Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nucleare in Europa: il Parlamento UE boccia gli stress test e chiede norme condivise:

Nucleare in Europa: il Parlamento UE boccia gli stress test e chiede norme condivise

marzo 25, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Non solo Politica Agricola Comune nella Plenaria di marzo del Parlamento Europeo. I Deputati, infatti, hanno dibattuto, nelle settimane scorse, anche su altri temi ambientali piuttosto caldi al momento. Primo fra tutti l’energia nucleare.

Dopo i cosiddetti “stress test” sulla sicurezza, tutte le centrali nucleari UE dovrebbero infatti attuare con urgenza gli interventi necessari. È questo l’appello che arriva dall’Eurocamera, in una Risoluzione approvata a larga maggioranza. Per gli Eurodeputati è fondamentale che gli operatori delle centrali e i gestori dei rifiuti radioattivi siano in possesso di tutti i mezzi finanziari necessari ad assicurare la copertura per intero dei costi dei danni causati alle persone e all’ambiente, in caso di incidente. Nel testo del documento si legge, inoltre, una dura critica agli stress test, ritenuti limitati e senza una valutazione della preparazione della popolazione in caso di disastro. Un emendamento passato per 315 voti contro 282 si spinge oltre: gli stress test non hanno valutato alcuni rischi come eventi secondari, deterioramento dei materiali e errori umani. Questi esami non costituiscono, quindi, una garanzia sufficiente per la sicurezza degli impianti nucleari europei. Visto che,  rileva l’Assemblea parlamentare, nell’UE sono almeno quarantasette le centrali con oltre centomila abitanti nel raggio di trenta chilometri.

Il nucleare è arrivato sui banchi di Strasburgo dopo che Amalia Sartori, Presidente della Commissione Energia dell’Europarlamento, aveva sollecitato la Commissione UE, in un’interrogazione, a dare una indicazione chiara di tempi e contenuti della proposta di legislazione su assicurazione e responsabilità per i gestori degli impianti nucleari. Il Commissario UE all’energia, Gunther Oettinger, di fronte all’Assemblea ha dichiarato che la Commissione è pronta a presentare ad aprile la sua proposta di Direttiva sulla sicurezza degli impianti. Seguirà poi quella di un Regolamento che prevede l’obbligo di un’assicurazione per ogni danno potenziale. L’obiettivo è quello di creare un quadro legislativo comune per il settore  dell’atomo, finora nelle mani dei soli Stati membri. Non sarà facile mettere tutti d’accordo, tenendo conto che diversi Paesi si sono dimostrati piuttosto ostili all’idea che l’UE fissi degli standard per la sicurezza del nucleare. Per alcuni si tratta, infatti, di una materia di esclusiva competenza nazionale. Tuttavia, il Commissario si è detto ottimista. Spera nel dibattito in seno al Parlamento e ad una maggioranza in Consiglio UE entro fine anno perché, ha precisato Oettinger, ”La nostra direttiva proporrà la massima indipendenza di ciascun ente di supervisione nazionale”.

A Strasburgo si è parlato anche di sostanze radioattive nell’acqua potabile. Una questione di salute pubblica di estrema rilevanza sulla quale gli Eurodeputati chiedono monitoraggi regolari e norme più rigide sui limiti di concentrazione di radon, trizio e altri elementi. Anche su questa materia – sulla quale l’Assemblea UE non ha attualmente grande voce in capitolo – la Risoluzione chiede che l’Europarlamento diventi parte attiva in queste decisioni sovranazionali. Anche per l’inquinamento dell’acqua potabile derivante dalle attività umane dovrebbe infatti valere il principio chi inquina paga. Il Parlamento chiede inoltre che le informazioni sulle valutazioni di rischio degli impianti nucleari ed aree vicine e sulla presenza di sostanze radioattive nell’acqua, siano rese pubbliche. Gli stessi Stati membri dovrebbero portare avanti valutazioni del rischio di impatto sulla falde acquifere e dei depositi di rifiuti radioattivi che potrebbero essere colpiti da disastri naturali. Michelle Rivasi, Eurodeputata francese dei Verdi e relatrice del provvedimento, ha pertanto insistito sul fatto che i livelli di “radioattività consentita”, debbano essere sottoposti ad approvazione attraverso un voto democratico. “Sto considerando l’ipotesi di portare la questione di fronte alla Corte Europea di Giustizia” minaccia Rivasi.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende