mettersi in regola.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende