Home » Bollettino Europa »Rubriche » NPE e moda: l’Europa vieta la tintura killer degli ecosistemi acquatici:

NPE e moda: l’Europa vieta la tintura killer degli ecosistemi acquatici

luglio 27, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno deciso all’unanimità di vietare il nonifenolo etossilato (NPE), una sostanza chimica tossica presente nei capi di abbigliamento e responsabile dell’inquinamento idrico e dell’alterazione degli ecosistemi acquatici. Per essere venduti, gli indumenti non potranno contenere una concentrazione del composto organico maggiore dello 0,01%.

Il bando, in realtà esisteva già da più di 10 anni, ma la legislazione europea portava in seno una evidente contraddizione. L’impiego di NPE era vietato solo negli articoli prodotti all’interno dell’UE, lo stesso non valeva per le importazioni. Si generava così una sorta di doppio standard o di “scorciatoia commerciale“. Sul mercato europeo, infatti, potevano comunque arrivare prodotti finiti contenenti tale sostanza, purché realizzati altrove. Un buco normativo che permetteva, di fatto, di aggirare il divieto generando concorrenza sleale ma mettendo soprattutto a rischio la salute dell’ambiente.

L’NPE, infatti, nell’industria tessile è utilizzato soprattutto nella tintura delle fibre, per renderle più vivide e sgargianti, ma inquina le acque e ne compromette gravemente gli ecosistemi.

Quando si lava un capo d’abbigliamento di questo tipo, appena comprato, vengono rilasciate nell’ambiente una serie di sostanze tossiche che, una volta disperse in acqua, non vengono trattenute dai sistemi di depurazione. Tra queste sostanze c’è il nonilfenolo etossilato. L’NPE degrada poi in altre sostanze: tra queste vi è il nonifenolo (NP), che si accumula nei pesci e che, anche a basse concentrazioni, interferisce con il loro sistema endocrino, danneggiandone la fertilità, la crescita e lo sviluppo sessuale. Per quanto riguarda invece gli esseri umani uno studio pubblicato dall’Agenzia dell’Ambiente danese ha concluso che la presenza di NPE nei vestiti non dovrebbe comportare rischi per la salute umana. I condizionali sono sempre d’obbligo.

La scelta unanime dell’UE, attesa da tempo e anticipata dalla Svezia nel 2013, è stata sostenuta dagli scienziati presso l’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche (ECHA). E segna quindi  un importante punto a favore di una maggiore sostenibilità nel mondo della moda. Una moda che, spesso, rende i consumatori complici inconsapevoli dell’inquinamento delle risorse naturali. Anche perché si tratta, in questo caso, di una sostanza per niente residuale nella catena produttiva degli abiti. Già nel 2011, infatti, un report di Greenpeace, dal titolo Dirty Laundry 2: Hung out to dry, aveva individuato la presenza di NPE in due terzi dei capi di abbigliamento testati, tra cui articoli di famossissime marche come Adidas, Nike, Lacoste e Ralph Lauren.

“Per i Paesi produttori, come la Cina, di cui l’Europa è da oltre un decennio il maggiore partner commerciale, l’esportazione verso il mercato UE dei propri prodotti tessili è fondamentale e il tempo per eliminare gradualmente l’NPE stringe”, ha commentato Yixiu Wu, attivista di Greenpeace responsabile della campagna Detox per il Sud-Est asiatico. La quale ha aggiunto: “L’industria tessile cinese ha bisogno di progredire nell’identificare e mettere al bando dai propri prodotti le sostanze chimiche nocive, altrimenti finirà per perdere un mercato chiave”.

La restrizione non sarà, tuttavia, valida per i beni riciclati o di seconda mano, visto che si suppone che la concentrazione di questa sostanza sia minima a causa dei numerosi lavaggi nel corso del tempo. Inoltre, le aziende produttrici hanno evidenziato che rispettare le restrizioni per l’NPE sarà difficile perché questa sostanza è onnipresente nella catena di fornitura e ha numerosi impieghi.

La Commissione Europea dovrebbe approvare e formalizzare il divieto nelle prossime settimane. Se sarà così, la messa al bando dell’NPE avrà effetto entro 5 anni, per dare tempo ai brand del mondo della moda di mettersi in regola.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende